Home | Audio | Chitarra | Didattica | Lifestyle | Ritmi | People Store | Annunci | Eventi | Valutazioni
Variare una Variax
di Oliver - user #910 dal 21/11/2002 | 03 luglio 2012 @ 07:30

Per chi è attratto dalle possibilità del digitale, la Variax è una gran chitarra. L'elettronica di qualità e la liuteria di buon livello ne fanno un ottimo strumento, ma ad alcuni quell'estetica proprio non va giù. La soluzione è dietro l'angolo.
Come immagino sia successo a molti di voi, anch'io sono stato incuriosito dalle chitarre che offrono la comodità di disporre, perlomeno in teoria, di tutti i suoni, ma proprio tutti (e di più), con un semplice click. Con ricorrenza regolare la mia scettica attenzione si è ridestata su questi magici strumenti, non perché mi fidassi più di tanto delle promesse del marketing, quanto per l'effettiva comodità che, una volta accettati gli inevitabili compromessi, questi aggeggi possono dimostrare nell'utilizzo dal vivo.
E così, in concomitanza con la vendita di uno strumento, ho deciso di cogliere l'occasione per togliermi curiosità e sfizio.
Tanto, se ne fossi rimasto deluso, l'avrei potuta rivendere.

La signorina è una Line6 Variax 600, ormai da tempo fuori produzione ma con il cervello che non ha nulla da invidiare a quello delle sue più recenti discendenti. La liuteria è buona, sui livelli di una Fender USA Standard, e i suoni sono decisamente validi e vari.
Certo, suonare una vera Les Paul, una 335, una Guild 12 corde o... un banjo è tutta un'altra cosa a livello di feeling, ma sul palco o in registrazione le differenze difficilmente giungono all'orecchio. Il suo lavoro lo sa fare.
Ma di questo si è già parlato -e polemizzato- e il motivo per cui scrivo è un altro.

Ogni tanto vengo preso da un raptus, un'idea mi si insinua in testa e non riesco a togliermela, anche se so che questo comporterà fatiche, imprevisti e maledizioni in diverse lingue, conosciute e non.
Preso atto che la chitarra suonava sostanzialmente bene, e visto che sarebbe definitivamente rimasta mia, dovevo assolutamente risolvere un altro aspetto, del tutto personale: la forma di quel body, e ancora di più di quel battipenna, che proprio non mi andavano giù.


Ok, non sarà un aspetto fondamentale, ma ci dev'essere qualcosa nel cervello di noi maschietti che ci impedisce di separare del tutto la forma dalla sostanza. E sapete bene quale sia l'esempio più calzante e significativo.
Beh, per me è così anche per le chitarre. Mi piace che siano anche belle, che ci posso fare?
Le linee di una Stratocaster sono perfette e sexy. Non resisto.

Sapendo che Warmoth produce parti di ricambio (costose ma eccellenti) anche per le Variax, mi fiondo sul sito per scegliere il mio nuovo body e... constato con enorme delusione che esistono ricambi per la serie 300, ma non per la 600.
Ma, guarda che combinazione, ho in casa proprio un body Stratocaster, una roba da pochi soldi ma ben fatta, e di un bel vintage white. E (quando si dice il caso) in un cassetto giaceva ancora una bella porzione di foglio per battipenna tristrato rosso tartarugato, più che sufficiente per ricavarci un nuovo scratchplate custom, dato che la posizione dei controlli e il cuore elettronico della Variax non si adattano alle misure canoniche Fender, seppur di poco.

Preso quindi il coraggio a quattro mani, smonto la digitale creatura per vedere come è fatta e che s'ha da fare.
L'operazione non è complessa, anche perché la parte più temuta, che riguardava i numerosi e complessi collegamenti elettrici, si è rivelata molto semplice, grazie a un intelligente impiego di comodissimi innesti a incastro. Niente saldatore, quindi.

L'espianto del cuore digitale, delle connessioni esterne e del ponte L.R. Baggs è stato quindi piuttosto rapido e indolore.
Quasi quasi non serviva nemmeno l'anestesia.



Ho deciso di non trapiantare il vano batterie, visto che utilizzo la chitarra solo attraverso l'alimentatore esterno, che si occupa anche di smistare i segnali all'amplificatore per chitarra o al mixer (per i suoni acustici).
Dopo una serie di verifiche e misurazioni, il nuovo corpo era pronto per la fresa.


Mezz'oretta dopo (e una imbarazzante quantità di segatura dopo), il body era pronto per ricevere i nuovi organi.


Il caro, vecchio traforo che mi accompagna dalle scuole elementari ha poi fatto il suo egregio lavoro per sagomare il nuovo battipenna.
Una semplice lama di cutter, passata ripetutamente sul bordo con un'angolazione di una trentina di gradi, è bastata per rifinire il taglio e mostrare le filettature bianco/nere dei contorni.


Fin qui tutto facile, sembra. Non esattamente, perché ho omesso tutti gli imprevisti che regolarmente si verificano. Infatti non capisco perché ci si ostini a chiamarli imprevisti. Dalla punta della fresa che non arriva alla profondità necessaria, alla fresatrice che non trova una sufficiente base di appoggio, alla vernice che si scheggia, al fascio di cavi che rimane schiacciato tra body e telaio metallico, al foro troppo piccolo per il passaggio dei connettori, etc. etc.
Tutto questo mi costerà a occhio e croce un paio d'anni di purgatorio in più.

