Home | Audio | Chitarra | Didattica | Lifestyle | Ritmi | People Store | Annunci | Eventi | Valutazioni
Coni: Celestion Vintage 30, altre alternative?
di - user #12278 dal 21/03/2007 |

king_buzzo scrive: Salve a tutti, è da un pò che per necessità di acquisto mi sto interessando all'argomento casse e di conseguenza a quello coni.Premetto che sono davvero inesperto in tale argomento ed è proprio per questo che mando questa discussione.Infatti da molti amici mi sono state consigliate casse (come ad esempio una Framus Dragon che potrei acquistare di seconda mano) che montano coni Celestion V30, e questi coni mi sono stati indicati da tutti come alcuni dei migliori in circolazione.Da un pò di giorni però mi è stato consigliata anche la costruzione artigianale (naturalmente rivolgendosi ad esperti) della cassa stessa, pertanto mi sono adoperato per cercare dei coni che potrebbero fare al caso mio ed ho trovato questo: Ciare PH250 che mi sembra molto interessante ed inoltre con un prezzo per nulla eccessivo.A questo punto mi chiedevo se quest'ultimo cono è paragonabile in qualità al V30 celestion ed eventualmente perchè si o perchè no (giusto per capirne un pò!).Aggiungo inoltre che il suono che necessito deve essere orientato molto sulle frequenze basse e medio-basse (diciamo che deve essere un suono stoner-metal) e qualunque consiglio è benvenuto!Grazie in anticipo a tutti per l'aiuto e, visto il periodo, buone vacanze!
amplificatori
Link utili

Altro da leggere
Pubblicità
Analogie e differenze nei controlli di tono...
Microfonare l'ampli davanti e dietro...
Equalizzazione per tutti...
Dove troviamo il bias e la classe-A?...
Pubblicità
Commenti
10'' o 12''?
di padesa - user #2827 dal 03/11/2003 | 26/12/2007 @ 15:4
Dunque, per prima cosa devi decidere la grandezza del cono... lo vuoi da 10 o da 12 (pollici)? No, perche il V30 è da 12, il Ciare PH250 è da 10 (il "250" della sigla indica il diametro in centimetri). Inoltre, evita gli altoparlanti di tipo "doppio cono" (come il PH250), in quanto "nobbuoni" per chitarra elettrica; la Ciare produce il PW253 (sempre da 10 pollici) che dovrebbe essere adatto allo scopo (vai al ink). Considerando il tipo di suono che cerchi, se ho capito bene, credo che il V30 sia perfetto (è un ottimo altoparlante). Ciao.
Rispondi
Re:10'' o 12''?
di king_buzzo - user #12278 dal 21/03/2007 | 26/12/2007 @ 16:3
beh la grandezza dell'altoparlante Ciare non l'avevo notata, e credo che 4 coni da 12" sarebbero la soluzione ottimale.Nel sito della Ciare sono presenti altri coni utili per chitarra o solo il PW253 lo è? Come mai il doppio cono non è buono per chitarra?grazie per la/e risposta/e!
Rispondi
Re:10'' o 12''?
di padesa - user #2827 dal 03/11/2003 | 26/12/2007 @ 16:5
> Nel sito della Ciare sono presenti altri coni utili per chitarra o solo il PW253 lo è? Credo sia l'unico... però non lo giurerei.> Come mai il doppio cono non è buono per chitarra? Perchè ha una risposta in frequenza che si estende troppo verso l'alto. Se confronti i grafici della risposta in frequenza dei due altoparlanti Ciare (PH250 e PW253 - i grafici li trovo sul sito) te ne rendi conto... guarda la zona intorno ai 10 KHz, per esempio. Ed anche le medio basse hanno un comportamento completamente diverso. Io, fra i due, vedo molto più adatto il PW253 (poi, magari, a qualcuno potrebbe piacere di più l'altro, non lo escludo). Comunque, a mio avviso, una 4 x 12 con i Celestion V30 è OK!!! Ciao e buona fortuna.
Rispondi
Se ti capita prova un electrovoice.
di boogie - user #12603 dal 09/05/2007 | 27/12/2007 @ 00:5
Ho sostituito il V30 del mio combo con un Electrovoice Evm12l.Il celestion ora giace in soffitta dentro una scatola! Prima di acquistarlo ho avuto l'occasione di provarlo per diversi giorni sotto forma di cassa mesa 1x12,la cassa ha le stesse dimensioni del mio combo e credimi non c'è paragone,staccavo il V30 perchè non era all'altezza.Come risposta su qualsiasi frequenza non c'è paragone(mi ripeto),sulle medio basse l'electrovoice è devastante. è costruito molto bene,regge 200w(se non ti bastano c'è anche una versione da 300w)ti posso garantire che è resistentissimo.Come contro direi che è piuttosto pesante,se devi farci una 4 x12 iscriviti in palestra =) ma due 2 x 12 potrebbero essere una soluzione interessante nel caso tu voglia demolire un locale . Il secondo "contro" è il prezzo, in Italia costa uno sproposito 370-400 euro l'uno,in america 200 dollari,ma i rivenditori non spediscono da noi,però puoi sempre tentare! Buona fortuna! Ciao Riccardo
Rispondi
Re:Se ti capita prova un electrovoice.
di Cecce - user #13569 dal 06/11/2007 | 27/12/2007 @ 11:5
Quoto quoto quoto, è montato di serie sul mio ampli ed è una bomba. Ciao
Rispondi
Re:Se ti capita prova un electrovoice.
di MR.T - user #263 dal 17/05/2002 | 27/12/2007 @ 16:1
E invece un cono che non fa rimpiangere l'Electrovoice, pesa 1/3 di un V30 (meno di 2kg!) e costa meno di tutti e due??Non è fantascienza, io lo uso da 5 anni...per lo stoner è l'altoparlante DEFINITIVO.Mr.T
Rispondi
Re:Se ti capita prova un electrovoice.
di king_buzzo - user #12278 dal 21/03/2007 | 27/12/2007 @ 16:3
beh l'electrovoice costa davvero troppo (anche probabilmente vale ogni cents del suo prezzo!).Quale sarebbe questo altoparlante di cui parli??Se è davvero defintivo per lo stoner ti faccio una statua e lo compro!
Rispondi
Re:Se ti capita prova un electrovoice.
di boogie - user #12603 dal 09/05/2007 | 27/12/2007 @ 17:3
Probabilmente si tratta di un cono al neodimio. Mr T potresti postarci la scheda tecnica(output,sensibilità,range di frequenze...) ? Grazie! Ciao Riccardo
Rispondi
Re:Se ti capita prova un electrovoice.
di MR.T - user #263 dal 17/05/2002 | 27/12/2007 @ 20:3
Luca Fanti (seventy) al neodimio150w, 97 db/wdi più nin so...con 2 di questi altoparlanti si sviluppano tanti di quei bassi che mi è caduta la testata (25kg) dalla cassa... E non ci sono solo i bassi, il suono è equilibrato e le distorsioni devastano.Ciao Mr.T
Rispondi
Re:Se ti capita prova un electrovoice.
di camp - user #8166 dal 06/08/2005 | 27/12/2007 @ 19:4
e poi l'Electrovoice è un upgrade tropoo modernista (m iriferisco agli anni 80) per il rock con buone radici tradizionali. Gira che t irigira, è passato di moda ed a suo tempo fatto rimpiangere sia i Celestion ed iFane per il british sound sia i JBL (che prima dell'EV erano optional su molti Fender). Intendiamoci: la qualità EV è elevata. Ma ha un carattere che per il Rock forse è.. un non carattere.
Rispondi
Re:Se ti capita prova un electrovoice.
di boogie - user #12603 dal 09/05/2007 | 27/12/2007 @ 20:2
Ma sei sicuro di averne provato uno?Ma come si può parlare di MODE riferendosi ad uno speaker??Il cono deve riprodurre al meglio le frequeze prodotte dal tuo ampli e dalla tua chitarra non fare moda...Io l'ho preso per suonare blues e hard rock,tu credi veramente che quelle bellissime (finte) casse marshall che vedi ai concerti contengano greenback a iosa?Se il carattere rock non ce l'hai allora è meglio che lasci stare i coni e provi con il liscio. Cerchiamo di fare confronti più oggettivi parlando di caratteristiche tecniche, no chiacchere.
Rispondi
Re:Se ti capita prova un electrovoice.
di MR.T - user #263 dal 17/05/2002 | 27/12/2007 @ 20:5
No, le mode c'entrano eccome, negli anni'80 (periodo d'oro per gli EV) andavano di moda suoni hi-fi e definiti... Negli ampli da chitarra il cono, oltre a riprodurre, colora il suono, altrimenti useremmo tutti casse da hi-fi a 3 vie... I V30 indubbiamente colorano di più rispetto agli EV, se suoni a basso volume e con distorsioni di preamp è normale che tu apprezzi di più gli EV.Mr.T
Rispondi
Re:Se ti capita prova un electrovoice.
di boogie - user #12603 dal 09/05/2007 | 27/12/2007 @ 21:4
Ma secondo te una persona acquista un cono da 200W con 100dB di sensibilità per suonare a basso volume?? Perchè non ci hai ancora illustrato le fantomatiche caratteristiche e la marca del tuo cono "definitivo"?Su una cosa sono d'accordo con te :non mi piace che il cono colori e sopratutto schiacci il mio suono...a cosa serve un buon ampli se non ha un diffusore all'altezza?Poi se parliamo di gusti è un altro discorso,per me puoi anche suonare collegato al diffusore di una radiolina cinese se ti piace come colora il suono....gusti...
