Home | Audio | Chitarra | Didattica | Lifestyle | Ritmi | People Store | Annunci | Eventi | Valutazioni
Digitech DigiDelay o Boss DD-3?
di kokko | 11 gennaio 2009 @ 11:33

Essendo un amante del "segnale-perfetto" tra chitarra, pedali e amplificatore sono alla ricerca di un buon setup, molto semplice ma efficace. Dopo aver acquistato con tanto sacrificio una pedaliera Vox ToneLab LE mi sono accorto che non è proprio ciò che faccia al mio caso, ovvero, mangia segnale ed oltre ad alterare il range di frequenze impasta il suono facendolo diventare piatto e molto meno brillante. La ricerca inizia dal delay, pedale per me fondamentale, il più importante. Come strumentazione ho, oltre alla pedaliera sopracitata, una Ibanez JS-1000 e un Mesa/Boogie Dual Caliber 5.

Inizialmente la mia ricerca si basava su alcuni requisiti quale: analogico, true-bypass e con almeno 350 ms. di ritardo; capendo, poi, che per ottenere ciò avrei dovuto sborsare parecchi liquidi ho dirottato verso qualcosa di più abbordabile. I miei riferimenti sono il Malekko Echo 600, l'Homebrew Mimic II, il Maxon AD-9 ed il Memory Man Electro Harmonix; volendo optare per qualcosa di meno costoso ci sarebbe il Carbon Copy della MXR, ma per me son sempre tanti soldi. Ho deciso quindi di abbandonare la pista dell'analogico e di tuffarmi in quella del digitale, soprattutto dopo aver capito che pedali quali Digitech HardWire DL-8, Artec SE-ADL, ModTone Vintage Analog Delay sono anche loro dei normali delay digitali (le case gonfiano parecchio, certe trovate commerciali poi...). Ora, dopo tantissime ore e giornate di ricerche sono arrivato a restringere il campo a: Digitech DigiDelay e Boss DD-3; ciò che cerco sono semplicemente la trasperenza del segnale ed il calore del suono. Suono in un gruppo che varia dal pop al rock e ricopro principalmente il ruolo di chitarra solista; da maniaco della trasparenza del segnale, quale dei due pedali mi consigliereste in tale direzione?

Ho un bellissimo suono con la mia chitarra e il mio amplificatore e per questo non intendo rovinarlo con perdite di segnale, alterazioni di frequenze e quant'altro, quindi cerco qualcosa che sia il più fedele possibile, sia da spento che da acceso. E per il suo calore invece? Da precisare inoltre che non ho grandi richieste di funzionalità, quindi non mi servono tante modalità di delay racchiuse in un unico stomp, es: modulated, loop, reverse, etc... e neanche tap tempo e ne tanto meno tempi di ritardo lunghissimi! la massima escursione che utilizzo è di 450 ms. quindi niente ritardi stratosferici che vanno oltre il secondo; in ciò il Boss è un esempio chiaro, il Digitech ok tutte le sue funzionalità ma so già che non le userò. Sinceramente sarei leggermente più propenso verso il Boss, ma non per una questione di nominata, ma per il semplice motivo che come circuitazione non è totalmente digitale, affatto! è per metà analogico e per metà digitale; utilizza componenti che si trovano sui delay analogici. Può considerarsi (come mi ha speigato una persona molto informata che voi tutti conoscete) un digitale "old-style", una via di mezza tra un vecchio analogico e un moderno digitale. Da specificare, inoltre, che i suddetti pedali li comprerei usati. Chiedo consiglio soprattutto a coloro che hanno posseduto entrambi i pedali, magari contemporaneamente. Un particolare ringraziamento a Mr.T per il tempo e la disponibilità dedicatomi. A voi la parola, grazie!

effetti e processori - boss - dd3
effetti e processori - digitech - digidelay

Link utili

Altro da leggere
Pubblicità
Fai-da-te, speaker emulator e pillole di...
Zero Point: il flanger come ai tempi del...
ResoMax: Tune-o-matic ultra-leggero e...
The GentleFuzz: fuzz, ma gentile...
