Home | Audio | Chitarra | Didattica | Lifestyle | Ritmi | People Store | Annunci | Eventi | Valutazioni
Digitech Digidelay
di - user #1483 dal 08/03/2003 |

Magnetico scrive: Cari amici di Accordo, è con estremo piacere che voglio parlarvi del mio più recente acquisto in tema di pedali ed effetti! Si tratta del Digitech Digidelay, ottimo pedale del delay con caratteristiche piuttosto interessanti!

Digitech Digidelay

Il pedale si presenta in maniera piuttosto semplice, con il suo corpo metallico, quattro controlli rotativi, un led di stato, un ingresso, due output e naturalmente il pedale di attivazione con funzione tap tempo.
Il primo controllo sulla sinistra è il LEVEL, che ha la funzione di regolare il volume delle ripetizioni, mantenendo costante il volume del suono diretto.
Poi è la volta del controllo REPEATS che ha la funzione di dosare il numero delle ripetizioni, rendendo più lungo e persistente l'effetto.
Il controllo TIME, invece, ha la funzione di regolare il tempo tra una ripetizione e l'altra ed è inattivato nel momento in cui si entra nella funzione tap tempo. La sua escursione in termini di intervallo di tempo tra le ripetizioni cambia in rapporto alla funzione selezionata dal controllo mode.
Il controllo MODE infatti è un selettore rotativo a 7 posizioni, con un delay differente per ogni posizione:
Posizione 1: Delay corto con tempo compreso tra 10 e 250 msec
Posizione 2: Delay di media lunghezza con tempo compreso tra 250 msec ed 1 sec
Posizione 3: Addirittura un delay con tempo tra 1 e 4 sec
Posizione 4: Tape Delay. In pratica un'emulazione di un vecchio delay a nastro; impostando un elevato numero di ripetizioni con l'apposito controllo è possibile percepire sensibilmente un progressivo inscurimento del suono col procedere delle ripetizioni stesse. Ciò conferisce il tipico calore dei vecchi delay, in cui il suono man mano si degrada!
Posizione 5: Modulation Delay. Si tratta di un delay con l'effetto chorus sulle ripetizioni. In pratica si ispira in qualche modo al Deluxe Memory Man. Peccato non poter agire sul chorus per modificarne parametri quali la velocità o la profondità!
Posizione 6: Reverse Delay, cioè un delay in cui le ripetizioni sono riprodotte al contrario! Effetto singolare utile ai più creativi.
Posizione 7: Loop Sampler. Ci consente di creare dei loop  per accompagnarci da soli o per creare complesse tessiture! Tenendo pigiato il pedale d'accensione si è nella modalità di registrazione. Una volta rilasciato il pedale il loop si chiude iniziando la ripetizione. Il tempo massimo è di 4 sec. Non è tanto, ma teniamo presente che si tratta principalmente di un delay.
Tutto questo potrebbe sembrare già abbastanza, ma dobbiamo parlare ancora della funzione tap tempo e dell'utilissimo sistema CIT per suonare in presa diretta in un mixer ad esempio.
Per quanto riguarda la funzione TAP TEMPO questa è attivabile tenendo premuto il pedale per 3 secondi. A questo punto il led incomincerà a lampeggiare in maniera sincrona alle ripetizioni. Premendo nuovamente il pedale si potrà impostare il tempo del delay, tenendo presente che sarà stabilito come tempo tra le ultime due 'pedalate'! Per uscire dalla funzione tap tempo basta tener premuto il pedale nuovamente per tre secondi.
Per quanto riguarda il CIT (Cabinet Modeling) si tratta, come accennato, di un sistema che ci permette di suonare connettendo il delay direttamente ad un mixer oppure al PC: in pratica è un direct inbox. Si attiva tenendo premuto il pedale al momento in cui gli si dà corrente, fino a quando non smette di lampeggiare. L'ho provato ed è abbastanza credibile. Può essere utile per chi come me si rompe di portare l'amplificatore quando va a suonare fuori, magari per una semplice prova o in condizioni d'emergenza!
Inutile dire che il pedale può funzionare sia in modalità STEREO che MONO, visto che si tratta di una funzione ormai scontata al giorno d'oggi.
Si alimenta a 9 V DC sia batterie che con un connettore esterno del tipo Boss.
A mio avviso è un ottimo delay! Posso enumerare tra i suoi pregi il fatto che è:
· Compatto
· Robusto
· Ha la funzione tap tempo
· Ha un tempo di ripetizione massimo di ben 4 sec
· E' dotato di CIT (Cabinet Modeling)
· Si alimenta a 9V come la maggior parte dei pedalini e quindi non necessita di un altro alimentatore
· Ha le funzioni interessanti di Tape Delay e Modulation Delay, nonché quella di Looper
· E' stereofonico all'occorrenza

Per quanto riguarda i difetti, a mio avviso c'è da segnalare soltanto il fatto che mi sarebbe piaciuto avere un ingresso per un pedale tap tempo esterno. Infatti può essere estremamente utile in condizioni live settare il tempo in maniera indipendente, magari a pedale spento!
Per quanto riguarda i concorrenti, diciamo che ce ne sono diversi, ma la mia scelta è caduta su questo pedale dopo aver considerato vari pedali quali i Boss ed il Line6 Echopark.
I primi sono troppo costosi e molti mi hanno confermato che il Digidelay ha un campionamento di maggior qualità, anche se non sono riuscito ad obbiettivare tale dato. Da segnalare però che il DD-5 ha la presa per un tap tempo esterno ed il DD-6 ha un ingresso stereofonico, oltre che un'uscita, il che potrebbe essere utile nel caso in cui il segnale proviene ad esempio da un chorus stereo.
Per quanto riguarda l'Echopark, invece, si tratta di un delay che ha un tempo massimo di ripetizione di soli 2.5 s e inoltre è dotato di troppi controlli ed orpelli che a me non risultano molto utili.
Per chi volesse ascoltare il Digidelay può scaricare i sample dal sito della Digitech

Spero di avere soddisfatto la vostra curiosità e se sono stato poco chiaro, vorrà dire che, con maggiore esaustività, mi dovrò ripetere    ripetere    ripetere    ripetere    ripetere    ripe...
Ciao!

