Home | Audio | Chitarra | Didattica | Lifestyle | Ritmi | People Store | Annunci | Eventi | Valutazioni
Superstrat: farla o comperarla?
Superstrat: farla o comperarla?
di [user #116] - pubblicato il

Sono varie le ragioni che spingono un  musicista a rivolgersi a una chitarra di tipo super Strat. Dotazione tecnica in grado di rendere possibile qualunque tecnica moderna, ergonomia massimizzata per ottimizzarne l'esecuzione, versatilità in grado di spaziare dal liscio all'heavy metal. Non ultima, la passione per la customizzazione senza limiti se non quelli della fantasia.
Sono varie le ragioni che spingono un  musicista a rivolgersi a una chitarra di tipo super Strat. Quella di partenza, prevede la super Strat come la chitarra del musicista virtuoso e di ultima generazione che necessita di uno strumento che offre tutti gli accessori (24 tasti, doppio humbucker con singolo centrale, Floyd, split...) atti ad agevolare e rendere possibile ogni moderna tecnica esecutiva. In secondo luogo, la versatilità: accade così che la leggerezza di peso, la snellezza del manico e le svariate possibilità di suono offerte dalle combinazioni dei pickup, rendano queste chitarre - nate idealmente per scenari heavy - strumenti di lavoro perfetti per chi magari nella stessa serata deve suonare per quattro ore di fila, spaziando da "Rosamunda" a "Smoke On The Water". Proprio per queste caratteristiche, non stupisce osservare come una chitarra come la Jem (il modello signature di Steve Vai) sia tra le più gettonate tra molti chitarristi di orchestre di liscio o di piano bar.
Ecco allora viene spontaneo  chiedersi  che se versatilità e suonabilità sono i criteri base con i quali si sceglie una super strat, forse sarebbe meglio - piuttosto che cercarne una che di stock  assecondi tutte le nostre esigenze - assemblarne o customizzarne una ad hoc. E quindi ottimizzare una chitarra con il ponte, i pick e le configurazioni che di base sappiamo già essere perfette per noi. Questo soprattutto nel caso di chitarristi tradizionali, da Stratocaster per intenderci, spinti da esigenze professionali a cercare maggiore versatilità e flessibilità, lo possono fare adattando uno strumento sul quale sono a loro agio, senza il trauma di passare alle spigolature di Jackson, Ibanez o Yamaha...


Alberto Biraghi
Sono più o meno contemporaneo della Stratocaster (nascevo mentre Leo finiva gli ultimi test), quindi per me l'unica Super-Stratocaster è... la Stratocaster. Per anagrafe, formazione musicale, gusti e storia personale sono legato a sonorità a base di single coil, ponte bloccato e manico in acero. Quindi guardo sempre con sospetto (che però sfocia in ammirazione e invidia) l'approccio ignorante e irriverente che da Eddie in avanti ha trasformato un oggetto di culto in "strumento" (nel senso di attrezzo) per fare musica. Eppure, nonostante tutto, non disdegno la personalizzazione, sfociata più volte nell'assemblaggio.
Cominciai nei primi anni '80 cannibalizzando una splendida copia Stratocaster fatta da Strings&Things di Memphis con parti Schecter (oggi sarebbe un'icona, dannazione, allora era un clone comprato da Gruhn per 4cento dollari) per fare esperimenti con pickup e circuiti finalizzati a un articolo per la rivista con cui collaboravo all'epoca. Quarter Pounder, dual blade, coil tapping, split, circuiti modificati per ottenere 1+3 o 1+2+3, eccetera. Andai avanti per un bel po', poi compresi che tanto ogni mia Strat suona sempre e solo con i pot a 10 e pickup 1, 1+2 o 3. Così chiusi la sperimentazione, che però mi ha lasciato la conoscenza dei circuiti e delle regolazioni.
Questo per me è il valore principale della customizzazione: aiuta ad accantonare paure e deferenza e insegna a regolare la chitarra alla perfezione, misurando le altezze con una carezza e uno sguardo, non con il calibro. Per questo nessuno, per quanto bravo, riuscirà mai a regolare la chitarra per le mani e l'anima di un altro (tranne Roberto Pistolesi, ma lui adesso non può più, impegnato com'è a regolare le chitarre per Jimi e SRV, chissà dove). Provateci se già non lo fate, è tutta un'altra storia.