Pubblicità
Commenti
boss dd3
di neilander - user #17451 dal 06/01/2009 | 11/01/2009 @ 13:3
io avevo il boss dd3. è un delay dal suono abbastanza bello, trasparente, freddo preciso. non lo definirei caldo, in quanto è un attributo che darei solo ad un analogico. infatti è proprio questo che mi ha spinto a venderlo e a prendere un deluxe memory man. vedi anche io avevo il tuo stesso problema. volevo un delay spartano e semplice da usare. che avesse anche un suono abbastanza buono. dopo 2 anni di utilizzo mi sono reso conto che il dd3 non era quello che cercavo. comunque la mia è stata una scelta personale dovuta semplicemente al mio gusto musicale. il dd3 non ha niente che non va. il suo limite semmai è essere un digitale con poche funzioni, con un giusto prezzo proporzionato al contenuto.
Rispondi
dd3 ma prova anche il digidelay
di valvetone - user #15970 dal 29/08/2008 | 11/01/2009 @ 14:0
Io uso un dd3 non avverto nessuna perdita di segnale è preciso e limpido, non ha un suono caldo(che si degrada) ma ha un ottimo rapporto qualità/prezzo. Il digitech lo ha un mio amico e l'ho provato, beh questo te lo sconsiglierei visto che cerchi poche modalità e un suono più limpido possibile; da quello che mi ricordo il digidelay è un ottimo pedale ed interessante ma perchè contiene molte modalità ad un prezzo basso sacrificando leggermente il suono. Sono entrambi ottimi pedali però io ti consiglierei il dd3 per le caratteristiche che cerchi(comunque prova entrambi).
Rispondi
Re: dd3 ma prova anche il digidelay
di kokko - user #17324 dal 27/12/2008 | 11/01/2009 @ 15:2
Ciao e grazie a tutti per i consigli forniti! Bè, in generale non è che sia contro le diverse modalità di funzionamento del delay; è solo che comunque saprei già di non utilizzarle e quindi preferirei investire soldi in qualcosa che faccia una sola cosa ma buona, senza, così, avere magari compromessi sulla qualità sonora del pedale! Come ho già scritto ho già una Vox ToneLab LE e per dirla tutta posso scegliere tra ben 12 modalità di delay, ma io utilizzo solo ed esclusivamente la modalità analog delay in quanto soluzioni di tipo stereo, modulated, reverse, etc non le utilizzo proprio mai! apparte in rare occasioni, tipo qualche intro o piccole parti in generale; quando poi, però, devo subito tornare alla mia impostazione originale di delay e quindi avrei bisogno a quel punto di un delay programmabile! Ma se è per questo avrei la mia comunque fida pedaliera Vox che fa tutto! Quindi ecco perchè uno ma davvero buono! In quanto a calore anch'io sono d'accordo sull'attribuire tale aggettivo solo ai delay analogici, ma non è del tutto un azzardo secondo me perchè ci sono certi delay che sono proprio asciutti, asettici, freddissimi, insipidi, insomma ci siamo capiti! Per me sarebbe diciamo impossibile poterli provare questi due pedali, però mettiamo il caso che il digitech sia quello che suoni qualitativamente peggio, non credo sia poi così malaccio, anzi! penso sia comunque un pedale di buona qualità! però c'è sempre la questione della trasparenza del segnale in bypass e da acceso, ecco perchè mi preme molto il fatto di non poter constatare di persona! ancora una volta a voi accordiani la parola! grazie!
Rispondi
L'hai già scritto però...
di elia - user #15964 dal 29/08/2008 | 11/01/2009 @ 19:4
Visto che nn ti servono funzioni particolari e ti piace il suono caldo....piuttosto aspetta, risparmia qualcosa e comprati un analogico,,,nella gas station giorni fa ho visto un memory man a 100 euro... Comunque il dd3 rimane un ottimo delay, sia ben chiaro. saluti
Rispondi
Io fossi in te prend
di plettrox - user #6758 dal 10/02/2005 | 11/01/2009 @ 21:4
Io fossi in te prenderei in considerazione anche altri ottimi pedali che costano anche meno di quelli Boss,tipo il DE7.
Rispondi
Re: Io fossi in te prend
di SteGer - user #3922 dal 11/03/2004 | 11/01/2009 @ 22:0
Ecco, parole sante! Ne ho giusto uno in vendita che non uso, se può interessare....
Rispondi
Re: Io fossi in te prend
di andesca - user #13961 dal 16/01/2008 | 12/01/2009 @ 16:0
Appassionato del de7!!! Lo conosco come le mie tasche e mi soddisfa 1000 volte più del boss, suono perfetto per il prezzo che costa. Quant cash?
Rispondi
Re: Io fossi in te prend
di kokko - user #17324 dal 27/12/2008 | 12/01/2009 @ 17:3
perchè lo preferisci al boss? comunque onestamente non vorrei spendere di più di 80€ come soglia max!