effetti e processori - digitech - digidelay

Link utili

Altro da leggere
Pubblicità
Breedlove Oregon ora tutte in Myrtlewood...
Lava Drop: tutta d'un pezzo e anche fretless...
Dieci elettriche iconiche...
Quando ha un nuovo disco, anche Gilmour...
Pubblicità
Commenti
ottimo rapporto qualità prezzo
di lomba - user #3864 dal 04/03/2004 | 14/04/2006 @ 09:5
Hai sicuramente comprato il delay col miglor rapporto qualità prezzo. A me piace molto la funzione tape echo e modulation delay. Trovo molto scomoda la funzione tap tempo e secondo me, poco utilizzabile, il reverse delay. alla fine l'ho cambiato con l'headrush perchè mi interessava di più la funzione loop machine. Se divessi avvertire dei rumori di fondo come fischi o fruscii indesiderati sappi che io risolsi questo problema scollegando dallo spinotto di alimentazione il filo della massa (naturalmente dalla parte dell'alimentatore) oppure potresti alimentarlo separatamente. Ciao :-)
Rispondi
Re:ottimo rapporto qualità prezzo
di heavyblues - user #7549 dal 20/05/2005 | 15/04/2006 @ 12:1
ciao, io sono proprio indeciso quale dei due comprare, l'akai purtroppo non lo trovo ingiro e non lho mai provato! suona bene come il digitech ? grazie
Rispondi
Re:ottimo rapporto qualità prezzo
di lomba - user #3864 dal 04/03/2004 | 15/04/2006 @ 19:3
il vantaggio dell'headrush rispetto al digitech è che ha un bottone per il tempo ed uno per inserire l'effetto, e sono mooolto comodi, in più campiona fino ad una 3ntina di secondi per luppare. Il digitech forse suona meglio, l'ho avuto ma l'ho usato poco e soltanto la funzione tape echo.
Rispondi
Digidelay
di claudio9-46 - user #9014 dal 21/11/2005 | 14/04/2006 @ 11:1
Ciao mi trovo in questi giorni a dover acquistare un delay poiche sono passato dalla politica delle pedaliere tuttofare ai pedalini (finalmente!). Come al solito se si pensa a un delay a pedale viene sempre in mente il boss (o perlomeno diciamo che è luogo comune tra i delay), dalla tua recensione mi sembra di capire che è un ottimo pedale e quindi lo proverò al piu presto, ma riguardo al prezzo? E' in linea con i boss?
Rispondi
domanda...
di alfio - user #7386 dal 28/04/2005 | 14/04/2006 @ 11:2
Complimenti per la recensione dettagliata ed esauriente... a meno di un particolare: quanto costa?
Rispondi
Re:domanda...
di Magnetico - user #1483 dal 08/03/2003 | 19/04/2006 @ 00:1
Il pedale costa nuovo sui 120-130 euro! Qualche negozio lo vende nuovo anche ad un prezzo sensibilmente inferiore. Sull'usato tende a mantenersi un po' altino per essere un effetto digitale: infatto difficilmente si trova ad un prezzo inferiore ai 70-75 euro. Ciao!"
Rispondi
Ma in Germania...
di ziobrandy - user #563 dal 17/08/2002 | 22/04/2006 @ 15:0
si trova a 80 euro nuovo. Io l'ho preso sulla sessantina usato.
Rispondi
Per acustica
di Lauro - user #1550 dal 19/03/2003 | 14/04/2006 @ 11:5
Bella recensione, completa ed esaustiva.>Ciò conferisce il tipico calore dei vecchi delay, in cui il suono man mano si degrada!Si, confermo pure io; lo ho provato perchè cercavo qualcosa per colorare un pochino la acustica e da tenere sempre pronto anche per la elettrica; poi ho optato per un normalissimo e semplicissimo chorus ma dei delay che ho provato questo mi è piaciuto proprio perchè è semplice da usare e non è troppo freddo. Non so se sia per la funzione che hai descritto tu che ho riportato ma a me è piaciuto. Se avessi bisogno di un delay, penso che questo avrebbe pochi concorrenti. :-)Ciao, buon fine settimana e Buona Pasqua Lauro
Rispondi
Re:Per acustica
di Magnetico - user #1483 dal 08/03/2003 | 19/04/2006 @ 19:3
Grazie caro Lauro! Non l'ho ancora provato con l'acustica, lo farò al più presto! Mi hai dato uno spunto interessante per il mio setup acustico che adotterò in trio! Ciao!"
Rispondi
Re:Per acustica
di Lauro - user #1550 dal 19/03/2003 | 20/04/2006 @ 22:4
Tieni sempre presente che per una chitarra acustica lo stretto necessario è già sufficente. Usa qualsiasi effetto con parsimonia.Lauro
Rispondi
Re:Per acustica
di Magnetico - user #1483 dal 08/03/2003 | 21/04/2006 @ 08:5
Sei sempre portatore di grandi verità, caro Lauro!Ultimamente latiti un po' da Accordo. Sei un po' impegnato?"
Rispondi
Re:Per acustica
di Lauro - user #1550 dal 19/03/2003 | 21/04/2006 @ 09:1
Si, sto tentando di cambiare lavoro. Mettici Soave, Sarzana, il GGC, i concerti in giro per l'Italia ed il tentativo di andare a vedere Bruce al Madison Square Garden e puoi capire mi sono offerto per la prima clonazione di essere umano."L'altro" lo mando qui in ufficio però, anche un cyborg andrebbe bene Grazia della considerazione, fin troppa ... fin troppa ...Lauro
Rispondi
Digitech Digidelay e Boss DD3
di Mietitore - user #8075 dal 26/07/2005 | 14/04/2006 @ 13:4
Si potrebbe tentare un confronto tra il Digitech Digidelay e il Boss DD3? In questi giorni dovrei comprare un delay, e vorrei sapere quale dei due potrebbe considerarsi "migliore" (anche dal punto di vista delle opinioni personali sul suono).
Rispondi
Re:Digitech Digidelay e Boss DD3
di bru - user #4600 dal 31/05/2004 | 14/04/2006 @ 16:3
Anche io sono interessato al momento all'acquisto di un delay che non mi sveni. Il Digitech ho visto che si aggira intorno ai 110 euro. Come alternativa io consideravo anche i due Ibanez, l'AD9 o il DE7 (il + economico), hai confrontato pure questi con il digitech?
