Home | Audio | Chitarra | Didattica | Lifestyle | Ritmi | People Store | Annunci | Eventi | Valutazioni
Una President speciale da Hofner
di RozzoAristocratico | 08 luglio 2012 @ 15:00

Legni ultra-selezionati e costruzione interamente curata a mano dai maestri artigiani tedeschi. La President rappresenta il top della liuteria Hofner ed è replicata in soli 15 esemplari in tutto il mondo, in occasione dei 125 anni della storia firma d'oltralpe.
Paganini non ripete, si dice. A quanto pare nemmeno i migliori liutai tedeschi di Hofner, che hanno deciso di limitare a soli 15 esemplari la produzione della più esclusiva Hofner di sempre. Legni preziosi e selezionati, manifattura tedesca ed estrema cura per i dettagli sono gli ingredienti della President Limited Edition HCP-SE-N, una archtop che richiama la tradizione italoamericana degli anni '50 per estetica e sonorità.

Lasciata natural nelle finiture lucide per far trasparire la bellezza dei legni, la President possiede un top in abete massello, mentre fasce e fondo sono realizzate in eucalipto fumé (smoked eucalyptus). Le ricche venature dell'eucalipto si propongono in maniera speculare sul retro della chitarra, in due fogli bookmatched congiunti nel centro esatto di una generosa cassa dallo spessore di 16 pollici e con una morbida spalla mancante in stile veneziano.

Una tastiera in ebano poggia su un manico in acero fiammato in un solo pezzo per un diapason di 25 pollici e un quarto. Cinque blocchi madreperlati segnano i primi dodici dei 22 tasti offerti, di cui 16 sono al di fuori del corpo.


Dei ricchi binding percorrono tutti i bordi della chitarra, incorniciandone il manico e circondando sia il top sia il fondo. Ne risultano prive, invece, le due buche a effe, che rimarcano la sobrietà e la ricercatezza del modello insieme all'assenza di battipenna, la presenza di un ponte compensato in ebano con relativo tailpiece in stile lira e di due tondeggianti pickup Diamond con cover cromate, di cui quello al manico solo poggiato e non incassato.
I quattro potenziometri si spartiscono il compito di regolare in maniera indipendente volumi e toni dei due pickup, mentre il selettore a tre posizioni posto sulla spalla superiore ne dirige l'attività.

La realizzazione della President in edizione limitata cade durante il 125esimo anniversario dell'azienda tedesca. La chitarra sarà presto disponibile per ordini presso i rivenditori Hofner con un costo di 3900 euro.
chitarre semiacustiche - hofner - president

Link utili
Hofner
Altro da leggere
Pubblicità
Full immersion di assolo di chitarra...
Il Warwick Clayton scende nella serie Artist...
Reflex: un pedale per controllarli tutti...
Eastman E20SS: sinonimi cinesi...
Pubblicità
Commenti
Non costa neanche tantissimo, credevo ...
di Pinus - user #2413 dal 05/09/2003 | 08/07/2012 @ 18:19:15
Non costa neanche tantissimo, credevo peggio! Esteticamente risponde esattamente a cio che mi piace, è stupenda
Rispondi
esteticamente è la solita chitarra! ...
di stono - user #11272 dal 27/10/2006 | 09/07/2012 @ 07:59:4
esteticamente è la solita chitarra! Non ci vedo niente di particolare. Speriamo suoni bene con quello che costa... che poi se amplificate suonano bene anche quelle laminate e sta storia dei legni pregiati sotto ad un pick up è veramente una vaccata: seghe per gli occhi.
Rispondi
Se non erro questa è ...
di accademico - user #19611 dal 10/06/2009 | 09/07/2012 @ 17:58:53
Se non erro questa è una chitarra che può essere suonata anche totalmente acustica, come una L4 o una L5, quindi i legni hanno una grande importanza.

Se confrontiamo la L4 con 175 (stesso modello: massello contro laminato) il suono elettrico è comunque diverso (può piacere più questo o più quello, sono belli tutti e due e non è detta che sia colpa dei legni), ma il suono acustico non ha paragoni.

Detto questo, neanche a me fa impazzire, avrei preferito un unico pick up e un attaccacorde in ebano, quello in fil di ferro è odioso.
Rispondi
Eccome! D'altronde non è raro ...
di RozzoAristocratico - user #17844 dal 02/02/2009 | 09/07/2012 @ 18:02:33
Eccome! D'altronde non è raro sentire registrazioni in cui, insieme al suono dei pickup, c'è anche la microfonazione acustica della archtop, soprattutto nelle parti ritmiche. Il risultato con una buona chitarra è spettacolare.
Rispondi
Paolo Anessi docet. ...
di accademico - user #19611 dal 10/06/2009 | 09/07/2012 @ 18:38:18
Paolo Anessi docet.


Anche per questo motivo mi è sempre sembrato che il p.u al ponte sia di troppo in queste chitarre.
La soluzione che preferisco è un paf al manico (fissato alla tavola e non flottante).