Gianni Rojatti
Ho sempre subito il fascino del customizzare le mie chitarre. Senz'altro pago fortissimo il retaggio di essermi formato su una generazione di guitar hero che è di fatto quella che ha inventato le super strat. Da Van Halen allo stesso Malmsteen, che comunque alle sue Stratocaster scalloppava i tasti, cambiava i pickup e capovolgeva la paletta. Per non parlare di Steve Vai, dove tante volte, nelle modifiche e brutalità apportate alle sue vecchie Strat pre Ibanez, il confine tra esigenza tecnica e semplice vezzo estetico estetico era indistinguibile. Customizzare una chitarra era la dimostrazione di essere capaci di suonare in una maniera tale che una semplice strumento di serie non avrebbe saputo supportare.
Un chitarrista che si presentava con al collo una chitarra modificata - dallo scasso per il Floyd, all'Humbucker sostituito - in qualche modo lanciava messaggio: "Sono così fico, che per il mio modo di suonare, così come l'ho comperata, questa chitarra non mi sta dietro!".
E non solo nello shred. Basti pensare all' humbucker al manico delle Telecaster di Andy Summers dei Police.
Così sono cresciuto con il gusto di scegliere una chitarra che in primo luogo mi gratificasse per il confort dell'impugnatura, del manico e il timbro di base del legno per  poi, piano, piano, ottimizzarla scegliendoci nuovi pickup e ottimizzandone l'elettronica sulle mie esigenze.
Cercarne una già pronta o farsela costruire così? Che noia!


Alessio Berlaffa


Super Strat, strisce e bombolette, questa domanda arriva a fagiolo, proprio perché sto per modificare una chitarra cambiando lo scasso per i pickup, rendendo il ponte poggiato al body e richiamando volutamente una livrea Van haleniana.
Si, perché il concetto di super Strat e innovazioni sulla chitarra moderna, si deve tutto a Eddie: basti pensare a quanti (all'epoca giovani imprenditori), avessero approfittato della sua visibilità, commercializzando dei prodotti usando il motto "come usato da Van Halen".
Ed ecco che Eddie, frustrato nel vedere copie dei suoi strumenti, per una sorta di gelosia verso le sue idee originali (humbucker al ponte su di una Stratocaster, riavvolto da un giovane Seymour Duncan che vendeva pickup come custom di Van halen, ponte double locking fatto fare dall'amico Floyd Rose, idea concepita insieme al fratello Alex, routing del body posteriore a opera di Wayne Charvel), continua ad aggiungere particolari anche solo estetici alla sua chitarra, come il single coil non funzionante o il selettore montato nello scasso del pickup centrale, fino all'emblematica finitura red-black-white.
Forse non si è capito che adoro Van Halen, ma il preambolo serve a chiarire quanto è appagante e interessante poter adattare una chitarra di serie alle proprie esigenze: io per esempio in passato eliminavo il pot del tono, spostando quello del volume al suo posto, sia per fini meccanici sia di suono.
 Ho effettuato cambi di pickup secondo le mie esigenze (non bado molto ai colori a dire il vero, penso alla funzionalità più che al vezzo, ma ben venga chi sceglie il proprio suono "colorato"!), modificato elettronica, cambiata la misura dei tasti, provate un centinaio (almeno) di chitarre, in modo da capire cosa si adattasse al mio playing, imparando a settarle, cogliendo inoltre punti forti e deboli dei vari marchi.