Ma ce l'ho fatta, e tutto funziona.
E ora mi piace moltissimo, con la conseguenza che la userò più spesso e più volentieri.
Naturalmente, non poteva mancare una oliverata finale.
Il battipenna vuoto era davvero troppo strano. Così ci ho appiccicato dei finti single coil (Noiseless, per giunta) ritagliati da un foglio di plastica adesiva color crema.
Ok, fa ridere, eppure dalla distanza di un metro nessuno ci fa caso ;)


E adesso vado a suonarmi War Pigs con un suono da banjo.
fai da te
chitarre elettriche - line 6 - variax - 600

Link utili

Altro da leggere
Pubblicità
Fai-da-te, speaker emulator e pillole di...
Riparare un body scheggiato...
Modificare la Gretsch 5420T da ponte pinned...
Analisi di un delitto...
Pubblicità
Commenti
complimenti
di cek_sound - user #2683 dal 16/10/2003 | 03/07/2012 @ 08:46:00
complimenti : lavoro "coraggioso" e ben fatto.
Quindi sostanzialmente il manico ha lo scasso / attacco / posizionamento viti "standard strato".
Una cosa solo : togli le etichette finto pickup. Secondo me è interessante e strana proprio perchè si distingue per questo motivo da una strato reale! cek ;-)
Rispondi
Grazie. Sì, il manico ha ...
di Oliver - user #910 dal 21/11/2002 | 03/07/2012 @ 11:14:28
Grazie.
Sì, il manico ha le misure standard Fender, non è necessario alcun adattamento.
Per i finti pickups ci penserò: la soluzione "adesiva" ha il vantaggio di essere totalmente reversibile ;)
Rispondi
Mito Oliver! :) complimentissimi per ...
di zef65 - user #18431 dal 14/03/2009 | 03/07/2012 @ 09:54:32
Mito Oliver! :)
complimentissimi per il lavoro. in effetti il body Variax originale non è bellissimo.
Verrebbe quasi da chiedersi come sarebbe trapiantare solo l'elettronica su dei legni normali..
Una curiosità: come trovi sia il legname originale? ho letto l'articolo ma se potessi dire qualcosa di più..ero molto tentato anch'io di prenderne una usata proprio per quei suoni alternativi che mi mancano ;)

ciao Fabio
Rispondi
A livello di legni e ...
di Oliver - user #910 dal 21/11/2002 | 03/07/2012 @ 11:22:48
A livello di legni e liuteria la serie 600 è assolutamente comparabile ad una Fender di media qualità, e la chitarra funzionava bene anche prima dell'operazione.
Il manico è ben fatto e dimensionato, con venatura fitta, regolare e rettilinea: non avrei motivo di sostituirlo. Da quel poco che la vernice coprente e la schermatura lasciano intravedere (in pratica solo lo scasso del manico), il body si direbbe in ontano. Una strato standard, insomma.
Rispondi
ottimo !!
di stefano58 - user #23807 dal 12/04/2010 | 03/07/2012 @ 10:04:56
Queste all-in-one mi stuzzicano parecchio , specie se si devono affrontare situazioni diverse in un solo concerto.Hai fatto un lavoro davvero esemplare e appetitoso , ho una vecchia hondo stratoforme che giace in animazione sospesa in attesa di tempi migliori , se trovo una variax usata ti chiederò lumi.....ma il manico si è adattato o hai dovuto lavorarci su per innestarlo ? Altrimenti penso si possa comunque trasportare l'elettronica intera nel nuovo corpo compreso di manico .
O no ? Grande Oliver :-))))))))))
Rispondi
:) Nessun adattamento per il ...
di Oliver - user #910 dal 21/11/2002 | 03/07/2012 @ 11:28:38
:)
Nessun adattamento per il manico, le misure sono standard.
Se però sai già che della chitarra utilizzerai solo l'elettronica, ti conviene cercare una Variax 300: il "cervello" è lo stesso, ma costa decisamente di meno. La liuteria -dicono- è decisamente meno curata, ma non ti servirebbe. L'unica differenza importante sarebbe il ponte, che nelle 300 è fisso, mentre nelle 600 è un vibrato analogo allo standard Fender. Nulla vieta, però, di trasferire su un vibrato normale le sellette piezo del ponte Variax ;)
Un po' laborioso per il passaggio dei cavi, ma fattibile.
Rispondi
Idolo!
di lazydaniel - user #28418 dal 11/03/2011 | 03/07/2012 @ 10:47:14
Complimenti per l'intervento, davvero ottimamente realizzato.
Io ho il basso Line 6 Variax e pensavo di effettuare un intervento di sostituzione del battipenna.
I pomelli dei potenziometri e del selettore di modello si rimuovono come quelli di uno strumento "normale"?
Ciao e grazie,
Daniele
Rispondi
Sì, i pomelli sono inseriti ...
di Oliver - user #910 dal 21/11/2002 | 03/07/2012 @ 12:51:56
Sì, i pomelli sono inseriti a pressione, come le comunissime manopoline Fender.
Basta sfilarli tirando verso l'alto, eventualmente facendo leggermente leva con un cucchiaino se non ci si riesce solo con le mani.
Rispondi
Libro sul Traforo
di lazydaniel - user #28418 dal 11/03/2011 | 03/07/2012 @ 14:23:28
Grazie Oliver,
in tuo onore ho acquistato un libro sul traforo :-)
voglio proprio imparare a usare quel seghetto a U, da piccolo me l'hanno regalato ma nessuno mi ha insegnato come usarlo :-) Poi sarà la volta della fresa per gli scassi impegnativi :-)
Pian pianino imparerò a fare questi lavoretti su chitarra e basso elettrico
Rispondi
Ah, il traforo è un'invenzione ...
di Oliver - user #910 dal 21/11/2002 | 03/07/2012 @ 16:05:46
Ah, il traforo è un'invenzione formidabile.
Ci si fanno cose impensabili, una volta che si impara a non romperne la lama ogni due/tre centimetri di taglio :)
Rispondi
Favolos
di memecaster - user #27954 dal 11/02/2011 | 03/07/2012 @ 12:39:25
Favolosa!!! Davvero un bell'intervento! Adesso mi vien voglia di cercarmi una 300...
Rispondi
fammi capire: non ti piaceva ...
di stono - user #11272 dal 27/10/2006 | 03/07/2012 @ 13:02:3
fammi capire: non ti piaceva l'altra dal punto di vista estetico, mentre ti piace questa che hai fatto?