Rispondi
Digidelay Vs DD-3 Vs DD-6 Vs De-7
di stringer - user #9047 dal 24/11/2005 | 14/04/2006 @ 19:1
Faccio una premessa,li ho avuti tutti! Il digidelay e il Boss dd-3 li ho avuti contemporaneamente...li ho usati anche insieme. Che dirvi,il Digitech ha alcune cose vantaggiose e sono di sicuro la versatilità ad un prezzo contenuto...quest'ultima non è una caratteristica dei Boss. Diciamo che oltre ai pro a i suoi contro e sono: -Tap tempo inutilizzabile dal vivo come per il dd-6 tra l'altro. -Volume delle ripetizioni non esattamente uguale a quello del direct...mi spiego meglio:se si tiene al max il Level in teoria il volume delle ripetizioni dovrebbe essere almeno uguale al suono diretto e invece è più basso ma la gravità e che aumenta il volume generale...ovvero se ci troviamo in questa condizione,si sente una differenza tra pedale spento e acceso..e quasi un booster! -Tutte le cose che ha sono si utilizzabili,ma nessuna è sopra la media. -Pedale non molto robusto come all'inizio può sembrare...questa è una caratteristica dei Digitech e qua la boss è indisticutibilmente 10 gradini sopra. Ora passiamo ai Boss:il DD-6 ha parecchie cose in comune con il digidelay....ha un Warp e un'ingresso in più(bellissimo per creare l'effetto Ping-pong) e 5 secondi circa di loop...ma il digi ha le varie opzioni di suono....diciamo che siamo la,ma che il secondo vince perchè costa di meno! Ora vi dico la mia sul confronto diretto tra Digitech e DD-3 che come detto li ho avuti insieme e più volte mi divertivo a fargli fare una "sfida". Il Digidelay: -Più versatile del Dd-3,ha di tutto un pò.. -E' rumoroso(anche se come si è detto è risolvibile...) Il Boss DD-3: -Il suo suono l'ho trovato molto più raffinato -Poche cose ma buone -Non è affatto rumoroso. -E' davvero robusto Aggiungo che il Level del dd-3 non presente brutte sorprese come quello del Digitech...anche per questo è più raffinato,inoltre è molto preciso(anche per questo qualche volte si dice che è freddo...non lo è ma è un digitale!) ha anche quell'ultima opzione divertente che ti fa rimanere una nota o frase breve e tu ci suoni sopra(un loop "sintetico"..).Volendo confrontare i due Boss vi siete mai chiesti perchè il Dd-3 è ancora prodotto e costa poco meno del Dd-6 che ha un casino di cose in più? Ve lo dico(sempre per quanto mi riguarda):il DD-3 suona meglio! Ora passiamo all'ultimo,l'Ibanez De-7...senza ombra di dubbio è davvero difficile trovare di meglio per 70 Euro,ora forse pure meno. Questo è bello robusto...è un mattoncino... in ghisa,è semplice è allo stesso tempo verstile grazie alla scelta di avere un delay e un echo...con tempi fino a 2 secondi!Ma la cosa che lo rende davvero speciale e appunto l'eco,l'emulazione è 10 volte migliore di quella del digitech...per non parlare dei giochi che si possono fare con il feedback...e il suono è molto caldo,un affare! Come delay invece ha pure questo il problema del volume delle ripetizioni...troppo basso. Conosco bene anche altri delay digitali,ma non la voglio fare troppo lunga..almeno adesso. Tiriamo le somme:per me i vincitori sono il Dd-3 per la qualità,affidabilità ma non per il prezzo(anche se avvolte si spende ancora di più per un pedale "pseudo-boutique"e non si va lontano qualitativamente...se digitale).E l'Ibanez de-7 assolutamente da avere se si vuole l'eco e non un delay. Spero di essere stato utile
Rispondi
Re:Digidelay Vs DD-3 Vs DD-6 Vs De-7
di B3st1a - user #5600 dal 02/10/2004 | 14/04/2006 @ 21:0
Mi sento di dissentire lievemente dalle tue opinioni (che cmq in buona parte condivido): anch'io ho avuto il DD-3 e sono passato subito dopo al Digidelay, ed ho avuto entrambi i pedali per un breve periodo di transizione. Il Boss mi è sembrato ciucciasse una parte del suono anche da spento, mentre il Digidelay mi è sembrato decisamente trasparente, sia da acceso che da spento, e non mi è sembrato che il DD-3 fosse più raffinato, anzi...il Digidelay, specie in modalità Tape Echo (che è quella che uso quasi sempre) non ha nulla da invidiare al DD-3 in termini di qualità sonore, anzi, lo trovo più gradevole. Cmq, nonostante questo pedale abbia mille funzioni, alla fine come ho accennato sopra lo utilizzo quasi sempre nella stessa modalità: se volete un looper compratevi un looper, se avete bisogno di un pedale col tap tempo comprate un pedale che abbia il tap tempo separato, se avete bisogno di un delay digitale di buona qualità, trasparente e versatile, e non volete/potete spendere 200 o più euri prendete di corsa il Digidelay!!!
Rispondi
Re:Digidelay Vs DD-3 Vs DD-6 Vs De-7
di roccabillo - user #10084 dal 11/04/2006 | 15/04/2006 @ 00:4
Quali tra questi tre direste che è il migliore per lo slapback echo?? insomma.. qual'e' il piu rockabilly dei tre???
Rispondi
Re:Digidelay Vs DD-3 Vs DD-6 Vs De-7
di stringer - user #9047 dal 24/11/2005 | 15/04/2006 @ 01:3
Potenzialmente tutti,perchè hanno il time corto più o meno tutti,ma visto che devi fare rockabilly ti consiglio quello che si avvicina di più al suono vintage ed è l'Ibanez nella modalità echo settato con Feedback a zero o comunque per avere poche ripetizioni.Ma anche il dd-3 ha una vasta gamma di tempi corti e riesce a creare quell'atmosfera...ma in questo caso ricordo che chiudevo il tono della chitarra per scurire un pò, così facendo suoni anche Be bob a lula...