Paolo Anessi
Dieci anni di Gibson superlativi. Poi crescono le mani e cresce il suono, che prende sostanza nella testa, e via alla spasmodica ricerca dello strumento, che possa assecondare ciò che senti dentro.
Nell'era Gibson guardavo dall'alto ciò che chiamavo "piccone", ovvero la Fender. Ma dopo altrettanti dieci anni passati a suonarla, ne sono diventato un forte sostenitore. Da poco entrato nella quarta decade da chitarrista (la prima, quella dell'apprendistato, nella sua incoscienza è meglio non descriverla!) ho sentito l'esigenza di un'ulteriore evoluzione. E quindi lo stretto e amichevole rapporto con il liutaio mi ha permesso, dopo un un anno di sperimentazione, progettazione e quindi realizzazione, di trovarmi tra le mani un prototipo di super Strat.
Con dovizia da orologiaio svizzero, non posso che decantare le sue caratteristiche.
Corpo in abura (più reattivo dell'acero e ancora più squillante), ponte Floyd Lo-Pro Edge rigorosamente Ibanez e pickup I-spira: al ponte Classic humbucker, centrale Vivo singolo e al manico Duplo humbucker verticale, ovviamente splittabile a singolo, per ottenere il classico twang nasale e altamente malleabile ed espressivo.
Diapason da 25", radius dodici, manico e paletta, copia PRS, tasti jumbo, meccaniche Steinberger e tastiera in palissandro.
Senza contare le innumerevoli prove sull'elettronica, dai potenziometri, ai condensatori, senza tralasciare lo split, che nell'insieme, sono una grossa componente del suono.
Bella, veloce, comoda e super versatile. Passo credibilmente dal blues allo shred, divagando funky e strizzando l'occhio al grosso clean, tanto caro allo swing.
Certo che poi ogni genere chiede il suo strumento, per assecondare il purismo stilistico. Ma l'idea che ormai ho di super Strat è di una chitarra in grado di piegarsi al suonare di tutti i giorni, fatto semplicemente di tanti colori e stili

Denis Buratto
Senza saperlo da ingenuo dodicenne una super-strat fu la mia prima chitarra, una samick che più economica non si può, (forse si) con il suo bel humbucker al manico di serie. Me ne innamorai e da allora non esistono altri tipi di chitarre per me. Certamente tutti i derivati dalle prime creazioni di Van Halen sono ben accetti, purché si resti sempre fedeli all’idea originale. Farsela o comprarla già fatta, bel dilemma. La risolverei così: vada per lo scasso, si ha sempre paura a grattugiare parti di chitarra, ma sul lato estetico non transigo. Vuoi una super-strat? E allora deve essere appariscente! Sulla prima, tanto per capirci ricoprii il battipenna con un grande adesivo raffigurante un’esplosione, le candide manopole bianche furono rimpiazzate con due cromate. Insomma, se proprio bisogna comprarla già fatta almeno facciamola diventare un pezzo unico!

Pietro Paolo Falco
Macchine da guerra, hardware da urlo ed elettronica all'ultimo grido, su carta. Le super Strat sono le chitarre definitive, comode e versatili, in grado di offrire di tutto, su carta. Quanto di tutto ciò è invece applicabile nella pratica musicale odierna?
La corsa alla velocità è finita da un pezzo, i dive bomb non fanno più impressione come un tempo e il tapping a venti dita, tra mani e piedi, ormai lo si fa anche sulle chitarre acustiche senza sentire il bisogno di Wizard ultrapiatti e action regolate al microscopio. Allora che necessità c'è di mettersi sotto le mani un manico schiacciato e largo (orrido per le mie mani), una sfilza di pickup splittabili e un ponte da ingegneria spaziale?
La super Strat, ai miei occhi, ha smesso di essere super quando è divenuta uno standard, con schede tecniche ben precise a cui aziende e customizzatori si sono rifatti e tutt'ora si rifanno di continuo.
Quando un giovane Van Halen ha cominciato a giocherellare con la sua chitarra non intendeva certo inventare un nuovo filone di copie più e meno riuscite, di sicuro non era intenzione di Steve Vai creare una chitarra da heavy-grind-liscio-jazz-core-metal.
Le loro chitarre erano super perché uniche, diverse, frutto di esperimenti pazzi e senza un vero obiettivo se non quello di adattare alle proprie necessità una Strat che, a dire il vero, di Stratocaster finisce per avere solo vagamente la forma.
Cosa rende "super" tutte le chitarre uguali che sono seguite? Non sarà più "super" la mia Strat assemblata tra manicino tondo e striminzito, ponte vintage e, a breve, un improbabile accostamento di Filtertron, single coil e P90 con wiring alternativi? Non ci farò un repertorio anni '80, ma cavolo se me la godrò.
In fondo, se tutti sono super, nessuno lo è davvero.


