Home | Audio | Chitarra | Didattica | Lifestyle | Ritmi | People Store | Annunci | Eventi | Valutazioni
Sostituire il ponte Telecaster Vintage
Sostituire il ponte Telecaster Vintage
di [user #29299] - pubblicato il

La Telecaster nel suo disegno tradizionale, con il voluminoso ponte con i bordi rialzati sopra la sua placca in metallo e le tre sellette, ha un fascino innegabile, ma i limiti sono ovvi: come sostituire il ponte con uno di tipo moderno, a sei sellate e senza bordi?
Sono felice possessore di Telecaster Vintage Custom '62. Gran suono e probabilmente tra le più belle Telecaster mai ideate da un punto di vista estetico.
Sottolineo l'aspetto estetico proprio perché, ahimè, per necessità tecniche è da un po' che sto pensando di sostituire il ponte originale (quello a tre sellette, per intenderci), con uno standard, fondamentalmente per due ragioni:
- impossibilità di registrare ottave e action per ogni singola corda 
- limite nell'utilizzo del palm-muting man mano che ci si avvicina verso il pick-up al ponte.
Intendiamoci. La suonabilità dello strumento, anche con il ponte originale, non si discute, ma indubbiamente la presenza di quella sorta di cornicetta che caratterizza questi ponti, a mio avvio avviso, non agevola molto il movimento della mano destra.
In merito al primo punto, credo sia inutile dare spiegazioni. I vantaggi sono indiscutibili avendo una selletta per ogni corda.
Detto ciò, il problema è che (è proprio su questo che ho bisogno di consulenza) i ponti Fender Standard vengono attaccati al corpo attraverso tre viti, mentre il mio vintage ne ha quattro. Ora chiedo: nei ponti Standard almeno i due buchi esterni corrispondono a quelli che la mia chitarra ha già? Sarei disposto a fare un buchetto centrale sul corpo per adattare il tutto, ma tre no, troppi!
Diversamente, che alternative ho? Ho sentito parlare di Wilkinson e Schaller che, a quanto pare, producono ponti standard ma con quattro buchi che farebbero proprio al caso mio, ma su internet non ho trovato nulla.
Risponde Marco Omar Viola di M.O.V.Guitars: le parti di ricambio che cerchi hanno solitamente delle dimensioni standard che si allineano con i modelli ai quali si ispirano. Il cambio del ponte sarebbe quindi indolore e senza alcuna necessità di modificare i fori.
Nell'immagine a sinistra puoi vedere l'interasse tra le viti esterne di ancoraggio di un ponte Wilkinson vintage. Amo particolarmente questo ponte perché, al contrario di altri, può modificare l'inclinazione delle tre sellette di ottone per avere una regolazione precisa delle ottave.
Quello a destra invece è un ponte Gotoh a sellette singole, privo della consueta cornice di contorno. L'interasse è il medesimo di quello sopra.
Per maggiori informazioni puoi contattare Musicgallery, distributore dei ponti sopra descritti.
hardware
chitarre elettriche - fender - telecaster

Link utili
M.O.V.Guitars
Altro da leggere
Pubblicità
WireTap registra le tue idee dalla pedaliera...
Mad Professor Simble: zero controlli, grande...
Federico Poggipollini: come suonare gli...
Dismamusica vuole te per migliorare il...
Pubblicità
Commenti
Okkio...
di valerio62 [user #30656] - commento del 11/07/2012 ore 11:33:2
...se cambi con un ponte Fender Tele Vintage, perchè è parecchio più basso di quello tradizionale a tre "barilotti". Io ho dovuto abbassare la sede del manico per non avere le sei sellette inclinate a 40 gradi....
Rispondi
Callaham
di daniep [user #15636] - commento del 11/07/2012 ore 12:01:0
Io ti consiglio callaham. Se puoi spendere un po' di più ne vale veramente la pena.
Io lo ho sulla mia tele e non lo cambierei per nulla al mondo. Migliora sensibilmente la percezione del tuo strumento è come se acquisisse massa sonora. L'attacco della nota migliora, il sustain pure (in maniera veramente drastica, un cambiamento notevole) e le armoniche che non pensavi avesse la tua chitarra vengono fuori che è un piacere. Non potrei volere di meglio.
Tutte misure standard, consultabili dal sito o dall'importatore.
Importa 440hz.