di la verità, non sei più astemio! :-)

ma dai Oliver, sono uguali! che cazzo di differenze ci sono? Io non ci vedo differenze sono praticamente uguali (orribili dal mio punto di vista entrambe) :-)

comunque complimenti, mi piacerebbe sentire come te la suoni.

alberto

si fa per ridere neh!
Rispondi
De gustibus non disputandum est, ...
di Oliver - user #910 dal 21/11/2002 | 03/07/2012 @ 13:38:00
De gustibus non disputandum est, però mi sa che nei classici giochini della Settimana Enigmistica (trova le differenze) non devi essere proprio fortissimo ;)

Riguardo al "come suona", ci sono decine di ottime e credibili demo sul web, mentre sul "come me la suono" ho deciso che per questa volta vi avrei magnanimamente risparmiato.
Rispondi
Azz sei peggio del dr.Frankenstein.
di Pearly Gates - user #12346 dal 31/03/2007 | 03/07/2012 @ 13:44:28
Azz sei peggio del dr.Frankenstein!

Lupo ululà....e castello ululì!

Ma come diavolo parli!

E' lei che ha cominciato!

http://www.youtube.com/watch?v =7Hz3IEQ1dVM

Potrebbe essere peggio...potrebbe piovere!

http://www.youtube.com/watch?v =olKKWG3HwOg
Rispondi
Mitico. ...
di Oliver - user #910 dal 21/11/2002 | 03/07/2012 @ 13:51:04
Mitico.
Rispondi
Già che c'eri... potevi cambiare ...
di Salomone - user #34653 dal 23/05/2012 | 03/07/2012 @ 13:49:37
Già che c'eri... potevi cambiare anche il manico... fa un po' senso il corpo di una Strato e il manico di una Variax!!! :-)))
Rispondi
Ovviamente lo avevo preso in ...
di Oliver - user #910 dal 21/11/2002 | 03/07/2012 @ 13:54:0
Ovviamente lo avevo preso in considerazione :)
Però il manico Variax è fatto molto bene ed ha un profilo che trovo molto comodo (un po' più tondo del classico "C" Fender). Inizialmente mi disturbava molto quello spigolo in più, ma poi mi ci sono abituato.
Rispondi
Col dremel puoi tranquillamente modificare ...
di PierluigiMaisto - user #20005 dal 14/07/2009 | 03/07/2012 @ 14:02:11
Col dremel puoi tranquillamente modificare lo shape della paletta variax, ormai ci sei e devi andare fino in fondo! :D
Rispondi
Hehehe. Il piccolo, grande Dremel ...
di Oliver - user #910 dal 21/11/2002 | 03/07/2012 @ 15:56:24
Hehehe.
Il piccolo, grande Dremel è stato utilissimo anche questa volta.
Il problema della paletta ha però due aspetti:
1) qualsiasi intervento prevederebbe poi un complicato intervento di riverniciatura che riporti il colore naturale dell'acero alla bella tinta ambrata delle parti verniciate. Not easy.
2) ... e se poi un giorno decidessi di rivenderla, riportandola alla configurazione originale? ;)
Rispondi
Non mi è arrivata la ...
di PierluigiMaisto - user #20005 dal 14/07/2009 | 03/07/2012 @ 20:45:34
Non mi è arrivata la notifica di risposta al mio commento, ho beccato la tua replica per caso!

Direi, ad ogni modo, che alla luce di queste tue correttissime considerazioni, è meglio lasciare tutto così com'è!
Rispondi
sebbene non mi dispiacesse nemmeno ...
di yasodanandana - user #699 dal 26/09/2002 | 03/07/2012 @ 14:21:10
sebbene non mi dispiacesse nemmeno l'estetica originaria, hai realizzato proprio un bello strumento...

una cosa che mi rende perplesso (esteticamente) sono i pick up finti...

se ti faceva paura un battipenna senza pickup, magari potevi aggiungere, che so, un pickup vero al ponte e cablarlo in modo da poter usare la chitarra anche col suo suono "naturale"..

