Home | Audio | Chitarra | Didattica | Lifestyle | Ritmi | People Store | Annunci | Eventi | Valutazioni
Finale di potenza lineare per Pod X3
di Swan - user #17817 dal 01/02/2009 | 21 agosto 2009 @ 17:47

Da circa sei mesi sono possessore di un Pod X3 Live. Sono molto soddisfatto del mio acquisto e provenendo da un vecchio Pod 2.0 devo dire che siamo proprio su un altro pianeta, non solo per via della maggiore versatilità della macchina, ma soprattutto per il livello di qualità dei suoni e le capacità dinamiche raggiunte da questo strumento.

L'unica cosa della quale non sono del tutto soddisfatto, è il fatto che, non possedendo un ampli a casa (collego via usb direttamente al mac) e soprattutto non avendo una sala prove fissa nella quale "stivare" la mia strumentazione pronta all'uso, porto con me l' X3 nelle varie sale prove che frequento abitualmente, trovando di volta in volta amplificatori spesso profondamente diversi tra loro che alterano il suono impostato nel preset, di volta in volta in maniera diversa. Come sappiamo tutti molto bene questo tipo di strumenti, nasce per un utilizzo più da studio che live, e che la loro collocazione ideale sarebbe in collegamento diretto nel PA o nella scheda audio, io però non voglio rinunciare ne ad avere un "mio" suono ne alla 4x12 alle mie spalle.

Ecco che arrivo quindi al dunque.E' sicuramente possibile collegare il Pod X3 ad un amplificatore di potenza lineare, ma cercando in giro non ho trovato nulla che mi chiarisca ad esempio quanti watt sarebbero necessari perchè il suono fosse abbastanza potente da uscire bene in una situazione live, e quanta potenza serve perchè l'amplificatore non saturi ad alti volumi (è un emulatore il pod e la saturazione è già emulata) e senza fare esplodere le casse. Ho letto ad esempio di classe H e non ho idea di cosa significhi. Non mi è chiaro se una 4x12 per chitarra possa essere collegata ad un finale di questo tipo. Le schede tecniche di molti di questi finali riportano la presenza di uscite Speakon e/o XLR ma non so se siano compatibili con una cassa per chitarra.

Spero che possiate aiutarmi a chiarire questi dubbi e magari darmi qualche consiglio anche su marche e modelli che magari avete avuto modo di testare.