Ha inizio con questo articolo la prima cover story multi-piattaforma di Accordo.it.
Si parlerà di super Strat, si parlerà di rullanti ultra effettati, si parlerà di anni '80. Una montagna di articoli per ripercorrere il bello e il brutto del rock anni '80 parlando di chitarre, batterie, album storici e didattica per ripercorrere il sogno shred del decennio più glam che ci sia.
Buona visione, buon ascolto e tenete gli occhi puntati sul tag "coverstory".
coverstory heavy eighties
chitarre elettriche
Link utili

Altro da leggere
Pubblicità
Chitarra Metal: tre Riff dei Black Sabbath...
Intervista a Christian Meyer...
Il Setup di Christian Meyer...
La verità sul vintage: parla Mike Eldred...
Pubblicità
Commenti
farla o comprarla
di Viperpera [user #32585] - commento del 16/07/2012 ore 09:28:44
Se non si hanno esigenze particolarissime (che onestamente non mi vengono in mente) è veramente difficile ai giorni nostri non trovare una chitarra che si avvicini veramente molto alle nostre esigenze. Considerato che molti marchi offrono talmente tante opzioni e personalizzazioni da perderci il sonno.

Se lo scopo è quello di avere una chitarra "unica" e riconoscibile allora va fatta. Se lo scopo è quello di avere uno strumento versatile, comodo e perfettamente corrispondente alle propie esigenze allora sfido chiunque a non trovarlo già sul mercato o cumonque a trovarne uno che lo diventi con qualche piccola modifica.

