CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS SHOP
Fender Stratocaster #30817 del 1958: il restauro ToneTeam
Fender Stratocaster #30817 del 1958: il restauro ToneTeam
di [user #36147] - pubblicato il

Ormai succede spesso di sentir gridare “al falso!” di fronte a strumenti d’epoca, non era però il caso di una rara Stratocaster in swamp ash del 1958, come emerso durante le fasi di restauro.
Uno degli aspetti più affascinanti del restauro è senza dubbio quello “conoscitivo”, in quanto certi aspetti costruttivi, certi dettagli o lavorazioni specialistiche, le possiamo scoprire solo durante le opere di restauro.

Oggigiorno, quando si ha l’occasione di acquistare strumenti “refin”, riverniciati, e quindi dal prezzo più abbordabile, è buona norma - a meno che la riverniciatura non sia già stata eseguita professionalmente - procedere a un restauro coerente con l’epoca e le specifiche dello strumento, al fine di poter fugare qualsiasi dubbio relativo all’originalità sia dei legni sia delle componenti hardware.

È esattamente quanto accaduto con una bellissima Stratocaster del 1958 acquistata alla fiera di Arlington negli anni ’90 da un amico musicista che all’epoca viveva negli States, messa in vendita lo scorso anno e acquistata da un collezionista in Francia.

Dopo qualche mese di apparente felicità per lo strumento, che suona in maniera davvero incredibile, l’acquirente muove dubbi circa l’autenticità del pezzo e richiede di renderlo per acquistarne un altro. Una volta rientrato “alla base”, consiglio il proprietario di procedere a un restauro professionale da documentare fase per fase al fine di rendere giustizia allo strumento stesso.

Fender Stratocaster #30817 del 1958: il restauro ToneTeam
La chitarra così come si presentava, tasti jumbo “a fine corsa” e refin non professionale.


La chitarra infatti aveva un “old refin” al manico e al body non esattamente all’altezza di quello che era in origine, anche i tasti erano stati arrotondati troppo ai bordi e, come conseguenza, le note suonate sia sul Mi cantino sia su quello grave tendevano a uscire dalla tastiera suonando. Quindi aldilà dell’aspetto estetico e di feeling dato dalla verniciatura non corretta, lo strumento meritava un restauro adeguato anche per quanto concerne la suonabilità.

Fender Stratocaster #30817 del 1958: il restauro ToneTeam
Dettaglio del play wear originale che abbiamo preservato e dei tasti eccessivamente stondati.


Il manico - Liutaio Matteo Rufini

Il manico, pur non avendo danni strutturali, era stato ritastato con tasti jumbo - ora “a fine corsa” - ed eccessivamente stondati nel corso delle rettifiche, tanto che ora sia il Mi grave che quello cantino tendevano a uscire dalla sede del tasto mentre si suonava. Il manico era stato anche interamente rivestito di una vernice acrilica, anche sopra le usure naturali presenti sulla tastiera, mentre era ancora visibile l’impressione della decal orginale sulla paletta, dove il legno non si è mai potuto scurire per l’esposizione al sole.

Fender Stratocaster #30817 del 1958: il restauro ToneTeam
Il manico pronto per la verniciatura. Con ancora visibile la posizione della decal originale.


Il nostro Maestro Liutaio Matteo Rufini ha curato il restauro del manico del 1958. 
Di comune accordo con il proprietario, si è deciso per un refret con tasti di stile vintage, leggermente più alti rispetto a quelli in uso all’epoca, rifacimento del capotasto in osso e riverniciatura “period correct” alla nitro.

Fender Stratocaster #30817 del 1958: il restauro ToneTeam
Il manico a verniciatura ultimata, finalmente in risalto la figurazione in leggero “birdseye”, prima nascosta dalla vernice acrilica ambrata artificialmente.


Il manico, che presenta il tipico profilo a C di fine '58 inizio 1959, è stato dapprima pulito dalla vernice non originale, mantenendo inalterata la sagoma e i profili del legno. Matteo ha poi isolato le usure originali presenti sulla tastiera prima di procedere alla verniciatura, in modo tale da restituire al manico il feeling originario, con il suo vissuto.

La decal replacement, realizzata in corretta serigrafia, ci è stata fornita dal cliente.

Il body - Liutaio Romano Burini
Il body, in leggerissima tavola unica di frassino, era stato riverniciato in un tentativo di Blonde amatoriale. Forse non tutti sanno che, a partire dalla primavera del 1956, Fender smise di utilizzare il frassino per le Stratocaster “standard”, optando per l’ontano. Il frassino venne ancora usato, ma per quegli strumenti richiesti nella finitura custom Blonde. Per cui questa chitarra fin dall’inizio dei suoi giorni è stata vestita della bella finitura semi trasparente tipica di casa Fender.

Del restauro del body si è occupato il nostro Maestro Liutaio Romano Burini, che ha prima di tutto rimosso la verniciatura amatoriale sunburst dal body, manentendo bordi, sagome e spessori.

Fender Stratocaster #30817 del 1958: il restauro ToneTeam
Il body una volta rimossa la verniciatura non originale.