Rispondi
Re:Se ti capita prova un electrovoice.
di boogie - user #12603 dal 09/05/2007 | 27/12/2007 @ 22:3
Chiedo scusa non avevo notato la risposta(cono definitivo)...ti ringrazio!! Le caratteristiche sono ben diverse da quelle di un EV sicuramente è meno "loud" ma estremamente più leggero una vera goduria da scarrozzare.. Ciao Riccardo
Rispondi
Re:Se ti capita prova un electrovoice.
di MR.T - user #263 dal 17/05/2002 | 27/12/2007 @ 23:2
Avevo le offese gia pronte... ;-)Qui trovi altre info: vai al ink altoparlanti, io la penso così:se suoni a basso volume e/o usi in prevalenza distorsioni di preamp, è comprensibile che ti piacciano di più gli EV o comunque altoparlanti poco colorati.se usi la distorsione naturale dell'ampli e suoni appena saturi, un cono come il V30 è la ciliegina sulla torta. Meglio ancora un G12H.riguardo alla "radiolina cinese", ti dico solo che di norma suono con una 4x12' + una 2x15'... ;-)Mr.T
Rispondi
Re:Se ti capita prova un electrovoice.
di camp - user #8166 dal 06/08/2005 | 27/12/2007 @ 23:0
Esattamente quello che ha scritto MR.T. Certo, poi la resa dipendeva anche dal fatto che i FEnder non erano più "quei" Fender. Ma i ltimbro per molt o versdi neutro degli EV lo si capta eccome su vari Boogie. Inoltre ricordo benssimo la timbrica dei P.A Electrovoice. Che imn verità ea anche gonfia, per certi versi, ed al tempo stesso quasi HI FI. Ah, in tema di altorpalrnti non proprio chitariristici, una volta, per cercare disperatamente di migliorare il suono di un Bassman Tweed Reissue, avevo montato per prova 4 Gauss da 25 (tratti da un P.A.)su un pannello lasciato diciamo così all'aria aperta: risultato improprio ma eccezionale! UNa resa mostruosa e per nulla modaiola come quella dei pur validi EV. A proposito di altopaelanti NON british: tu invece hai mai sentito i JBL anni 60-70?
Rispondi
Re:Se ti capita prova un electrovoice.
di camp - user #8166 dal 06/08/2005 | 27/12/2007 @ 23:1
scusate l'eccesso di errori di battitura.. (stavolta è colpa della dannata lampadina dell'abat Jour)
Rispondi
Re:Se ti capita prova un electrovoice.
di camp - user #8166 dal 06/08/2005 | 27/12/2007 @ 23:1
"Se il carattere rock non ce l'hai allora è meglio che lasci stare i coni e provi con il liscio. "Tu con l'EV sei sulla buona strada ;-)))eh eh eh. .ero la dannazione dei complessi da liscio perchè avevo un tocco rock. E sputavo pure sui Fender anni 70 con i coni standard perchè non sapevano di niente. Detesto i MEsa Boogie perchè sono sterili e con poca dinamica..quindi vedi un po' tu!!!.. inoltre (per quanto io non lo ami) c'è Liscio e Liscio. Così come c'è sudamericano e sudamericano.Quanto alla Querelle sui dati tenici, rispolvera qualche vecchio numero di Audiovisione e Audioreview (tanto per dire, eh!)
Rispondi
Re:Se ti capita prova un electrovoice.
di Tele52 - user #5018 dal 12/07/2004 | 04/01/2008 @ 20:1
Sei sicuro di aver provato i Mesa ? Prova il Dual Rectifire Roadster e vedrai.
Rispondi
Re:Se ti capita prova un electrovoice.
di camp - user #8166 dal 06/08/2005 | 05/01/2008 @ 10:3
"Sei sicuro di aver provato i Mesa ? Prova il Dual Rectifire Roadster e vedrai." Speriamo... POtrebbe essere con il Roadster ma non sono sicuro. Conosco ed ho provato più volte (o comparato in stanza prove di amici): Mark II, MArk I Reissue, DC 1x12" abbastanza recente ed un altro enonomico un po' più vecchio. Ho sentito più volte alcune Dual Rectifier, andando ad ascoltare le serate di band amiche. Volevo pure comprare un Heartbreaker 2x12" (non male). Sui puliti, i MEsa son meglio di tanti altri ma non hanno affatto la pienezza e la ricchezza dei Fender che si rispettino e che vorrebbero emulare. E come distorsioni "picchiano" in testa, essendo high gain; oltre ad avere (le rectifier) un taglio timbrico di base che funziona ma che alla fine può stancare. E' come se i Boogie (anchequelli economici) avessero un ottimo distorsore incorporato; ed è altrettanto vero che in genere sono molto facili da suonare, così come paicciono (spesso) i primi minuti. E certo non sono da buttare. ma l'impatto Marshall e dei vecchi Hiwatt, con la loro distorsione da finale di potenza e non da Pre, non la raggiungono, esattamente come i puliti dei Fender anche solo metà anni 70, che non sono propriamente vintage.
Rispondi
Re: Se ti capita prova un electrovoice.
di andrea_89 - user #25883 dal 26/09/2010 | 03/10/2010 @ 12:1
hai agione confermo pure io! se i coni di cui stai parlando sono i black shadow..pero' attenzione che ci sono due serie i electrovoice da 200w e i celestion da 90w consiglio vivamente electrovoice!!! ah domandina: che tu sappia li utilizza ancora la mesa??o è passata ai celestion?? le nuove serie usano questi ho notato!
Rispondi
Re: Se ti capita prova un electrovoice.
di andrea_89 - user #25883 dal 26/09/2010 | 03/10/2010 @ 12:1
hai agione confermo pure io! se i coni di cui stai parlando sono i black shadow..pero' attenzione che ci sono due serie i electrovoice da 200w e i celestion da 90w consiglio vivamente electrovoice!!! ah domandina: che tu sappia li utilizza ancora la mesa??o è passata ai celestion?? le nuove serie usano questi ho notato!
Rispondi
consiglio
di diesirae - user #11480 dal 25/11/2006 | 28/12/2007 @ 01:4
provali se puoi,io mi trovo bene solo con i GREEN BACK su marshall 4x12 1960bbuon anno a tutti!!! ciao diesirae
Rispondi
Riassuntino
di boogie - user #12603 dal 09/05/2007 | 28/12/2007 @ 14:2
Per fare un pò di chiarezza ecco un riassunto con i link conteneti le caratteristiche tecniche dei coni di cui abbiamo parlato:vai al ink y12G70.pdf vai al ink evm12L-eds.pdf vai al ink classic/detail.asp?ID=4 vai al ink heritage/detail.asp?ID=6 vai al ink heritage/detail.asp?ID=7Prima di effettuare i miei acquisti ho spulciato tutte le caratteristiche tecniche cercando il prodotto con quelle a me più congeniali,chiedendo consigli ai nostri amici accordiani ed ho scroccato per qualche settimana casse ad amici vari=).Successivamente mi sono recato dal mio tecnico,che possiede un centro autorizzato JBL,Celestion,Soldano,Mesa,Fender... e li ho provati TUTTI.Ovviamente ogni cono deve avere una cassa di dimensioni appropiate.Sucessivamente ho valutato la possibilità di acquistarli all'estero ed ho risparmiato un sacco di euri. In alternativa puoi sempre effettuare il T-test, che consiste nel appoggiare una testata di 25kg(miraccomando se sono 24 non va bene) e vedere in quanto tempo cade suonando con il volume al massimo.(perdona la battuta ma il tuo post era troppo simpatico) Caro amico sappi che se è la potenza quello che cerchi una cassa 2x12 con evm12l Zakk Wylde(noto chitarrista da balera) 300w a 100db hai un volume superiore alla 4 x 12 di Mr T.Ovviamente è solo un esempio bisognerebbe paragonare una 4x12 con un altra 4x12. Con questo mi ritiro,spero di essere stato utile e di non aver scassato troppo i maroni=) Un super augurio di buone feste a tutto il forum!!! Ciao Riccardo
Rispondi
Re:Riassuntino
di MR.T - user #263 dal 17/05/2002 | 28/12/2007 @ 16:2
Secondo me badi troppo ai dati tecniciE senza troppa attenzione: non bastano degli altoparlanti più efficienti per rendere una 2x12' più sonora di una 4x12'.Una 4x12' ha una diffusione maggiore, un fronte sonoro più ampio, una volumetria interna maggiore e poi è naturalmente più alta, quindi hai i coni più vicini alle orecchie. La 2x12' la senti alle caviglie.Francamente, gli EV sono bellissimi altoparlanti, ma non ho mai capito l'utilità di una 2x12' che costa e pesa più di una 4x12'...Se poi vogliamo parlare in termini pratici, a volte quei 2/3 db di differenza tra le sensibilità DICHIARATE, non si sentono proprio... conta più una prova insieme a basso e batteria che una settimana di seghe mentali sui grafici.Leggiti bene i post, ho parlato della 2x12' ma non ho mai parlato degli altoparlanti della mia 4x12'... quella potrebbe far volare anche la tua testa! ;-)Auguri! Mr.T
Rispondi
Re:Riassuntino
di sombrerobianco - user #8769 dal 24/10/2005 | 28/12/2007 @ 17:5
Ragazzi siete troppo tecnici ...io ero partito per comprarmi una cassa con i V30 ....dopo aver letto mille post tipo questo che li decantavano come il top in assoluto...poi ho fatto un po' di prove col mio orecchio e mi sono reso conto che invece i suoni che mi piacciono provengono esclusivamente dai greenback e dai g 12 heritage 30 che hanno il tono rock graffiante che cercavo. A volte leggere post come questo può essere solo sviante lasciate scegliere solo il vostro orecchio lasciando stare i mille dati tecnici !!!
Rispondi
Re:Riassuntino
di king_buzzo - user #12278 dal 21/03/2007 | 28/12/2007 @ 20:3
effettivamente ho aperto la discussione per tentare di capirne un pò di più e di poter orientare la mia scelta in maniera migliore.. ma la cosda migliore sarebbe provare ciò di cui si parla e purtroppo non sempre è possibile..In ogni caso la mia scelta ora come ora ricadrebbe o sulla cassa Framus di seconda mano che monta v30 (che però non so quanto possa costare nuova), oppure sull'acquisto di quegli speakers Seventy70.. ma allora sono consigliati particolarmente per lo stoner questi coni?e quanto costerebbero(grossomodo)??Inoltre una Framus Dragon di seconda mano ma tenuta molto bene quanto dovrebbe essere valutata per voi?Grazie a tutti per le risposte gia date e non!