Certo se la chitarra dei propi sogni è a 3 manici e a forma di lecca lecca.....
Rispondi
Una cosa che mi ha ...
di angeletto [user #21395] - commento del 16/07/2012 ore 10:12:58
Una cosa che mi ha sempre colpito è il fatto che mentre sono solito modificare le fender, le gibson le lascio così come sono. Questa cosa mi è capitata sia con la Strato, sia con la Tele, la Les Paul è rimasta invece esattamente come era nel momento dell'acquisto (a parte settaggi vari).
La mia strato è una giapponese, una '57 reissue, quindi tutto fuorché una super strat, a cui ho cambiato praticamente tutto tranne le meccaniche. Ultimamente, dopo aver rifatto tutta l'elettronica ho riscoperto questa chitarra e la sto suonando moltissimo.
Però la strato la vedo con i 3 single coils, probabilmente perchè la associo a Hendrix e SRV, quindi non riuscirei ad installare un humbucker sulla mia... però mi vengono in mente esempi di strato con humbucker come quella di Dave Murray, oppure di Van Halen, oppure di Janick Gers.
Ho visto un video di John 5 suonare la sua super-tele e sono rimasto scioccato... Quell'uomo è un mostro! :)
Ciao
Angelo
Rispondi
da quando ho comperato una ...
di fenderrosso [user #17812] - commento del 16/07/2012 ore 10:36:11
da quando ho comperato una sterling silo (HSH ponte fisso, una "copia autorizzata" Music Man Silhouette) riesco ad ottenere praticamente qualsiasi sonorità mi serva-non che io sia un drago con la chitarra, ma mi basta per quello che faccio-. Sono dell'idea che se si ha la possibilità-necessità si compra uno strumento nuovo, altrimenti ci si arrangia con quello che si ha, magari anche sperimentando pick ups eccetera.. L'estrema evoluzione del concetto super strat e sperimentazione spinta probabilmente saranno le Variax e chitarre digitali simili.
una domanda: non mi viene in mente da quale canzone è tratto il primo riff suonato con le chitarre che magicamente cambiano forma nel video :D se qualcuno me lo dicesse gliene sarei grato!
aspettiamo le parti successive! bell'idea l'analisi di una decade musicale sotto ogni sua forma!
Rispondi
Il riff della prima canzone
di JEM [user #4665] - commento del 16/07/2012 ore 11:06:26
Dovrebbe essere di "I'll see the light tonight", di Yngwie Malmsteen. Tratto dall'album "Rising Force" del 1984 (se non sbaglio).
Rispondi
grande grazie! tra l'altro ho ...
di fenderrosso [user #17812] - commento del 16/07/2012 ore 12:05:01
grande grazie! tra l'altro ho anche il cd, ma proprio non ricordavo il titolo :)
Rispondi
I'll See The Light Tonight - Marching out
di alessioshy [user #12445] - commento del 17/07/2012 ore 13:39:50
Esatto è Yngwie Malmsteen - I'll See The Light Tonight, ma l'abum è "Marching out" 1985
secondo album, con Jeff Scott Soto alla voce e in cui spiacca oltre questo brano, "I'm a viking"
Rispondi
A mio parere oggi non ...
di esseneto [user #12492] - commento del 16/07/2012 ore 11:13:32
A mio parere oggi non ha più molto senso crearsi una super strat semplicemente perchè le grandi marche della chitarra hanno fiutato l'affare da anni ormai e nei loro sconfinati cataloghi offrono di tutto e per tutti,quindi se puoi già comprare una strato customizzata direttamente dalla fabbrica che senso ha comprarne una per poi modificarla?A parte che per qualsiasi modifica si voglia fare bisogna o averne le competenze e farsele da sè ma penso che la maggior parte dei chitarristi si occupi di note e non di saldature.....o conoscere un liutaio veramente bravo altrimenti si rischia di danneggiare irrimediabilmente il proprio strumento,per giunta pagando.....
Rispondi
Alcuni giorni fa ho assistito ...
di poseidon [user #30697] - commento del 16/07/2012 ore 11:22:55
Alcuni giorni fa ho assistito a un concerto di una cover band locale, genere hard rock-classic metal. C'erano tre chitarristi sul palco, uno aveva un'ibanez steve vai, uno la jackson simil flying v, mi sembra che avesse pickup attivi. E poi l'altro chitarrista con una normalissima stratocaster sss. Indovinate quale chitarra veniva fuori meglio sia nei riff, che nelle ritmiche, che negli assoli? La normalissima Stratocaster. Detto questo, sono assolutamente favorevole agli strumenti personalizzati, customizzati ecc, è giusto che ognuno abbia la chitarra che più lo soddisfi. Credo che oggi il mercato offra un'ampia possibilità di scelta, con chitarre diversissime e di tutti i tipi, però se proprio uno vuole qualcosa che sia veramente suo e "solo suo", allora fa bene a farsela fare su misura. Solo che a volte mi chiedo se non siano solo fissazioni o capricci.
Rispondi
Ma scusa che c'entra? Fosse ...
di Carrera [user #31493] - commento del 16/07/2012 ore 11:50:06
Ma scusa che c'entra? Fosse stato lo stesso chitarrista che cambiava tre chitarre era sensato fare un paragone. Ma così...magari quello con la strato era Lukather e gli altri due brocchi!...
Rispondi
concordo
di G1ud4 [user #31574] - commento del 16/07/2012 ore 13:39:11
Concordo in pieno
anche io ho provato, comprato e venduto parecchie chitarre ..ma chissá perchè mi riduco a suonare sempre le stesse: stratocaster e les paul ..così come le ha fatte la loro mamma
non credo nella customizzazione, EVH se lo poteva (e può ancora) permettere di ciancigare il suo attrezzo, poteva pure farla rosa e a fiori... Ma lui è lui, e in quel periodo non erano ancora diffusi i guitar hero come lo sono oggi,
Poi sono convinto di una cosa, ma magari mi sbaglio: se è vero che dal vivo i fenomeni attuali facciano sfoggio delle loro belle signature.. Quello che sentiamo nei dischi viene registrato con le care e vecchie signore

Naturalmente questo è solo il mio parere
Rispondi
super ...
di SimoSilenzio [user #32036] - commento del 16/07/2012 ore 12:06:38
va bene super-strato ...

però se dite super-tele io penso a questa
vai al link

;)))
Rispondi
..
di heavydavid [user #29372] - commento del 16/07/2012 ore 13:28:37
6 un genio.... anzi, un gegnio!!!!