Rispondi
Veramente bellissima! ...
di Khayalan - user #32336 dal 22/12/2011 | 09/07/2012 @ 10:18:28
Veramente bellissima!
Rispondi
Europa uber alles
di Matteo Barducci - user #29 dal 11/02/2002 | 09/07/2012 @ 12:22:23
Tanto di cappello ai liutai tedeschi.

Non so perché, ma ho la netta sensazioni che noi europei siamo i migliori liutai del mondo.

(e gli italianihanno una marcia in più...)
Rispondi
liutai bravi ce ne sono ...
di stono - user #11272 dal 27/10/2006 | 09/07/2012 @ 13:00:08
liutai bravi ce ne sono dappertutto, ma poi dai, i liutai fanno chitarre acustiche, quelli che montano pick up fanno altro. Se monti pick up puoi usare anche il marmo per fare una buona chitarra.
Rispondi
molto bella! Costa poco eh... ...
di Bustio - user #24438 dal 28/05/2010 | 09/07/2012 @ 21:09:0
molto bella! Costa poco eh...
Rispondi
Spessore 16 pollici?
di lvtdark - user #7699 dal 09/06/2005 | 10/07/2012 @ 08:39:26
Mi sembra un po' troppo, forse intendi la larghezza
Rispondi
ovviamente sì larghezza, gli standard ...
di accademico - user #19611 dal 10/06/2009 | 10/07/2012 @ 22:24:48
ovviamente sì larghezza, gli standard sono:16" Gibson 175, 17" Gibson L5
Rispondi
Hofner president ... particolari d'annata
di musicmaster - user #30940 dal 16/09/2011 | 12/07/2012 @ 10:25:34
Personalmente vorrei dire due paroline sull'oggetto ai denigratori dei particolari di questa chitarra.
Ogni cosa ha la sua funzione, ve lo posso dire perchè possiedo una commitee del '61 restaurata (purtroppo) ampiamente di cui sono il fortunato possessore e impostata in modo molto simile a questa president, come liuteria e pick up.
Pick up identici "diamond logo", solo che i miei sono quelli originali del '61, (doh!) sono due single-coil espressivi e caldi, specialmente quello al manico , perfetto per il jazz che anche nel mio strumento è solo "appoggiato" sulla tavola di abete massello, come del resto anche quello al ponte, dotato se suonato singolo di un suono tagliente molto rockabilly.
Il manico a sbalzo, cioè inserito sullo strumento come quello di un contrabbasso con la tastiera sospesa sulla cassa risponde alla tradizione liutaia della Hofner nata come casa di produzione per strumenti ad arco da orchestra. Il manico fissato solo dall'alto tacco lascia la cassa totalmente libera di vibrare a tutte le frequenze dello strumento: questo vuol dire volume sonoro acustico incomparabile rispetto agli strumenti moderni, importantissimo per il jazzista.
Le misure della cassa da 16" rispondono a questa esigenza a pieno, anche se le dimensioni generose non aiutano come maneggevolezza e suonabilita'in piedi. Siamo di fronte a un signor strumento, quindi giu il cappello! Quanto ai denigratori del tailpiece "in filo d ferro" forse parlate cosi perchè non ne avete visto uno da vicino: il metallo è lavorato in una maniera maniacale, tanto che la cromatura del mio ha resistito a ben 50 anni di insulti di chi ha suonato la chitarra e del tempo... metallo pesante e cromatissimo che aggiunge al suono armonici che sono tipici del sound di quel tipo di chitarra e che un elegante tailpiece in mogano non gli darebbero. Un unico appunto lo farei all'elettronica, qui in una versione piu moderna e attuale, ma volete mettere il fascino e il suono di un pannello di controllo stile "violin bass" come sulla mia commitee del '61???
Comunque questo è un gran strumento, credetemi!!!
Rispondi
Ciao, grazie delle precisazioni, premetto ...
di accademico - user #19611 dal 10/06/2009 | 12/07/2012 @ 12:47:09
Ciao, grazie delle precisazioni, premetto che non ho mai provato una Hofner archtop, non volevo assolutamente “denigrare”, le mie considerazioni sull’attaccacorde erano prima di tutto estetiche, siamo d’accordo mi pare, che un pezzo in ebano sarebbe stato più elegante e forse avrebbe dato un attacco un pelo più legnoso, che io gradisco.
Quello che non mi convince fino in fondo di queste chitarre è che suonano sempre un po’ troppo aperte, insomma orientate al rockabilly più che al jazz (tantomeno a quello contemporaneo). In generale, il suono che preferisco in un contesto di trio o quartetto con batteria è quello dell’humbucker incassato (la scelta che fa per esempio jim Hall), ma ci sono fior fior di archtop per il jazz che montano single coil flottanti (in Italia le Moffa ad esempio) e che tirano fuori un suono molto più acustico. Io ho una es 175 e personalmente non uso mai il p.u. al ponte, ovvio che se lo fanno da cinquant’anni a qualcuno deve pur piacere