Rispondi
Re: Io fossi in te prend
di andesca - user #13961 dal 16/01/2008 | 12/01/2009 @ 20:3
Allora mettiamo in chiaro che la boss ha quel qualcosina in più, ma come suona il de7 secondo me nn c'è proprio paragone. Il de7 rispecchia fedelmente il suono della chitarra. Se io faccio A lui ripete A, senza mettere delle variazioni di volume o cambiargli il tono. Lui ti ridà quello che gli hai dato. Certo il boss magari come volumi di uscita spinge un pò di più ma avere un delay che poi mi modifica leggermente il suono, allora lascio stare a priori. E poi ha anche la funzione eco molto carina. Provalo e mettilo a confronto con il boss e poi dimmi se ho ragione o torto.
Rispondi
Re: Io fossi in te prend
di kokko - user #17324 dal 27/12/2008 | 13/01/2009 @ 14:0
ciao andesca, grazie per i tuoi consigli.. allora, quindi mi sembra di capire che il de7 abbia un volume più basso rispetto al boos giusto? nel senso che abbassa il volume generale, quindi mangia un pò più di segnale od ho capito male io? e poi il boss in cosa modifica il suono? grazie ancora, ciao!
Rispondi
Re: Io fossi in te prend
di plettrox - user #6758 dal 10/02/2005 | 13/01/2009 @ 14:1
Io ho il DE7 e non mi mangia per nulla il suono. Io lo trovo ottimo.
Rispondi
Re: Io fossi in te prend
di andesca - user #13961 dal 16/01/2008 | 14/01/2009 @ 18:3
Non mangia per nulla il suono e neanche alza il volume. Te lo attivi e non si sente nessuna variazione.
Rispondi
Re: Io fossi in te prend
di kokko - user #17324 dal 27/12/2008 | 15/01/2009 @ 14:2
guarda, lo spero! perchè se così fosse allora lo prenderi all'istante! aspetto di andarlo a provare per dare le mie impressioni a tutti!
Rispondi
Se i ritardi di cui
di LITTLEROCK - user #13427 dal 09/10/2007 | 12/01/2009 @ 09:2
Se i ritardi di cui hai bisogno non sono lunghi ho un bel delay a disposizione..lo short timer delay della rocktron (max 400 ms)..quanto a definizione e calore si comporta bene considerando la fascia..io invece ricerco proprio un digidelay per tempi più lunghi...se ti interessa contattami..
Rispondi
invece del DIGIDELAY compra HARDWIRE DL8 che è sempre Digitech ma è migliore.
di Pearly Gates - user #12346 dal 31/03/2007 | 12/01/2009 @ 09:4
Invece del DIGIDELAY compra HARDWIRE DL8 che è sempre Digitech ma è migliore Leggi la mia recensione http://www.accordo.it/articles/2008/11/19739/hardwire-dl8-delay-looper-digitech- fa-sul-serio.html
Rispondi
Re: invece del DIGIDELAY compra HARDWIRE DL8 che è sempre Digitech ma è migliore.
di Supernova - user #15596 dal 23/07/2008 | 12/01/2009 @ 09:5
Ma il DL8 costa quasi il doppio rispetto al Digidelay ed al momento il DL8 è difficile da trovare usato visto che è uscito da poco tempo.
Rispondi
Re: invece del DIGIDELAY compra HARDWIRE DL8 che è sempre Digitech ma è migliore.
di Pearly Gates - user #12346 dal 31/03/2007 | 12/01/2009 @ 09:5
Mah.... io ce l'ho già, io sono di Milano. io posso testimoniare che il DL8 suona veramente bene ed il rapporto Q/P è ottimo. Cmq chi + spende, - spende. Meglio mettersi da parte i soldini e poi comprare una cosa valida piuttosto che una cosa che poi non ti soddisfa.
Rispondi
Re: invece del DIGIDELAY compra HARDWIRE DL8 che è sempre Digitech ma è migliore.
di Supernova - user #15596 dal 23/07/2008 | 12/01/2009 @ 10:3
"Cmq chi + spende, - spende. Meglio mettersi da parte i soldini e poi comprare una cosa valida piuttosto che una cosa che poi non ti soddisfa." Non posso che concordare con te. Se devo fare un investimento preferisco farlo su qualcosa che mi soddisfi. Visto che chi ha aperto il tread aveva cassato il Carbon Copy (che costa quanto il DL8) perchè troppo costoso. Credo che farebbe lo stesso ragionamento anche per il DL8
Rispondi
Io ho il DD3
di bruce_banner - user #16925 dal 24/11/2008 | 12/01/2009 @ 11:5
Lo uso esclusivamente a 50 ms abbinato ad un overdrive, ho un amplificatore valvolare dal suono caldissimo, "AP80GT" per quanto glaciale possa uscire il segnale (non troppissimo in realtà), l'ampli lo riscalda a dovere. Il risultato finale è piu' che buono. un saluto B.B.