Rispondi
Re:Riassuntino
di MR.T - user #263 dal 17/05/2002 | 28/12/2007 @ 21:0
Ottime casse le Framus: multistrato di betulla, costruzione solida, maniglie e angolari di metallo.Occhio al prezzo, le 2x12' nuove in germania si trovano a poco più di 300 euri.Per gli speakers contatta seventy, ci sono i link sparsi per tutta la pagina...io te li consiglio senza dubbio.Mr.T
Rispondi
Re:Riassuntino
di MR.T - user #263 dal 17/05/2002 | 28/12/2007 @ 20:5
Internet offre informazione e DISinformazione in quantità industriali...Pensavi di prendere la cassa senza nemmeno ascoltarla o paragonarla con altre? Sulla base di consigli dati da una persona che nemmeno conosci, che magari suona da un mese in cameretta o ha i timpani sfondati?Se i nostri discorsi ti hanno spinto a provare tutto di persona allora sono stati efficacissimi!Ciao Mr.T
Rispondi
Re:Riassuntino
di king_buzzo - user #12278 dal 21/03/2007 | 28/12/2007 @ 21:3
no beh ovviamente quello che posso trovare/provare lo proverò! ma probabilmente avrò l'occasione di testare solo la cassa framus 4x12.per il resto ho chiesto pareri per capirne ed informarmi un pò di più a livello generale e comunque conoscere e considerare altre valide scelte (come i coni seventy) che non conoscevo affatto.. non certamente per scegliere definitivamente l'acquisto da fare!ciao e grazie a te!
Rispondi
Re:Riassuntino
di Cecce - user #13569 dal 06/11/2007 | 29/12/2007 @ 03:5
Io li ho trovati già presenti nel mio amplificatore e devo dire che suonano decisamente bene, ma se la domanda fosse.spenderesti 2-300 euro per un evm12l la risposta sarebbe o no o dipende. No nella mia situazione attuale, si se cerco bassi ben definiti ed un suono orientato verso il blues
Rispondi
Re:Riassuntino
di sebastian - user #3527 dal 27/01/2004 | 29/12/2007 @ 15:0
Concordo in pieno!!! molta gente prova tante cose e spara sentenze e poi suona in salotto a 1..... Importantissima la prova col gruppo,magari con altri chitarristi con roba su frequenze diverse,per determinare "quanto lontano arriva" il nostro suono. Sempre in tema di coni se buttiamo in un gruppo un chitarrista con una 4x12 coi v30 e uno con una 4x12 coi greenback alla fine escono uguali,anzi il v30 striderà sempre di piu,essendo meno morbido e corposo sulle medie. I dati contano fino ad un certo punto.Interessanti sti coni Fanti,l'unica cosa che mi sembra li differenzi dagli EV classici (EVM12L) è la dimensione della bobina,che è di 2 pollici contro gli 1 e 3/4 degli EV e di tutti i celestion classici.Alla fine la dimensione è ciò che determina la gamma media e alta,e in genere bobine mobili piu larghe danno suoni piu lineari e con meno picchi su certe bande.L'EV per questo era un gran cono,perchè mescola caratteristiche vintage e moderne,un pò come fa il Celestion century.
Rispondi
Idea Alternativa
di FiloFirenze - user #13232 dal 02/09/2007 | 29/12/2007 @ 04:3
Leggendo il thread mi vengono in mente due cose: in primo luogo, si parla e straparla quasi esclusivamente dei V30,tutti li consigliano ma probabilmente solo perchè sono i coni montati più frequentemente di serie su casse di "alto" (per così dire) livello,ma, ahimè, nessuno conosce o parla di coni come i Century o Century vintage oppure i Classic Lead,sempre di casa Celestion.Questo per sottolineare la mentalità generale nel parlare di casse. In secondo luogo mi pare che l'autocostruzione di una cassa sembra essere l'hobby da diletto di molti,come se questa fosse un anello trascurabile del nostro setup.Non si parla mai di progetti di cassa ma quasi esclusivamente dei coni,come se la struttura non contasse nulla.Si pensa ai materiali (""fattela pesante,hai più bassi"...sigh...)senza accorgersi che se le volumetrie non sono corrette il risultato non sarà buono.E ancora si va avanti con le fette di prosciutto sugli occhi con i muri di 4x12 con griglia sul retro,un foro e via all'ampli.Detta "papalepapale" gli ampli si evolvono,le casse sembrano invece destinate ad una desolante relegazione. Per non parlare del fatto che ancora qualcuno non si vuol convincere che una 2x12 costruita come Dio comanda lascia la polvere ad una 4x12 costruita alla carlona.Vabbè. A questo punto mi chiedo se valga davvero la pena che tu ti imbarchi in un progetto senza avere (almeno così parrebbe) una conoscenza adeguata dell'argomento.Fossi in te,senza consigliarti quello che ho io, che mi sembra ampliamente fuori budget, mi orienterei su una cassa da "battaglia" (descrizione personale di Marshall et similia) che emetta almeno un suono, senza fossilizzarsi su coni,conucci e cornetti,visto che se manca la base,cioè il progetto,il cono non renderà mai come potrebbe.Spero di esserti stato d'aiuto.Ciao
Rispondi
Re:Idea Alternativa
di camp - user #8166 dal 06/08/2005 | 29/12/2007 @ 11:1
>>>una 2x12 costruita come Dio comanda lascia la polvere ad una 4x12 costruita alla carlona Diciamo che un'ottima 2x12 lascia quasi la polvere ad una 4x12 alla Carlona. E diciamo che, in ambienti di dimensioni e volumetria ridotta, un Super Revreb da 40 watt con 4 coni da 25" gareggia con un Twin 100 watt equipaggiato con ottimi altoparlanti, oltr a risultare più arioso e diffuso. Diciamo che se non si è microfonati è meglio avere meno watts e qualche altoparlante in più. Diciamo che un ottimo altopralante in una cassa striminzita suonerà spesso abbastanza scatolare. fosse anche un EV o un Altec Lansing. Quanto alla conoscenza adeguata dell'argomento, nel caso delle casse per strumenti (e non hi-fi) andrei anche un po' sull'empirico (ovvero per tentativi)e sull'orecchio. Diversamente e posto che davvero ne valga la pena, ci si può tranquillamente rivolgere a quelle ditte che , vendendoti gli altoparlanti, da almeno 20 anni ti forniscono litraggio della cassa, diametro e lunghezza di eventuali condotti bass reflex ecc ecc dopo aver effettuato i calcoli col computer. E poi chi più ne ha più ne metta, inclusa la differenza tra montaggio anteriore e posteriore degli speakers e i soliti capisaldi dell'acustica in tema di rapporto tra le tre dimensioni. Ah, tantissimi anni fa avevo visto una cassa per ampli trapezoidale. ED era targata Jensen. Anche allora 'ste cose si sapevano. Del resto,a differenza dell'eletronica, la tecnologia delle casse acustiche non ha avuto un grandissimo sviluppo anche perchè è così legata alla fisica da farmi sorgere il dubbio che novità rivoluzionarie siano davvero possibili. A proposito, com'è andata a finire la faccenda del crosso over con taglio meccanico ossia senza filtro? Quell'esperimento mi incuriosiva.
Rispondi
Re:Idea Alternativa
di guitarservice - user #13829 dal 22/12/2007 | 30/12/2007 @ 09:4
ciao sto costruendo casse uguali alle marshall 1960, ma con legni masselli, e devo dire che sia i bassi che le altre frequenze ci guadagnano, .i commenti che avete dato sono molto interessanti, infatti stavo giusto cercando di capire perchè una cassa come la 1960 come dimensini è uguale dagli anni 60 ad oggi.......poi ho pensato, ma anche la fender stratocaster è uguale dal 1957, o il les paul, la telecaster la sg.............insomma suoniamo con strumenti" antidiluviani", delle nonnette arzille che ci fanno sognare... Premetto che credo nella tecnologia odierna, e vedo l evoluzione in quasi tutti campi, ma se il pane è sempre quello da millenni, nn sarà che un progetto di base buono ce lo portiamo dietro da 60 anni? io nn mi intendo di fisica( ma di psicologia e filosofia si) quindi attendo all alba del nuovo anno delucidazioni buon anno
Rispondi
Re:Idea Alternativa
di FiloFirenze - user #13232 dal 02/09/2007 | 30/12/2007 @ 13:1
Guarda,il paragone secondo me non regge proprio. Non vedo perchè gli ampli si debbano evolvere e le casse restare ancorate ad un progetto obsoleto ed ormai vecchio. E comunque anche le chitarre si sono evolute,siamo arrivati a chitarre con accorgimenti tecnici più che interessanti (vedi Floyd Rose,pick up nuovi,etc etc). Per quanto riguarda la tua perplessità sul perchè le casse siano sempre uguali dal 60',io ti risponderei che ad oggi ritengo la 1960 un pezzo di legno con quattro coni che emette un suono,lo emette,ma non fa di più.Sinceramente stare lì ad ammirarle e a copiarle non so fino a che punto possa essere costruttivo,però mi rendo anche conto che le possibilità di ascoltare delle casse fatte da Dio sono poche.ciao
Rispondi
Re:Idea Alternativa
di camp - user #8166 dal 06/08/2005 | 30/12/2007 @ 13:5
"Guarda,il paragone secondo me non regge proprio" : il paragone regge abbastanza, a meno che uno non abbia qualcosa da vendere a tutti i costi. Si parla di diffusori acustici in generale, non di questa o quella casa per questo o quell'uso, ovviamente. E anche nell'epoca del "rinascimento dell'hi-fi" con tutta la storia dell'Hig End ecc ecc vogliamo ricordare quanta gente (per fare un esempio) ha buttato soldi in miserabili cassettine dal suono delizioso, con tutti gli strumentini dei var i dischi e CD di riferimento piazzati nella posizione giusta con la profondità giusta, salvo poi rendersi conto che si stava strologando su dettagli magari anche provvisti di un fondamento ma volti a far scordare che 'ste benedette casse non suonavano? Tornando alle casse per chitarra, allora anche Rivera ne aveva approntate -e credo ne faccia ancora- di ben studiate. Anche quelle "ported". Con una varietà di speakers a scelta.E la THD e altre marche simili ci tengono a presentare le loro 2 x 12 che producono da anni annorum come capaci di rivaleggiare con le 4x12. ED altro fanno stapagsre 4x12 blasonate che poco aggiungono se non il marchio. Come dice MR.T. conviene anzitutto ascoltare (soprattutto casse direttamente comparabili).. e confrontare i prezzi.Floyd Rose? Aiutoooooooooooooooooo!! Be', se come novità ci limitamo a considerarla "temporaneamente interessante" e nulla più che interessante, ci può stare, per quel congegno ammazzavibrazioni.
