DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Joe Bonamassa a tu per tu con le Gibson Murphy Lab
Joe Bonamassa a tu per tu con le Gibson Murphy Lab
di [user #116] - pubblicato il

Gibson chiama Joe Bonamassa a giudicare da vicino le creazioni di Tom Murphy: repliche fedeli dei migliori strumenti d’epoca con un trattamento d’invecchiamento più accurato che mai.
Vedere un chitarrista del calibro di Joe Bonamassa alle prese con i migliori esemplari del Murphy Lab è un’esperienza interessante, non solo per la bellezza delle chitarre in mostra e per il suono che l’artista riesce a tirarci fuori, ma soprattutto perché Bonamassa affianca da sempre all’amore per la chitarra una smodata passione per il collezionismo e gli strumenti d’epoca.
Di sicuro vicino al mondo Gibson ma mai davvero vincolato a questo, Joe Bonamassa ha dimostrato di essere un vero “guitar enthusiast” a tutto tondo. È facile vederlo sul palco o nel suo studio con chitarre di ogni brand, purché siano belle, preziose, uniche.
Joe è proprietario di due case/museo dedicate alla chitarra, le celeberrime Nerdville, ed è forse la persona più indicata per giudicare gli strumenti di Tom Murphy, chitarre elettriche e archtop che intendono rappresentare l’espressione massima della qualità Gibson con il valore aggiunto di un raffinato trattamento di ageing mirato a ricostruire fedelmente il passare del tempo in una chitarra tratta con cura, ma sfruttata con regolarità per decenni.

Joe Bonamassa a tu per tu con le Gibson Murphy Lab

Di Bonamassa, qualcuno aveva persino ipotizzato che potesse rilevare il marchio quando è stato annunciato il temibile Chapter 11, l’ultimo step prima dell’inevitabile bancarotta del 2018.
Interrogato a riguardo, Joe ha smentito quelle voci, ma si è detto fin da subito un simpatizzante della nuova gestione che si prospettava all’orizzonte. “Sono brave persone, sono chitarristi” spiegava in un’intervista.
Tre anni più tardi, il processo di valorizzazione del marchio Gibson è in pieno svolgimento, un catalogo semplificato e più fedele alla tradizione ha riavvicinato i fan storici, l’acquisizione di Mesa Boogie svela l’interesse nel creare un preciso focus intorno all’universo della chitarra elettrica e l’istituzione di un nuovo Custom Shop con la divisione Murphy Lab gestita da Tom Murphy evidenzia la volontà di imporsi sulle fasce di mercato più esclusive.

Joe Bonamassa è ancora lì, in prima linea, e torna in un nuovo video ufficiale tra racconti di chitarre d’epoca, considerazioni sull’operato del Custom Shop e tanto blues.

chitarre elettriche gibson interviste joe bonamassa murphy lab
Link utili
Visita a Nerdville
Joe Bonamassa sulla nuova gestione di Gibson
Le rinnovate Gibson del 2019
Gibson rileva Mesa Boogie
Nasce il Murphy Lab
Mostra commenti     17
Altro da leggere
Per Steve Vai, andare in tour non è più sostenibile
PRS Swamp Ash Special: non sei tu, sono io
Gibson contro Heritage: la sentenza… poco chiara
Bare Knuckle e paletta Strat per la Jackson 7-corde di Josh Smith
Fender ammicca al vintage giapponese con la Gold Foil Collection
Una Gibson Les Paul Standard gold top del 1958
Articoli più letti
Seguici anche su:
Altro da leggere
Gibson contro Heritage: la sentenza… poco chiara
Ecco come sono stato truffato - Pt. 3
PRS? Chitarre da crisi di mezza età…
David Crosby: il supergruppo si è spezzato
Ho intervistato l'Intelligenza Artificiale. Il chitarrista del futuro?...
Tom Morello e la vergogna di suonare coi Måneskin
Che fine ha fatto Reinhold Bogner?
"Dai, suonaci qualcosa": il momento del terrore
Da Fripp a SRV: gli inarrivabili chitarristi di David Bowie
Sette anni senza David Bowie
Altoparlanti volanti per i 50 anni di Roland
Ecco come sono stato truffato - Pt. 2
Chiede a una AI se sa cos'è un Tube Screamer: questa glielo programma...
L’improbabile collaborazione tra Ed Sheeran e i Cradle Of Filth è r...
Letterina di Natale




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964