Rispondi
io uso il digidelay....
di Alex_3082 - user #14769 dal 11/05/2008 | 12/01/2009 @ 12:0
.... e mi trovo più che bene. Magari non si userasnno tutte le funzioni ma, a differenza del dd3, ha un suono un pò più caldo. Usato lo trovi a pochi euro e il suo rapporto q/p è ottimo. Se non erro lo usa anche Portera
Rispondi
se vuoi spendere poc
di elia - user #15964 dal 29/08/2008 | 12/01/2009 @ 12:3
se vuoi spendere poco....DE7 TUTTA LA VITA
Rispondi
considerazioni..
di kokko - user #17324 dal 27/12/2008 | 12/01/2009 @ 14:2
Ciao e grazie ancora una volta per le considerazioni.. Allora, possibilità quali Rocktron Short Timer ed Ibanez DE-7 le ho accantonate per vari motivi, quindi vi ringrazio comunque! Per quanto riguarda il DL-8 concordo pienamente con Supernova in quanto a parità di prezzo preferisco prendere un bel analogico del calibro dell'MXR Carbon Copy; l'unica prova che potrei fare qui in zona sarebbe tra il DD-3 ed il DE-7: spero la spunti il DE-7 ma rimane sempre aperto il discorso DigiDelay.. Il DE-7 sento molti dire che è un buonissimo pedale, ma comunque non risulta essere un granche e per questo poi molti lo rivendono.. certo, poi miglior giudice delle proprie orecchie penso non esista nussuno quindi il solito consiglio sarebbe quello di provare per credere.. però avere dalla propria anche un buon bagaglio di nozioni tecniche fa sempre bene.. poi, concedetemi questa mia piccola considerazione: IMHO sicuramente il DD-3 è il più venduto tra i suddetti; ora, leviamo quella parte costutuita da ragazzini magari o di persone che comprano il DD-3 perchè pensano che la BOSS sia il miglior produttore o fesserie del genere, comunque questo pedale viene anche utilizzato da artisti di un certo livello quindi penso ci sia da fidarsi in merito perchè penso che come sono io così cavilloso nella ricerca delle qualità del pedale penso che altrettanto se non peggio facciano questi grandi artisti.. Il BOSS mi ispira più fiducia, ma spero nel "miracolo" Ibanez.. Non appena posso vado a provarli in negozio e vi faccio sapere.. un saluto a tutti gli accordiani!
Rispondi
Re: considerazioni..
di plettrox - user #6758 dal 10/02/2005 | 13/01/2009 @ 14:2
E perchè il DE7 non è un granchè come pedale? Ha un ottimo suono,non mangia il segnale, è fedele al tocco,robusto e costa poco. Te lo dice chi lo possidede:è un ottimo pedale.
Rispondi
Ibanez Ad-9
di Luigi N. - user #14104 dal 09/02/2008 | 13/01/2009 @ 22:5
Qualcuno saprebbe dirmi qualcosa in merito a questo pedale? Ne ho sentito parlare abbastanza bene fino ad ora, ed anche il prezzo non è per nulla proibitivo. Penso che potrebbe proprio fare al caso dell'autore dell'articolo....oltre che al mio ;p
Rispondi
Re: Ibanez Ad-9
di kokko - user #17324 dal 27/12/2008 | 14/01/2009 @ 13:5
ciao luigi! allora, l'AD-9 è senz'altro un'ottimo e conosciutissimo delay analogico! almeno per me! guarda, l'unica pecca è il suo ritardo max che tocca solo i 300 ms e neanche prendendolo modificato keelay questo valore aumenta.. per me che cerco un delay che sui puliti faccia ambiente e nei soli distorti sia bello liquido 300 ms sono troppo pochi.. fosse stato di anche soli 350 ms in più sarebbe stata tutta un'altra storia! anche perchè è facilmente reperibile nei negozi! ormai l'ibanez è ovunque e la trattano tutti! se ti interessa un delay analogico e non hai molte pretese allora potrebbe fare al caso tuo, altrimenti più o meno sulla stessa fascia di prezzo ci sono l'MXR Carbon e salendo un pò di prezzo i meno trovabili Homebrew Mimic II, il Malekko 600, senza dimenticare ovviamente i Memory Man analogici.. e poi, se sei così interessato al suono ibanez ma vorresti ritardi più lunghi guarda un pò i maxon! per me che purtroppo ho un budget limitato cerco qualcosa di digitale ma comunque di ottimo livello per non sminuire la qualità della mia strumentazione. un digitale del quale vado letteralmente pazzo è il Subdecay Echo Box Modulated, ma oltre che essere introvabile costa tanto! ciao!
