Home | Audio | Chitarra | Didattica | Lifestyle | Ritmi | People Store | Annunci | Eventi | Valutazioni
Microtonal Guitar
Microtonal Guitar
di - user #16167 dal 21/09/2008 |

Ne abbiamo viste di tutti i colori, tasti a ventaglio, altri simili a serpenti dalle tante pieghe che mostrano, ma la Adjustable Microtonal Guitar va ben oltre l’immaginabile. Nata come progetto di tesi nel 2008, è diventata quasi uno strumento nuovo ed eccezionale.
Attenzione, la lettura di questo articolo è sconsigliata a un pubblico amante del sistema temperato equabile e delle cadenze perfette, degli intervalli di quinta giusta e dell’accordatura in 440.
Il mondo della musica microtonale, dove questa chitarra sguazza allegramente, è fatto di dissonanze all’apparenza difficili da digerire, ma frutto di un’evoluzione musicale completamente diversa da quella occidentale. Turiamoci il naso (anche se serve a poco) e continuiamo.

Istanbul è un crocevia di culture, è risaputo, è il punto dove la cultura occidentale si fonde con quella mediorientale e orientale. Restare asserragliato nella classica ottava composta di dodici semitoni con gli ottomani che premono da est è stato davvero difficile per Tolgahan Cogulu, giovane chitarrista classico e studente di ingegneria.

La voglia di miscelare la musica occidentale con quella maqam si scontrava spesso con i limiti imposti dalle normali chitarre classiche a sei e dieci corde. Nel corso dei suoi studi, Tolgahan ha sperimentato ben sei modi diversi di ottenere i microtoni dai suoi strumenti, restando sempre con l’amaro in bocca.


La luce in fondo al tunnel si chiama Fine Tunable Precision Fretboard, un brevetto del liutaio tedesco Walter Vogts. Realizzando dei canali lungo tutta la tastiera e spezzettando i tasti in tante piccole barrette capaci di scorrere in questi binari, Vogts è riuscito a correggere i problemi di intonazione che da sempre affliggono le chitarre di tutto il mondo.

In un esplosivo brain storming, il cervello del musicista turco deve aver visualizzato chiaramente la soluzione a tutti o suoi problemi. I binari non solo possono lasciare i tasti liberi di muoversi ma, continuando su tutta la tastiera, permettono di aggiungere a piacere altri tasti creando i tanto famigerati microtoni senza dover accordare in modo diverso lo strumento. Il buon Tolgahan deve aver letteralmente raggiunto il nirvana.



Il meccanismo è semplice, anzi semplicissimo. Piccoli tasti con un colpo abbastanza vigoroso possono essere incastrati a piacere in qualsiasi posizione dello strumento rendendo pressoché infinite le possibilità sonore di questa chitarra a otto corde.

Certo come strumento può apparire superfluo e inutile, ma all’interno di un contesto come quello della musica microtonale raggiunge un livello diverso, lasciando libero il compositore e l’esecutore di sperimentare sonorità diverse da quelle a cui siamo abituati. Il risultato può sembrare stonato e forse per certi versi lo è, ma basta farci un po’ l’orecchio!
chitarre acustiche
Link utili

Altro da leggere
Pubblicità
Come installare un preamplificatore...
Voice Capo: terza mano per gli accordi...
Dieci acustiche iconiche...
Intonare le ottave della chitarra acustica...
Pubblicità
Commenti
Lo voglio conoscere....
di valerio62 - user #30656 dal 26/08/2011 | 05/07/2012 @ 13:31:5
...il liutaio che si vedrà richiedere il refretting!
Rispondi
ma cosa ha su? corde ...
di stono - user #11272 dal 27/10/2006 | 05/07/2012 @ 13:36:26
ma cosa ha su? corde di ferro? Sferraglia che sembra un treno sta chitarra, che corde monta?
Rispondi
Non vorrei sbagliarmi, ma a ...
di GontierForPresident - user #31555 dal 26/10/2011 | 05/07/2012 @ 14:08:06
Non vorrei sbagliarmi, ma a me sembrano le classiche corde in nylon delle chitarre classiche
Rispondi
Nylon! :-D ...
di Burats - user #16167 dal 21/09/2008 | 05/07/2012 @ 14:09:53
Nylon! :-D
Rispondi
Wow!
di satch76 - user #19713 dal 18/06/2009 | 05/07/2012 @ 14:24:27
L'idea dei tasti mobili è geniale!