amplificatori
effetti e processori - line 6 - pod x3

Link utili

Altro da leggere
Pubblicità
Analogie e differenze nei controlli di tono...
Microfonare l'ampli davanti e dietro...
Equalizzazione per tutti...
Dove troviamo il bias e la classe-A?...
Pubblicità
Commenti
lascia stare ste cav
di frezz63 - user #17782 dal 29/01/2009 | 21/08/2009 @ 21:5
lascia stare ste cavolate dei "lineari" gli ampli lineari sono quelli utilizzati in trasmissioni ad alta frequenza ,li chiamano lineari e neanche tanto lo sono perche riescono ad essere ...lineari solo sulla portante rx, gli altri ampli quelli professionali od hifi di lineare non hanno proprio nulla, a partire dal potenziomentro del volume passando per il trasformatore e finendo con gli stati di uscita di potenza, che siano in classe a, ab, ab complementare, h, classe d oppure t, comunque a parte ste fanfaluche prova a vederti il catalogo europower della berhinger, il collegamento speakon lo dice la parola stessa,è il collegamente di bassa impedenza all'altoparlante, l'xlr ovvero l'ex cannon è un collegamento di linea ad alta e media impedenza( fino a dieci kohm minimi se di tipo elettronico e fino a 600 ohm se a trasformatore) di tipo bilanciato ovvero due segnali in opposizione di fase rispetto ad una massa, ed è a mio avviso il miglior collegamento di segnale ad un ampli per l'liminazione dei disturbi e per ovviare alla lunghezza dei cavi, peccato che il pod non ha l'uscita sbilanciata ma ne ha due L e R se non sbaglio e per giunta di tipo bilanciate, il berhinger, ma quasi tutti gli ampli pro, però ha il convertitore di segnale in pratica ci puoi attaccare qualunque cosa e lui suona, hai 2 /3/4 mila watt a seconda del modello, e come è successo ad un conoscente, dopo una plettrata è rimasto con la bocca spalancata....con soli 400 watt a ponte di un vecchio ampli a mosfet anni settanta, io però non so che tipo di uscita, in termini di segnale ha il pod x3, il vecchio non dava problemi di dinamica.ciao
Rispondi
Non sparate sul pianista...
di 8nano - user #20368 dal 13/08/2009 | 28/08/2009 @ 16:1
Immagino che lineare è il termine. poco appropriato, di indicare un apparecchio che riporta fedelmente in uscita il segnale, non credo che si riferisse all'Hf. Ad ogni buon conto, un paio di cose, il pod ha uscite sia sbilanciate che bilanciate...ha inoltre, la possibilità di disaccoppiare la massa, per cui qualsiasi ampli HI-FI è benvenuto. Quoto freez63 per quel che riguarda l'ingresso XLR anche se per la mia esperienza non è fondamentale, a meno di non avere cavi segnale molto lunghi. Se vuoi un suono decente con la 4x12 usa il Pod senza emulazione di cassa oppure usa il pod con l'emulazione con una spia amplificata. Per la potenza, nel caso di utilizzo della 4x12, ti è sufficiente un centinaio di watt. Ciao
Rispondi
Re: Non sparate sul pianista...
di Swan - user #17817 dal 01/02/2009 | 28/08/2009 @ 16:2
si in effetti intendevo semplicemente un finale in grado di non alterare o modificare il suono prodotto dal pod e che fosse in grado di poter essere collegato ad una 4x12. per quello che riguarda l'emulazione di cassa devo dire che non è sempre cosi. vedi io non vedo il pod come un emulatore di ampli io lo vedo come un generatore di suono. quando mi metto a creare dei preset o cercare qualche suono nuovo che mi dia ispirazione, non sto a vedere che cassa sto usando o a che ampli corrisponde quella determinata emulazione. io suono e cerco di trovare qualcosa che mi piaccia. e mi è capitato piu volte che il suono che mi piaceva aveva l'emulazione di cassa e passava in una 4x12 (usando il finale della testata) quindi non mi faccio troppi problemi da quel punto di vista. uso il mio orecchio e le mie manine non i miei occhi per cercare il suono che mi piace :)
Rispondi
mmm
di guitarsword - user #20669 dal 07/09/2009 | 15/08/2010 @ 04:0
...ma attaccare il pod nel return degli ampli no?! sxo tu ci abbia provato..io suono prettamente in digitale, con una boss gt-8, e ho creato dei preset utilizzando, DA SUBITO, solo ed esclusivamente il RETURN del mio ampli. come forse saprai in qst modo avrai la possibilitò di evitare tutta la parte del PRE dell'ampli che di volta in volta ti trovi davanti e usarai sempre i preset così come li hai creati. da 1 cono all'altro non cambierà chissà cosa se elimini il pre dello stesso - almeno qst è st la mia esperienza-. chitarra--pod-- return ampli. e po' fammi sapè...;-)
Rispondi
Ciao, sto cercando di usare ...
di crazyshredder - user #34150 dal 21/04/2012 | 21/04/2012 @ 17:05:49
Ciao, sto cercando di usare il tuo stesso metodo, vado direttamente al return dal mio pod hd400, però cavolo, cambiando ampli ho avuto risultati orribili.....e non capisco il perche !
Rispondi
altro esperimento, testare i miei ...
di crazyshredder - user #34150 dal 21/04/2012 | 07/05/2012 @ 14:26:12
altro esperimento, testare i miei suoni (calibrati col mio solito marshall valvestate) e fare il contronto con una testata jcm 900. ottimi risultati, fedeltà assoluta!
ho ottenuto i miei veri suoni, identici (circa, forse anche meglio) !!!
a questo punto le cose secondo me sono due:
o i mie suoni, fatti con ampli marshall ora son fatti per essere collegati a quel tipo di ampli, e dunque con marshall vado sicuro, oppure semplicemente se mi collego dal pod a un ampli buono qualsiasi, i suoni son belli e son praticamente i miei, mentre se mi attacco a un ampli schifoso i suoni saranno..... schifosi !!!
il punto però è: per avere la massima fedeltà è meglio un finale trassistor o valvolare? rischio di cambiare finale e cassa e avere dei suoni molto diversi da quelli ke ho gia studiato vero?
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Ibanez RG 652: incanto sottomarino
di GianniJanaRojatti Ho ricevuto una nuova Ibanez in prova. Si tratta della RG 652 AHM, Prestige....
Invecchierà con me
di Onghi Portarsi a casa una chitarra nata il proprio stesso anno fa un effetto...
Come suona la masonite vintage?
di biggiorgione Poco più di un comune cartone pressato, il corpo in masonite delle Danelectro...
Airline: qualcuno lo chiama vintage minore
di biggiorgione Nel mondo delle solid body c'è un vintage dei grandi nomi e poi un vintage...
Gibson SG Vibrola Early 70's
di Snob L'età di uno strumento non sempre va a braccetto con il suo valore, così come...