Rispondi
Re:Digidelay Vs DD-3 Vs DD-6 Vs De-7
di smilzo - user #428 dal 28/06/2002 | 19/04/2006 @ 12:0
Se dovessi fare principalmente rockabilly, prenderei un analogico. Il valore aggiunto del digitale è la possibilità di impostare il tap tempo laddove si voglia giocare sui ribattuti (tipo U2) o fare armonizzazioni o loop, grazie all'assenza di degradazione delle ripetizioni.
Rispondi
Re:Digidelay Vs DD-3 Vs DD-6 Vs De-7
di trix - user #5276 dal 20/08/2004 | 19/04/2006 @ 14:0
mi permetto di dissentire lievemente anch'io dalla descrizione di stringer [sempre con simpatia però :-)] io ho posseduto il dd-3, dd-6 e infine il digitech in questione, l'ho trovato nettamente superiore agli altri 2 come suono, versatilità e trasparenza. poi l'ho venduto per prendermi il ddl line6. ma ho una voglia matta di riprenderlo... quando lo possedevo non ho affatto riscontrato quel problema del volume generale che sale mentre quello delle ripetizioni è + basso dell'originale anche al massimo del level. inoltre non era per niente rumoroso. boh? che vi devo dire? forse il mio non era difettoso. tra l'altro lo usavo nel send e return del mio jcm 2000 dsl 201 che ha un loop effetti orripilante, eppure il digitech suonava bene pure lì. forse suonava bene proprio x quello, ah ah ah!
Rispondi
Digitech oppure Boss?
di Bluescross - user #9867 dal 09/03/2006 | 20/04/2006 @ 00:0
Quindi al di là della versatilità e delle opzioni che ogni pedale ha,parlando di qualità sonora quale è il migliore tra il digitech e i boss? Qualità sonora io intendo trasparenza,precisione(visto che sono digitali...),mangiabilità di segnale sia da acceso che da spento.
Rispondi
Re:Digitech oppure Boss?
di trix - user #5276 dal 20/08/2004 | 21/04/2006 @ 13:4
io mi sento di consigliarti il digitech. la trasparenza sonora è innegabilmente superiore a quella dei boss, ha anche un suono molto + caldo ed ha la selezione "tape echo" che è grandiosa, un suono strepitoso e caldissimo. da spento non mi mangiava niente (devo precisare che io lo usavo nel send & return e comunque anche tra la chitarra e l'ampli da solo era praticamente invisibile).
Rispondi
Re:Digitech oppure Boss?
di frafrisky! - user #6708 dal 03/02/2005 | 23/04/2006 @ 13:1
Io invece la vedo completamente differente,per me il Boss DD-3 è decisamente superiore come qualità del suono,per non parlare del chassis..quello digitech sembra rompersi da un momento all'altro! Il dd-3 non ha la versatilità del digitech ma è schiettamente affidabile...non per niente è da anni uno dei delay più venduti al mondo,quoto le affermazioni di Stringer.
Rispondi
Re:Digidelay Vs DD-3 Vs DD-6 Vs De-7
di Rockfire - user #6360 dal 22/12/2004 | 26/04/2006 @ 11:4
Francamente non mi trovo d'accordo sul digitech,il boss dd-3 per me è migliore,è più preciso e facilmente gestibile e anche se il volume è un pelo più basso del digitech è più trasparente e fa più "atmosfera" soprattutto le ripetizioni sono più graduali nel boss.Aggiungo che su harmony-central è quotato con un punteggio di 9 su 130 voti mentre il digitech ha 8 su 64...non che bisogna badare più di tanto i numeri ma la differenza è notevole....
Rispondi
Ibanez AD-9
di Magnetico - user #1483 dal 08/03/2003 | 19/04/2006 @ 09:3
Ho visto che hai parlato anche di AD9. Quello in realtà è un delay analogico e quindi le caratteristiche sono quelle di un tempo massimo di ripetizione ridotto e, soprattutto, l'assenza del tap tempo. Il suono è molto caldo e sono interessanti le modifiche fatte da keeley. Siamo quindi in un altra categoria e questo delay credo che non sia direttamente confrontabile con quelli citati nel corso di questi commenti. Potrebbe essre una valida alternativa, ma dipende da cosa si deve fare col delay. Ciao!"
Rispondi
yaled esrever
di yasodanandana - user #699 dal 26/09/2002 | 15/04/2006 @ 00:5
"Posizione 6: Reverse Delay, cioè un delay in cui le ripetizioni sono riprodotte al contrario!"se il tuo pedale non legge nel futuro... trattasi semplicemente del fatto che in tale modalita' le ripetizioni entrano in assolvenza.. facendole sembrare vagamente in reverse...non ho mai sentito il digitech (anche se tu hai destato il mio interesse), ma generalmente "reverse delay" vuol dire questo
Rispondi
Re:yaled esrever
di lomba - user #3864 dal 04/03/2004 | 15/04/2006 @ 19:4
!enoizasicerp al rep eizarg Quella funzione sul digitech non mi è sembrata un granche bella, e anche poco utilizzabile. Credo di aver sentito fi meglio (forse il pedaline di line6? ).
Rispondi
Re:yaled esrever
di smilzo - user #428 dal 28/06/2002 | 18/04/2006 @ 15:3
Veramente?  Per fare un reverse delay digitale non ci vuole nulla... basta far andare al contrario il puntatore per la lettura...  Il Line6 è ottimo in questo.
Rispondi
Re:yaled esrever
di yasodanandana - user #699 dal 26/09/2002 | 18/04/2006 @ 20:2
"Per fare un reverse delay digitale non ci vuole nulla... basta far andare al contrario il puntatore per la lettura... "prima pero' dovrebbe "profetizzare" cio' che stai per suonare
Rispondi
Suonaregistrariproduci o icudorpir
di stringer - user #9047 dal 24/11/2005 | 18/04/2006 @ 23:1
In pratica il reverse è una riproduzione,quindi la nostra nota o fraseggio suona>registra>riproduce al contrario.A questo punto vi faccio una domanda: Nel Line6 come pure nella loop machine boss il reverse è una modalità di playback differente da quella tradizionale,al contrario appunto. Perchè invece nel boss dd-6(come forse pure nel digidelay correggetemi se sbaglio) il reverse è comunque un qualcosa che non ha niente a che vedere con l'esempio sopra della loop machine? Può darsi sia una mia impressione ma nel dd6 è molto più interessante poichè avviene "in tempo reale" se è giusto definirlo così,cioè quello che hai suonato "diritto"non lo senti,senti direttamente il reverse.
