CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS SHOP
Boria, Chiantese, Furian, Mer e Paulovich: i Sorelli D'Italia
Boria, Chiantese, Furian, Mer e Paulovich: i Sorelli D'Italia
di [user #116] - pubblicato il

Max Furian, Federico Paulovich, Phil Mer, Daniele Chiantese, Gabriele Boria. Cinque eminenze della batteria italiana che la scorsa estate, complice anche il blocco di concerti ed eventi, hanno deciso di prendersi una vacanza assieme e confezionare una delle cose più spassose e curate ascoltate ultimamente. Così, in quella vacanza - o forse sarebbe meglio chiamarla Zingarata - è nato questo nuovo collettivo artistico, batteristico chiamato Sorelli D’Italia. Ci siamo fatti raccontare da Federico Paulovich e Phil Mer il loro brano “Pensione Completa”.

FEDERICO PAULOVICH

Come nascono i Sorelli D’Italia?

Tutto nasce da un’amicizia pluriennale. Negli ultimi anni il nostro sentirci tra rassegne, concerti ed eventi didattici si è intensificato, tanto da concretizzarsi nella solita chat di gruppo, quelle che si fanno tra amici. E proprio in questa chat, abbiamo iniziato a pensare che sarebbe stato carino fare qualcosa, magari un video dove si suonava tutti assieme…
 
Chi ha scritto “Pensione Completa” il brano proposto nel video?
Phil Mer. Del resto è l’unico tra noi cinque ad avere doti da polistrumentista. Ha scritto un brano bellissimo, che tiene anche conto delle singole personalità di ciascuno. Quando ce l’ha spedito siamo rimasti entusiasti. Non è stato necessario chiedere alcun cambiamento o revisione, era perfetto. Abbiamo subito iniziato a pensare a una data per trovarci e registrare tutti assieme.
 
Boria, Chiantese, Furian, Mer e Paulovich: i Sorelli D'Italia

Dove avete registrato?
Nello studio di Daniele Chiantese, a Coreno Ausonio nel basso Lazio. Inizialmente si era pensato di far salire Daniele a Milano, piuttosto che scendere noi quattro. Invece l’idea di prenderci una vacanzina suonareccia assieme ci piaceva. Tanto più che in un’estate come la scorsa, compromessa dal Covid, senza impegni e concerti, la cosa era anche abbastanza facile da organizzare. Così, abbiamo noleggiato un furgoncino e raggiunto Daniele che ci ha accolto con un’ospitalità straordinaria. Phil Mer aveva una data a Bologna. Partiti da Milano siamo passati a prenderlo e scesi nel Lazio. Abbiamo sacrificato la logistica per privilegiare il piacere di una vacanza tra amici!
 
Una volta in studio, avete lavorato assieme al pezzo?
Più che altro la sera prima delle registrazioni, ci siamo seduti e, tutti e cinque carta alla mano, abbiamo ragionato su una suddivisione delle parti che fosse il più equa possibile. Anche in funzione del video, dove volevamo che il minutaggio riservato a ciascuno fosse ben distribuito.
 
Avevate comunque fatto una pre produzione?
Sì, ho proposto io di fare un po’ di pre produzione.  Mi sono preso la briga di registrare alcune idee di batteria pensando alle parti di tutti quanti e concentrandomi soprattutto su quando le parti iniziano ad essere a due o a tre.
Per esempio, le sezioni quando suoniamo assieme io Daniele le ho scritte proprio in pre produzione. Così come, ho scritto la parte in cui Gabriele si aggiunge e siamo in tre. Il finale, invece, era già così nella mente e nella scrittura di Phil: un groove che fosse costruito in maniera corale per essere suonato da cinque batteristi, come se fossero uno.
 
Il brano è arricchito dal sax e dai tappeti sonori di Marco Scipione
Quando ho sentito il brano che – ripeto - era bellissimo, ho pensato che ci sarebbe stata bene una ciliegina sulla torta. Sarebbe stato perfetto aggiungere un po’ di atmosfera, un po’ di sovrastrutture, fill, temi. E ho immediatamente pensato che Marco Scipione avrebbe potuto fare il panico …
 