Rispondi
Re:Idea Alternativa
di FiloFirenze - user #13232 dal 02/09/2007 | 30/12/2007 @ 14:5
Allora se il paragone regge perdo ogni speranza:ragazzi,siete non ancorati,di più,cementificati in queste concezioni retrograde (scusami,non ho trovato termine migliore).Mi stupisco che un utente con punteggio standard di 2 mi liquidi il floyd con "congegno ammazzavibrazioni",se hai di meglio dimmi che son curioso.Certo se mi dici il tremolo vintage mi metto a ridere,non perchè non sia buono,ma se ho bisogno del floyd il tremolino ideato da un riparatore di radio particolarmente geniale negli anni 50 non mi va bene!Con tutto il rispetto per Leo Fender,pace all'anima sua. Per quanto riguarda il comparare,beh,magari io son sordo,però settimana scorsa al Niccolai di Ponte a Greve avevo dieci ragazzi,commessi compresi,a sentire la mia Dragoon attaccata ad una Framus che volevo testare.E di certo non erano lì per sentire me,che non sono nè Steve Vai nè Stevie Ray Vaughan.E ti garantisco che alcuni non ci credevano che ero attaccato solo a quella. Quindi,per quanto riguarda l'ascoltare,voglio proprio vedere quanti realmente lo fanno e quanti si danno ai luoghi comuni senza essere per nulla competenti.E' caduto il muro di Berlino,può tranquillamente cadere anche il muro di Marshall e simili. Ciauz e buona musicaps:di Marshallone ne ho avute due,una degli anni 70' e successivamente una reissue del 93',entrambe con i Greenback.La seconda delle due l'ho scambiata con la mia Dragoon.
Rispondi
Re:Idea Alternativa
di camp - user #8166 dal 06/08/2005 | 30/12/2007 @ 15:0
E chi se ne frega dei greenbacks ;-))) Erano coni standard per Marshall standard. I vintage 30 (senza alcun disprezzo) li ho montati sul mio ampli perchè costavano poco e come sostituti provvisori potevano andar bene. Riguardo ai ponti vibrato tradizionali, io li uso perchè bloccati mi vanno benissimo: aumentano il sustain;-))) La scienza, gli studi e le applicazioni dei principi dell'acustica hanno portato a casse eccelse e soluzioni innovative già 30 anni fa (potrei anche dire 40 o 50 ma non voglio parlare con approssimazione; e nulla vieta ( ci mancherebbe) di ravanarci per migliorare anche le casse per strumenti musicali. M ache tu mi dica che una ottima 2x12 straccia una (bada) decente 4x12 mi lascia alquanto perplesso. a meno che non ti interessei un tubo dell'ampiezza del fronte sonoro (per stare sul semplice).
Rispondi
Re:Idea Alternativa
di camp - user #8166 dal 06/08/2005 | 30/12/2007 @ 15:1
p.s. ma lo sappiamo tutti che spesso i muri d i Marshall erano finti (almeno dagli anni 80 in poi, quando -incidentalmente- son venuti alla ribalta tutti quei mega-chitarristi virtuosi da spot della birra). Solo che poi sti amplificatorini o amplificatoroni uscivano dai p.a. Potrei aggiungere: non da casse 2x12! :-) ma sarebbe una battuta idiota. Anche pechè a me non spiacciono le 2x12. In mancanza di una 4x12, son spesso meglio di un combo. Idea alternativa? Un combo più un diffusore supplementare, anche 2x12, da portarsi appreso quando serve.
Rispondi
Re:Idea Alternativa
di MR.T - user #263 dal 17/05/2002 | 30/12/2007 @ 15:2
Il Floyd come innovazione mi fa cascare le braccia...è innovazione un prodotto che per migliorare un aspetto, sacrifica tutte le altre caratteristiche?Perchè ammazzavibrazioni è e rimane...se rompi una corda fai prima a cambiare chitarra, ha non pochi problemi di durata...il ponte ideato dal "riparatore di radio" non ha di questi problemi e soprattutto, non è passato di moda dopo 10 anni scarsi...segno che aveva davvero una sua validità! Ha innovato, perchè non ha fatto mai rimpiangere quello che c'era prima.Poi, volevo chiederti di proporre qualcosa, dopo aver demolito tutte le casse di cui abbiamo parlato senza proporre niente... Ci hai pensato da solo: la Dragoon!Scusa, dov'è l'innovazione? Almeno fossero bass reflex...sono anche quelle "pezzi di legno con i coni"! Hanno volumetria, materiali, altoparlanti o progetto diverso dalle 4x12' che usiamo tutti noi chitarristi primitivi??Sinceramente, a tuo giudizio, come deve essere una cassa fatta bene davvero?ciao Mr.T
Rispondi
Re:Idea Alternativa
di camp - user #8166 dal 06/08/2005 | 30/12/2007 @ 15:3
Già: vorrei proprio saperlo anche io.
Rispondi
Re:Idea Alternativa
di camp - user #8166 dal 06/08/2005 | 30/12/2007 @ 15:2
"Ciauz e buona musica "Ciao :-)))p.s. è irrilevante ma...a proposito di ponti, secondo te, per quel ragione la Wilkinson e AlecB hanno fatto certi ponti?(nota: ad AlecB non ho comprato nè ordinato niente; anzi, come si accorge che l'ho citato è anche il caso che mi mandi a quel paese a titolo preventivo, anche se già abitiamo alquanto distante. Ma tanto io sapevo di lui quando lui non sapeva di me. Sebbene io sia famosissimo, ovvio! Lauro, ciapa lì!)
Rispondi
Re:Idea Alternativa
di FiloFirenze - user #13232 dal 02/09/2007 | 30/12/2007 @ 19:2
Ragazzi,via,non fate le lobby.Ad un commento mio ne scattano 5 vostri,non vale!Via! Mr.T,piaccia o non piaccia,il Floyd è stata un'innovazione,caduta di moda lo dici te,visto che è ancora montato su un'infinità di chitarre,sia di nuova produzione che di vecchia.Per l'ammazzavibrazioni bah,sarà anche,ma la mia Samborina mette ancora tutte in fila tante Strato col tremolo,ribadisco,sempre coincidenze straordinarie (per dirla alla Grillo)però guardacaso è così. Il ponte di alecb non l'ho mai nè visto nè sentito,nn sapevo fino a 5 minuti fa della sua esistenza nè tantomeno conosco il costruttore,che sarà sicuramente bravissimo e competente,semplicemente non lo conoscevo.Prometto di provarlo la prossima volta che capiterò ad un Second Hand Guitars se ci sarà l'occasione. Per quanto riguarda le Dragoon,visto che sono nuovo del forum e non avevo letto quasi niente mi sono messo a fare una ricerchina ed ho notato un vecchio post con una prova di due Dragoon Century e Century Vintage. Mr.T,con tutto il rispetto e senza polemiche sterili,pur non conoscendoti di persona (ho solo provato un T-Fuzz da un ragazzo di Pistoia che suonava con me,fuzz molto carino davvero,complimenti)mi sembra di notare,vista la mole di castronerie che hai scritto nel post in questione,che ci sia una sorta di leggerissima asprezza e sufficienza nella tua valutazione. Nello specifico, hai affermato di non essere sicuro del finger joint di una Dragoon da te provata e che all'interno erano piene di colla.Che deve dire uno quando legge queste boiate e poi vede con i proprio occhi come vengono costruite realmente queste casse?Lasciando stare la prova sonora che,vogliate o non vogliate,lascia con le palle per terra tutti quelli che la effettuano a favore delle Dragoon,ma come si fa a diffamare un prodotto per di più totalmente artigianale e dalla qualità massima così?E' troppo facile spalare cacca volutamente prendendo in giro utenti su utenti con affermazioni palesemente false.Non ce l'ho assolutamente con te,anzi,però vediamo di parlare se si sa e non se si vuole smerdare per partito preso.Il carissimo Giniski lavora tutto il giorno nel suo laboratorio e non può di certo rispondere ai varii forum,però nn mi sembra corretto prendere in giro chi ha deciso di affidarsi ad una sua costruzione con questa superficialità.Spero di essere stato chiaro e non troppo polemico,non è la mia indole.Ciao e buon lavoro,spero di incontrarti per chiarire i punti di cui sopra (io sono di Firenze,magari ci sarà modo)ps: Camp,guarda che hai capito male,non stato assolutamente prendendo in esame i Greenback,ma la cassa Marshall in generale a prescindere dai coni che monta.La mia Dragoon ha i V30.ciao
Rispondi
Re:Idea Alternativa
di camp - user #8166 dal 06/08/2005 | 30/12/2007 @ 21:1
"Ragazzi,via,non fate le lobby.Ad un commento mio ne scattano 5 vostri,non vale!Via! " Al limite faccio la Lobby Toscana, per simpatia filosofica indotta dal fatto che mio zio ha lavorato per 25 anni a prato (bestemmiava pure in Toscano), che alcune volte avevo fatto tappa a santa Croce sull'Arno e che recentemente (però nel giorno dei Morti, eh!) mi è toccato venire a Firenze per difendere l'onore del maschio italico con le germaniche. Ma dico: non avresti potuto pensarci tu, anzichè star lì a provare casse? Uff.... E che non t ivenga in mente di darmi una medaglia Greenback che ci mancherebbe pure il back!..però dai.. il floyd Rose..ok se hai una chitarra sorda cioè che vibra poco! Lei mi stupisce!Che è la Sambora? Una sambuca? ah sì.. una delle tante Fender Siganture! Detto senza sarcasmo per la chitarra. Il sarcasmo è diretto alla miriade di varianti che si inventa la FEnder.MA per caso era quella col floyd già di serie? Quest'ultima, l'ho provata e sentita in diverse occasioni la scorsa estate. Era sempre la stessa che passava di mano in mano.