Rispondi
Inizialmente volevo farlo, per ottenere ...
di Oliver - user #910 dal 21/11/2002 | 03/07/2012 @ 16:04:03
Inizialmente volevo farlo, per ottenere una configurazione ibrida come le attuali Variax.
Alla fine ho desistito per diversi motivi: lo "scatolotto" metallico che fissa tutta la parte elettronica non lascia spazio sufficiente nemmeno per un single coil al ponte. Avrei anche potuto eliminarlo, fissando i singoli elementi contenuti direttamente sul legno, ricavando così lo spazio per due pickups.
Però la chitarra ha già talmente tanti suoni (probabilmente molti non li userò nemmeno, le sfumature sono innumerevoli anche senza contare la possibilità di customizzione totale), che l'aggiunta di un pickup mi è sembrata davvero superflua.
Credo che nelle Tyler/Variax i pickups magnetici siano stati introdotti più che altro per rassicurare gli utenti tradizionali, spaventati dall'assenza dei rassicuranti pickups ai quali sono abituati da sempre :)
Rispondi
Verissimo, sono solo un costoso ...
di Alessandro Cerboni - user #73 dal 11/02/2002 | 03/07/2012 @ 17:40:47
Verissimo, sono solo un costoso ansiolitico per tranquillizzare che non ha il coraggio di saltare il fosso, di fatto non si usano mai così come le pile ricaricabili, mai usate in più di 4 anni. Ma lo ammette anche Mr. Tyrell che sono inutili, basta ascoltare i suoni di test nel sito Line 6 che sono penosi. Comunque un affare per lui che ha strappato un contratto per lui lucroso, anche se le vendite sono crollate ovunque. Solo la scarsità di modelli usati e la curiosità dei neofiti le sostiene. Molti, anche liutai, come te fanno incetta per il tranplant su body di altro tipo.
Rispondi
Ha cambiato faccia !! Piace ...
di janblazer - user #26680 dal 19/11/2010 | 03/07/2012 @ 14:32:18
Ha cambiato faccia !! Piace anche a me di più così, dell'originale.
Praticamente quando si usa la fresa l'utensile si "mangia" il legno, non è che lo sega via.. Non deve essere un lavoro per niente facile..
Mio cognato ha una chitarra Alesis che deve essere cugina di terzo grado della Variax e penso non la usi da 10 anni.. quasi quasi me la faccio.. "prestare".. per provare qualcosa di diverso..
Ciao Oliver !
;-)
Rispondi
Beh, per usare la fresa ...
di Oliver - user #910 dal 21/11/2002 | 03/07/2012 @ 16:13:33
Beh, per usare la fresa ci vogliono una presa sicura, un appoggio stabile e un po' di attenzione.
Non si scherza con quella lama che gira ad una velocità impressionante.
Altra cosa: bisogna dimenticarsi di usarla a mano libera: senza una dima, o anche un semplice listello fissato con dei morsetti (per una semplice fresata rettilinea), è sostanzialmente impossibile essere precisi.
Rispondi
tanta tanta tanta roba! ...
di JackDynamite - user #14761 dal 10/05/2008 | 03/07/2012 @ 14:35:11
tanta tanta tanta roba!
Rispondi
Personalemte mi piace la vecchia 600 comunque ....bravo!
di Alessandro Cerboni - user #73 dal 11/02/2002 | 03/07/2012 @ 14:54:37
La vecchia 600 si fa apprezzare nell'uso più di altri modelli e sicuramente più delle nuove Tyrel Vaiax che constano senza dare nulla di significativo. Comunque bravo per l'intervento e il coraggio di provare. Ormai molti hanno fatto come te mettendo, specie nelle strato, l'elettronica della variax. Rimango dell'idea che il trapianto meglio riuscito è la Parker Fly di Adrian Belev che ha messo Variax, più il sitema GR Roland e il sustaniac della Fernandez. Per ispirarti tempo fa avevo postato questo link dove si sono sbizzarriti a trapiantare l'elettronica Variax in varie forme alcune molto belle.
http://www.transaxeguit ars.com/convertscorner.htm
Mi chiedo perchè la Line 6 ormai non commercializzi direttamente il Kit. Comunque alcuni hanno preferito mantenere le vecchie chitarre come i Metallica e altri personaggi che nascondono il sistema Variax sotto le chitarre di cui sono endorser. Poi aggiungendo un normale sistema esafonico come il Roland, o RMC o i nuovi Graph Tech, alla vecchia chitarra si può montare l'elettronica su un dispositivo rack (http://www.ra ckvax.com/products/rackmount/rackvax-electric) e abbinare la vecchia chitarra alle enormi possibilità sonore della Variax.
La fantasia è il solo limite!
Rispondi
Cavoli, mi ero perso il ...
di Oliver - user #910 dal 21/11/2002 | 03/07/2012 @ 16:29:09
Cavoli, mi ero perso il tuo ultimo articolo. Quelli sì che sono lavori stupendi!
Ma non mi erano sfuggiti gli altri, approfonditi e ricchi di informazioni: sappi che il principale responsabile della mia decisione di comprare una Variax sei proprio tu :)