Hai mixato tu il brano…
Sì, da un po’ di tempo ho iniziato a dilettarmi con il mixare la batteria. Mi piace, mi da gusto. Puoi quindi immaginare quanto irresistibile fosse la tentazione di mixare un brano con assieme le batterie di cinque amici, a cui voglio bene, colleghi che stimo tantissimo. Così, per divertimento, ho provato a mixare il brano e il risultato è talmente piaciuto ai miei compari che mi hanno chiesto di farmene carico. Allora, ho ottimizzato alcune loro richieste e chiuso il mix. A dire il vero ho provato anche a fare il mastering ma, resomi conto che rischiavo di rovinare gli equilibri del mio mix, mi sono affidato alle mani di Andrea Pellegrini, fonico di King Crimson e Elio & Le Storie Tese. E Andrea ha fatto un lavoro coi fiocchi.
Il bello di Sorelli D’Italia è stato proprio come tutto, da subito, sia andato liscio. Che tutto sia successo in maniera così naturale, spontanea, senza intoppi. E non è né facile né scontato quando ci sono così tante persone coinvolte…

Boria, Chiantese, Furian, Mer e Paulovich: i Sorelli D'Italia
 
PHIL MER

Phil tu eri incaricato di scrivere il brano…
Quando ci è venuta l’idea di realizzare questo brano, gli altri ragazzi mi hanno chiesto di scrivere qualcosa. Inizialmente, abbiamo pensato se qualcuno avesse nel cassetto un pezzo già pronto, da utilizzare. Poi, conoscendo loro il mio lavoro di compositore con il mio progetto The Framers, l’idea di qualcosa scritto ad hoc sembrava convincere tutti di più. Tanto più che, occupandomi io anche di produzione ed arrangiamenti, avevo la possibilità di realizzare facilmente tutto a casa.
 
Avevi le idee chiare sulla direzione in cui scrivere?
Inizialmente non sapevo bene cosa fare. Semmai ero certo di cosa non avrei voluto fare: non mi sarei voluto cimentare nello scrivere un brano che fosse la classica esibizione di bravura con molti obbligati, ostinati, con quegli stacchi e gruppi irregolari un po’ Zappiani…sarebbe stata una cosa un po’ troppo fusion che ci avrebbe riportato troppo a quel mondo. Una direzione stilistica in cui è già stato detto tantissimo - e anche tanto bene - nella storia del nostro strumento.
Non voglio dire che quello che abbiamo fatto noi sia qualcosa di inedito, per carità. Dico solo che fare una cosa del genere, funambolica e con tanti stacchi, non mi sembrava la strada giusta da percorrere… 
 
Il brano ha comunque una struttura variegata…
Ho pensato a un brano che avesse più sezioni. E, anche in questo caso, sono stato attento a non cadere nell’esercizio manieristico di fare un pezzo con una parte rock, una parte jazz, una parte dispari…Volevo che il brano avesse una sua organicità e che le diverse sezioni fossero collegate tra loro in maniera fluida e coerente.
Poi c’è quella vena un po’ anni 60, 70, un po’ Nino Rota, un po’ film poliziesco. Quella stessa vena che c’è anche in diverse composizioni dei Framers. Credo sia una mia cifra espressiva.
 
Boria, Chiantese, Furian, Mer e Paulovich: i Sorelli D'Italia

Quanto conoscere lo stile dei musicisti coinvolti ti ha condizionato nella scrittura?
Una cosa che avevo chiara, pensando al brano in fase di composizione, era l’idea della presenza di un intro libero che avrei consegnato a Max Furian.
Su quelle cose organiche, senza beat, Max è pazzesco. Fare un intro del genere, lasciare aprire il brano a lui e farglielo fare in quella maniera, voleva essere un omaggio nei suoi confronti.
 
Il finale è davvero suggestivo…
Nel finale, volevo fare una cosa easy listening. Tutti e cinque assieme avremmo suonato una cosa semplice con la cassa in quattro…lì ho pensato che uno avrebbe fatto la cassa, uno il charleston, l’altro dei colori…
 
Scritto il brano, come lo hai girato ai tuoi colleghi?
Ho mandato due versioni: una con solamente base e click; una suonata interamente da me, con assolo libero iniziale e le varie sovra incisioni nel finale che dovevano semplicemente dare un’impressione di come fosse il brano. Alcune cose sono state tenute, altre totalmente reinterpretate…
 
Dalla versione scritta e suonata da te, com’è stato riascoltare il brano una volta finito?
Molto bello perché loro sono musicisti molto diversi da me: tecnicamente, musicalmente…ognuno di noi ha un suono, uno stile completamente diverso. Ecco, forse Max e Lele sono quelli più vicini. Per cui, è stato bello vedere come una propria idea, suonata da un altro musicista, prenda completamente una direzione differente e faccia suonare la musica in maniera diversa.


 
batterie daniele chiantese federico paulovich gabriele boria interviste max furian phil mer sorella d'italia
ABBIAMO BISOGNO DI TE!