Rispondi
Re:Idea Alternativa
di FiloFirenze - user #13232 dal 02/09/2007 | 30/12/2007 @ 21:3
Simpatico,comunque come vedi anche dal mio nick (non il massimo dell'originalità)anch'io sono toscanaccio 100% . Per la Sambora..bah,mi pari un po' spaesato sull'argomento,perchè è una delle chitarre più ricercate sul mercato che non sia vintage o collezionismo puro.Basta aprire un qualsiasi mercatino dell'usato e poi te ne accorgi.Sei il primo che mi dice che è una ciofeca,ed è strano che sia quella che passava di mano in mano,visto che all'anno non ne circolano nemmeno dieci in Italia.Vabbè.ciauz
Rispondi
Re:Idea Alternativa
di camp - user #8166 dal 06/08/2005 | 30/12/2007 @ 22:0
Io di Toscano ho solo che mangiavo i salamini di cinghiale. E che lo zio mi portava dell'ottimo Chianti, Non senti la ERRE piacentina? Piacentini ladri e assassini. Io sapesato? Mah..se è quella chitarra, con la tastiera poco bombata, i tasti jumbo e anche un pickup doppia lama (forse aggiunto) oltre ad un humbucker.. be',, è una di quelle tipiche Fender moderne che al primo colpo non fanno una brutta impressione..ed anzi la fanno abbastanza buona perchè si teme sempre di peggio. Ma dopo pochi minuti rivelano la loro pochezza armonica ed i lotro limiti quanto a pasta sonora.. Comunque in genere sono utili a chi fa un po' di tutto con piglio moderno. Più di tanto non danno ma se sai suonare decentemente, mascheri sempre. Diciamo una Fender che può far comodo se si chiude un orecchio. Ma mica c'è da vergognarsi: siamo nella media delle FEnder attuali.
Rispondi
Re:Idea Alternativa
di camp - user #8166 dal 06/08/2005 | 30/12/2007 @ 22:2
p.s per essere corretti, quella chitarra pasava di mano in mano pechè appartneva ad un cantautore rockeggiante nonchp chitarrista solsita con band che l'aveva prima prestata ad un amico comune, il quale l'aveva poi passta ad un altro amico che stava pensando di acqusitarla in quanto il prezzo poteva essere interessante. Non so perchè il proprietario se ne sia stufato, dato che la faceva suonare in modo adeguato alla bisogna, cioè appunto un suono sul moderno, tendenzialmente nitido anche sui distorti. Ma credo che la venda proprio perchè desidera una chitarra più risonante e timbricamente ricca. Ciao. p.s. ed è vero che ne circolano poche ma non credo che abbiano quotazioni molto alte.be', ora speriamo di sentire qualche nuovo contributo sulle casse.
Rispondi
Re:Idea Alternativa
di FiloFirenze - user #13232 dal 02/09/2007 | 30/12/2007 @ 22:2
Bah...mi piacerebbe davvero fartela provare,considerando che a tutti i possessori di Vintage Fender originali a cui l'ho fatta provare è sempre piaciuta più dell'immaginabile.Boh. Comunque la quotazione è più o meno di 2000,ora come ora.E per fare rock siamo a livelli ottimi,fidati,di chitarre ne ho avute diverse,anche di quelle che possono piacere ai feticisti di liscio come te (scherzo) Ciao
Rispondi
Re:Idea Alternativa
di MR.T - user #263 dal 17/05/2002 | 31/12/2007 @ 02:3
Guarda, sul floyd mi fermo qui, tanto ho capito come la pensi, sei rimasto negli anni'80, buon per te che se accendi la televisione a casa tua danno ancora il drive in! ;-)A me sembra che i tempi del floyd siano finiti...tant'evvero che anche la eccezionale Strato Sambora non la fanno più.Ritornando al vecchio articolo sulle Dragoon, c'è gente che dice di tirare fuori il suono di due 4x12' da una 2x12', e sarei io quello che dice castronerie?? Leggi che due speakers da 25w reggono 100w...chi è che dice castronerie?? NO, sul serio, fammi almeno un misero esempio di un discorso MIO che non torna e vengo di persona a firenze a pagarti la colazione da Pascoski!Ribadisco quello che ho scritto, perchè l'ho scritto dopo aver visto coi miei occhi e ascoltato con le mie orecchie, l'asprezza e la sufficienza sono arrivate in seguito!Mi piacerebbe molto potermi ricredere (riguardo alla costruzione della cassa, perchè sui dati dichiarati e le parole usate per venderle ormai c'è poco da aggiungere...), quella cassa era di sicuro una delle prime costruite e c'era margine di miglioramento, ma da quel giorno non ho più avuto l'onore di vedere casse Dragoon all'interno.Io non mi diverto a smerdare nessuno, apprezzo il lavoro artigianale perchè sono io stesso artigiano, e oltre a lavorare tutto il giorno nel mio laboratorio, passo mezza nottata a rispondere alle e-mail (se qualcuno parla male di me o dei miei prodotti sono ben contento di rispondergli personalmente)...con questo però non credo di essermi guadagnato il diritto a vendere i miei prodotti per quello che NON sono.Eppoi, ti ripeto la domanda a cui non hai ancora risposto, chitarrista stanco delle "vecchie casse di legno coi coni", dove sta l'innovazione? Come dev'essere fatta la NUOVA cassa per chitarra?ciao Mr.T
Rispondi
Re:Idea Alternativa
di FiloFirenze - user #13232 dal 02/09/2007 | 31/12/2007 @ 04:0
Magari sarò anche fermo agli anni 80',ma non mi venire a dire che altri non siano fermi agli anni 50' e 60'.Un esempio facile facile? Strato reissue,ampli rigorosamente fender o Plexi,pochi pedali analogici (Ts9,wha Vox,delay analogico da slapback). Ad oggi nei maggiori forum sei ti azzardi ad andare fuori da questi sacri graal sei linciato da uno sciame di pseuodovintagemaniaci. "E l'ampli non è point to point" "e il pedale è digitale,ihh che schifo" e così via.Ma come si fa a ragionare con questi bacchettoni? Per quanto riguarda le Dragoon,quando vuoi vieni a casa mia,ci si fa una birra e si fa un confrontino facile facile con una Marshallona,una ce l'ho sempre perchè prima di venderla aspetto che il prezzo si condisca per benino.Nemmeno io all'inizio credevo alla superiorità di una 2x12 su una sorella maggiore,poi le ho provate per bene e che dire,va dato a Cesare quel che è di Cesare,suonano meglio in tutto: presenza,definizione,bassi (finalmente ho scoperto i VERI bassi),tridimensionalità,comodità d'uso (la mia,che è la più pesante della serie va sui 16 Kg se nn erro)e possibilità infinite di regolazioni (mono,stereo,invertire la fase,4 e 16 ohm,half back,open back,etc etc).Che non suoni meglio di una 4x12 lo affermi te,è un tuo giudizio personale da non possessore e da non conoscitore approfondito dell'oggetto (scusami,ma avendo passato ore e ore col Giniski almeno questo privilegio me lo concederai). Non essendo un tecnico nè un ideatore di casse,mi ritengo più che ampliamente soddisfatto della Dragoon (a breve seguita a ruota da un'altra) che,visto che me lo chiede,ha innumerevoli vantaggi e caratteristiche innovative: il fingerjoint ,presente sicuramente anche su quella che hai provato te,visto che non esiste Dragoon sprovvista,la volumetria interna della cassa,la possibilità di renderla open o half open back in una frazione di secondo e poi la griglia con i jack posteriore che consente il settaggio a 4 e 16 Ohm,più le uscite per invertire la fase (geniale)e i collegamenti per altre Dragoon in seriale e parallelo.Detto questo,ad oggi non ho mai sentito una cassa che suoni in questa maniera e che renda giustizia alla dinamica ed ai settaggi dei varii ampli a cui viene di volta in volta collegata. In chiusura,ti posso pure dire che magari io sono la più grande schiappa della terra ma gente come Doug Doppler (Dragoon+Floyd),Satriani,Vai,Van Halen(Floyd),Castellano,Quaini(su alcune chitarre Floyd,poi sempre e solo Dragoon) pischelli non sono, eppure i prodotti di cui parlo li usano e li sfruttano per bene.Il floyd sarà anche una stronzata,ma tanti chitarristi di tutti i tipi continuano ed hanno fatto per anni la storia con questo "ammazzavibrazioni".Con questo non voglio dire che il vintage tremolo non vada bene,lo uso anch'io su altre strato,ma non mi si può venire a dire che è inutile e sorpassato il floyd,non lo è nè l'uno nè l'altro,tant'è che sono entrambi ancora prodotti in serie su un numero esorbitante di chitarre (Ibanez,Fender,Jackson,Musicman,fino a poco fa Tom Anderson,Suhr,etc etc).Sono semplicemente indirizzati a situazioni diverse. Sulla Sambora non sto neanche a discutere,la mia è un chitarrone punto e a capo,il miglior manico che abbia mai provato su una Strato unito ad una possibilità molto vasta di combinazioni sonore:si passa in scioltezza da un bel hard rock ad un blues texano,sempre che non ti cavilli la testa a vedere le stelle sulla tastiera mentre suoni a là Hendrix!! In parole povere (e qui vorrei chiudere,se si continua si fa in privato,anzi,mi piacerebbe incontrarti così conosco un costruttore-dimmi se erro-in più e magari provo qualche tuo pedale) sarebbe bene che qualcuno si sgonfiasse un attimino e cominciasse anche ad aprirsi mentalmente a idee nuove e contesti diversi da quelli rigorosamente sacrali degli anni d'oro 50' e 60',siamo nel 2007 e non è più tollerabile che chiunque non si rifaccia per filo e per segno alla moda di quelli anni non capisca un cazzo mentre gli altri hanno raggiunto la (pseudo) verità. Ciao e buona musicaLunga vita alla strato di woodstock e alle Jem Bad Horsie!!