In effetti la commercializzazione di un kit sarebbe interessantissima. Come lo sarebbe una versione entry level del simulatore Kemper, magari senza le funzioni di campionamento ma con una disponibilità di campioni standard, tanto alla fine il chitarrista medio cerca sempre "quei" suoni di riferimento, e se sono buoni si accontenta e vive felice :) Per i più raffinati, la versione completa.
Rispondi
Kemper e profili!
di Alessandro Cerboni - user #73 dal 11/02/2002 | 03/07/2012 @ 17:25:13
Ben detto in effetti anche le prove che ho fatto con il Kemper mi hanno divertito e sto cercando di averne uno a disposizione per fare alcuni esperimenti. Hai ragioni quando dici che un kemper mini, ovvero senza sw profilatore, in cui caricare solo i profili ormai numerosi che sono nel sito, basterebbe ai più. La maggioranza dei chitarristi non ha a disposizione un ampli ideale da cui estrarre il profilo per cui deve arrangiarsi con quelli che trova in internet. Ma a questo punto avresti un coso costoso simile all'Axefx o ai nuovi POD, che in pratica ti offrono dei profili preimpostati. Quello che mi intriga del Kemper è la possibilità di includere l'ambiente nel profilo e vorrei provare con due segnali uno dry di corda base e uno della chitarra tradizionale su un suono clean ho avuto l'impressione che il sw di profilatazione non distinguendo includesse anche il timbro della chitarra. In fondo è così che hanno realizzato le emulazioni della Variax. Anche se uno sviluppo serio del software workbench da parte della Line6 darebbe delle possibilità veramente notevoli. Hai provato a cambiare i parametri come tipo dei legni, valore dei condensatori, altezza del pickup, valore delle resistenze, etc? Riesci ad ottenere emulazioni sempre più precise a prova di blind test. Ovviamente la sensazione non è fisica, il toccare un Variax è diverso come sensazione dal toccare una qualsiasi chitarra diversa come forma, i suoni ci sono.
Sul campo delle emulazioni e delle elaborazioni timbriche sto esplorando le possibilità che hanno alcune macchine da rack come gli Eventide. Vedi l'articolo in cui segnalo che si incominciano a trovare a prezzi vicini ai rack tradizionali. Hanno la possibilità di modificare radicalmente i suoni e di creare un tuo amplificatore ideale che segue i parametri di risposta che vuoi. Non è un'emulazione ma un progetto di profilo timbrico, per questo sono poco usati per queste funzioni, dato che richiedono competenze da progettista di amplificatori ! Sono a livello smanettone ma è un'altro mondo che mi sta aprendo in abbinamento a quello delle emulazioni.
Rispondi
a proposito visto che ami il les paul
di Alessandro Cerboni - user #73 dal 11/02/2002 | 03/07/2012 @ 17:34:36
ti consiglio di provare con il workbench a selezionare i vari body e pickup oltre che il wiring, pooi metti le resistenze e i condensatori giusti e vedrai che riesci ad emulare al meglio i suoni dei tuoi Les Paul Preferiti, anche se sarà un pò buffo sentire un Les Paul sul body (fisico) di una strato! :))))
Rispondi
Non ho ancora il workbench ...
di Oliver - user #910 dal 21/11/2002 | 03/07/2012 @ 17:55:1
Non ho ancora il workbench :)
Me lo procurerò sicuramente, anche perchè immagino già la comodità di impostarmi accordature personalizzate. La ciliegina sulla torta.

Riguardo alla sensazione fisica del suonare, penso che sia lo scoglio che più di tutti tenda a far sottovalutare le potenzialità delle emulazioni. In effetti è difficile pensare di avere un suono da LesPaul con una chitarra che di fatto è una Stratocaster. Ma è più che altro un limite psicologico.
Una volta superato, ci si può divertire.
Rispondi
Workbench è gratis se hai il pod xtl o x3l
di Alessandro Cerboni - user #73 dal 11/02/2002 | 04/07/2012 @ 12:14:15
Lo puoi scaricare dal sito Line 6 e inoltre ti consiglio, se non l'hai già fatto, di fare gli aggiornamenti via internet con il sw Monkey anche alla Variax, nel tempo hanno rilasciato nuove versioni del firmware che hanno migliorato le emulazioni specie delle acustiche e delle 12 corde. Mi portano sempre da sistemare delle variax che sono sempre intonse e come mamma Line 6 le ha fatte, non hai idea di quanti non abbiano mai fatto il set up e gli aggiornamenti. Alle volte basta fare un buon set up e gli aggiornamenti e molti scoprono che quelle "chitarre di plastica" (poi perchè?) suonino molto bene e siano molto più suonabili di molte altre più costose e famose.
Stessa storia per i POD. :)
Rispondi
Non ho ancora l'interfaccia per ...
di Oliver - user #910 dal 21/11/2002 | 05/07/2012 @ 00:18:45
Non ho ancora l'interfaccia per collegare la Variax al computer...
Rispondi
Grande Oliver, neanche a me ...
di RozzoAristocratico - user #17844 dal 02/02/2009 | 03/07/2012 @ 16:44:43
Grande Oliver, neanche a me è mai andata giù l'estetica della Line 6 e così è tutta un'altra cosa, non c'è finto noiseless che tenga!