Rispondi
Re:yaled esrever
di Magnetico - user #1483 dal 08/03/2003 | 19/04/2006 @ 00:2
In realtà non è solo un fatto di assolvenza e di volumi! Il delay registra a "singhiozzo"! Registra un pezzo e poi lo capovolge, poi ne registra un altro e fa lo stesso, e così via! Registra tanti pezzettini che mana mano capovolge! Li riproduce realmente al contrario e non profetizza niente! Ascoltare per credere! Ciao!"
Rispondi
Re:yaled esrever
di stringer - user #9047 dal 24/11/2005 | 19/04/2006 @ 01:4
"Ma vi siete chiesti perchè Provenzano è stato preso proprio a POCHI MINUTI dal risultato delle elezioni?" ..OFF TOPIC.. io me lo sono chiesto ma non ho trovato una risposta "adeguata"!!
Rispondi
Re:yaled esrever
di smilzo - user #428 dal 28/06/2002 | 19/04/2006 @ 09:0
Un delay digitale è la riproposizione virtuale di un echo a nastro... nel senso che la memoria è il nasto, e la puoi considerare cone una striscia. I puntatori sono le testine. Esistono testine di scrittura, lettura e cancellazione.  Il puntatore indica che area della memoria deve scrivere, leggere o cancellare.   Il reverse funziona grossomodo così; il suono viene scritto "dritto", da A verso B... quando raggiunge il tempo impostato di delay... a quel punto la lettura avviene da B verso A e legge il contrario di quello che hai suonato. Per ottenere un effetto alla Hendrix occorre togliere tutto il dry... in questo modo ci si accorge che il suono parte solo alla fine del tempo di delay... prima si suona per mezzo secondo alla cieca... ;)   Il delay con "reverse envelope" è invece quello che dici tu... un noise gate che apre il suono pian piano e lo manda al delay in modo da togliere l'attacco della nota. Lo stesso effetto si ottiene con un pedale del volume ed un delay tradizionale... :)   L'echo park ha tutti e due i modi, e devo dire che il reverse suona magnificamente.
Rispondi
Re:yaled esrever
di masamba - user #9068 dal 26/11/2005 | 19/04/2006 @ 09:5
con una spesa un po' più elvata si compra il miglior delay a pedale in comemrcio il boss dd20 o giga delay 5 memorie per settare i nsotri delay, (dal vivo è indispensabile avere il tempo già settato, altro che tap tempo!!) entrate e uscite stereo entrata opzionale per pedale d'espressione 16 dico 16 secondi di delay!!!! un loop sampler da urlo, simulazioni stupende di tape ed analog delay e 11 tipi di delay (in 3 ci sono alcune funzioi rumoristiche tipo infinite sustain che sono utilissime) usicta cuffie alimentazione anche a pile (ma ovviamente è consigliato l'alimentatore) ha due pedali inmdoo da ocntrollare tutto in agilità senza impazzire qualità del suono eccelsa costo sui 230 euro circa ma li vale tutti
Rispondi
Re:yaled esrever
di Magnetico - user #1483 dal 08/03/2003 | 19/04/2006 @ 10:2
Ti invito a non definirlo come miglior delay in commercio, perchè dipende da quello che ci devi fare! Io per esempio, credo che il mio delay ideale sia il TC-Electronics Vintage Delay, oppure il T-Rex Replica (che è poi la stessa cosa), ma non credo che siano i migliori, perchè magari ad un altro potranno servire maggiormente le funzione del Boss che descrivi tu, ad un altro ancora può bastare il digidelay, l'AD9, il Deluxe Memory Man, etc... Poi ti invito nuovamente a non essere categorico quando affermi che dal vivo non serve il tap tempo: dipende! Se il tuo batterista suona col click, cioè col metronomo, questo può essere anche vero, ma in altri casi non puoi pretendere una precisione al decimo di bpm. Quindi per alcuni può risultare utile il tap. Ad altri, non serve proprio, per cui optano per i delay analogici, puntando tutto sulla bellezza del suono! Spero di essermi spiegato e ti scrivo con grande amicizia, senza toni polemici, giusto per chiarezza! Ciao!"
Rispondi
Re:yaled esrever
di masamba - user #9068 dal 26/11/2005 | 19/04/2006 @ 13:3
ciao, beh intendevo nella categoria PEDALINI, sui tc electronics sono d'accordissimo con te, ma sono a rack e costano un bel po' di più. per migliore intendevo rapporto qualità/prestazioni/prezzo nel suo "campo" cioè pedali, portatili, sotto la cifra boutique (diciamo la soglia dei 300 euro).scusa, non mi ero spiegato bene. cmq anche il giga delay ha la funzione tap tempo, per chi volesse usarla, io la trovo scomoda, imprecisa e sopratutto dal vivo mi piace partire coi pezzi a raffica uno dopo l'altro, questione di gusti ma non amo la scena del batterista che da il tempo, io he aggiusto il delay e poi si va.. i delay analogici (di cui sono stato collezionista) cmq suonano diversi da quelli digitali, non meglio o peggio ma proprio diversamente (io li amo ma per suoni moderni chessò alla the edge non vanno poi così bene). Sia chiaro che neanche io scrivo in toni polemici!! :) ciao e grazie per la risposta :):) p.s hai mai provato il delay a pedale della carl martin?? ne parlano un gran bene ma non ho ancora avuto occasione di provarlo
Rispondi
Re:yaled esrever
di smilzo - user #428 dal 28/06/2002 | 19/04/2006 @ 14:5
Il TC di cui parliamo è a pedale. :)Io non uso spesso il delay, solo come effetto... per ribattuti o armonizzare, quindi il tap mi è fondamentale. Il batterista non è una macchina, e trovarsi il delay che fa il suo tempo preimpostato è orribile... come hai risolto tu il problema? Il batterista ha il click in cuffia?