Rispondi
Re: Ibanez Ad-9
di Luigi N. - user #14104 dal 09/02/2008 | 15/01/2009 @ 11:1
Ciao Kokko! Grazie per la risposta davvero esaustiva e ricca di spunti! Non ti nego che l'Ad-9 mi ha incuriosito parecchio, dai video che ho visto fino ad ora in rete mi è sembrato un pedale decisamente "onesto": poche funzioni e regolazioni, ma molto ben fatte. Purtroppo la mia scarsa esperienza in tema di delay non mi permette di capire quanto siano effettivamente limitanti questi 300 ms di ritardo e mi sa che l'unica soluzione è andare a provarlo di persona. Buona anche la dritta sull'Mxr Carbon, ma al momento è praticamente introvabile sul mercato dell'usato, se non a prezzi praticamente pari al nuovo... che al momento sono un pò fuori dalla mia portata; resta il fatto che in questo caso i ms di ritardo diventano già 600, il che, in base a quanto mi hai detto, dovrebbe essere un'ottima cosa! Eh si, urge un'imminente riflessione ;p Grazie ancora!
Rispondi
Re: Ibanez Ad-9
di kokko - user #17324 dal 27/12/2008 | 15/01/2009 @ 14:5
ciao luigi! ma di niente! altrimenti a cosa servirebbero a fare questo tipo di luoghi!? per quanto riguarda il discorso dei millisecondi posso dirti che a me personalmente andare anche di soli 20 ms sotto i 350 non mi piace proprio! possono sembrare pochi 100 ms ma in realtà sono davvero tanti; possono sembrare addirittura insignificanti anche 20 ms ma sono importanti comunque anch'essi! almeno se vanno sotto i 350 ms perchè poi già verso i 450 hanno poca importanza! parlo per me ovviamente che con un delay minore a 350 non ci riesco proprio a suonare! ho provato anche a metterlo a 330 ma il risultato è lo stesso! se ti stai chiedendo come faccio a settare il delay in questo modo così preciso la risposta è semplice: come ho già detto nell'articolo ho una pedaliera Vox e quindi tra manopoline e monitor è tutto facile, di qui faccio le mie prove e valuto; e di qui ho realizzato che delay con ritardo massimo inferiore a 350 ms non li prendo neanche in considerazione! quindi se tu riscontrerai la mia stessa "sindrome" ecco perchè ti ho consigliato il Maxon al posto dell'Ibanez (penso saprai la storia Maxon-Ibanez).. però come già detto delay quale il sopracitato Maxon ha lo stesso prezzo quasi di un Memory Man quindi se come lo è per me è anche per te un problema arrivare a prendere l'MXR, sarà ancor più difficoltoso optare per i restanti! personalmente miro ai 400 ms o poco più così da rientrare ancor di più nel contesto petruccioso nel quale sono con il mio bellissimo Mesa/Boogie Dual Caliber 5! concedetemi un OT: i Mesa sono bellissimi! finchè non smanettate e trovate la vostra impostazione preferita allora potranno anche risultare brutti! ma dopo c'è soltanto che esserne innamorati! ovviamente: non credete di fare petrucci con un express 5:50 o con un f50! non me ne vogliate ma soprattutto a partire dalla nascita della serie f la mesa si è discostata tantissimo dai suoni mark. L'express però è tutto un'altro tipo di ampli con la quale secondo me la mesa ha voluto inserirsi in altri tipi di mercati! li vedo molto proiettati verso sonorità blues, twang e pop lasciando perdere il contesto delle iper-distorsioni: è un pò meno cattivello ma decisamento molto più leggero come sonorità! chiuso l'OT. non appena provi qualcosa scrivi, scrivi e scrivi perchè siamo tutti accordiani curiosi, compreso te! :-) ciao luigi!