Mi piacerebbe provarla, veramente.
Rispondi
NO!
di mikorm - user #18348 dal 10/03/2009 | 05/07/2012 @ 15:30:09
...ma come hanno fatto per fare la scala temperata (giusto?) ed ora torniamo al medioevo?
Da quello che sò in passato F# e Gb erano due note distinte, ma poi sentendo che le differenze erano minime furono uniformate ad una nota unica. Vabbe per me totalmente inutile!
Rispondi
Dimentichi un fatto...
di satch76 - user #19713 dal 18/06/2009 | 06/07/2012 @ 08:59:19
Tu ti stai riferendo al nostro sistema temperato equabile OCCIDENTALE, qui si parla di musica ORIENTALE, in cui NON viene utilizzato il nostro sistema di temperamento e i cosiddetti "microtoni" sono all'ordine del giorno.

Il fatto per cui nel '700 si è arrivati al temperamento equabile, dividendo in 12 semitoni ad uguale distanza tra loro l'ottava, è stato un fatto più che altro pratico legato all'accordatura degli strumenti.

Ti consiglio di documentarti sull'evoluzione del temperamento (sistema pitagorico -> sistema zarliniano -> temperamento equabile), almeno hai un'idea più chiara di cosa si sta parlando.

Inoltre il Microtonalismo è un sistema musicale attualissimo (anche se di nicchia) e ben lungi dall'essere medioevale. ;-)
Rispondi
grazie
di pierocor2 - user #31699 dal 06/11/2011 | 12/07/2012 @ 00:49:36
grazie della precisazione
forse il signore a cui hai risposto è molto bravo a fare i bendiings : mai provato un guitar synth e sopratutto mai sentito un bravo suonatore di liuto....
Rispondi
O ci fai la supercazzola ...
di andre49 - user #27016 dal 13/12/2010 | 13/07/2012 @ 02:58:01
O ci fai la supercazzola o ti intendi veramente di musica, propendo per la seconda ipotesi,
Complimenti !!
Certo che sentondo suonare questo giovane mi vien da pensare che le nostre sei corde gli facciano un baffo !!
Rispondi
Supercazzola prematurata!
di satch76 - user #19713 dal 18/06/2009 | 13/07/2012 @ 08:59:00
Come se fosse antani per il temperamento equabile della sbiriguda! ^_^

Più che altro mi piace documentarmi sulle origini e la fisica del suono, che è alla fin fine la base della musica stessa. ;-)
Rispondi
Scusate ma probabilmente non comprendo ...
di km7891 - user #24511 dal 02/06/2010 | 05/07/2012 @ 17:14:26
Scusate ma probabilmente non comprendo io.Umilmente chiedo: per generare le variazioni di frequenza inferiori al semitono (qualsiasi,non soltanto variazioni di quarti di tono),non sarebbe stato più facile toglierli totalmente i tasti? Se non sbaglio proprio l'oud ( simile al liuto) adotta questo metodo.Probabilmente con i vari tasti mobili aumenta l'intonazione e la precisione,ma non mi pare che i vari Metheny,Govan etc.. ( ovviamente i musicisti orientali è scontato menzionarli ) siano stonati; per non parlare dei violinisti e compagnia bella.Al più mettere dei riferimenti lungo il bordo del manico,con significati diversi per semitono,quarto etcc.
Rispondi
Beh ma con e senza ...
di Burats - user #16167 dal 21/09/2008 | 05/07/2012 @ 17:16:10
Beh ma con e senza tasto il suono cambia tantissimo! :-)
Rispondi
Effettivamente a questo non avevo ...
di km7891 - user #24511 dal 02/06/2010 | 05/07/2012 @ 17:24:53
Effettivamente a questo non avevo pensato :) Grazie per il chiarimento.
Rispondi
Figurati! Pensa se ...
di Burats - user #16167 dal 21/09/2008 | 05/07/2012 @ 17:29:41
Figurati!