Rispondi
Re:yaled esrever
di masamba - user #9068 dal 26/11/2005 | 20/04/2006 @ 01:1
pensavo fosse il d.two il batterista? è una macchina.. anche perchè siamo due chitarre con due delay settati diversamente
Rispondi
Re:yaled esrever
di masamba - user #9068 dal 26/11/2005 | 20/04/2006 @ 01:1
se ti riferisci al tc vintage delay pedal non siamo nella stessa categoria di prezzo, non ha le memorie ed è dedicato a chi ama il suono analogico..è certamente di qualità superiore sul piano sonoro se vuoi il delay "caldo" ma ha decisamente meno funzioni, minor tempo di ripetizione (il boss ha 16 secodni!!) e costa di più.. io cmq adoro il suono dei tc!!
Rispondi
Re:yaled esrever
di Magnetico - user #1483 dal 08/03/2003 | 21/04/2006 @ 09:0
Infatti: Proprio perchè non sta nella stessa categoria di prezzo ho preso il Digidelay! Avessi avuto più soldi avrei preso il TC-Electronics Vintage Delay! Per quello che ne devo fare io basta ed avanza. Non ho bisogno di un delay dal tempo massimo di ripetizione lunghissimo: non lo userei mai! Come vedi, ogni cosa è buona o meno a seconda delle esigenze personali!La Gibson Super 400 è un'ottima chitarra, ma se devo fare metal o punk non mi serve a granchè, quindi se fossi un chitarrista punk non la definirei come la miglior chitarra in assoluto. Se fossi un chitarrista jazz potrei invece definirla come uno strumkento che calza "a fagiuolo"! Ciao!"
Rispondi
Re:yaled esrever
di masamba - user #9068 dal 26/11/2005 | 21/04/2006 @ 10:2
certamente, sono d'accordo con te.   penso che in pochi usino realmente 16 secondi di ritardo !!! ma naturalmente il giga delay fornisce anche delay "normali" ad alta qualità.
Rispondi
Re:yaled esrever
di Slash84 - user #2320 dal 21/08/2003 | 19/04/2006 @ 17:2
Ciao premetto che secondo me dai dati tecnici il miglior pedale prezzo prestazioni e il digitech....Sono in procinto di acquistare un delay e pensavo di prendere quello oppure l'akai headrush2 ...Perché oltre al delay mi interessava la funzione loop...Il boss con 2 pedali quanti secondi di campionamento da'? Ciao grazie
Rispondi
Re:yaled esrever
di masamba - user #9068 dal 26/11/2005 | 20/04/2006 @ 01:1
il digitech a mio avviso è un ottimo dleay ma suona più freddo e il sue by pass non mi convince al 100% il boss offre più simulazioni e sopratutto 16 secondi di ritardo!!!!!!!!!!!!!! anche nel loop come tempo è imbattibile a meno che tu non prenda una loop station
Rispondi
Re:yaled esrever
di Billino - user #8118 dal 30/07/2005 | 21/04/2006 @ 20:5
Intervengo solo per "correggere" alcune inesattezze che ho letto qui in basso.Il Boss DD-20 Giga Delay ha 23 sec. di delay time e non 16.L'Headrush2 dell'Akai (del quale trovi un'approfondita recensione sul sito) ha 23,8 sec. di delay time ed è un eccellente looper (23,8 sec. in modalità "normal" e 35,6 in modalità "extended")Se per "Boss con 2 pedali" ti riferisci, invece, alla RC20xl, ha 16 minuti di campionamento ma non è delay.Mia trascurabile opinione: se ti serve anche un looper oltre che un delay, prendi l'Headrush senza nemmeno pensarci. Il rapporto qualità-prezzo è sensazionale. La qualità sonora eccellente. Non capisco come mai se ne parli così poco quando si discute di delay digitali.CiaoPs. Al Digidelay preferisco il DD3.
Rispondi
delay e loop insieme
di frafrisky! - user #6708 dal 03/02/2005 | 23/04/2006 @ 13:2
Se si vuole un delay con looper tra l'headrush e il 16second electro harmonix quale è il migliore? poi (piccolo off-topic) parlado solamente di loop qual'è il migliore riguardo Esclusivamente la qualità sonora e a niente altro?
Rispondi
Re:delay e loop insieme
di frafrisky! - user #6708 dal 03/02/2005 | 23/04/2006 @ 13:2
Scusami,intendevo dire quale è il migliore looper tra boss rc20xl e akai headrush riguardo esclusivamente la qualità sonora e niente altro.
Rispondi
Re:delay e loop insieme
di Billino - user #8118 dal 30/07/2005 | 25/04/2006 @ 19:2
Se chiedi al motore di ricerca di individuarti notizie in merito al 16-second, troverai un'interessante discussione tenutasi tempo fa a riguardo, nel corso della quale si discettava appunto di loopers. Io non posso che limitarmi ad esporti la mia modesta opinione. 1- Tra Headrush e 16-Second non c'è paragone, naturalmente a favore di quest'ultimo aggeggio che, non a caso, costa più del doppio. 2- Probabilmente, la qualità sonora dell'Headrush è migliore non solo del Boss ma di diversi altri loopers in commercio (vedi l'ultimo Jamman della Digitech). Tieni però conto di un fattore imprescindibile nel discorso: le due macchine sono solo parzialmente confrontabili, avendo il Boss 16 min. di time looping (a fronte della trentina di secondi che mette a disposizione l'Akai) e la possibilità di tenere 11 loops in memoria a macchina spenta (cosa che l'Akai non consente). Ciò detto, come avrai già capito, l'Akai è anche delay ed echo (con la possibilità unica di inviare il segnale a quattro diffusori diversi con quattro regolazioni diverse) mentre il Boss è looper e basta. In buona sostanza, molto dipende da cosa devi farci. A mio umile avviso, l'Headrush è un ottimo pedale che offre caratteristiche tali da renderlo uno dei migliori delay digitali in commercio (qualità sonora eccellente, tap-tempo, 24 sec. di ritardo - più potente anche del Gigadelay -), il tutto a un prezzo più che competitivo. In più, ha anche la simpatica funzione di looping che non guasta. Francamente, non riesco a capacitarmi della sottovalutazione di cui vien fatto oggetto rispetto ad altri colleghi. E' rarissimo trovare, in una discussione sui delay digitali, qualcuno che lo menzioni. Spero di esserti stato utile. B
Rispondi
Re:yaled esrever
di Alexguitar - user #2404 dal 04/09/2003 | 19/04/2006 @ 13:4
Guarda che per reverse delay non si intende un delay che fa le ripetizioni prima di quando le suoni (bella scoperta!) ma le fa al contrario (come quando si fanno girare dischi e nastri al contrario) dopo che è stato suonato qualcosa, il suono è a "specchio" ovvero inizia col decadimento e finisce con l'attacco.