Un applauso all'autore che oggi, tra l'altro, ha fatto jackpot apparendo in copertina contemporaneamente su due testate (Chitarra e Audio) con due articoli ottimi come sempre!
Rispondi
Che dire... grazie :) ...
di Oliver - user #910 dal 21/11/2002 | 03/07/2012 @ 16:54:14
Che dire... grazie :)
Rispondi
complimenti lavoro stupendo ! secondo ...
di redcapacci - user #33920 dal 14/04/2012 | 03/07/2012 @ 18:19:48
complimenti lavoro stupendo !
secondo me hai fatto bene a mantere qualche parvenza delle vecchie vesti.
in fondo è una chitarra unica adesso, perche mascherarla da una delle solote tante chitarre ?!
dove hai comprato quello stupendo foglio tartarugato ? perche il problema è che costa sempre un pozzo di soldi perche vengono prodotti in italia e poi spediti in america e per questo il prezzo generalmente è cosi alto, non si potrebbe comprare direttamente in italia ed evitare di comprarlo da siti che lo comprano i america che a loro volta lo comprano in italia? per forza poi 20 cm quadri costano 50 euro
Rispondi
Grazie. Il foglio tartarugato l'ho ...
di Oliver - user #910 dal 21/11/2002 | 03/07/2012 @ 18:46:4
Grazie.
Il foglio tartarugato l'ho preso dall'italianissima Musicgallery (cortesia e velocità da record, va detto anche questo), al modico prezzo di 18,50 euro.
Le misure sono 24x41 cm, io ne ho ricavato il battipenna per la variax/strato, uno per la LesPaul Junior e ne è ancora avanzato un bel pezzetto.

(le versioni in bianco o nero costano 8,50 euro)
Rispondi
Forte! Articolo davvero divertente. Mi ...
di dale - user #2255 dal 05/08/2003 | 03/07/2012 @ 19:18:22
Forte!
Articolo davvero divertente.
Mi hanno sempre incuriosito questi strumenti, ma li userei solo per giocarci un po' in casa, ne ho provata una e non mi è piaciuta, non me la porterei sul palco.
Magari in studio si però...
;-)
Rispondi
Capisco, io stesso ero molto ...
di Oliver - user #910 dal 21/11/2002 | 03/07/2012 @ 20:03:13
Capisco, io stesso ero molto scettico.
Mi sono dovuto sostanzialmente ricredere, anche se non arriverà mai a soppiantare le mie chitarre "vere", che mi piacciono troppo. L'ho provata con la band e il mio solito setup, e devo dire che si comporta molto bene. Nelle occasioni in cui ho bisogno di più sonorità, e in particolare di qualche passaggio acustico, posso portarmela senza timore che fallisca. E sicuramente chi ascolta non noterà alcuna differenza.
Riguardo alla registrazione, è il suo campo migliore: si possono apprezzare appieno tutte le sfumature che differenziano un suono dall'altro. Comodissima.
Rispondi
Complimentiiiiiiiiiiiiiiii
di TroppoFunky - user #16807 dal 15/11/2008 | 03/07/2012 @ 21:25:37
Bravo Oliver! Apprezzo sempre molto chi ha il coraggio di osare e tu hai ottenuto un risultato eccezionale.
Complimenti ancora :-)
Rispondi
Grazieeeeeeeeeee :) ...
di Oliver - user #910 dal 21/11/2002 | 03/07/2012 @ 21:58:57
Grazieeeeeeeeeee :)
Rispondi
Però... sarebbe bella anche senza ...
di memecaster - user #27954 dal 11/02/2011 | 03/07/2012 @ 21:25:40
Però... sarebbe bella anche senza i finti noiseless, tanto strana per strana avrebbe comunque il suo fascino. Ci hai pensato?
Rispondi
Mi state quasi convincendo ...
di Oliver - user #910 dal 21/11/2002 | 03/07/2012 @ 21:57:0
Mi state quasi convincendo :)
Rispondi
Volerli montare in una lp ...
di Pinus - user #2413 dal 05/09/2003 | 04/07/2012 @ 00:15:01
Volerli montare in una lp sarebbe osare troppo?
Rispondi
Aaaagh!!!!! Mi è venuto un ...
di Oliver - user #910 dal 21/11/2002 | 04/07/2012 @ 00:25:50
Aaaagh!!!!!
Mi è venuto un brivido.
A parte il fatto che sarebbe davvero laborioso (e che bisognerebbe installare un nuovo ponte piezo esafonico), non sventrerò MAI una LesPaul!!!! :)
Rispondi
:) si fa per ridere, ...
di Pinus - user #2413 dal 05/09/2003 | 04/07/2012 @ 00:37:53
:) si fa per ridere, non sventrerei mai neanchio una les paul, ma ce uno che conosco che ha sventrato una strato jeff beck custom shop da 2800 euro per fare una cosa sumile alla tua! L ' avrei ammazzato!
Rispondi
Non sono alieno ai progetti ...
di Oliver - user #910 dal 21/11/2002 | 04/07/2012 @ 01:00:45
Non sono alieno ai progetti pazzi, ma fino ad un certo punto.
Al suo posto avrei sicuramente comprato un altro body per il trapianto, conservando integro l'originale.
Rispondi
Oliver, sono uguali fidati, due ...
di stono - user #11272 dal 27/10/2006 | 04/07/2012 @ 08:35:15
Oliver, sono uguali fidati, due assi da cantiere e un manico avvitato, l'estetica quando non ha nulla a che fare con la funzione è un dettaglio inutile o viceversa: solo quando l'estetica è la conseguenza di un progetto ideato sulla funzione ha un senso, il resto sono seghe mentali o masturbazioni concettuali. Queste due chitarre sono assolutamente identiche dal mio punto di vista estetico.