Pensa se no dopo tutto sto lavoro che ha fatto passa uno e gli fa: "ma se la facevi fretless?"

Sarebbe stato un momento comico! :-)
Rispondi
Ahahaha sarebbe partito un poema ...
di km7891 - user #24511 dal 02/06/2010 | 05/07/2012 @ 17:35:50
Ahahaha sarebbe partito un poema comprendente ogni tipo di divinità...roba da andare all'inferno per tutte le religioni conosciute e non :)
Rispondi
Esattamente quello che ho pensato ...
di LucaMazzola - user #19270 dal 11/05/2009 | 06/07/2012 @ 03:34:40
Esattamente quello che ho pensato io. Comunque il mondo della musica "microtonale" è assolutamente affascinante.
Rispondi
Concordo,è qualcosa di sublime e ...
di km7891 - user #24511 dal 02/06/2010 | 06/07/2012 @ 10:54:47
Concordo,è qualcosa di sublime e forse meno distante da noi italiani (almeno nella parte più protesa verso il mediterraneo) di quanto si pensi.Il mio appunto era incentrato infatti più sull'efficienza o,se vogliamo,sul rapporto costi-benefici di una tale soluzione.Effettivamente ha il suo perchè,come ha spiegato Burats, essendo una brillante sintesi tra la necessità di avere variazioni maggiori del semitono e un suono peculiare diverso dal sistema fretless.Ha chiaramente i suoi limiti di precisione.Se vogliamo lo strumento è preciso quanto lo è chi mette i tasti,ma lo stesso si può dire di qualsiasi chitarra, come di qualsiasi altro strumento.Se chi lo costruisce o lo regola è uno "scarparo" ce ne vuole affinchè suoni bene :)
Rispondi
Tuttavia, una tastiera... tastata ti ...
di viabcroce - user #13757 dal 10/12/2007 | 07/07/2012 @ 04:46:
Tuttavia, una tastiera... tastata ti permette di essere molto accurato nell'intonazione ed è decisamente più facile da domare rispetto ad uno strumento fretless, dove ogni microspostamento del dito (e anche un suo cambio di posizione) si traduce in una variazione di pitch.
Per non parlare poi (oddio) della polifonia... meglio averceli, i tasti! Già non suoni intervalli temperati, figuriamoci poi se sono pure (anche solo un po') stonati... %-)
Rispondi
Il Cervello
di angusnoodles - user #13408 dal 06/10/2007 | 05/07/2012 @ 18:00:42
Roba per cervelli senza pace... Se non ti va la chitarra perchè non è uno strumento perfetto suona un altro strumento... già mi è venuto il mal di testa... e cmq... cambierà pure il suono con tastiera fretless ma è sicuramente un modo più pratico per ottenere risultati simili... detta alla X-Factor: per me è NO...
Rispondi
Molto preciso...
di DocDave - user #34230 dal 27/04/2012 | 05/07/2012 @ 18:36:58
Molto preciso il sistema tonale a martellate! Ora se vuoi il quarto di tono deve essere 1/4 non circa 1/4 se no non è microtonale ma acavolotonale....e con un martelletto dubito che ad occhio si becchi...poi vabbe sarà che va a gusto non essendo codificato ma io sono già impedito con il sistema standard figuriamoci con 10mila tasti...
Rispondi
La musica che produce questo ...
di PierluigiMaisto - user #20005 dal 14/07/2009 | 05/07/2012 @ 20:45:57
La musica che produce questo strumento è davvero stupenda...certo, in questo modo ogni tasto necessita della giusta intonazione, e c'è chi ha problemi anche a regolare l'intonazione di una Telecaster a tre sellette, ma il risultato alle mie orecchie è davvero bellissimo e coglie in pieno le suggestioni di questo tipo di musica.
Rispondi
per me.. bellissimo... ...
di yasodanandana - user #699 dal 26/09/2002 | 05/07/2012 @ 21:19:54
per me.. bellissimo... e non capisco le critiche di "inutilita'" avanzate da qualcuno sopra..

nel senso che se il tipo di cui sopra ci fa della musica che con altri strumenti non puo' essere fatta o fatta allo stesso modo, lo strumento e' OGGETTIVAMENTE utile..

semplice no?