Dal 1997 ACCORDO mette gratuitamente a disposizione di chi fa musica contenuti di qualità altissima. Competenze e lavoro per produrli comportano costi che la pubblicità fatica a coprire, soprattutto in questo periodo difficile. Per questo ti chiediamo una donazione, anche piccola, per aiutarci a mantenere la qualità che i musicisti italiani si aspettano da ACCORDO.

DONA ADESSO!
Link utili
La pagina dei Dorelli D'Italia
In vendita su Shop
 
CORT CM150B AMPLIFICATORE COMBO PER BASSO 12" 150W
di Musicanova
 € 299,00 
 
Markbass TRAVELER 102P 8 OHM CASSA 2X10
di Le Note delle Stelle
 € 499,00 
 
RCF F12XR MIXER
di SLIDE
 € 259,00 
 
Fender Usa Custom Shop Rory Gallagher Stratocaster Relic 3-Color Sunburst + custodia rigida
di Penne Music
 € 3.749,00 
 
Jackson Ampworks Newcastle 30
di Daniele Guido Cabibbe
 € 2.000,00 
 
PRS SE CU24 CHITARRA ELETTRICA 6 CORDE SOLID BODY TRAMPAS GREEN SE-CU-24
di Borsari Strumenti Musicali
 € 869,00 
 
yamaha JX40
di Scolopendra
 € 240,00 
Visualizza il prodotto
Capotasto stile Fender grafite 43mm white
di Chitarre e componenti
 € 5,00 
Mostra commenti     1
Altro da leggere
Matt Garstka: come creo gli esercizi
Roberto Gualdi: "Andare a tempo. Predisposizione o formazione?"
Simon Phillips: Paese che vai, tempo che trovi
Adam Deitch: batterista e produttore
Intervista a Dave Abbruzzese: da icona grunge a produttore
Linear Fill: il metodo di batteria
Ellade Bandini: Un batterista lento, pigro e da turismo
Ellade Bandini: il Twist & la batteria sulle sedie
Agostino Marangolo: musiche da horror
Agostino Marangolo: come suonare "A me me piace o Blues"
"McStine & Minnemann": musica bella e senza tabù
Marco Minnemann fa 13!
Marco Minnemann & i Tempi Dispari - Il 5/16
Virgil Donati e Federico Malaman: assieme per un tributo a Holdsworth
Virgil Donati: come nasce una canzone
"I più penalizzati? Noi fornitori di servizi: musicisti, tecnici, fonici"
Phil Mer e Andrea Lombardini: groove erotici e sogni dispari
The Framers: un groove sull'orlo del precipizio
Federico Paulovich: la musica è divertimento, riflessione e leggerezza
Federico Paulovich alla batteria nel nuovo pezzo di Devin Townsend
La chitarra di Misha Mansoor per i groove di Federico Paulovich
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Amplificatore Fender Super Reverb primi anni 60
Visualizza l'annuncio
Ovation Custom Legend 1719 30CM Commemorative - 2004
Visualizza l'annuncio
Gibson Les Paul Slash Signature November Burst NAMM 2020
Seguici anche su:
Altro da leggere
Morto Phil Spector, inventore del Wall Of Sound
JHS vende il primo Centaur mai prodotto
Il NAMM non si fa, ma i costruttori ci sono tutti
Canzoni sbagliate!
Morto Alexi Laiho: fondatore dei Children of Bodom
Brand da tenere d’occhio nel 2021
No: questo non è lo schema del chip Covid-19
Sotto l'albero del chitarrista: una guida disinteressata
Il Natale del Baby Boomer
Un plettro da 4,5 miliardi di anni
Ti annoi? Satchel ti insegna i versi degli animali sulla chitarra
L’Octavia di Band Of Gypsys battuto per 70mila dollari
Guitar Man: Joe Bonamassa in un documentario
I 5 acquirenti che non vorresti mai trovare
Lo sapevi che...? La nuova rubrica Instagram di Accordo.it




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964