Home | Audio | Chitarra | Didattica | Lifestyle | Ritmi | People Store | Annunci | Eventi | Valutazioni
Wampler Sovereign
di Burats | 16 luglio 2012 @ 16:00

Il mondo degli effetti per chitarra strabocca di distorsioni, ma ogni volta che compare una nuova scatoletta colorata, con tante manopole e switch vari la curiosità schizza alle stelle. Wampler Sovereign, nata per regnare sopra tutte le stompboxes, sarà vero?
Se il mercato delle distorsioni è sovraccarico il catalogo Wampler lo è ancora di più. Le creature di Brian, che partendo dal suo modesto garage è arrivato in breve tempo a costruire effetti per artisti di Brad Paisley e Brent Mason, sono sempre affascinanti e, dopo le prime serie, anche accattivanti esteticamente. Sotto una coltre argento metallizzato si nasconde il cuore di questa Sovereign, nata per racchiudere al suo interno tutta l’essenza dei pedali Wampler. Versatilità è il suo secondo nome. L’obbiettivo era quello di creare una distorsione che potesse con un semplice giro di manopola trasformarsi da un delicato overdrive a una macchina da shred. Impossibile all’apparenza, ma Brian sembra esserci riuscito.

Cinque i potenziometri a disposizione che con precisione permettono di forgiare il suono di questo pedale assecondando alla perfezione tutte le sfumature del proprio strumento e del proprio amplificatore. Scontata la funzione del pot volume, da tenere sotto controllo perché di voce ne ha da vendere. Tone e Mid Behaviour prendono in carico la gestione dell’eq. La prima delle due manopole agisce schiarendo o scurendo il suono, interessando tutta le bande di frequenza. La seconda invece agisce esclusivamente sulle medie, zona dove la chitarra ha la massima presenza. Con questo potenziometro si riesce a trasformare completamente la voce del Sovereign passando da un suono più corposo a uno più aggressivo e scooped.

In alto troviamo invece il sistema di Advanced Gain Structure che agisce, come dice il nome stesso sul guadagno, ma non limitandosi al solo potenziometro. Abbinati alla classica manopola gain troviamo infatti due switch che abbinati a questa permettono di regalare diverse personalità a questa macchina da guerra.


Molto semplice il primo dei due, quello più a destra che aggiunge un boost pre gain, pompando così ulteriormente il guadagno, permettendo di spingersi in territori davvero heavy, dando anche un sapore più hi gain alla voce di questa stompbox. Il secondo switch invece Bright/Even con ancora più decisione porta in viaggio nel tempo questo pedale. In modalità Even si ha una distorsione più cremosa, più smooth e garbata, veramente bella con gain a ore 9 e medi belli presenti, perfetta per ritmiche decise ma non aggressive. Passando alla modalità Bright invece si passa a una sonorità decisamente più aperta e definita. Più pungente con alte belle presenti, con tanta voglia di gain, voglia che si può soddisfare con facilità grazie alla grande riserva di guadagno di questa nuova creatura di Brian Wampler, in vendita da tempo, ma presentata in via ufficiale al Summer Namm.

Un pedale che di secondo nome fa versatilità, ma senza mancare di personalità, in pochi centimetri cubici sono rinchiuse tantissime anime diverse, capaci di adattarsi a qualsiasi equipaggiamento e chitarrista. Sicuramente da provare, spendendo davvero un pomeriggio spostando manopole e switch.
effetti e processori - wampler - sovereign