:-)
Rispondi
Ti quoto
di satch76 - user #19713 dal 18/06/2009 | 06/07/2012 @ 09:06:09
E aggiungo che le critiche, spesso, sono frutto di "ignoranza" (nel senso letterale del termine) in ambito di sistemi musicali al di fuori del nostro.

Tacciare come "inutile" qualcosa che manco si sà a cosa serve è quantomeno sgradevole...

Non vorrei sembrare pesante o antipatico, ma francamente è quello che penso: se non comprendo o non conosco qualcosa, me ne sto zitto.

Se invece ascolto la musica prodotta e questa non mi piace, bene, sono libero di esprimere il mio giudizio, ma non di dire che si tratta di qualcosa di inutile.
Rispondi
concordo... io sono stato ...
di yasodanandana - user #699 dal 26/09/2002 | 06/07/2012 @ 09:11:23
concordo...

io sono stato ancora piu' "basico"... nel senso che se costruisco la cosa piu' astrusa del mondo, ma poi la uso, come fa uno a dire che e' inutile?
Rispondi
Certamente
di satch76 - user #19713 dal 18/06/2009 | 06/07/2012 @ 09:44:2
E in questo caso il sistema creato non è affatto assurdo o astruso, ma risponde ad uno scopo ben preciso!

E ci riesce molto bene, a mio avviso. ;-)
Rispondi
Interessante
di jb - user #7467 dal 08/05/2005 | 05/07/2012 @ 22:35:1
La cosa che stupisce è l'utilita' dello strumento che permette di realizzare polifonie complesse proprie del sistema temperato con una tavolozza di colori che è propria del sistema modale medio-orientale.
Rispondi
tutti sti microtoni i mandano ...
di jdm61 - user #20274 dal 04/08/2009 | 05/07/2012 @ 22:49:11
tutti sti microtoni i mandano nel pallone.. comunque nel suo piccolo (o grande) ambito evidentemente ha un suo perche'. E poi grandissima tecnica, il ragazzo!
Rispondi
Interessante ed ingegnoso. La musica ...
di Oliver - user #910 dal 21/11/2002 | 06/07/2012 @ 00:21:18
Interessante ed ingegnoso.
La musica mi ha rapito. Bellissima.
E mi fa anche sentire spaventosamente ignorante...
Rispondi
anche a me la musica ...
di gio_black - user #21077 dal 11/10/2009 | 12/07/2012 @ 15:29:0
anche a me la musica mi ha rapito, pensate lo stesso sistema su una strato o les paul quello che potrebbe venire fuori, credo che sia geniale, e la bellezza che la musica ha sempre il potere di stupirci
Rispondi
anche sul sitar i tasti ...
di stono - user #11272 dal 27/10/2006 | 06/07/2012 @ 06:17:13
anche sul sitar i tasti possono essere spostati. Io non ci trovo nulla di così originale in questo genere di musica, sono sonorità che vengono da quei posti là no? Le producono di solito con altri strumenti e questo qui ha voluto farlo con una chitarra classica. E perché no? Bravo, interessante, peccato per il suono che non mi piace molto.
Rispondi
Ibanez produce da qualche anno ...
di powerfuran - user #30637 dal 25/08/2011 | 06/07/2012 @ 10:12:13
Ibanez produce da qualche anno una serie di solid body frettate in maniera "convenzionale" proprio per la musica basata su temperamenti diversi dal nostro.