A quel punto è iniziata la fase di verniciatura vera e propria. Non tutti sanno che Fender, negli anni '50, applicava il Blonde con medesimo procedimento del Sunburst. Infatti gli americani chiamano questa finitura White Burst, perché Fender, al fine di nascondere giunzioni, imperfezioni, e gli stessi fori di lavorazione dei body (dowels) utilizzava una mano più coprente sui bordi dei body in finitura blonde che, invecchiando, viene accentuata in maniera maggiore con l’ingiallimento della nitro. In sostanza, invece di spruzzare il colore più scuro sui bordi, come per il sunburst, per il “white burst” veniva utilizzato il colore chiaro del blonde ma in una miscela più opaca. Così ha fatto Romano per ricreare la finitura del 1958.

Fender Stratocaster #30817 del 1958: il restauro ToneTeam
Prima applicazione del “blonde” in uso all’epoca.


Fender Stratocaster #30817 del 1958: il restauro ToneTeam
Dettaglio trasparenza a lavoro ultimato.


Su richiesta del cliente la verniciatura è stata trattata con un processo di “aging” leggero, consono all’età dello strumento.

Il setup finale e il ritorno a casa
Una volta ultimati i lavori di restauro la chitarra è stata quindi rimontata e, grazie al lavoro fatto in particolare sui tasti, la suonabilità è eccellente. Lo strumento conserva tutte le altre parti originali, in particolare i pickup, mai riavvolti o riparati, con unica eccezione del coperchio coprimolle posteriore.

Il risultato finale è una chitarra che è tornata indietro nel tempo, rivestita dell’abito che aveva in origine e riportata alle sue caratteristiche uniche per quell’anno, anche a livello di suonabilità.
Tra fine 1958 e 1959 infatti il manico diventa a C con un profilo più moderno e comodo rispetto ai precedenti, mentre l’abbinata del leggerissimo body in tavola unica di swamp ash con il manico di acero restituisce uno strumento dal suono veramente unico, e molto risonante anche da spento.

La potete sentire qui, suonata dal grande Mattia Tedesco.



Fender Stratocaster #30817 del 1958: il restauro ToneTeam
Lo strumento a restauro completato.
chitarre elettriche fender gli articoli dei lettori stratocaster vintage
SOSTIENI LA MUSICA

Dal 1992 ACCORDO si impegna a favore di chi fa musica, offrendo gratuitamente contenuti di alta qualità e servizi. Sostieni ACCORDO per sostenere la musica italiana nella sua stagione più difficile.

Dona adesso e usufruisci dei serviizi riservati ai sostenitori!
In vendita su Shop
 
Fender Stratocaster '60s Relic Ice Metallic Blue USATO cod. 76021
di Lenzotti
 € 2.890,00 
 
FENDER SQUIER 11234396 BY FENDER STRATOCASTER BULLET SQUIER CHITARRA ELETTRICA COLORE BLACK NERO
di Borsari Strumenti Musicali
 € 135,00 
 
FENDER Stratocaster Custom Shop ULTRA Set-Neck Natural FLAME Top -USATO IN GARANZIA-
di SLIDE
 € 3.399,00 
 
FENDER - AMERICAN STANDARD STRATOCASTER BLACK RW 2011
di Music Works
 € 1.178,00 
 
SQUIER - CLASSIC VIBE 60 STRATOCASTER + FENDER BAG
di Music Works
 € 328,00 
 
FENDER - ULTRA NOISELESS HOT GEN 4 STRATOCASTER SET
di Music Works
 € 159,00 
 
FENDER - RUMBLE 100
di Music Works
 € 298,00 
 
FENDER - TELECASTER STANDARD 2003 MEX MIDNIGHT WINE + HARDCASE
di Music Works
 € 604,20 
Mostra commenti     42
Altro da leggere
Stupende chitarre, meravigliose rovine: l'approccio migliore al restauro
Cinque miti sulle Fender vintage sbugiardati
Come trovare la chitarra vintage dei tuoi sogni
Da Nashville a Perugia: restauro di una Telecaster del 1952
Fender Stratocaster #0018 del 1954: il restauro ToneTeam
Fender Stratocaster #0689 dell'agosto 1954: il restauro ToneTeam
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Fender Stratocaster Custom Shop David Gilmour RELIC - THE BLACK STRAT
Visualizza l'annuncio
Fender Telecaster 1960 Relic - Master Built Yuriy Shishkov
Visualizza l'annuncio
Fender Stratocaster 69 Master Built Dennis Galuszka Real Gold 24K
Seguici anche su:
Altro da leggere
Paul Stanley positivo al COVID-19: “mi ha preso a calci”
La Les Paul del ’52 salvata da un tornado torna a cantare: ascoltala...
Quando Charlie Watts prese a pugni Mick Jagger
Gibson diventa un'etichetta discografica: il primo album sarà di Slas...
Un chitarrista duetta con il suono del Golden Gate che gli ingegneri n...
Pickaso Guitar Bow: chitarra acustica ad arco
La Telecaster di Hallelujah diventa criptoarte da 26mila euro
Eric Clapton non suonerà per i soli vaccinati, ma non è un No Vax
I Radiohead remixano Creep per una versione “Very 2021”
Chibson USA Placebo Pedal: il pedale che fa… niente!
Cavi sessisti: no, non è uno scherzo
Living Electronics: un album che si ascolta solo su Game Boy?!
Fender Stratocaster #0689 dell'agosto 1954: il restauro ToneTeam
Se sei bravo ti basta una scopa con le corde? Sì, ma anche no
La Les Paul è davvero come la voleva Les Paul?




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964