Link utili
Wampler
Altro da leggere
Pubblicità
Triadi: non fraseggi se non le sai...
Invecchierà con me...
Hornet HDD-1: il digital delay per...
Shure: arriva la serie MOTIV...
Pubblicità
Commenti
Come prima cosa pensavo di ...
di ondaretro' - user #12415 dal 12/04/2007 | 16/07/2012 @ 20:19:04
Come prima cosa pensavo di partire da una nota critica mi stavo chiedendo....ma accordiani dove siete finiti tutti? tempo fa un articolo del genere sarebbe stato subissato dai commenti!
La seconda cosa che ho notato è che il mondo dei pedalini è proprio come la moda.
Prima fu Fulltone, poi arrivò Sorasio, poic'era il t-fuzz, e allora ecco keeley!
Tutto passa eh?
Diciamo che adesso è il tempo di Wampler, sembra che fino a ieri abbiamo suonato pedali del c.zzo e adesso abbiamo un nuovo salvatore della patria!
Non gli ho mai provati ma vedo un gran girare di questa marca, annoverata (non so se realmente a ragione o a torto)nell olimpo dei grandi pedali.
Spero qualcuno possa dirci qualcosa di piu!
Rispondi
un tempo nell'olimpo c'erano anche ...
di tonycaster - user #26150 dal 16/10/2010 | 16/07/2012 @ 21:20:46
un tempo nell'olimpo c'erano anche i boss,ricordi? ahaah ....attendo di sentire questo nuovo pedale,ormai con tutte le varianti che ci sono si tratta solo di sfumature...in ogni caso si presenta ben realizzato,costerà un occhio...
Rispondi
bhé di pedali buoni di ...
di dantrooper - user #24557 dal 06/06/2010 | 16/07/2012 @ 22:00:11
bhé di pedali buoni di altre marche ce ne sono eccome. A mio parere però wampler è uno che merita di entrare nel novero dei marchi buoni, in quanto tutti i pedali da me sentiti e provati di questa marca suonano benissimo; posseggo l'hot wired e mi piace tantissimo!
... sono davvero curioso di provare anche questo ...
Rispondi
Io intanto aspetto che arrivi ...
di KJ Midway - user #10754 dal 26/07/2006 | 17/07/2012 @ 08:51:55
Io intanto aspetto che arrivi il tempo delle cose serie tipo D*A*M, BJF, Paul Cochrane così possiamo discutere di cose interessanti piuttosto che scorrere i cataloghi dei vari produttori e parlare di aria semi fritta... sto perdendo interesse.
Rispondi
Speriamo!! concordo ;) ...
di tonycaster - user #26150 dal 16/10/2010 | 17/07/2012 @ 14:33:15
Speriamo!! concordo ;)
Rispondi
Ancora distorsioni?? Ma, c'è davvero ...
di flavi16 - user #25371 dal 17/08/2010 | 16/07/2012 @ 21:08:44
Ancora distorsioni??
Ma, c'è davvero differenza tra una distorsione e un'altra? Intendo sempre di casa Wampler eh!
Perchè ultimamente sforna distorsioni come se fossero cioccolatini!!
Rispondi
Se suona bene quanto è ...
di summerandsun - user #22475 dal 12/01/2010 | 16/07/2012 @ 23:07:48
Se suona bene quanto è brutto lo compro domani ;-)
Rispondi
io ho l'ecstasy overdrive e ...
di coldshot - user #15902 dal 23/08/2008 | 16/07/2012 @ 23:52:2
io ho l'ecstasy overdrive e devo dire che è notevole
Rispondi
Idem....
di zioles - user #33829 dal 09/04/2012 | 17/07/2012 @ 07:40:5
Idem per il Pinnacle!
Rispondi
idem per il Paisleydrive ...
di delmo79 - user #26678 dal 19/11/2010 | 17/07/2012 @ 13:00:35
idem per il Paisleydrive
Rispondi
business distorto....
di esseneto - user #12492 dal 23/04/2007 | 17/07/2012 @ 09:12:45
Prima o poi ci si stanca e solo questione di tempo,certo bisogna prima spendere un bel pò di euro,ma alla fine capisci che prima di tutto viene la musica le note e l'espressività unita alla tecnica esecutiva.Tutta roba che con la marca dei distorsori non ha proprio nulla da spartire.Io dopo aver avuto e suonato con tantissimi distorsori/overdrive sono ritornato a suonare sfruttando il solo canale overdrive della mia testata valvolare,lo so molti diranno che così non si ha la versatilità di avere 4 o 5 canali crunch,hi gain,vintage ecc.ecc ma io rispondo: è ancora il caso di farci prendere in giro con questo business dei distorsori?
Rispondi
apparte penso che ci siano ...
di coldshot - user #15902 dal 23/08/2008 | 17/07/2012 @ 10:49:32
apparte penso che ci siano degli overdive a pedalino che si mangiano tranquillamente il canale drive di alcuni ampli, esempio per me la serie hot rod fender se la sogna una pasta come quella dell'ecstasy overdive della Wampler, e non solo i Fender, detto questo devi considerare che non tutti suonano i valvolari, io suono con ampli a Transistor perchè mi piacciono i puliti cristallini e si sà che i solid state non sono un gran che per i drive come al contrario lo sono per i puliti quindi ho bisogno di pedali, il business c'è anche per gli ampli e per le chitarre e la possibilità di farci prendere in giro esiste anche li, detto questo la Wampler è una marca eccellente.
Rispondi
ahhh l'ectasy...
di siggy - user #287 dal 27/05/2002 | 17/07/2012 @ 11:42:42
ho un super ectasy e devo dire che dopo averne provati molti (analogman, fulltone, keeley, roba vintage) ha "un non so che" che glia altri non hanno...
Rispondi
G.A.S.
di Floyd - user #143 dal 06/03/2002 | 19/07/2012 @ 08:27:58
nessuno più dei pedalomani ne è contagiato, per questo motivo i produttori di pedali ne sfornano in continuazione, anche se spesso sono piccole varianti di pedali già commercializzati.
iin questo modo si sfrutta l'eterna insoddisfazione di noi gasati, sempre alla ricerca di un suono che abbiamo in testa ma che mai potrà uscire dalle casse del nostro amplificatore.
ormai in commercio c'è tanta di quella roba che è veramente impossibile farsi un'idea giusta di tutto. quando compriamo il "pedale definitivo" che dai sample sul Tubo ci era sembrato il non plus ultra, rimaniamo sempre delusi perchè in casa non suona uguale, e ancor prima di studiarlo a fondo già siamo alla ricerca del successivo pedale definitivo.
se c'è una cosa che ho imparato negli anni è che di definitivo nella nostre pedaliere non c'è niente, e che se non siamo a caccia di una novità ci annoiamo.
Sul versante distorsioni ho imparato a mie spese che per avere veramente molte possibilità timbriche e di guadagno è meglio avere due overdrive compatibili tra di loro, che abbiano possibilmente più controlli tonali e una discreta escursione di guadagno.
Comunque, se non ci fossimo noi gasati a far muovere il mercato in questo periodo di crisi... :o)
saluti a tutti
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
50 anni di Slash
di rockmaniac Oggi 23 luglio 2015 Saul Hudson compie cinquant'anni. La sua storia è...
Nuova data per David Gilmour e senza bagarini
di rockmaniac David Gilmour annuncia una nuova data per la fine dell'estate 2015, con prezzi...
Goditela finché ti regala la sua voce
di RozzoAristocratico Una riparazione di fortuna a una vecchia chitarra ti dona un suono diverso da...
Les Paul Junior 1957: the real thing
di biggiorgione Le riedizioni Gibson non scarseggiano per qualità e suono, ma imbracciare una...
Peavey MiniMEGA: mille watt in quattro chili
di redazione Peavey insegue la massima portabilità con una potenza capace di affrontare i...