appena aperto il link trepidavo aspettandomi danny gatton o andy summers...... ma questo e' oltre!!!!


complimenti ancora!!!


d.
Rispondi
il meglio del meglio! ahahaha ...
di andreascarabelli [user #26611] - commento del 16/07/2012 ore 14:51:49
il meglio del meglio! ahahaha :)
Rispondi
yeah
di guitarsword [user #20669] - commento del 16/07/2012 ore 14:32:00
...finalmente, direi, si parla di anni '80! un'epoca sottovalutata per tantissimi motivi, culla degli eroi e del sound che in fondo in fondo un po' tutti, ancora oggi, cercano di ricreare....pur dicendo che gli anni '80 erano solo casino, velocità e tonnellate di reverberi...

BENE COSI!

io e la mia Dean Schenker custom attendiamo nuovi articoli.
Rispondi
Be è bello mettersi li ...
di Pinus [user #2413] - commento del 16/07/2012 ore 16:28:04
Be è bello mettersi li ad assemblare pezzi qua e la, sperimentare, fare casino
Rispondi
io la mia superstrat me ...
di ondaretro' [user #12415] - commento del 16/07/2012 ore 20:27:10
io la mia superstrat me la sono fatta fare da un uomo molto conosciuto del quale non vi dirò il nome perchè famosissimo (ha sia la moto che la barba che una savage invenduta da eoni)
Gli ho chiesto...voglio una strato con cui posso suonarci sia van halen ma anche david gilmour.
Dopo averla chiesta sono passati tipo 100 anni ma quando ho potuto sentire la pasta dello strumento sono rimasto sconvolto. Difficile trovare tale cura e suonabilità in una chitarra di serie.
Certo non la venderai ma chissenefrega! te la fai fare con specifiche particolari e quella divednta la TUA CHITARRA per sempre.
Ancora godo.
Grazie.
Non prendo una lira.
Rispondi
solo per parlarne
di G1ud4 [user #31574] - commento del 18/07/2012 ore 13:22:46
..Non è una polemica, metto le mani avanti.. Non si sa mai..
Piu per capire direi

..solo non capisco le richieste di chi come te chiedono una chitarra per suonarci EVH e Gilmour..
Un pó come chiedere una forchetta per mangiare il brodo.. No?!

Capisco la richiesta di versatilitá, ..ma non è meglio scegliere 2 chitarre fatte bene ma fatte apposta per un determinato genere? ..E che per me versatilità è sinonimo di compromesso

..Poi magari questo tizio che te l'ha costruita è un genio.. Ma di miracoli ce n'era solo uno a farli e l'hanno crocifisso :)

Detto ciò, buon ler te se lo strumento ti appaga in pieno
ciao e buona musica
Rispondi
Guarda...la mia richiesta evh/gilmour va ...
di ondaretro' [user #12415] - commento del 18/07/2012 ore 23:34:2
Guarda...la mia richiesta evh/gilmour va vista in modo un po piu morbido. Per me chi spende tutti quei soldi per la reissue di gilmour è un pazzo! Van halen è uno che se gli metti un humbucker al ponte qualsiasi su una strato qualsiasi con un floyd imitazione rimane comunque van halen.
Gilmour è uno che con una squier, pick up al manico singolo e un compressore ti fa tutta shine on you crazy diamond e manco ti accorgi della differenza!
Per me avere un pu al ponte bello spinto particolare e splittabile mi fa già felice.
Aggiungici un pu al manico singolo e un centrale uguale e direi che hai una chitarra che tu potrai anche chiamare compromesso (e non ti do torto) ma che soddisfa in pieno tutte le mie necessità di metal rock pop funk.
Il "carattere" glielo do io con la manina!
Non deve suonare come i miei idoli ma deve essere il mio "manico" a farla suonare cosi.
Mi scelgo i legni, il colore il livello di relic le meccaniche e i pu e mi ritrovo fra le mani un prodotto probabilmente invendibile (l'altra faccia della liuteria da bottega) ma con la mia personalità e che come qualità la da sui denti anche alle piu blasonate paul red smith. (4000 euro sono per me un FURTO per qualsiasi chitarra che non sia di collezione)
Just my 2 cents
Rispondi
capisco
di G1ud4 [user #31574] - commento del 19/07/2012 ore 01:52:57
Capito.. Pensavo che la tua richiesta fosse più estrema, invece è modesta
alla tua richiesta ti avrei proposto una R.Sambora (si trovano usate anche a poco) ..e senza dover aspettare 100 anni :D
ciao e buona musica
Rispondi
Il modello Sambora infatti ! ...
di ondaretro' [user #12415] - commento del 19/07/2012 ore 08:42:52
Il modello Sambora infatti ! Però a me lui fa repulsione e poi non mi piace proprio tantissimo il colore ma l'idea è quella!
Al tempo stresso non voglio spendere soldi per pagare un nome.
Sono tutte prese in giro (e io ci sono cascato piu volte)
Poi mi sono fatto installare anche un selettore a due vie acceso/spento per fare cose alla Tom Morello (kill dry)
Ma soprattutto la cosa che mi piace di piu è sia la libertà nei colori che la fase di invecchiamento che la fa sembrare vissuta pur non essendolo. Ciao!

