Home | Audio | Chitarra | Didattica | Lifestyle | Ritmi | People Store | Annunci | Eventi | Valutazioni
Yamaha - Recording Custom Limited Edition
di - user #16140 dal 18/09/2008 |

Per celebrare gli oltre 30 anni (già, ne sono passati proprio trenta) di vita dell'apprezzatissima serie denominata Recording Custom, Yamaha propone un giusto tributo alla serie introducendo un modello Limited Edition. Si propone come una riedizione del primo modello realizzato nel 1980. Guarda caso il suo nome è Recording Custom Limited Edition.

Probabilmente una delle batterie più utilizzate in studio, grazie alle sue caratteristiche sonore particolarmente adatte al tipo d'uso, e altrettanto apprezzata in contesti live. Tanto versatile, quanto stimata e desiderata. La riedizione è proposta in tre colori classici: Hot Red, Mellow Yellow, Stage White, ma disponibile in altri tredici colori su ordinazione.

Il set è composto da cassa da 22" x 16", tom da 12" x 8" e 10" x 7.5", floor tom da 6" x 16" e 14" x 14" e rullante da 14" x 6.5". I fusti sono realizzati in betulla di Hokkaido a sette strati per la cassa, e sei strati per tom, floor tom e rullante, con un taglio del bordo del fusto a 60° (R3). I cerchi sono in acciaio a tripla flangia (1.6mm).

Una riedizione fedele all'originale. Per mantenere coerenza con il modello originale, il mounting system è pre YESS, quindi senza il sistema di sospensione dei fusti. Per attestare la bontà e la veridicità del prodotto, ogni set viene accompagnato da un certificato di autenticità che riporta numero di serie e colore scelto.

Il materiale utilizzato per la realizzazione dei fusti influisce chiaramente nel suono prodotto. La presenza di frequenze basse, ben si accosta al rapido decadimento e all'attacco breve. Frequenze medie e alte ben bilaciate e supportate da armoniche ben controllate. Lo strumento ideale per la ripresa in studio.

Link utili

Altro da leggere
Pubblicità
Triadi & pentatonica: improvvisazione...
E se si potesse suonare con chitarre da 5...
Carl Martin ridisegna il Compressor Limiter...
Galli Electric Guitar Strings: tre modelli a...
Pubblicità
Commenti
batteria stupenda!
di sanpietro - user #26666 dal 18/11/2010 | 08/03/2012 @ 09:5
batteria stupenda!
Rispondi
...ricordo yamaha nominata da mio fratello ...
di Carrera - user #31493 dal 24/10/2011 | 08/03/2012 @ 09:5
...ricordo yamaha nominata da mio fratello più grande come grande marca di strumenti (bassi, chitarre e batterie) negli anni '90... Grandi strumenti da fusion che appunto andava tanto in quegli anni... Sarà questa influenza ma per me che suono rock non so se è la prima marca che andrei a provare....
Rispondi
l'inizio del periodo
di antoniodilorenzo - user #27396 dal 07/01/2011 | 09/03/2012 @ 02:3
più triste per le batterie sono le 9000. delle batterie assolutamente orribili che avevano il solo pregio di essere perfette per essere registrate senza molti accorgimenti con la tecnica (limitata) pre-digitale della fine anni 80 e inizi anni 90. finita quell'era e quella fusion sono scomparse; per fortuna! e ora ritornano!?! pietà! o meglio evviva! così magari il mercato si ripopola di ignoranti che vendevano a pochi soldi le meravigliose batterie vecchie americane per comprare questi obbrobri! Antonio Di Lorenzo
Rispondi
Re: l'inizio del periodo
di Carrera - user #31493 dal 24/10/2011 | 09/03/2012 @ 08:1
Descrizione cinica e feroce...! ;-) In effetti però in quel contesto musicale regnava quel suono glaciale, ultra definito...e una batteria più calda e tradizionale...semplicemente più grossa, sarebbe stata eccessiva. Mi vengono in mente certe cose di Gambale, Patitucci, Weckel...ma persino tanta musica pop e rock aveva quell'impronta! Pure il batterista degli U2 suonava Yamaha, no?
Rispondi
Re: l'inizio del periodo
di antoniodilorenzo - user #27396 dal 07/01/2011 | 09/03/2012 @ 13:3
Lei ha perfettamente ragione! ma è altrettanto vero che appena si è passati al multitraccia digitale quelle batterie sono scomparse: inutile dire che a parte Weckl (protagonista con la Chick Corea Electric band di quel periodo), tutti e dico tutti hanno usato solo ufficialmente la 9000. Vedi Colaiuta (che utilizzava le Gretsch), Larry Mullen (che utilizza i rullanti Brady da sempre tuttora e le batterie Brady in studio e addirittura all'interno della copertina di un disco si vede con una vecchia Ludwig Superclassic nera) e la lista potrebbe continuare all'infinito. la 9000 era una discreta batteria con eccellente hardware (la Yamaha è sempre stata perfetta in questo), e un suono che aveva paradossalmente nei suoi limiti il suo punto di forza. la discussione sarebbe troppo lunga e mi fermo! ho deciso che scriverò un articolo a tal riguardo avendo vissuto in primissima persona quel periodo e avendo in pratica cognizione perfetta di quello di cui parlo. leggerete! Antonio
Rispondi
Re: l'inizio del periodo
di Carrera - user #31493 dal 24/10/2011 | 09/03/2012 @ 15:2
Fantastico!....non vedo l'ora di leggermelo. Grazie! ;-)
Rispondi
'80s
di tucatuca - user #28167 dal 25/02/2011 | 15/03/2012 @ 00:2
Effettivamente più la guardo e può mi sembra una foto d'epoca... :-)
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