vai al ink

I suoni sono quantomeno strani, ma senza dubbio affascinanti. La musica è davvero un linguaggio universale, anzi, una serie di linguaggi universali.
Rispondi
E' senza dubbio un'idea funzionale ...
di davo - user #31664 dal 04/11/2011 | 06/07/2012 @ 10:58:47
E' senza dubbio un'idea funzionale a quello che il musicista vuole ottenere, in più è davvero interessante vedere l'utilizzo che ne fa.
Il sistema di rimozione e aggiunta dei tasti è un po' macchinoso ma a questo livello penso che non ci sia molto di meglio; il passo successivo sarebbe una chitarra con tasti e microtasti che si alzano e si abbassano con movimenti meccanici interni al manico in modo da entrare in gioco oppure essere a livello della tastiera: roba da NASA ;-)
Rispondi
non sono ancora pronto per ...
di fabiojay - user #20826 dal 20/09/2009 | 06/07/2012 @ 11:32:13
non sono ancora pronto per questa musica...
Rispondi
massì, tre pezzi ok... poi ...
di stono - user #11272 dal 27/10/2006 | 06/07/2012 @ 12:37:3
massì, tre pezzi ok... poi te ne vai ammale :-))
Rispondi
Il Mediterraneo...
di Adimant - user #12733 dal 29/05/2007 | 06/07/2012 @ 15:56:03
Chi frequenta per un motivo o per un altro Grecia, Turchia, Tunisia, Marocco, Egitto riconosce questi suoni, li sente, li vive... Siamo nati dal Mediterraneo, ci affacciamo sul Mediterraneo. Spesso ce ne dimentichiamo.
Sono di Napoli, le radici della mia musica sono tutte qui, in questi suoni, nei microtoni (poi inopinatamente smarriti per semplificare il tutto, con teutonica precisione)... Certe scale, certe armonie ti riconducono su quella tavola blu che ha visto gli arabi portare la cultura in Europa quando noi venivamo fuori da un lungo medioevo, portare spezie, sapori, numeri e musica.
Non capire questo (ed è clamoroso che questo lo capiscano alla grande i vari Metheny, AL Di Meola, McLaughlin che di mediterraneo hanno poco o niente - origini di Di Meola a parte) significa dimeticare le proprie origini: il blues ci appartiene enormemente meno di questi suoni, il rock con i suoi bicordi sparisce davanti alla complessità di queste armonie che richiamano la complessità di una cultura (la nostra) che spesso mettiamo in secondo piano, pronti ad inseguire il guitar hero di turno (o lo scrittore, o l'attore...).
Bellissma la chitarra, bellissimi i suoni... Tanta sana invidia per la tecnica...
Rispondi
Hai ragione
di Mawo - user #4839 dal 23/06/2004 | 06/07/2012 @ 18:55:58
Concordo su tutto quello che hai detto.
Crescendo ho sviluppato un amore per questo genere di sonorità che, da ragazzino, neanche avrei mai immaginato.
Rispondi
trovo che sia...
di bernablues - user #16917 dal 23/11/2008 | 06/07/2012 @ 22:12:07
un'idea geniale, perché la scala temperata è una convenzione..... è come dire che esiste il giallo l'arancione ed il rosso, mentre tra questi singoli colori esistono una infinità di sfumature che stanno tra di loro, e la stessa cosa vale per i numeri, per cui, perché porsi dei recinti? ;-))))
Rispondi
eh, ok, però...
di Metall_krieger - user #24953 dal 10/07/2010 | 12/07/2012 @ 11:03:36
hai ragione, tra i colori ci sono infinite sfumature, così tra i numeri.
Allora anche tra...un do e un re ci sono infinite sfumature, con questa chitarra, si, in teoria aggiungi sfumature....aggiungi il do diesis e mezzo, così come aggiungeresti l'arancione aranciamoltomaturamaturataalsoledisicilia, o il 2,65475687568678....
Ma di fatto poni ancora dei paletti, perchè comunque i microfret ti "limitano".
A sto punto io sono per la cosa che si avvicina di più all'"infinitezza" tonale, il fretless.
Ha un suono diverso, ok, ma se vogliamo parlare di microtoni, credo ci sia niente di meglio.
Rispondi
ed infatti gli strumenti più ...
di bernablues - user #16917 dal 23/11/2008 | 12/07/2012 @ 14:33:47
ed infatti gli strumenti più nobili, rispetto al nostro, (il violino ad esempio), quelli impiegati nella musica colta, non hanno tasti.... sarà un caso?? :-))
Rispondi
affatto...
di Metall_krieger - user #24953 dal 10/07/2010 | 12/07/2012 @ 20:22:04
senza dubbio non è un caso, e anzi mi ha sempre affascinato l'idea di prendermi una chitarra fretless per la sua peculiarità: cercare il suono esatto.
E, senza dubbio ancor più, tanto rispetto per chi ci riesce.
Quello che voglio dire è che, detta brutalmente, una chitarra fretless sarà molto simile a quella in questione e, pur avendo un suono diverso, presenta un numero non trascurabile di vantaggi: comodità d'uso, semplicità di realizzazione, costo...
Tanto per dire i primi che mi vengono.
Un amico, anni fa, ha preso una chitarra che gli "avanzava", le ha tolto i fret, ha fatto con limatura di legno finissima e una sorta di collante una pasta da mettere nei solchi dei fret e si è fatto una tastiera fretless....che, devo dire, suona davvero bene.
Quindi, boh, ripeto, tantissima stima per l'inventore del sistema, sia per l'idea in se, che affascina, sia per la tecnica, ma per me è un'invenzione un po' inutile, destinata a sperimentazioni davvero troppo di nicchia.
Pensandoci bene, già la chitarra fretless è abbastanza di nicchia...questa è destinata secondo me ad esserlo ancora di più...
Rispondi
Questa è un'idea strana ma ...
di GuitarMan.Y - user #34936 dal 21/06/2012 | 06/07/2012 @ 22:28:13
Questa è un'idea strana ma efficace, non potevo mai immaginare una chitarra così :). Ogni anno si scopre sempre di più, per questo mi piace il mondo della musica, non si finisce mai di imparare e si studia sempre.
Rispondi
il problema ora è trovarla da qualche parte...
di 650s - user #2280 dal 12/08/2003 | 07/07/2012 @ 08:13:43
Meravigliosa!