Rispondi
Re:yaled esrever
di yasodanandana - user #699 dal 26/09/2002 | 19/04/2006 @ 15:0
"Guarda che per reverse delay non si intende un delay che fa le ripetizioni prima di quando le suoni (bella scoperta!)"hai fatto bene a dirmelo... ora vado da Mago Merlino e lo prendo a pedate nel sedere, cosi' impara a dirmi cose strane per farmi fare brutta figura con te
Rispondi
Re:yaled esrever
di Alexguitar - user #2404 dal 04/09/2003 | 20/04/2006 @ 14:4
Non intendevo dire che tu pensi che il delay legge nel futuro, ma non lo pensa neanche chi lo chiama reverse delay, dai tuoi post mi sembrava di aver capito che non ti è chiaro il concetto che elettronicamente un segnale può essere "ribaltato" molto facilmente, ecco le tue parole: "se il tuo pedale non legge nel futuro... trattasi semplicemente del fatto che in tale modalita' le ripetizioni entrano in assolvenza.. facendole sembrare vagamente in reverse... " che erano in commento a:"Posizione 6: Reverse Delay, cioè un delay in cui le ripetizioni sono riprodotte al contrario!" L' assolvenza che tu citi non è altro che il suono riprodotto al contrario, ovvero in reverse.in oltre:prima pero' dovrebbe "profetizzare" cio' che stai per suonare,qui invece c'è tutta la saggezza del mago merlino...
Rispondi
Re:yaled esrever
di yasodanandana - user #699 dal 26/09/2002 | 20/04/2006 @ 17:1
allora.. fino ad oggi la dicitura "reverse delay" ha voluto dire quello... ovvero un delay "in avanti" che entra in assolvenza...poi che esistano pedali o rack o plugins nei quali ad intervalli si rilegge all'indietro il contenuto della memoria non e' per me ne' strano ne' un segreto.. ne possiedo...spero che cio' ti abbia chiarito lo scenario... o che io mi sia spiegato meglio... o entrambe le cose
Rispondi
Re:yaled esrever
di Alexguitar - user #2404 dal 04/09/2003 | 20/04/2006 @ 19:2
Caro amico, il Digidelay (che ho personalmente provato) nella posizione 6 fa esattamente quello che dice il redattore dell'articolo,cosa che tu hai commentato come fosse una sciocchezza, reverse in inglese (ma ovviamente tu lo saprai benissimo) vuol dire "inverso" per cui per conto mio la dicitura "reverse delay è assolutamente appropriata ad un effetto che riproduce al contrario un suono, immagino che invece "reverse delay" come lo intendi tu è riferita ad effetti che si possono ottenere solo in studio dopo che una parte suonata viene anticipata dal suo eco
Rispondi
Re:yaled esrever
di yasodanandana - user #699 dal 26/09/2002 | 20/04/2006 @ 21:1
che reverse voglia dire "inverso" non cambia il fatto che tale dicitura "reverse delay" indichi generalmente un delay regolare introdotto in assolvenza... non farmene una colpa se le diciture classiche in tema di effetti sono talvolta distanti dalla realta' di cio' che l'effetto offre. Altri esempi di cio' sono, tanto per limitarsi solo a tre... "chorus", "flanger" e "vibrato"detto questo... se leggi bene la mia proposta iniziale... io, dando quella che ritengo la definizione "classica", ho pure detto che tale pedale non l'ho mai ascoltato e che ho descritto l'uso generalizzato di un termine, dicendo pure che l'oggetto mi interessa..da questo penso si possa capire che ho lasciato tranquillamente aperta la possibilita' che tale modalita' in tale pedaletto si "svolga" come la indichi tu..serve altro? spero di no.. dato che io la so cosi' e non diversamente
Rispondi
Re:yaled esrever
di Alexguitar - user #2404 dal 04/09/2003 | 21/04/2006 @ 01:1
No, grazie, è più che sufficiente quello che hai gia scritto..
Rispondi
Pedali LINE 6
di swgui - user #6111 dal 24/11/2004 | 21/04/2006 @ 17:4
mi sto divertendo (e imparando) molto a leggere i feeback sui pedali delle varie marche. Non ho esperienza ed intervengo quindi solo per un quesito. Nessuno ha parlato finora dei pedali LINE 6. Qualcuno ha esperienze da riportare in questo senso ?
Rispondi
Re:Pedali LINE 6
di Magnetico - user #1483 dal 08/03/2003 | 22/04/2006 @ 09:0
Io ho accennato qualcosa a riguardo nell'articlo, ma non ne so molto! Hai ascoltato già i sample sul sito della Line6?"
Rispondi
Anche per la voce
di midiesis - user #10234 dal 06/05/2006 | 07/05/2006 @ 15:3
Il cantante del mio gruppo, lo usa anche per effetto vocale e devo dire che è veramente bello. Il suono è pulito è riproducie esattamente la voce del cantante. Lo trovo ottimo, ma un pò sprecato. Su una chitarra rende molto di più.
Rispondi
stereo ping pong
di kevin masl - user #13007 dal 17/07/2007 | 17/07/2007 @ 20:4
ciao a tutti, cercavo un delay stereo per riprodurre le 2 ripetizioni in stereo ping pong per fare l'assolo di brian may di bighton rock, so ke lui usava 3 ampli x fare questo ma credo che anke 2 bastino, si riesce a tirare fuori con il digidelay?
Rispondi
Re:
di Lateralus - user #3917 dal 09/03/2004 | 14/01/2008 @ 08:5
ho appena comprato il digidelay e sono un po' perplesso, mi sembra che mangi molto il suono, l'ho utilizzato direttamente tra chitarra e ampli, senza aggiungere altri effetti e il suono mi si rimpicciolisce sensibilmente, qual è la vostra esperienza? qualche consiglio?