Rispondi
non c'è speranza
di boogie - user #12603 dal 09/05/2007 | 31/12/2007 @ 14:1
Caro Filo mi sembra evidente che una chitarra con il floyd sti qua non la sanno manco accordare... Guardacaso in questi giorni ho eseguito un test di casse perchè un amico sta registrando un disco. Praticamente abbiamo microfonato V30 e Evm12l ,ognuno nella sua cassa registrando lo stesso assolo per capire quale cono e qual ampli utilizzare;c'era anche una cassa marshall ma è stata scartata immediatamente dallo stesso propietario.Ascoltando le tracce si possono percepire benissimo le diverse caratteristiche e per evitare le solite discussioni inutili non ti scrivo a che conclusione siamo giunti.Tra l'altro...molti locali hanno un'impianto quindi secondo me si può ottenere un risultato ottimale anche con solo 2 1x12 ..basta avere ottimi microfoni e ottimi coni...Il nostro amico camp dovrebbe saperlo, nelle sagre paesane hanno impianti da paura veri e propi ammazzavecchietti!Altrochè 4x12... Ciao Riccardo
Rispondi
Re:non c'è speranza
di camp - user #8166 dal 06/08/2005 | 31/12/2007 @ 17:1
"Il nostro amico camp dovrebbe saperlo, nelle sagre paesane hanno impianti da paura veri e propri ammazzavecchietti!Altrochè 4x12... "Nelle sagre paesane oramai si usano solo cassettine da tre soldi con btutte copie dei subwooferini ( a meno che non si ricorra ai Service) e si usano spesso le basi perchè i gestori le pretendono (Specie nei locali, a dire il vero). Invece, una volta si arrivava anche col fonico e il mixer ben lontano dal palco, ma senza fare gli sboroni. Perchè dei gruppi sboroni che poi fallivano ridevamo tutti come pazzi. Si faceva moderno e solo moderno. Il liscio si è intrufolato pian piano. Almeno in Emilia Occidentale. Da giovani ci portavamo dietro l'hammond e il piano Fender anche se i noleggi ci svenavano.. Avevamo il pullmino, anche scasso, e ci saremmo vergognati di scaricare la roba dalle auto.Nessuno lo faceva, qui. All'epoca, sarebbe stata roba da zingari,. Così come era pacchiano avere il vero e proprio pullman con aria condizionata.Quando è arrivato il Liscio o quando si è imposto in dosi più massicce, ci si son piegati anche i gruppi che facevano tanto il Night quanto le serate Swing tipo estate culturale, diversi dei quali si eran fatti tutto il periodo Rock (non solo BEatles e Creedence bensì anche HEndrix, Santana, Zeppelin, Chicago) suonando in media almeno 3 volte la settimana. E trovavi quella band il cui chitarrista si faceva già i suoi demo coi Revox a 4 tracce negli anni 60 e scriveva canzoni; quella il cui cantante era andato a Sanremo in epoche più moderne(con voce rock); quell'altra il cui saxofonista bluesaggiante e grintosissimo (ma sempre non sborone) si era fatto tutta la trafila come sassofonista di Mina , inclusi i primi successi ed il primo film. Eccetera. Mal che andasse, imparavi qualcosa da qualche fisarmonicista diplomato al conservatorio (non in fisarmonica). LA differenza tra Loro e noialtri che inizialmente ci ritenevamo votati solo al moderno, come vocazione? Semplice: che loro suonavano bene ANCHE il moderno, col piglio giusto, sapendo cosa facevano. Quelli per i quali fare il virtuoso (Volo del CAlabrone, Ciarda...) o leggere a prima vista correttamente un brano scritto in un'altra tonalità era semplicemente un atto dovuto. (gulp!) C'era anche qualche gruppo che faceva scappare o procurava fischi ai complessi numero 1 nelle classifiche italiane che venivano a fare le serate con i buzzurri.Quindi, non so a quel tipo di feste paesane tu ti riferisca. Sei troppo moderno:-))) O forse in Europa sei arrivato un po' tardi;-) Io come casse sono fermo da 15 anni alle MArtin Audio, alle quali in effetti eravamogiunti tardi, come vedi. PErò hai ragione: è il progetto che conta, Come ci disse il tecnico quando ci lamentammo che in quelle casse c'erano woofer RCF! Tu, non so, verso quale p.a. ti sei evoluto? : forse al prossimo p.a. Dragoon? Boh! Piuttosto, hai mica una luce di posizione della Golf? Sono stato invitato da alcuni amici chitarrari. Tra essi, non è sborone nemmeno quello che (senza farsi pubblicità) il suo disco se l'è fatto e pagato a NAshville, solo e soltanto per andare a respirare l'aria giusta pe una quarantina di giorni e vedere come si fanno le cose. Non ti offendi mica se stasera non usiamo le dragoon, vero? Anche se credo vadan bene pure per l'armonica a bocca. Saluti dalla Deep Country e dagli Ultimi, nel senso dei peggiori e meno evoluti della Provincia (felici di esserlo) :-)))))) Per dirti che non sono la persona più adatta a suffragare le tue affermazioni:-))) Ciao
Rispondi
Re:non c'è speranza
di camp - user #8166 dal 06/08/2005 | 31/12/2007 @ 17:5
MA forse il Revox a 4 tracce se l'era fatto nei 70. Comunque di gente che si faceva le sue cose non tanto da balera, con signori registrarori, c'era anche nei 60, non importa il numero di tracce.Buon anno a tutti!campIl senso del post precedente era che Il mondo della musica, anche quella da balera, ha più sfumature di un Floyd Rose:-)
Rispondi
Re:Idea Alternativa
di MR.T - user #263 dal 17/05/2002 | 31/12/2007 @ 14:2
Certi strumenti, progettati bene, non sono mai passati di moda ne invecchiati, altri SI, nonostante ci siano persone CALATE nel periodo che si ostinano a non accorgersene. Poi puoi trovare chitarristi bravi che usano QUALSIASI strumento, questo non vuol dire che lo strumento sia realmente valido, al limite conferma la validità del chitarrista. Ora magari finiamola di parlare di Floyd perchè questo non è il posto adatto.Ma pensi ancora che io queste casse non le abbia sentite? Di cosa sto parlando?? Per me suonano come delle buone 2x12', niente di più. Se vuoi paragonarle a una Marshall in truciolare con 4 G12-T75, allora vince il confronto anche il pannello della mia autoradio...Incredibili le innovazioni: il fingerjoint (ma io ho visto solo colla) esisteva prima della chitarra elettrica, la casse apribili le ha inventate Mesa negli anni'80, la volumetria... dimostrami la differenza con una cassa Mesa Rectifier 2x12'o una mezza 4x12'??Ah già, i collegamenti...se è per questo la FBT negli anni'70 faceva casse con i contatti positivi e negativi separati, così da poter fare ogni tipo di collegamento.Siamo onesti dai, se non c'è niente di nuovo sotto il sole ammettiamolo, non bisogna fare per forza gli innovatori prendendo la gente per il culo! Stai ancora parlando delle "casse di legno con i coni" che prima odiavi tanto!!!Se vuoi ci incontriamo, anche perchè mi sa che ora sei te a dovermi offrire la colazione, come minimo...poi chiudiamola qui perchè questa discussione sta diventando ridicola.ciao, buon anno Mr.T
Rispondi
Re:Idea Alternativa
di FiloFirenze - user #13232 dal 02/09/2007 | 31/12/2007 @ 16:3
Carissimo,stai solo confermano quello che ho detto io ostinandoti a non vedere e a non sentire.Parli per partito preso con affermazioni false e tendenziose. Mi sta bene che a te non piacciano,ma per piacere non diciamo cagate: la volumetria interna della Mesa a confronto con la Dragoon è completamente opposta,voui qualche fotina per rinfrescare la memoria?Le faccio e poi te le posto,così guardi quella che te chiami colla che in realtà non è colla ma un liquido apposito (di cui sfortunatamente dimentico il nome) che serve ad evitare qualsiasi dispersione sonora,ed il fingerjoint ahimè,anche se a te scoccia,è innovativo su una cassa per chitarra,se poi lo abbiano utilizzato in altri ambiti non lo so,so solo che con tutti questi piccoli "lacchezzi" queste Dragoon suonano da paura e mettono in fila tutte le altre casse che ho provato a confronto diretto e posseduto. Ti saluto e a presto.Buon 2008 Un saluto anche ai suonatori di liscio toscani e non
Rispondi
Re:Idea Alternativa
di camp - user #8166 dal 06/08/2005 | 31/12/2007 @ 17:4
"il fingerjoint ahimè,anche se a te scoccia,è innovativo su una cassa per chitarra" perlomeno nei combo, il fingerjoint era prassi nei Fender (e non solo) degli anni 50 ed asasi probablimente sino a tutti i primi anni 60l ameno.. E fu ripreso per prima dalla Musicman a fine anni 70, anche per le sole casse (caratteristica che la Musicaman non tralasciava di mettere in evidenza nei depliants). E io il Musicman l'ho avuto per qualche anno.Filo: a parte la contestabilità o meno di quanto affermi, ma non ti rendi conto che il vero problema sta anche in COME dici le cose?Non è per caso che la Dragoon ti paga per farle volutamente una Pessima pubblicità? :-)) U. astutissimo espediente psicologico:) E dai! PErchè per tutto il resto sei simpatico.
