CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS SHOP
MK Ultra: il primo ampli made in USA da Orange
MK Ultra: il primo ampli made in USA da Orange
di [user #116] - pubblicato il

Un solo canale e una manopola per il volume, con due controlli di tono posti in punti diversi del circuito per suonare in un modo unico: Orange dedica il suo primo valvolare americano a Marcus King.
Insieme a Marshall e Vox, Orange è da lungo tempo uno dei pilastri del sound britannico per eccellenza. Per questo fa a dir poco notizia il fatto che l’MK Ultra, testata signature di Marcus King, sia stato interamente progettato e costruito in USA.
Di fatto, l’MK Ultra è il primo amplificatore Orange nato nei confini americani. È fatto interamente a mano
con trasformatori custom e, per l’occasione, dà vita a un circuito inedito, nuovo per i canoni di casa.
Due valvole 12AX7 nel preamplificatore e due 6L6 nel finale in configurazione cathode bias generano 30 watt di potenza e un approccio innovativo al classico sound britannico di casa Orange.

MK Ultra: il primo ampli made in USA da Orange

Amplificatore dal DNA duro e puro, l’MK Ultra ha un solo canale e un singolo controllo per gestire volume e saturazione. Un circuito spartano pensato per suonare estremamente reattivo al tocco e presentato come ideale per l’abbinamento con effetti a pedale, che l’artista racconta in un video ufficiale sul canale YouTube Orange.



L’interfaccia dell’MK Ultra è minimale, con solo un potenziometro per il volume e due controlli per l’equalizzazione. L’originalità del progetto sta nella scelta di porre i filtri in punti diversi del circuito per un’azione del tutto indipendente tra loro.
Sing lavora sulla gamma acuta, agendo in un modo più simile a quello di uno switch Bright, ma variabile a seconda di gusti e necessità.
Deep dosa il corpo, lavorando direttamente sui medio-bassi e sulla pancia del suono.
Orange spiega che i controlli non interagiscono tra loro, ma lavorano in modo accurato e mirato per valorizzare le caratteristiche di ogni chitarra e musicista, adattandosi a una varietà di generi per andare oltre la natura di signature del modello.
Anche il volume diventa uno strumento centrale nel processo di tone shaping, modellando la risposta stessa dell’amplficatore dall’attacco deciso e definito dei clean ai crunch morbidi e gonfi tipici delle 6L6.



Lo stile Marcus King si fonde alla perfezione con il concetto alla base del suo modello signature: un amplificatore pensato unicamente per suonare bene, plasmando la sua risposta intorno al resto della strumentazione, ma senza stravolgerla e senza travisare il carattere del musicista che lo usa.
In un terzo e ultimo video dedicato alla collaborazione con l’artista, Orange intervista Marcus e suo padre, il chitarrista Marvin King.



Sul sito Orange, l’MK Ultra può essere visto da vicino a questo link, mentre in Italia è distribuito da Adagio.
amplificatori per chitarra marcus king mk ultra orange ultime dal mercato
Link utili
Marcus King MK Ultra sul sito Orange
Sito del distributore Adagio
Mostra commenti     6
Altro da leggere
Strategy V2: il booster Strat a pedale diventa overdrive
Native Instruments virtualizza una Stratocaster del 1960
Strymon reinventa i suoi 6 classici
Star Eater: filtri, switch e semiconduttori per il fuzz Pigtronix
Metaverse: delay Wampler dalla pedaliera allo schermo del PC
Zzombee: folle modulazione con fuzz analogica a controllo digitale
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Visualizza l'annuncio
gibson les paul tribute
Seguici anche su:
Altro da leggere
La scena EPICA della BC Rich in Stranger Things 4
Un chitarrista, cinque contraddizioni
Di chitarre buone, pedaliere e dello stare bene
Il nemico in pedaliera
Stratoverse: Fender è nel metaverso
Ecco… Il Guanto: il synth futuristico di Matt Bellamy
Su Radiofreccia uno speciale sui Rolling Stones
Ikea pensa ai musicisti: arriva Obegränsad
Usato: abbiamo perso la ragione?
PRS è al lavoro su una Tele-style con Myles Kennedy?
Bob Taylor si ritira: annunciato il nuovo CEO e Presidente
Nick Drake e gli altri: Guild, icona al collo dei giganti
Le chitarre Fender diventeranno NFT da collezione?
This Is Spinal Tap: confermato il sequel nel 2024
Marty Friedman: ecco perché la gente skippa gli assolo




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964