Rispondi
Rumoroso? Macché.
di Tommy David - user #5484 dal 19/09/2004 | 11/01/2010 @ 23:3
Ne ho preso uno oggi e mi sembra andare benone. Quanto al fruscio di cui molti hanno parlato: è colpa dell'alimentatore, suppongo. Con la batteria è silenziosissimo; con il trasformatore "universale" ronza un bel po' -- ma con un bell'alimentatore stabilizzato da 1A torna silenzioso e pulito come prima...
Rispondi
levela al max ma volume ripetizione basso
di mose.cannone - user #8704 dal 13/10/2005 | 03/07/2011 @ 14:4
riesumo questa discussione ragazzi...io ho il digitech...e secondo me è un ottimo pedale ma ieri, quando ho provato ad imitare ilsuono di the edge in "bad", dove il volume delle ripetizioni è uguale al suono direct, beh, non ci sono riuscito anche con il pot. level al massimo è molto fastidiosa come cosa usando il delay del multieffetto boss me-50, invece, tutto ok che dite, ci cambiamo il potenziometro?
Rispondi
ce l'ho anche io
di lollop - user #39480 dal 22/12/2013 | 22/12/2013 @ 08:45:28
AIUTO!!!!!!!!!!!! sono nuovo del mondo della chitarra elettrica e dei pedali,ho un digidelay preso su ebay,il mio sogno è quello di poter registrare ad esempio una linea di bassi usando la funz.loop per poi fare assoli usando però gli effetti delay o chorus eccc. ma ho visto che quando giro per avere un effeto con cui "assolare" anche il suono della linea do basso "looppata" mi cambia con l'effetto del solo prescelto.Sono imbranato oppure con questo pedale non si può fare?Oppure non è previsto da nessun pedale di costo moderato?
Rispondi
Re: ce l'ho anche io
di RozzoAristocratico - user #17844 dal 02/02/2009 | 22/12/2013 @ 09:07:26
Ciao, puoi risolvere riposizionando gli effetti in catena.
Se metti gli altri effetti dopo il loop, anche il suono registrato ci passerà dentro e verrà colorato. Se invece gli effetti sono posti a monte del loop, ne sarà affetto solo il segnale della chitarra che vi entra dentro: il segnale del loop nasce dopo, in catena, e va diretto all'ampli senza problemi.
Rispondi
non mi sono spiegato benissimo, ...
di lollop - user #39480 dal 22/12/2013 | 22/12/2013 @ 11:25:36
non mi sono spiegato benissimo, io volevo intendere che non ho altri pedali da mettere a monte ma che,una volta impostato la sequenza looppata poi sempre con lo stesso pedale giravo verso un qualche effetto per fare un assolo accompagnato dall'accompagnamento looppato precedentemente senza effetti.Se si può fare mi spiegheresti passo per passo come fare,cosa e come pigiare sul pedale?Naturalmente grazie e scusa ma sono un neofita assoluto.
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Dieci elettriche iconiche
di alberto La chitarra elettrica tocca l'immaginario, infiamma gli animi e trasforma il...
Slide elettrico: suonare più pulito con il damping
di redazione Smorzare la vibrazione delle corde non impegnate a suonare una melodia è...
Pedali, alimentatori, una soluzione economica e un mistero risolto
di JoeManganese Gli alimentatori professionali sono ottimi, ma costano davvero tanto. Se non si...
Traveler Guitar AG-105: mini acustica da viaggio
di Burats Agosto, tempo di vacanze ed ecco che nei negozi spuntano le chitarre da...
Quando ha un nuovo disco, anche Gilmour scomoda i Beatles
di RozzoAristocratico Nominare i mostri sacri è un'ottima tecnica per far parlare di sé in...

Hot licks
Palestra per bending di redazione
Spazio ai principianti con un fraseggio rock blues che li aiuterà a mescolare tra loro pentatonica maggiore e minore....
Nello stile di Jimmie Vaughan di redazione
In un blues il turnaround sono le due misure che precedono un nuovo chorus e rappresentano un momento risolutivo...
Slide elettrico: suonare più pulito con il damping di redazione
Smorzare la vibrazione delle corde non impegnate a suonare una melodia è fondamentale per un risultato pulito e...
Un omaggio a B.B. King di GianniJanaRojatti
Un tributo a B.B. King con un fraseggio molto vicino al suo stile tra pentatoniche maggiori e minori fuse...
Sempre più in basso di EnricoSantacatterina
L' SM57 è uno standard per la ripresa delle chitarre. Ma se pensiamo agli scenari ultra distorti e profondi del metal...

I vostri articoli
Supro JB Hutto: quanto vale la vetroresina? di biggiorgione
Il vintage è fatto di qualità liuteristica ma anche di storia. Un pezzo di vetroresina dall'aspetto avveniristico...
Lo Speaker di svalvolman
L'altoparlante giusto può esaltare il suono del tuo amplificatore così come quello sbagliato può rovinarlo,...
Tutto quello che avreste voluto sapere sui rumori di dedo
Sapersi muovere tra alimentatori, cablaggi e schermature è fondamentale per assicurarsi un rig performante e...
La mia prima Stratocaster di Baconevio
Un colpo di fortuna può portarti a casa la chitarra dei tuoi sogni per pochi soldi e fornirti un buon passatempo...
La S@ponetta che conquista di Andrea_98
Il nuovo plettro stampato di Steve Tommasi è arrivato. La Essetipicks S@ponetta si caratterizza per uno spessore...

Lezioni di basso
La tecnica è al servizio della versatilità di dadoneri
Essere un musicista versatile non significa esclusivamente sapersi destreggiar senza problemi tra diversi generi...
In cinque come i King Crimson di redazione
Un’altra lezione per basso e batteria. Lorenzo Feliciati e Lucrezio De Seta ci propongono una serie di studi per...
Arpeggi: studiare & ascoltare di dadoneri
Basso. Lavoriamo su un metodo efficace e solido per colorare i nostri accompagnamenti con fill e fraseggi. Sarà...
I due che suonano in cinque di redazione
Lucrezio de Seta e Lorenzo Feliciati iniziano il loro ciclo di lezioni per batteria e basso. Una serie di appuntamenti...
Groove: pensare da batteristi di dadoneri
Basso. In questa lezione parliamo di groove e cercheremo di pensare come batteristi. Prima ancora di preoccuparci delle...

Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964