CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS SHOP
Nove Rat “veri” nel JHS PackRat
Nove Rat “veri” nel JHS PackRat
di [user #116] - pubblicato il

JHS sviscera nove edizioni rappresentative dell’iconico ProCo Rat e ne inserisce i circuiti nel PackRat con un selettore per ricrearli alla bisogna, fisicamente, senza simulazioni di sorta.
Josh Scott, creatore di JHS Pedals, è un affamato collezionista di pedali e non ha mai tenuto segreto il suo amore per l’universo Rat. Il pedale ProCo, nelle sue numerose riedizioni, repliche e reinterpretazioni, trova ampio spazio sugli scaffali di Josh, e ha occupato buona parte dei suoi progetti all’inizio della sua carriera di modder e costruttore di effetti a pedale.
Come un cerchio che si chiude, il Rat arriva ora al centro di uno dei progetti più ambiziosi del catalogo JHS: il PackRat è il frutto di una ricerca che va avanti dal 2013 e racchiude nove edizioni storiche del Rat, “ficcate” fisicamente dentro il piccolo chassis nero.

Nove Rat “veri” nel JHS PackRat

Tre manopole e un selettore rotativo, il PackRat offre nove modalità per altrettante edizioni e repliche del ProCo Rat. Non si tratta di semplici simulazioni, ma delle vere e proprie ricostruzioni dei circuiti originali, tutte infilate all’interno di un unico contenitore.

Il PackRat ha al suo interno 261 componenti contro i circa 30 di un Rat convenzionale. Le nove modalità richiamabili col selettore rotativo agiscono su 40 switch analogici che modificano fisicamente il circuito tirando in ballo di volta in volta le porzioni necessarie a replicare la relativa edizione storica di Rat.

Nove Rat “veri” nel JHS PackRat

Prima modalità a disposizione, la OG ricrea la prima versione in assoluto, solo leggermente modificata per adeguarsi agli standard tecnici moderni.

WHT si rifà alla seconda edizione del Rat, quando la manopola Tone viene sostituita con Filter, il caratteristico controllo che - mediante il cablaggio invertito di un potenziometro logaritmico - chiude il tono quando si ruota la manopola in senso orario.

TRB replica il Turbo Rat, con distorsione basata su diodi LED per una saturazione definita e dalla gran dinamica, più vicina a quella di un amplificatore valvolare.

BRAT richiama un’edizione speciale nata in origine come esclusiva per Guitar Center a nome Roadkill, con la sfida di creare un pedale interamente fatto in USA ma con un prezzo eccezionalmente contenuto. Esaurito in tempi record, il pedale tornerà col nome di Brat per la grande distribuzione internazionale.

DRTY, come You Dirty Rat, replica il circuito nato nel 2004 con l’idea di incrementare la saturazione e generare un timbro più compresso e selvaggio rispetto alle edizioni più dinamiche nate con il Turbo, mediante l’aggiunta di uno stadio di guadagno al germanio.

LA è un tributo all’LA Metal, interpretazione Ibanez del classico Rat caratterizzato dall’assenza del clipping basato sui LED per un timbro più sporco, che può ricordare un Fuzz Face.

GRF si ispira a una replica boutique del Rat, il MO’D prodotto da John Landgraff. Il controllo torna a essere un tono tradizionale regolare anziché il Filter tipico dei Rat e con un diodo addizionale si occupa del clipping asimmetrico.

Caroline è un riferimento all’omonimo laboratorio elettronico autore del pedale Wave Cannon. La versione inserita nel PackRat è modificata dal costruttore originale per lavorare con le tre manopole a disposizione anziché le quattro del pedale Caroline.

In ultimo, la modalità JHS racchiude il meglio delle modifiche operate da Josh su un Rat della prima edizione, banco di prova dei suoi primi esperimenti elettronici e ora stato dell’arte del suono Rat secondo la sua personale visione, tutta da scoprire.



Sul sito JHS, il PackRat è raccontato più nel dettaglio a questo link, con un’accurata panoramica delle edizioni di riferimento e con una raccolta di video in cui ascoltarlo all’opera.
In Italia, i pedali JHS sono disponibili con la distribuzione di Gold Music.
effetti e processori effetti singoli per chitarra jhs pedals packrat ultime dal mercato
Link utili
PackRat sul sito JHS Pedals
Sito del distributore Gold Music
Mostra commenti     1
Altro da leggere
TS10 inavvicinabile? Wampler svela il Moxie
Power Players: le chitarre Epiphone per iniziare
Ascolta le Gretsch Double Jet al 2022
Walrus Mira: compressore da studio in un pedale
BOSS Loop Station: perché averne una e come sceglierla
Ecco le Fender dei Minions: prezzi a partire da 48mila dollari
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Visualizza l'annuncio
gibson les paul tribute
Seguici anche su:
Altro da leggere
La straordinaria storia dei Pistole e Rose
I mini-robot Yamaha duettano con la tua musica
PianoVision: impara il piano nel metaverso
Gibson vince su Dean: la Flying V non è uno shape generico
La chitarra torna protagonista con “Kill or be killed” dei Muse
Ecco le Fender dei Minions: prezzi a partire da 48mila dollari
Paul Gilbert: “Perché modificare una chitarra perfetta? Per farla s...
Guitar hero: la mia Top10
Il viaggio infinito e la Top5 dei desideri
La scena EPICA della BC Rich in Stranger Things 4
Un chitarrista, cinque contraddizioni
Di chitarre buone, pedaliere e dello stare bene
Il nemico in pedaliera
Stratoverse: Fender è nel metaverso
Ecco… Il Guanto: il synth futuristico di Matt Bellamy




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964