ciao
Rispondi
Dimenticavo.... altri particolari
di musicmaster - user #30940 dal 16/09/2011 | 12/07/2012 @ 10:36:35
Non per farvi innervosire ma un hofner commitee del '61 ha anche qualche piccolo "plus" che su questa president vi potete sognare:
Manico in 7 o 11 pezzi affiancati, con inserti in noce.
Tastiera in ebano e rosewood alternati con 7 intarsi a rosetta in vera madreperla.
Binding marmorizzato triplo su tutta la cassa , comprese tastiera e buche a "f".
La paletta è larga come una mano con un intarsio spettacolare ad "albero della vita" in madreperla, persino sul coperchietto del truss-rod.
Meccaniche con alberino lungo completamente fuori misura, infatti è difficilissimo trovare qualcosa di odierno che le possa sostituire
battipenna in plexi trasparente con filettatura dorata.
E scusate se è poco.....
Questa President comunque, deve essere uno strumento meraviglioso!
Rispondi
Mi ricordo la tua chitara, ...
di accademico - user #19611 dal 10/06/2009 | 12/07/2012 @ 14:39:56
Mi ricordo la tua chitara, gran strumento...avevo commentato a suo tempo.
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Nuova data per David Gilmour e senza bagarini
di rockmaniac David Gilmour annuncia una nuova data per la fine dell'estate 2015, con prezzi...
Goditela finché ti regala la sua voce
di RozzoAristocratico Una riparazione di fortuna a una vecchia chitarra ti dona un suono diverso da...
Ibanez RG 652: incanto sottomarino
di GianniJanaRojatti Ho ricevuto una nuova Ibanez in prova. Si tratta della RG 652 AHM, Prestige....
Invecchierà con me
di Onghi Portarsi a casa una chitarra nata il proprio stesso anno fa un effetto...
Gibson SJ 100: un classico in versione speciale
di Burats Nata come la versione economica della più prestigiosa SJ200 la 100 arriva nei...

Hot licks
Paul Gilbert: studenti senza espressività di redazione
“Certi allievi si preoccupano solo di eseguire le cose correttamente. Ma suonare è ben altro. Lo shred? Mi sta...
Più di quel che suoni, conta come suoni di redazione
Grazie a un timing feroce e una meccanica di pennata perfetta, Giacomo Castellano regala vigore anche a uno dei box...
Cesareo: due chitarre in un pollaio di redazione
Cesareo continua a parlarci di quanto sia decisivo – ma anche molto difficile - suonare in una band, tappa...
Migliora i tuoi accompagnamenti: Neanche un minuto di non amore di redazione
Diverso dalle solite ballate da spiaggia, "Neanche un minuto di non amore" ha un ritmo funk tutt'altro che scontato in...
Triadi: non fraseggi se non le sai di redazione
Alcuni lettori ci hanno scritto per avere qualche suggerimento su come impostare lo studio delle triadi. Ecco alcuni...

I vostri articoli
Gurus Naked Preamp CH2: oltre ogni pre-visione di Aynrand
Gurus trasforma la testata Naked in una serie di stompbox per replicare il sound dei suoi canali in un comodo...
Wide Range: l'humbucker di Fender-CBS di FBASS
Il Wide Range fu la risposta Fender al PAF Gibson. Disegnato dallo stesso sviluppatore, si differenzia per la...
PRS SE Custom 24 di Petewho
La serie SE è il rifugio di ogni amante del sound PRS con un occhio di riguardo per il portafogli. La Custom 24 della...
La botta dei Sidewinder di FBASS
Dal primo basso a violino ai moderni Grabber, EB Bass e Thunderbird, Gibson ha fatto molta strada nelle quattro corde,...
Gibson ES225: una vita di classe in quattro anni di biggiorgione
In produzione solo dal 1955 al 1959, la ES225 cattura lo sguardo dei fan delle archtop Gibson con il suo mogano...

Lezioni di basso
La tecnica è al servizio della versatilità di dadoneri
Essere un musicista versatile non significa esclusivamente sapersi destreggiar senza problemi tra diversi generi...
In cinque come i King Crimson di redazione
Un’altra lezione per basso e batteria. Lorenzo Feliciati e Lucrezio De Seta ci propongono una serie di studi per...
Arpeggi: studiare & ascoltare di dadoneri
Basso. Lavoriamo su un metodo efficace e solido per colorare i nostri accompagnamenti con fill e fraseggi. Sarà...
I due che suonano in cinque di redazione
Lucrezio de Seta e Lorenzo Feliciati iniziano il loro ciclo di lezioni per batteria e basso. Una serie di appuntamenti...
Groove: pensare da batteristi di dadoneri
Basso. In questa lezione parliamo di groove e cercheremo di pensare come batteristi. Prima ancora di preoccuparci delle...

Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964