Altro che macchinosa!

Il floyd rose in confronto...

Dai! mica cambi accordatura ad ogni pezzo... magari cambi chitarra!

Ah, ah! Mi garba da matti!

Ora sarà da vedere dove comprare / provare / ordinare: ho fatto un primo giro... ma mi
sembra che non ci siano link a negozi, liutai ecc.

Eppoi i primi siti che ho aperto erano in... "turco"???
Rispondi
Questa roba è meravigliosa secondo ...
di Bustio - user #24438 dal 28/05/2010 | 09/07/2012 @ 21:34:38
Questa roba è meravigliosa secondo me!!!
Punto e basta!
Rispondi
Non voglio discutere l'idea,
di Metall_krieger - user #24953 dal 10/07/2010 | 12/07/2012 @ 10:57:45
anzi, è ammirevole, il ragazzo.
Tuttavia, contando che: per mettere i fret nella posizione adatta ci vuole, immagino, davvero moltissima esperienza; dato che costerà non poco, un sistema simile; dato che sarà anche disagevole perchè devi star attento a non perdere i fret che metti/togli; dato che mi sa un po' di lavorio da "teste d'uovo"....e dato che in ultima analisi c'è già la chitarra fretless, che si, da un suono diverso, ma lavora su un principio simile....io la trovo francamente una cosa inutile.
Se lo scopo è avvicinare la chitarra all'oriente....suona semplicemente uno strumento orientale, già concepito per determinate sonorità.
Dico di più, avrei capito di più se avesse realizzato una chitarra con i frettini posizionati in modo da avere la tastiera con segnati tutti i microtoni.
La trovo davvero un volersi complicare la vita poco utilmente...
Rispondi
X me è fantastica!
di musikopino - user #14574 dal 18/04/2008 | 12/07/2012 @ 18:57:44
X me è fantastica! capisco i puristi del temperamento equabile nella difficoltà di comprendere il microtonale, ma di sicuro è un evoluzione e non una regressione. Di sicuro non è semplice come sembra, ma il poter ampliare lo spettro sonoro con uno strumento acustico che già conosciamo a me intriga molto. Tanto di rispetto all'inventore!
Rispondi
l'idea sarà interessante ma quello ...
di superloco - user #24204 dal 12/05/2010 | 13/07/2012 @ 09:49:21
l'idea sarà interessante ma quello che più mi piace sono le sonorità che si possono ottenere
sento vibrazioni che il mio cervello riconosce e mi piace molto ritrovare note che credevo di avere perso
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Dieci elettriche iconiche
di alberto La chitarra elettrica tocca l'immaginario, infiamma gli animi e trasforma il...
Slide elettrico: suonare più pulito con il damping
di redazione Smorzare la vibrazione delle corde non impegnate a suonare una melodia è...
Pedali, alimentatori, una soluzione economica e un mistero risolto
di JoeManganese Gli alimentatori professionali sono ottimi, ma costano davvero tanto. Se non si...
Traveler Guitar AG-105: mini acustica da viaggio
di Burats Agosto, tempo di vacanze ed ecco che nei negozi spuntano le chitarre da...
Quando ha un nuovo disco, anche Gilmour scomoda i Beatles
di RozzoAristocratico Nominare i mostri sacri è un'ottima tecnica per far parlare di sé in...