Rispondi
Prova di fine anno
di raw - user #9743 dal 23/02/2006 | 31/12/2007 @ 19:0
Ho qui a fianco a me la mia cassa Dragoon con G12H e la mia 4x12 Marshall 1960, quindi nuova generazione, con i V30's (no Marshall - Celestion G12 Vintage). Ebbene, sto facendo un confronto in tempo reale e deduco ancora una volta quello che ho sempre dedotto : la differenza di volume fra l'una e l'altra è di poco ( la 4x12 avra' qualche dB in piu' ). Le due casse hanno speakers con caratteristiche abbastanza diverse : quelli che li conoscono sanno di cosa parlo. La Dragoon è meno estesa sulle alte della Marshall e risponde di piu' sulle frequenze basse della chitarra. La Marshall ha piu' "presence", non so come altro definire la differenza; risponde di piu' sulle acute e non ha molte basse chitarristiche, avra' i bassi profondi che la chitarra forse non prende. Strano il fatto che, racchiuse in questi due diversi "contenitori", i due speakers rispondono esattamente ... al contrario rispetto alle loro caratteristiche : i V30's, che sono piu' scuri di per se', suonano piu' chiari e i G12H che di norma sono abbastanza chiari, suonano piu' ovattati e rotondi. Segno che l "involucro" conta eccome ... Insomma, per le differenze sonore che esistono fra le due casse, PER ME, vince la Dragoon ! La leggerezza e portatilita' spadroneggiano ed il sound è un po' diverso dalla 4x12 ma forse piu' "chitarristico", con quella sua caratteristica velatura sulle alte ed ingrossamento sulle medie, medio-basse che a noi chitarristi piace tanto. Spero di essere stato utile. raw
Rispondi
Re:Idea Alternativa
di MR.T - user #263 dal 17/05/2002 | 02/01/2008 @ 14:2
BLA BLA BLAHai riempito una pagina con discorsi che parlano di tutto e di niente...parli di innovazioni e poi, sempre che queste non si rivelino COSE VECCHIE, non sai nemmeno spiegarle. Parli di chi dice castronerie, quando dovresti essere il primo a tacere... Ancora non sei riuscito a spiegare questo miracolo delle volumetrie...parliamo sempre di casse dalle dimensioni paragonabili, cm più o cm meno, SPIEGAMI cosa sono due volumetrie completamente opposte, misure alla mano, le foto non servono.Dici che hai avuto una Marshall degli anni'70...bene, quella era già finger jointed: SVEGLIA!!!Poi parli di dispersione sonora...ma a che serve mettere un liquido, quando il pannello posteriore è montato volante e non fa nemmeno parte della struttura rigida della cassa?? Quello non disperde niente??Te lo ripeto, se devi continuare sparando sentenze che poi nemmeno sai spiegare, falla finita.Mr.T
Rispondi
Il mio Floyd
di raw - user #9743 dal 23/02/2006 | 31/12/2007 @ 15:2
Ciao, Filo. Ho una strat costruitami anni fa da Mancuso ed ho montato lo stesso Floyd Rose Original dal 93, periodo in cui ero interessato a questo tipo di (rispettabilissima) soluzione. Ti dico solo che, potessi agevolmente farlo, sostituirei il suddetto sistema vibrato con un altro che non taglia in maniera palese, le fondamentali. Gia', perchè è cosi' ... c'è nulla da fare ... è un riscontro oggettivo. Nonostante la mia Strat abbia un corpaccio in Honduras Mahagony, manico in monoblocco d'acero (grassottello) e due bei PearlyGates con single coil Fender al centro, devo dire che potrebbe suonare sicuramente meglio. Avesse avuto un vetusto ponte Fender a sei viti, sicuramente ci avrei tirato fuori suoni piu' grassi, appunto perchè non privati della fondamentale. Per questo, le armoniche superiori credo che spicchino troppo, ma ormai ci convivo nel bene e nel male. Devo dire che un vantaggio, al Floyd, ce lo trovo : quando rompo una corda, riesco a riciclare la stessa e la sostituisco in 60 secondi, senza neanche togliermi di dosso la chitarra e per i miei impieghi, la cosa non è affatto male. Sono d'accordo che sacrificare parte del naturale suono della chitarra, per mantenere accordato lo strumento, io non lo accetto. Questo dipende molto dall'uso che ognuno di noi fa del proprio strumento e del fine sonoro da raggiungere tramite esso. Approfitto per augurarvi un produttivo 2008 a tutti voi, ragazzi ! raw
Rispondi
Re:Idea Alternativa
di guitarservice - user #13829 dal 22/12/2007 | 30/12/2007 @ 15:1
ma, nn so che pensare, .........forse cimentandomi in tesi di fisica del suono otterrei qualcosa in dolcezza e calore di risposta, quello che cerco è il suono vero, nn quelle distorzione tanto in voga oggi, io voglio sentire le valvole che scottano e il legno che urla, niente di piu, nn mi interessa se sto suonando con marshall, masotti , soldano o orange, mi interessa la verità!!!!!!!!!! certo è anche vero che il mio suono l ho trovato con varie cose; le plexi reissue, o con una del 77 o con una metroamp e una artigianale e le mie casse fatte di legno.......ma è altrettanto vero che vorrei scoprire l alchimia delle casse..........
Rispondi
e il mobile dove lo mettiamo?
di robbyboy - user #13010 dal 18/07/2007 | 30/12/2007 @ 19:2
I coni hanno un'importanza fondamentale, ma a volte un buon altoparlante può veder offuscata la sua voce se non abbinato a un mobile (cassa) di cubatura e materiale adeguato, quindi se vogliamo fare dei paragoni, una cassa marshall 1922, con due coni da 12", anche se equipaggiata con i v30, non darà mai un suono particolarmente profondo a causa della cubatura ridotta, in particolare per la scarsa profondità del mobile.Prova le casse Blackshark, sono made in italy, ne ho una con dei celestion V30 (2x12) che ha un suono profondo e tridimensionale, questo anche grazie alla cubatura ben studiata che aiuta a far uscire tutte le frequenze in modo omogeneo.Per gli altoparlanti resto un fedele V30 e quindi non esito a consigliarteli, vanno bene per tutti i generi, non zanzareggiano e in distorsione sono unici.Io lascerei perdere i Ciare e poi quelli da te proposti non mi sembrano propriamente adatti alla chitarra, inoltre sono da 10" , al massimo puoi vedere la produzione Eminence (sul sito Eminence trovi tutte le caratteristiche) per restare su fesce di prezzo ragionevoli.Comunque i V30 sono un bel classicone.Ciao da robbyboy
Rispondi
Re:e il mobile dove lo mettiamo?
di king_buzzo - user #12278 dal 21/03/2007 | 31/12/2007 @ 13:1
grazie per il consiglio, queste blackshark sembrano davvero belle casse! Ecco un'altra che non conoscevo e che potrebbe essere interessante! La costruzione delle casse a livello di legno ecc.. effettivamente è un parametro assolutamente fondamentale.(ormai la discussione è degenerata.. eheh e pensare che tutte queste parole sono nate da una discussione inserita da me per tutt'altri motivi...!)
Rispondi
Re:e il mobile dove lo mettiamo?
di camp - user #8166 dal 06/08/2005 | 31/12/2007 @ 14:0
a questo punto degenero ancora di più : comprati una Telecaster la più rozza possibile (anche assemblata) o una Danelectro che col metal non hanno niente a che vedere. E chi se ne frega se non ha il tremolo. Mettici il tipo di ampli valvolare che vuoi -meglio con ua cassa supplmentare- purchè non sia troppo high gain. sparalo a manetta o anche solo sui 3/4 che forse è meglio. e se qualcosa manca, metti un ottimo distorsore. E poi fregatene di tutto, anche dello stoner metal e del tremolo... Quello che esce, esce:-)) Dopo un po', se qualcosa non ti garba cambia speakers e se non ti basta la Tele aggiungi una Gibson con i P.90. Sarò matto (non sono un telecasterista) ma ho la vaga impressione che alla fine sarai contento. MAl che vada, da vecchio potrai sempre ripiegare sulle ES thinline. Poi, appunto.. i coni si cambiano.. si cambiano ... (madonna, questa mi è venuta proprio un tanto al metro). Buon 2.008
Rispondi
Casse italiane a volontà (DINO or DINOS)
di camp - user #8166 dal 06/08/2005 | 01/01/2008 @ 11:1
A proposito di casse made in Italy, leggere, finger joined, con altoparlanti a scelta e pure con soluzioni estetiche carine: esistono ancora le Dinos fatte il legno massello? Pare di sì: www.dinosguitars.com l'unica differenza rispetto alle prime casse Dinos è che una volta erano in abete ed ora a quanto pare in pino (come le Fender) e che -a quanto vedo- c' è la conferma che ora la costruzione è affidata ad una cooperativa. Io non le ho mai provate. Anni fa, avevo avuto una lunga conversazione con il suo ideatore, che mi aveva chiamato al telefono per chiarire alcuni dettagli che gli avevo chiesto via mai per curiosità.Io gli avevo fatto notare che le sue casse erano un po' costose ma allora ero nella fase "tirare sul prezzo".
Rispondi
qui parrebbe ancora abee (nelle pagine in italiano
di camp - user #8166 dal 06/08/2005 | 01/01/2008 @ 11:2
vai al ink Be'. se non altro, un pizzico di modestia o almeno di simpatia qui e là c'è, no? Leggo che queste casse , prodotte da svariati anni, erano presenti a SGH del 2.006: qualcuno le ha viste?
Rispondi
Re:e il mobile dove lo mettiamo?
di Alexander25 - user #607 dal 30/08/2002 | 02/01/2008 @ 14:5
Ti rispondo qua perchè sono andati a far la cacca fuori dal vasetto un po' tutti. Ti parlo da esperienza personale: i coni Ciare li uso da una vita, ho due coppie di casse singole homemade fatte da mio padre e da Shadow56, quelle "da casa" con i coni da 10' indicati da te, sono parecchio hi-fi(me lo dicono in tanti, ma non so che vuol dire :-) sono ottime a regime bassi di volume, quelle potenti da live invece montano sempre i doppio cono Ciare ma sono da 15' non so se le fanno ancora, ma sono potentissime, 160 W mi sembra a capocchia. Le ho volute singole per avere l'effetto stereo, ma la maggior parte delle volte le uso affiancate come una 2x12, hanno entrambe i set degli scassi per bass reflex che pompano bassi da morire, gli schemi di costruzione sono proprio quelli che trovi sul loro sito.della Framus 2x12 visto il prezzo, anche se non l'ho mai sentita dal vivo, mi sento sempre di consigliarla a tutti. Per come suono io, ci sono andato sempre alla grande per un genere molto simile al tuo. Se vuoi altre info mi puoi anche contattare in privato senza problemi. CiàPS. per come suonano chiedi altri pareri ai Coatti in giro per Accordo! ;D
Rispondi
Re:e il mobile dove lo mettiamo?
di camp - user #8166 dal 06/08/2005 | 01/01/2008 @ 12:2
>>>inoltre sono da 10  in effetti, gli speakers da 10" non sono certo assocaaite al metal; ed a me , con una Strato, piacciono parecchio anche quelli da 15, sebbene possano dare l'idea di essere più "lenti". Però i 10 (in termini di formato) non sono certo da scartare per la chitarra elettrica in generale( quando si suona in gruppo, escono bene e non intasano le frequenze degli altri strumentisti) : ne vedrei un bel quartetto. 2 rischiano di essere pochini. se poi sono FAne alnico, meglio ancora ma costano parecchio. Ripeto: qui siamo fuori dal discorso delle 2x12 indiate per i metal.. ma gli altoparlanti validi vanno sempre citati ( EV inclusi). Buon proseguimento!
