DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Fuzz Talk: perché preferire il fuzz all’overdrive
Fuzz Talk: perché preferire il fuzz all’overdrive
di [user #116] - pubblicato il

Un fuzz non è sempre sinonimo di distorsione estrema: può anche lavorare da overdrive e, in alcuni casi, fare persino meglio degli originali.
C’è un preciso motivo per cui Michele Quaini decide così spesso di usare un fuzz in luogo del più comune overdrive. È una questione di gusti, certo, ma anche di esigenze di produzione, pura e semplice efficacia e, in senso più ampio, sound.
È difficile pensare che un fuzz possa essere il responsabile dei toni distorti in numerose produzioni pop-rock, dove i suoni patinati e curati all’inverosimile vorrebbero portare sempre l’orecchio a pensare che dietro ci siano strumenti caratterizzati dalla stessa “patinatura”. La pasta selvaggia e indomabile del fuzz sembra all’antitesi di tale concetto, eppure non è raro trovarlo in sostituzione di un overdrive per un risultato più presente, originale, interessante.

Secondo Michele, il fuzz si distingue dall’overdrive per il suo stesso carattere, anche quando lo si vuole mascherare “da overdrive”. Al di là dei gusti personali, l’orecchio percepisce una dimensione del suono nettamente più ampia, capace di aiutare la chitarra a risultare più ingombrante e corposa nel mix. Per certi versi si può considerare un “trucchetto da studio”: scegliere un circuito che, con la sua esuberanza, offre già tutte le frequenze giuste per farsi sentire senza troppi ritocchi, pronti a tappare ogni buco lasciato dagli altri strumenti.

Dopo aver offerto una panoramica sulle caratteristiche del fuzz e sulle sue numerose declinazioni moderne, lo racconta e lo dimostra - in modo sicuramente più efficace - Michele Quaini nell’ultimo appuntamento di Fuzz Talk.

effetti e processori effetti singoli per chitarra fuzz talk il suono michele quaini
Link utili
Fuzz Talk parte 1
Fuzz Talk parte 2
Mostra commenti     16
Altro da leggere
Costruisci il tuo Korg Power Tube Reactor valvolare
Il punch degli AC/DC in un pedale
FluxElectrick: envelope e ring in salsa australiana
FloraVolt: overdrive alimentato a… frutta e verdura
Formula 51: i vecchi tweed rivivono con Catalinbread
La versatilità della Telecaster con Gennaro Porcelli
Articoli più letti
Seguici anche su:
Altro da leggere
Gibson contro Heritage: la sentenza… poco chiara
Ecco come sono stato truffato - Pt. 3
PRS? Chitarre da crisi di mezza età…
David Crosby: il supergruppo si è spezzato
Ho intervistato l'Intelligenza Artificiale. Il chitarrista del futuro?...
Tom Morello e la vergogna di suonare coi Måneskin
Che fine ha fatto Reinhold Bogner?
"Dai, suonaci qualcosa": il momento del terrore
Da Fripp a SRV: gli inarrivabili chitarristi di David Bowie
Sette anni senza David Bowie
Altoparlanti volanti per i 50 anni di Roland
Ecco come sono stato truffato - Pt. 2
Chiede a una AI se sa cos'è un Tube Screamer: questa glielo programma...
L’improbabile collaborazione tra Ed Sheeran e i Cradle Of Filth è r...
Letterina di Natale




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964