Hot licks
Palestra per bending di redazione
Spazio ai principianti con un fraseggio rock blues che li aiuterà a mescolare tra loro pentatonica maggiore e minore....
Nello stile di Jimmie Vaughan di redazione
In un blues il turnaround sono le due misure che precedono un nuovo chorus e rappresentano un momento risolutivo...
Slide elettrico: suonare più pulito con il damping di redazione
Smorzare la vibrazione delle corde non impegnate a suonare una melodia è fondamentale per un risultato pulito e...
Un omaggio a B.B. King di GianniJanaRojatti
Un tributo a B.B. King con un fraseggio molto vicino al suo stile tra pentatoniche maggiori e minori fuse...
Sempre più in basso di EnricoSantacatterina
L' SM57 è uno standard per la ripresa delle chitarre. Ma se pensiamo agli scenari ultra distorti e profondi del metal...

I vostri articoli
Supro JB Hutto: quanto vale la vetroresina? di biggiorgione
Il vintage è fatto di qualità liuteristica ma anche di storia. Un pezzo di vetroresina dall'aspetto avveniristico...
Lo Speaker di svalvolman
L'altoparlante giusto può esaltare il suono del tuo amplificatore così come quello sbagliato può rovinarlo,...
Tutto quello che avreste voluto sapere sui rumori di dedo
Sapersi muovere tra alimentatori, cablaggi e schermature è fondamentale per assicurarsi un rig performante e...
La mia prima Stratocaster di Baconevio
Un colpo di fortuna può portarti a casa la chitarra dei tuoi sogni per pochi soldi e fornirti un buon passatempo...
La S@ponetta che conquista di Andrea_98
Il nuovo plettro stampato di Steve Tommasi è arrivato. La Essetipicks S@ponetta si caratterizza per uno spessore...

Lezioni di basso
La tecnica è al servizio della versatilità di dadoneri
Essere un musicista versatile non significa esclusivamente sapersi destreggiar senza problemi tra diversi generi...
In cinque come i King Crimson di redazione
Un’altra lezione per basso e batteria. Lorenzo Feliciati e Lucrezio De Seta ci propongono una serie di studi per...
Arpeggi: studiare & ascoltare di dadoneri
Basso. Lavoriamo su un metodo efficace e solido per colorare i nostri accompagnamenti con fill e fraseggi. Sarà...
I due che suonano in cinque di redazione
Lucrezio de Seta e Lorenzo Feliciati iniziano il loro ciclo di lezioni per batteria e basso. Una serie di appuntamenti...
Groove: pensare da batteristi di dadoneri
Basso. In questa lezione parliamo di groove e cercheremo di pensare come batteristi. Prima ancora di preoccuparci delle...

Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964