DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Tailpiece da archtop o stoptail avvitato: cosa cambia
Tailpiece da archtop o stoptail avvitato: cosa cambia
di [user #116] - pubblicato il

Tailpiece, stoptail, cordiere a trapezio che fanno il paio con ponti avvitati o solo poggiati sul top: ogni soluzione è un mondo a sé e ha precise caratteristiche.
Se i legni sono riconosciuti per influenzare il suono di uno strumento e dettagli come la lunghezza del diapason possono alterare in maniera sensibile il suo timbro e la suonabilità, il modo in cui le corde si ancorano al corpo può connotare nel profondo lo stile di una chitarra fino a cambiare l’approccio al setup e alla manutenzione.

Nel caso delle chitarre archtop, semiacustiche o di alcune acustiche anche a cassa piatta, il tailpiece rappresenta un elemento di grande fascino, ma ogni tipologia richiede attenzioni specifiche.

Tailpiece da archtop o stoptail avvitato: cosa cambia

Con il termine “stoptail” ci si riferisce spesso al tipo di tailpiece - o cordiera - abbinato ai ponti di tipo Tune-o-matic. È una barra di metallo che ha lo scopo di ancorare l’estremità delle corde al corpo, abbassandole contro il top fino all’altezza giusta perché le corde esercitino una pressione adeguata sulle sellette del ponte.
È il tailpiece più diffuso su chitarre elettriche ma anche su modelli semi-hollow con un blocco centrale.

La barra dello stoptail da Tune-o-matic si contrappone ai tailpiace “a trapezio” tipici delle chitarre semiacustiche a cassa completamente vuota o di alcune chitarre acustiche.
Questi sono avvitati sull’estremità più bassa del body, a ridosso della fascia, e restano sospesi sopra il top grazie alla tensione stessa delle corde.
Spesso il tailpiece da archtop è abbinato a ponti solo poggiati sul top, non incollati né avvitati.

Tailpiece da archtop o stoptail avvitato: cosa cambia

Lo stoptail da Tune-o-matic concede una certa libertà di regolazione in altezza per lasciare al musicista la possibilità di modificare l’angolo che le corde descrivono sul ponte.
Il tailpiace da archtop, viceversa, non ha margine di regolazione ed è pensato per fornire un angolo ottimale, che può essere alterato solo di pochi gradi agendo sull’altezza stessa del ponte.

Luca di Zed & Venarossa affronta lo stile, i dettagli e le caratteristiche di entrambe le tipologie in una breve guida dal suo laboratorio.

chitarre elettriche chitarre semiacustiche hardware manutenzione
Link utili
Regolare il Tune-o-matic
Nascondi commenti     1
Loggati per commentare

di Sailand [user #49316]
commento del 10/07/2021 ore 14:36:42
Esistono innumerevoli acustiche che pur non avendo blocchi solidi nel corpo hanno il ponte attaccacorde incollato. Basta la catenatura della tavola armonica a sostenerne lo sforzo. Inoltre esistono molte varianti sui vari temi, dalle dreadnought (ponte regolabile e corde in fori passanti per la tavola armonica con piroli blocca corde in un blocco di legno sopra la tavola) a cordiere sospese usate solo per un vezzo estetico visto che sono accoppiate a ponti incollati o avvitati.

Ponte flottante e attaccacorde sospeso sono indispensabili solo su archtop pure di costruzione più tradizionale per avere più volume acustico grazie ad una tavola armonica più sottile e vibrante. Ma oggi è quasi solo tradizione o una questione di timbro in strumenti elettrificati, non una stringente necessità per suonare in big band acustiche.
Rispondi
Altro da leggere
Fender ammicca al vintage giapponese con la Gold Foil Collection
La sottile inesistenza del vintage
Kramer SM-1 diventa figurata a prezzo budget
Dallo shred al pop napoletano, andata e ritorno: sul palco con Edoardo Taddei
PRS? Chitarre da crisi di mezza età…
La chitarra elettrica dopo la pandemia: dalla fascia media al custom da sogno
Articoli più letti
Seguici anche su:
Altro da leggere
Ecco come sono stato truffato - Pt. 3
PRS? Chitarre da crisi di mezza età…
David Crosby: il supergruppo si è spezzato
Ho intervistato l'Intelligenza Artificiale. Il chitarrista del futuro?...
Tom Morello e la vergogna di suonare coi Måneskin
Che fine ha fatto Reinhold Bogner?
"Dai, suonaci qualcosa": il momento del terrore
Da Fripp a SRV: gli inarrivabili chitarristi di David Bowie
Sette anni senza David Bowie
Altoparlanti volanti per i 50 anni di Roland
Ecco come sono stato truffato - Pt. 2
Chiede a una AI se sa cos'è un Tube Screamer: questa glielo programma...
L’improbabile collaborazione tra Ed Sheeran e i Cradle Of Filth è r...
Letterina di Natale
L’ultima Les Paul Greeny è ora della star Jason Momoa




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964