Rispondi
Per quanto riguarda me la ...
di Bustio [user #24438] - commento del 16/07/2012 ore 23:02:27
Per quanto riguarda me la superstrat rimane sempre una: la TUA strat, quella con cui suoni bene e con cui ti ritroverai sempre!
Rispondi
La cosa più divertente è ...
di Foglio [user #19480] - commento del 17/07/2012 ore 09:33:12
La cosa più divertente è farsela da soli... tanto non è che sia poi così complicato...

La mia è fatta da una Fender Strat messicana e una Fender Strat American Vintage, ho usato le plastiche e il body della mex e il resto della av, ho cambiato battipenna e ho messo i custom 69 come PU, inoltre ho rifatto il circuito schermando tutto e usando cavi un po' più grossi...
Rispondi
farsela o costrursela questo è il dilemma
di G1ud4 [user #31574] - commento del 18/07/2012 ore 13:10:27
Credo che costruirsi il proprio strumento sia una cosa eccitante ed appagante
ma sono convinto che prima di fare questo passo sia necessario provare e suonare.. Ma suonare parecchio con diverse chitarre di varia natura, in modo da avere un'idea sul tipo di pickup, manico etc da utilizzare per la propria creazione
in modo contrario, imprivvisarsi "costruttori" senza avere un'idea e magari lasciandosi condizionare dall'estetica, dalle creazioni altrui o solo per sentito dire (..o letto in rete) serva solo a poco.. Anzi nulla, un bel pezzo di legno "arciaplato" come dicono a Fano.. Che presto finirá a prendere la polvere

fate esperienza!
Buona musica a tutti
Rispondi
la stratocaster mi piace così ...
di superloco [user #24204] - commento del 08/10/2012 ore 08:42:51
la stratocaster mi piace così com'è. Dopo averne provate veramente tante ho tenuto un modello del 89 che mi soddisfa.
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
DV Mark Micro 50: piccola, semplice e cattiva!
La prima Les Paul burst mai prodotta è in vendita: ecco la sua storia
APS Custom, quando la Les Paul parla italiano
Gibson Les Paul Traditional Pro P90
Sweet Honey Deluxe: non il solito OD a tre bande
I più commentati
Perché preferire combo o testata
Gibson Les Paul Traditional Pro P90
Gibson L1 1911: alle radici del blues
DV Mark Micro 50: piccola, semplice e cattiva!
APS Custom, quando la Les Paul parla italiano
I vostri articoli
Gibson Les Paul Traditional Pro P90
Gibson L1 1911: alle radici del blues
Yamaha Revstar RS320
Mi sono fatto la Strat!
Riverberi (e non solo) Neunaber contro TC Electronic Hall Of Fame
Hot licks
Accordi a pezzetti per improvvisare con lo slide
Suspense: la scala Enigmatica
Due riff per ripassare i modi
Tipo i Daft Punk ma con la otto corde
Marty Friedman: un arpeggio di Maj7
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964