Hot licks
Paul Gilbert: studenti senza espressività di redazione
“Certi allievi si preoccupano solo di eseguire le cose correttamente. Ma suonare è ben altro. Lo shred? Mi sta...
Più di quel che suoni, conta come suoni di redazione
Grazie a un timing feroce e una meccanica di pennata perfetta, Giacomo Castellano regala vigore anche a uno dei box...
Cesareo: due chitarre in un pollaio di redazione
Cesareo continua a parlarci di quanto sia decisivo – ma anche molto difficile - suonare in una band, tappa...
Triadi: non fraseggi se non le sai di redazione
Alcuni lettori ci hanno scritto per avere qualche suggerimento su come impostare lo studio delle triadi. Ecco alcuni...
Triadi & fraseggio melodico di redazione
Le triadi sono uno strumento prezioso per sviluppare il fraseggio solista in maniera melodica, originale e melodica....

I vostri articoli
Gurus Naked Preamp CH2: oltre ogni pre-visione di Aynrand
Gurus trasforma la testata Naked in una serie di stompbox per replicare il sound dei suoi canali in un comodo...
Wide Range: l'humbucker di Fender-CBS di FBASS
Il Wide Range fu la risposta Fender al PAF Gibson. Disegnato dallo stesso sviluppatore, si differenzia per la...
PRS SE Custom 24 di Petewho
La serie SE è il rifugio di ogni amante del sound PRS con un occhio di riguardo per il portafogli. La Custom 24 della...
La botta dei Sidewinder di FBASS
Dal primo basso a violino ai moderni Grabber, EB Bass e Thunderbird, Gibson ha fatto molta strada nelle quattro corde,...
Gibson ES225: una vita di classe in quattro anni di biggiorgione
In produzione solo dal 1955 al 1959, la ES225 cattura lo sguardo dei fan delle archtop Gibson con il suo mogano...

Lezioni di basso
La tecnica è al servizio della versatilità di dadoneri
Essere un musicista versatile non significa esclusivamente sapersi destreggiar senza problemi tra diversi generi...
In cinque come i King Crimson di redazione
Un’altra lezione per basso e batteria. Lorenzo Feliciati e Lucrezio De Seta ci propongono una serie di studi per...
Arpeggi: studiare & ascoltare di dadoneri
Basso. Lavoriamo su un metodo efficace e solido per colorare i nostri accompagnamenti con fill e fraseggi. Sarà...
I due che suonano in cinque di redazione
Lucrezio de Seta e Lorenzo Feliciati iniziano il loro ciclo di lezioni per batteria e basso. Una serie di appuntamenti...
Groove: pensare da batteristi di dadoneri
Basso. In questa lezione parliamo di groove e cercheremo di pensare come batteristi. Prima ancora di preoccuparci delle...

Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964