ti abbraccio

alberto
Rispondi
Elogio della follia
di mrc.mgg - user #198 dal 01/05/2002 | 04/07/2012 @ 19:31:07
Well done, Oliver

Marco
Rispondi
Bella idea ma...
di angusnoodles - user #13408 dal 06/10/2007 | 05/07/2012 @ 16:10:37
...ma perchè Line 6 non ha ancora pensato a vendere il kit per permetterne il montaggio su ogni tipo di chitarra? Anche per permettere upgrade sulle vecchie Variax... Secondo me farebbe un bel botto... tenendo conto che le vecchie Variax erano uno sfizio... ma le nuove sono davvero molto più impegnative anche economicamente... e poi sono una spesa a "perdere"... tra 10 anni una Les Paul ha un suo più che dignitoso mercato... tra 10 anni una Variax la puoi anche bruciare nel camino...
Rispondi
Da quanto riporta Alessandro Cerboni, ...
di Oliver - user #910 dal 21/11/2002 | 05/07/2012 @ 16:52:3
Da quanto riporta Alessandro Cerboni, che di Variax se ne intende sul serio, gli aggiornamenti ci sono e si possono scaricare gratuitamente.
Mi pare inoltre di capire che il cervello delle Variax sia sempre lo stesso, e che quindi a livello di emulazioni una 300 valga tanto quanto le recenti Tyler/Variax.
Anche secondo me sarebbe interessante un kit, credo però che sarebbe piuttosto complicato per via degli spazi necessari, che richiederebbero comunque una modifica sostanziale del body "ospite", oltre che del ponte.

Riguardo al valore nel tempo sono d'accordo, ma questo non significa che non le si possa comunque suonare anche tra parecchi anni. Venderle, magari, no :)
Rispondi
Sei un mito, Sommo. Mi ...
di diumafe - user #17831 dal 02/02/2009 | 05/07/2012 @ 16:45:08
Sei un mito, Sommo.
Mi ricordi un deficiente di qualche tempo fa: Diu... Diu... come cavolo si chiamava?

Bellissima idea.
Stupenda realizzazione.
Fantastiche intuizioni.
Incredibili soluzioni.

E' da tempo che guardando le Variax (ma anche anche chitarre con un solo picku al ponte) mi veniva voglia dpipiazzarci qualcosa di simile.
Che dire: mi inquino al Sommo... che da oggi in poi diventerà il Moltiplico, visto che trasforma miracolosamente e motiplica chitarre come nulla fosse. Hai un che di miracoloso.

Occhio, però: smiracoleggia oggi, smiracoleggia domani, finisce che t'incrocio per strada... :-D
Rispondi
Diumafe. Si chiamava Diumafe. Altro ...
di Oliver - user #910 dal 21/11/2002 | 05/07/2012 @ 16:58:03
Diumafe.
Si chiamava Diumafe. Altro livello.
Probabilmente ci avrebbe ricavato un battiscopa con la sonorità di una LesPaul.
Rispondi
Mamma mia
di jebstuart - user #19455 dal 26/05/2009 | 06/07/2012 @ 08:37:32
Diuma si è già inquinato. Mi inquino anche io, Sommissimo.
Il bello è che fai sembrare facile quello che facile non è ... :-)


Peccato che sia arrivato tardi nella discussione. Se fossi stato più su avrei cercato di attizzare una discussione sul fatto che avresti dovuto scegliere sagome diverse per i finti PU ;-)))
Rispondi
Troppo inquinamento. Poi daranno la ...
di Oliver - user #910 dal 21/11/2002 | 06/07/2012 @ 09:12:39
Troppo inquinamento.
Poi daranno la causa a me.

Comunque potrei aprire una nuova discussione sui finti pickups.
Anche perchè sono indeciso se sostituire quello al ponte con un finto humbucker, oppure no.
Rispondi
;-)
di jebstuart - user #19455 dal 26/05/2009 | 07/07/2012 @ 16:54:
Ma sei pazzo?
Se metti un finto humbucker snaturi tutto il progetto ...
Al massimo potresti mettere un finto minihumbucker, che modificherebbe profondamente la FUNZIONE.
Rispondi
bel lavoro, ben fatto, utile...anche ...
di mehari - user #25169 dal 29/07/2010 | 06/07/2012 @ 15:15:01
bel lavoro, ben fatto, utile...anche se sei andato nella direzione sbagliata.........
in funzione del dicembre 2012 tutte le elettriche vanno convertite ad acustiche data la futura assenza di elettricità.... per far ciò basta unure una vecchia clarissa classica con un customscipppe fender o gibson, mediante autofilettanti brunite a testa a croce e il gioco è fatto !
se, maya permettendo, la cosa non dovesse verificarsi, goditi la tua digitalizzata....
Rispondi
Cheffigata...
di viabcroce - user #13757 dal 10/12/2007 | 07/07/2012 @ 04:54:36
...le solite cose alla Oliver! XD