Rispondi
wilkinson
di Guido Michetti [user #8] - commento del 11/07/2012 ore 12:21:17
Anche io ho montato un wilkinson.
Intonazione perfetta grazie alle sellette inclinabili, nessun problema con il palm mutig, è accessibilissimo e "fitta" alla perfezione.

I miei 2 cents. :-)

Guido



Rispondi
Ciao ragazzi...ringrazio tutti per le ...
di davide1984 [user #29299] - commento del 11/07/2012 ore 15:54:33
Ciao ragazzi...ringrazio tutti per le dritte. X daniep...questo callaham che mi hai consigliato mi ha incuriosito. Ci darò un occhiata!
Rispondi
Sul loro sito trovi tutte ...
di daniep [user #15636] - commento del 11/07/2012 ore 17:25:3
Sul loro sito trovi tutte le descrizioni che ti servono. Io ho tre ponti loro: due stratocaster e uno tele. Tutto Non ci sono descrizioni molto esaustive sono molto più all'americana, qualcosa del tipo: "questo suona bene perché è fatto con orgoglio tutto negli states, con l'acciaio giusto, il nostro. " però è vero puoi crederci. Sembra che qua sia tutto oro quello che luccica..
Rispondi
Prova a dare un'occhiatina anche qui
di LeleOne1957 [user #33434] - commento del 11/07/2012 ore 18:56:27
vai al link 8888016&_sid=711305886&_trksid=p4634.c0.m322
Rispondi
Be anche io ti consiglio ...
di Pinus [user #2413] - commento del 12/07/2012 ore 00:02:09
Be anche io ti consiglio il callaham 440hz li vende, hanno solo tre selettevma dovrebbero funzionare meglio prova a leggere sul loro sito
vai al link

Ha un sistema dico,pensazione e un tipodi costruzione tale da rendere meglio l intonazione della chitarra mantenendo jl il look vintage
Rispondi
Da Callaham si possono comprare ...
di Ellebuono_93 [user #30324] - commento del 12/07/2012 ore 11:01:01
Da Callaham si possono comprare anche le sole sellette.. Interessante! :)
Rispondi
Si ma credo che in ...
di daniep [user #15636] - commento del 12/07/2012 ore 16:37:42
Si ma credo che in questo caso lo spessore della piastra del ponte e la sua durezza giochino un ruolo considerevole.
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
DV Mark Micro 50: piccola, semplice e cattiva!
La prima Les Paul burst mai prodotta è in vendita: ecco la sua storia
APS Custom, quando la Les Paul parla italiano
Gibson Les Paul Traditional Pro P90
Sweet Honey Deluxe: non il solito OD a tre bande
I più commentati
Perché preferire combo o testata
Gibson Les Paul Traditional Pro P90
Gibson L1 1911: alle radici del blues
DV Mark Micro 50: piccola, semplice e cattiva!
APS Custom, quando la Les Paul parla italiano
I vostri articoli
Gibson Les Paul Traditional Pro P90
Gibson L1 1911: alle radici del blues
Yamaha Revstar RS320
Mi sono fatto la Strat!
Riverberi (e non solo) Neunaber contro TC Electronic Hall Of Fame
Hot licks
Suspense: la scala Enigmatica
Accordi a pezzetti per improvvisare con lo slide
Due riff per ripassare i modi
Tipo i Daft Punk ma con la otto corde
Marty Friedman: un arpeggio di Maj7
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964