Rispondi
altre guerre innescate dai topics sulle casse
di camp - user #8166 dal 06/08/2005 | 01/01/2008 @ 14:1
Ecco una vecchia pagina di Accordo :-)vai al ink 244&mode=nested
Rispondi
Facciamolo davvero, questo punto sulle casse
di camp - user #8166 dal 06/08/2005 | 02/01/2008 @ 16:1
1°) le casse fingerjoined sono tutt'altro che una novità e MAI sono scomparse dal mercato. Semmai, le varie marche si sono talvolta date il cambio nel proporre quella valida soluzione costruttiva (Fender, Marshall, Musicman, boutique amps, modelli Custom Shop o Reissue di un certo livello). 2°) Idem per la scelta dei legni (pino massello, Marine Birch, abete, eventuali essenze esotiche usate per finalità estetiche e persino pioppo italiano per le leggere Buzz Feiten U.S.A. ): tutte cose già viste, indipendentente dal legno prescelto per le casse di cui stiamo parlando.3°) idem per la possibilità di togliere il pannello posteriore (Mesa e non solo): dove sta la novità?3°) Idem per altri dettagli "innovativi" che tra l'altro -sicuramente per rispettabile scelta costruttiva- non vedo nelle suddette casse Dragoon, come gli altoparlanti disassati e il montaggio anteriore piuttosto che posteriore. E ad essere pignoli bisognerebbe parlare anche del materiale di rivestimento delle casse, se la si mette sul dettaglio sopraffino.4°) Se vogliamo restare sui marchi italiani e sul discorso di una produzione pensata con criterio ed i cui principi sono illustrati in modo quantomeno credibile, allora si può benissimo dare un'occhiata alle casse www.dinosguitar.com , perchè il potenziale acquirente ha la possibilità di capire qualcosa di più di quello che potrebbe essere indotto ad acquistare, in fiducia o dopo averle provate in ambienti inadatti.5) Una cosa sono o saranno le casse Dragoon in sè e per sè; altra cosa è il modo a mio avviso capzioso col quale vengono presentate su Internet sul sito del produttore; altra cosa ancora (decisamente peggio!) è il piglio col quale esse vengono incensate da Filo, cioè sullo stesso stile col quale Boogie reagisce a chi mette anche solo in dubbio che gli EV siano gli speakers più indicati o tra i più indicati per il Rock, come se fosse il solo autorizzato a consigliare quello che per lui è il top del top o la scoperta del Santo Graal. Forse ha pensato che il mio post fosse una replica al tuo, anzichè il mio contributo a chi chiedeva informazioni.6) Affermare o leggere (non importa se in questa discussione o su un sito del produttore) che una 2x12 rende meglio di una o persino di 4x12 è quantomeno azzardato. Al limite, e sempre tenendo conto che il gusto personale può trarre in inganno, si può convenire che è meglio godersi una buona 2x12 dotata di un AMPIO cabinet che una 4x12 provvista di altoparlanti decisamente inferiori, oggettivamente scadenti e che non ci piacciono. Ma oltre non si va: due altoparlanti identici o anche simili a quelli di una 4x12, fossero anche montati nel cabinet di queste ultime, non possono avere le stesse prestazioni almeno in tema di diffusione sonora e volume percepito.   ... dopodichè, si può anche apprezzare o ritenere utile il Folyd Rose ma la vostra indignazione perchè qualcuno lo ritiene ammazzavibrazioni è parimenti una reazione caricaturale :-) Tanto che -su questo versante- c'è voluto il parere di un suo più saggio utilizzatore per farvi venire il dubbio!Datemi retta, Boogie e Filo: se non cambiate atteggiamento ed argomentazioni ( a meno che non lo facciate con spirito goliardico, così per ridere), farete solo del male ai prodotti di cui siete entusiasti. Per l'appunto, come diceva Boogie: no chiacchiere!campp.s. le famose delucidazioni sulle volumetrie?
Rispondi
Cassa Laney w/Celestion
di king_buzzo - user #12278 dal 21/03/2007 | 06/01/2008 @ 22:1
Grazie ancora a tutti per i numerosi consigli!(anche se spesso si è andato molto oltre il senso della discussione..!)Comunque ora vorrei sapere dei pareri su una cassa Laney modello GS 412 IAlaney.co.uk> la quale monta coni "targati" sempre Celestion ma non V30 bensì Seventy 80celestion.com>.Qualcuno di voi la conosce o comunque può parlarmene magari commentando e "spulciandomi" anche le caratteristiche dei coni?grazie mille!
Rispondi
Re:Cassa Laney w/Celestion
di wolfinthedark - user #13696 dal 29/11/2007 | 16/01/2008 @ 16:0
Ciao, ultimamente mi sono molto interessato ai coni, soprattutto celestion, provandone diversi e studiandone le caratteristiche, la differenza tra i vintage30 e i seventy80 è abbastanza grande, i v30 fanno parte di una serie di qualità, gli S80 invece fanno parte della linea economica e costano pochissimo anche nuovi..il suono è un pò peggiore ed il volume a parità di potenza è dimezzato, questo xkè i v30 hanno una sensibilità di 100db contro i 97db dei S80, considera ke ogni 3db il volume raddoppia..riguardo ai coni PH250 diffiderei, sono di soli 10" quindi piccoli, hanno una sensibilità di soli 96db quindi ancora meno dei S80.. spero di averti aiutato.
Rispondi
Framus
di Peterpanico - user #9724 dal 20/02/2006 | 19/01/2008 @ 10:4
Lascia perdere la Laney,prenditi una Framus,magari dalla Germania come ti è stato consigliato più sopra,e come ho fatto io,una bella 2x12",con i Vintage 30 arrivata in 3 giorni per 320 Euri ;-) Una "schifosa" Marshall costa almeno 460...vedi te! Rigurdo "finger jointed" (in italiano incastri) dato che il legno lo lavoro tutti i giorni,parliamo come mangiamo,è meglio :-) sono stati inventati forse nel Medioevo,riguardo il materiale costruttivo per i cabinets,la soluzione migliore sarebbe il "cemento" in quanto inerte,appunto; (naturalmente sarebbero molto poco pratici!)  non è il cabinet che deve vibrare o risuonare,ma il cono,il cabinet deve essere il più neutro possibile,quindi evitare come la peste cabinet di legno massello (che poi si "muove" pure) ed ecco perchè l'incastro era preferito come unione dei fianchi,perchè non c'erano listelli,viti etc..etc.. che appunto possono ingenerare vibrazioni,ed è un processo più costoso da realizzare; naturalmente per l'HI-FI questo è perfetto,per la chitarra dato che il "suono" ha caratteristiche diverse,possono andare bene anche soluzioni diverse ( vedi open backs etc..etc..) in genere per i cabinets viene utilizzato l' MDF ( mediodenso) robaccia che però non risuona molto quindi OK.;-)
Rispondi
Re:Framus
di camp - user #8166 dal 06/08/2005 | 28/01/2008 @ 15:4
>> I costruttori di repliche Tweed ti uccideranno ;-)))>> Vero. E poi le casse realizzate magari con doghe massello laccate a mano e ambizioni da mobile in arte povera o rococò non mi mandano in visibilio. Però l'MDF è proprio tristanzuola, anche per l'HI-FI.:-)
Rispondi
ops (per Peterpanico)
di camp - user #8166 dal 06/08/2005 | 28/01/2008 @ 15:5
Nel mio post precedente, mI si son cancellate le tue citazioni riguardo all'incastro a coda di rondine, al messello per gli ampli epr chitarra e all'MDF per le casse Hi-FI. Ma certo avevi capito.Ciao:-)
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Dieci elettriche iconiche
di alberto La chitarra elettrica tocca l'immaginario, infiamma gli animi e trasforma il...
Pedali, alimentatori, una soluzione economica e un mistero risolto
di JoeManganese Gli alimentatori professionali sono ottimi, ma costano davvero tanto. Se non si...
Quando ha un nuovo disco, anche Gilmour scomoda i Beatles
di RozzoAristocratico Nominare i mostri sacri è un'ottima tecnica per far parlare di sé in...
Lo Speaker
di svalvolman L'altoparlante giusto può esaltare il suono del tuo amplificatore così come...
Yamaha Pacifica 604: pochi soldi spesi bene
di Burats Ogni tanto capita di restare colpiti da strumenti economici e un po' datati. A...

Hot licks
Palestra per bending di redazione
Spazio ai principianti con un fraseggio rock blues che li aiuterà a mescolare tra loro pentatonica maggiore e minore....
Nello stile di Jimmie Vaughan di redazione
In un blues il turnaround sono le due misure che precedono un nuovo chorus e rappresentano un momento risolutivo...
Quanto una pentatonica si arrabbia di redazione
Quanto ci piace farla innervosire questa pentatonica! Un fraseggio stizzito e pungente che aiuterà - soprattutto i...
Slide elettrico: suonare più pulito con il damping di redazione
Smorzare la vibrazione delle corde non impegnate a suonare una melodia è fondamentale per un risultato pulito e...
Usare l'accordo di min7/b5 di Dodo80
Lasciamo la cattedra di Didattica al nostro lettore Dodo80. Dodo ci propone un approfondimento dell'accordo...

I vostri articoli
Supro JB Hutto: quanto vale la vetroresina? di biggiorgione
Il vintage è fatto di qualità liuteristica ma anche di storia. Un pezzo di vetroresina dall'aspetto avveniristico...
Lo Speaker di svalvolman
L'altoparlante giusto può esaltare il suono del tuo amplificatore così come quello sbagliato può rovinarlo,...
Tutto quello che avreste voluto sapere sui rumori di dedo
Sapersi muovere tra alimentatori, cablaggi e schermature è fondamentale per assicurarsi un rig performante e...
La mia prima Stratocaster di Baconevio
Un colpo di fortuna può portarti a casa la chitarra dei tuoi sogni per pochi soldi e fornirti un buon passatempo...
La S@ponetta che conquista di Andrea_98
Il nuovo plettro stampato di Steve Tommasi è arrivato. La Essetipicks S@ponetta si caratterizza per uno spessore...

Lezioni di basso
La tecnica è al servizio della versatilità di dadoneri
Essere un musicista versatile non significa esclusivamente sapersi destreggiar senza problemi tra diversi generi...
In cinque come i King Crimson di redazione
Un’altra lezione per basso e batteria. Lorenzo Feliciati e Lucrezio De Seta ci propongono una serie di studi per...
Arpeggi: studiare & ascoltare di dadoneri
Basso. Lavoriamo su un metodo efficace e solido per colorare i nostri accompagnamenti con fill e fraseggi. Sarà...
I due che suonano in cinque di redazione
Lucrezio de Seta e Lorenzo Feliciati iniziano il loro ciclo di lezioni per batteria e basso. Una serie di appuntamenti...
Groove: pensare da batteristi di dadoneri
Basso. In questa lezione parliamo di groove e cercheremo di pensare come batteristi. Prima ancora di preoccuparci delle...

Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964