Ma sei sicuro che il SW negli ultimi modelli sia uguale? Nelle recensioni che avevo letto mi pare si dicesse che i suoni erano migliorati parecchio...
... Messa in un altro modo: sicuro che quando fai l'update del FW hai accesso all'ultima generazione? :/

Bravo comunque, e complimenti! X)
Rispondi
Grazie :) No, non ne ...
di Oliver - user #910 dal 21/11/2002 | 07/07/2012 @ 12:18:56
Grazie :)
No, non ne sono affatto sicuro perche' sono un assoluto neofita e... non ho ancora l'interfaccia per collegare la Variax al computer.
Ma da quanto ho letto (anche tra questi commenti), sono fiducioso.
Rispondi
Ah, ecco... avevi scritto che ...
di viabcroce - user #13757 dal 10/12/2007 | 07/07/2012 @ 16:53:01
Ah, ecco... avevi scritto che il software della 600 "non ha niente da invidiare" ai modelli recenti... a me risulta abbiano migliorato parecchio ... :/

:)
Rispondi
In realta' e' stato un ...
di Oliver - user #910 dal 21/11/2002 | 07/07/2012 @ 20:49:4
In realta' e' stato un lapsus: intendevo dire l'hardware... :)
Rispondi
... Peccato :p Speravo ...
di viabcroce - user #13757 dal 10/12/2007 | 08/07/2012 @ 20:45:48
... Peccato :p

Speravo di poter risparmiare! ;D

:)
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Ibanez RG 652: incanto sottomarino
di GianniJanaRojatti Ho ricevuto una nuova Ibanez in prova. Si tratta della RG 652 AHM, Prestige....
Nuova data per David Gilmour e senza bagarini
di rockmaniac David Gilmour annuncia una nuova data per la fine dell'estate 2015, con prezzi...
Invecchierà con me
di Onghi Portarsi a casa una chitarra nata il proprio stesso anno fa un effetto...
Mesa Boogie virtualizza cinque ampli
di redazione Dai classici ai modelli più recenti e innovativi, Mesa Boogie unisce le forze...
Gibson SG Vibrola Early 70's
di Snob L'età di uno strumento non sempre va a braccetto con il suo valore, così come...

Hot licks
Paul Gilbert: studenti senza espressività di redazione
“Certi allievi si preoccupano solo di eseguire le cose correttamente. Ma suonare è ben altro. Lo shred? Mi sta...
Più di quel che suoni, conta come suoni di redazione
Grazie a un timing feroce e una meccanica di pennata perfetta, Giacomo Castellano regala vigore anche a uno dei box...
Cesareo: due chitarre in un pollaio di redazione
Cesareo continua a parlarci di quanto sia decisivo – ma anche molto difficile - suonare in una band, tappa...
Triadi: non fraseggi se non le sai di redazione
Alcuni lettori ci hanno scritto per avere qualche suggerimento su come impostare lo studio delle triadi. Ecco alcuni...
Triadi & fraseggio melodico di redazione
Le triadi sono uno strumento prezioso per sviluppare il fraseggio solista in maniera melodica, originale e melodica....

I vostri articoli
Gurus Naked Preamp CH2: oltre ogni pre-visione di Aynrand
Gurus trasforma la testata Naked in una serie di stompbox per replicare il sound dei suoi canali in un comodo...
Wide Range: l'humbucker di Fender-CBS di FBASS
Il Wide Range fu la risposta Fender al PAF Gibson. Disegnato dallo stesso sviluppatore, si differenzia per la...
PRS SE Custom 24 di Petewho
La serie SE è il rifugio di ogni amante del sound PRS con un occhio di riguardo per il portafogli. La Custom 24 della...
La botta dei Sidewinder di FBASS
Dal primo basso a violino ai moderni Grabber, EB Bass e Thunderbird, Gibson ha fatto molta strada nelle quattro corde,...
Gibson ES225: una vita di classe in quattro anni di biggiorgione
In produzione solo dal 1955 al 1959, la ES225 cattura lo sguardo dei fan delle archtop Gibson con il suo mogano...

Lezioni di basso
La tecnica è al servizio della versatilità di dadoneri
Essere un musicista versatile non significa esclusivamente sapersi destreggiar senza problemi tra diversi generi...
In cinque come i King Crimson di redazione
Un’altra lezione per basso e batteria. Lorenzo Feliciati e Lucrezio De Seta ci propongono una serie di studi per...
Arpeggi: studiare & ascoltare di dadoneri
Basso. Lavoriamo su un metodo efficace e solido per colorare i nostri accompagnamenti con fill e fraseggi. Sarà...
I due che suonano in cinque di redazione
Lucrezio de Seta e Lorenzo Feliciati iniziano il loro ciclo di lezioni per batteria e basso. Una serie di appuntamenti...
Groove: pensare da batteristi di dadoneri
Basso. In questa lezione parliamo di groove e cercheremo di pensare come batteristi. Prima ancora di preoccuparci delle...

Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964