A lezione con Ellade Bandini
Cinque groove una storia di eriktulissio
Ellade Bandini continua a raccontarci la suo storia musicale, lasciando la parola alla batteria. Un medley tra i groove...
Ellade Bandini: Un batterista lento, pigro e da turismo di redazione
Descrivendosi Ellade Bandini tratteggia il ritratto deciso e sereno di un vero artista. Una figura di musicista magari...
Ellade Bandini: Suoni & Sensazioni di redazione
Ellade Bandini è capace di trasformare la sua batteria in un libro di avventure di Emilio Salgari. Tra piatti,...
Ellade Bandini: Il ballabile più mosso di eriktulissio
Una serie di appuntamenti esclusivi in cui Ellade Bandini racconta la sua storia musicale e ci regala delle vere...
Ellade Bandini: lo swing di Euro di eriktulissio
Ellade Bandini è uno dei più grandi e importanti batteristi del nostro paese. In questa serie esclusiva di lezioni ci...
Ellade Bandini: i The Champs & la Rumba Rock di redazione
Continuano le lezioni Ellade Bandini che ci racconta, da protagonista, la storia della musica nel nostro paese...
Ellade Bandini: il Twist & la batteria sulle sedie di redazione
Seduto alla batteria, Ellade Bandini ci racconta attraverso la sua storia quella della musica italiana. In questo video...
Ellade Bandini - Le origini e la formazione di redazione
Ellade Bandini, grande protagonista del batterismo italiano, racconta i suoi primi esperimenti con le bacchette, fatti...

Top Set
Il setup di Tony Royster Jr. di gabriele bianco
YouTube iniziava a muovere i primi passi e già Tony Royster Jr. - al tempo appena dodicenne - diventava una Web star....
Il Setup di Charlie Benante di gabriele bianco
Siede al trono ritmico degli Anthrax dal lontano 1982 a oggi. Nonostante sia trascorso tutto questo tempo, velocità,...
Il Setup di Thomas Lang di gabriele bianco
Tanto per il suo stile, quanto per l'energia trasmessa dal suo drumming, Thomas Lang rientra di diritto nella categoria...
Il Setup di Mike Portnoy di gabriele bianco
Per anni - quando suonava ancora con i Dream Theater - si è divertito a sfoggiare dei setup ricchi di elementi (Purple...
Il Setup di Lars Ulrich di gabriele bianco
Fondatore nel 1981 insieme a James Hetfield dei Metallica, è probabilmente uno dei batteristi più discussi del...
Il Setup di Chris Adler di gabriele bianco
Dal 1990 a oggi pesta con arte le pelli della sua batteria alle spalle dei Lamb Of God, band nella quale milita insieme...
Il Setup di George Kollias di gabriele bianco
Batterista decisamente estremo, sia per quanto riguarda i generi musicali nei quali si destreggia con disinvoltura, che...

Interviste
Dixon Revolution Cajón Rack: intervista a Claudio Canzano di gabriele bianco
Un rack studiato per semplificare la vita ai batteristi/percussionisti che a questo aggiunge leggerezza e praticità. A...
Racer Café: Intervista a Erik Tulissio di gabriele bianco
Al Racer Café distribuiscono i... Dolcetti! Un progetto nato dall'estro musicale di due grandi nomi del chitarrismo...
Intervista a Dave Lombardo di gabriele bianco
Molti lo conoscono prevalentemente per aver definito la linea ritmica degli Slayer in tre periodi differenti...
Aspettando RitmiShow Napoli 2014: Naga Distribution di redazione
Gli amanti degli strumenti artigianali, troveranno di che lucidarsi gli occhi (e le orecchie) allo stand Naga...
Intervista a Michael Baker di LaPudva
Con una carriera che abbraccia quattro decenni, Michael Baker ha fatto del low profile la propria cifra umana, ma non...
Vadrum vs V-Drums - Qualche domanda ad Andrea "Vadrum" Vadrucci di gabriele bianco
I vecchi amori non si scordano - diceva qualcuno, così Andrea "Vadrum" Vadrucci a distanza di circa otto mesi dalla...
Intervista a Dave Weckl di gabriele bianco
Quando si parla di Dave Weckl, buona parte dei batteristi entra in un mondo parallelo nel quale si immagina davanti a...
Intervista a Bruno Biriaco di rosarioabramopfp
Se pensiamo a un batterista capace di evolversi dallo strumento alla composizione, sino a diventare direttore...
Quattro chiacchiere con Sergio Pescara di valentinouberti
Abbiamo da poco citato Sergio Pescara in una lezione (Batteria: Shuffle Hard Rock) pretesto grazie al quale abbiamo...
Intervista ad Andrea "Vadrum" Vadrucci di gabriele bianco
Il duro lavoro e la dedizione accompagnati da un grande talento, lo hanno scortato nel percorso che lo ha portato a...

Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964