Rispondi
Davvero scelta difficile!
di KirkHammett - user #16874 dal 19/11/2008 | 24/01/2009 @ 21:1
E' una bella scelta...li ho provati entrambi e sono quasi sullo stesso livello...ma siccome prediligo i suoni classici e affermati ti suggerirei il dd-3 della boss.
Rispondi
settaggio
di lianofulciniti - user #17253 dal 19/12/2008 | 14/02/2009 @ 15:0
concordo pienamente con chi esalta il de7 anche perchè lo uso a dire il vero da poco e per quanto il tempo lo consente ( il mio tempo ovviamente)ho trovato cose pink floydiane veramente interessanti. Ora ci sarebbe qualche anima pia che mi suggerirebbe il settaggio da abbinanare al proco rat tipo suono satriani chiaramente fantascientifico? grazie a tutti specialmente ai buoni di cuore.
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Ibanez RG 652: incanto sottomarino
di GianniJanaRojatti Ho ricevuto una nuova Ibanez in prova. Si tratta della RG 652 AHM, Prestige....
Nuova data per David Gilmour e senza bagarini
di rockmaniac David Gilmour annuncia una nuova data per la fine dell'estate 2015, con prezzi...
Goditela finché ti regala la sua voce
di RozzoAristocratico Una riparazione di fortuna a una vecchia chitarra ti dona un suono diverso da...
Invecchierà con me
di Onghi Portarsi a casa una chitarra nata il proprio stesso anno fa un effetto...
Mesa Boogie virtualizza cinque ampli
di redazione Dai classici ai modelli più recenti e innovativi, Mesa Boogie unisce le forze...

Hot licks
Paul Gilbert: studenti senza espressività di redazione
“Certi allievi si preoccupano solo di eseguire le cose correttamente. Ma suonare è ben altro. Lo shred? Mi sta...
Più di quel che suoni, conta come suoni di redazione
Grazie a un timing feroce e una meccanica di pennata perfetta, Giacomo Castellano regala vigore anche a uno dei box...
Cesareo: due chitarre in un pollaio di redazione
Cesareo continua a parlarci di quanto sia decisivo – ma anche molto difficile - suonare in una band, tappa...
Triadi: non fraseggi se non le sai di redazione
Alcuni lettori ci hanno scritto per avere qualche suggerimento su come impostare lo studio delle triadi. Ecco alcuni...
Triadi & fraseggio melodico di redazione
Le triadi sono uno strumento prezioso per sviluppare il fraseggio solista in maniera melodica, originale e melodica....

I vostri articoli
Gurus Naked Preamp CH2: oltre ogni pre-visione di Aynrand
Gurus trasforma la testata Naked in una serie di stompbox per replicare il sound dei suoi canali in un comodo...
Wide Range: l'humbucker di Fender-CBS di FBASS
Il Wide Range fu la risposta Fender al PAF Gibson. Disegnato dallo stesso sviluppatore, si differenzia per la...
PRS SE Custom 24 di Petewho
La serie SE è il rifugio di ogni amante del sound PRS con un occhio di riguardo per il portafogli. La Custom 24 della...
La botta dei Sidewinder di FBASS
Dal primo basso a violino ai moderni Grabber, EB Bass e Thunderbird, Gibson ha fatto molta strada nelle quattro corde,...
Gibson ES225: una vita di classe in quattro anni di biggiorgione
In produzione solo dal 1955 al 1959, la ES225 cattura lo sguardo dei fan delle archtop Gibson con il suo mogano...

Lezioni di basso
La tecnica è al servizio della versatilità di dadoneri
Essere un musicista versatile non significa esclusivamente sapersi destreggiar senza problemi tra diversi generi...
In cinque come i King Crimson di redazione
Un’altra lezione per basso e batteria. Lorenzo Feliciati e Lucrezio De Seta ci propongono una serie di studi per...
Arpeggi: studiare & ascoltare di dadoneri
Basso. Lavoriamo su un metodo efficace e solido per colorare i nostri accompagnamenti con fill e fraseggi. Sarà...
I due che suonano in cinque di redazione
Lucrezio de Seta e Lorenzo Feliciati iniziano il loro ciclo di lezioni per batteria e basso. Una serie di appuntamenti...
Groove: pensare da batteristi di dadoneri
Basso. In questa lezione parliamo di groove e cercheremo di pensare come batteristi. Prima ancora di preoccuparci delle...

Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964