Hot licks
Paul Gilbert: studenti senza espressività di redazione
“Certi allievi si preoccupano solo di eseguire le cose correttamente. Ma suonare è ben altro. Lo shred? Mi sta...
Più di quel che suoni, conta come suoni di redazione
Grazie a un timing feroce e una meccanica di pennata perfetta, Giacomo Castellano regala vigore anche a uno dei box...
Cesareo: due chitarre in un pollaio di redazione
Cesareo continua a parlarci di quanto sia decisivo – ma anche molto difficile - suonare in una band, tappa...
Migliora i tuoi accompagnamenti: Neanche un minuto di non amore di redazione
Diverso dalle solite ballate da spiaggia, "Neanche un minuto di non amore" ha un ritmo funk tutt'altro che scontato in...
Triadi & fraseggio melodico di redazione
Le triadi sono uno strumento prezioso per sviluppare il fraseggio solista in maniera melodica, originale e melodica....

I vostri articoli
Gurus Naked Preamp CH2: oltre ogni pre-visione di Aynrand
Gurus trasforma la testata Naked in una serie di stompbox per replicare il sound dei suoi canali in un comodo...
Wide Range: l'humbucker di Fender-CBS di FBASS
Il Wide Range fu la risposta Fender al PAF Gibson. Disegnato dallo stesso sviluppatore, si differenzia per la...
PRS SE Custom 24 di Petewho
La serie SE è il rifugio di ogni amante del sound PRS con un occhio di riguardo per il portafogli. La Custom 24 della...
La botta dei Sidewinder di FBASS
Dal primo basso a violino ai moderni Grabber, EB Bass e Thunderbird, Gibson ha fatto molta strada nelle quattro corde,...
Gibson ES225: una vita di classe in quattro anni di biggiorgione
In produzione solo dal 1955 al 1959, la ES225 cattura lo sguardo dei fan delle archtop Gibson con il suo mogano...

Lezioni di basso
La tecnica è al servizio della versatilità di dadoneri
Essere un musicista versatile non significa esclusivamente sapersi destreggiar senza problemi tra diversi generi...
In cinque come i King Crimson di redazione
Un’altra lezione per basso e batteria. Lorenzo Feliciati e Lucrezio De Seta ci propongono una serie di studi per...
Arpeggi: studiare & ascoltare di dadoneri
Basso. Lavoriamo su un metodo efficace e solido per colorare i nostri accompagnamenti con fill e fraseggi. Sarà...
I due che suonano in cinque di redazione
Lucrezio de Seta e Lorenzo Feliciati iniziano il loro ciclo di lezioni per batteria e basso. Una serie di appuntamenti...
Groove: pensare da batteristi di dadoneri
Basso. In questa lezione parliamo di groove e cercheremo di pensare come batteristi. Prima ancora di preoccuparci delle...

Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964