CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS SHOP
Se la base è valida...
Se la base è valida...
di [user #43500] - pubblicato il

Una buona chitarra un po' datata che non soddisfa più offre tutto il necessario per darsi da fare col fai-da-te, anche estremo. Un nostro lettore lo sperimenta sulla validissima Riverhead Jupiter degli anni '80.
A metà degli anni '80 vendo la mia fidata Gherson Les Paul per acquistare una Riverhead Jupiter, chitarra giapponese prodotta da Headway, che credo facesse capo a Bacchus. È un’ottima chitarra, comoda, costruita interamente in Giappone che, causa arrivo prole, è rimasta nella custodia per molti anni.

Se la base è valida...

Ho sempre avuto la sensazione che questa chitarra avesse una timbrica un po’ scura e piatta. Oltretutto lo shape del body non mi ha mai fatto impazzire (tranne quando l’ho acquistata).
Quindi, perché non modificarla?
Detto/fatto!

Alt un attimo.
Qualcuno potrebbe dirmi che è una sciocchezza modificare una chitarra vintage che, oltretutto, vedo in vendita anche a cifre ragguardevoli (tipo 900 dollari). 
Credo però ci sia una profonda differenza tra vintage e datato. Il vintage vero parte da un modello che ha avuto successo all’epoca o che ha dei forti richiami nell’immaginario delle persone. Per me questa chitarra non è vintage. Diciamo pure che la Riverhead non se la filava nessuno e in pochi la conoscono, quindi procedo.

Le fasi di lavorazione
Smonto il tutto e apprendo che l’attacco del manico è fatto meglio del previsto, certamente meglio delle Fender (ecco che ora mi tiro dietro fulmini e saette...).
Il manico arriva fin sotto l’humbucker.

Se la base è valida...

Francamente non so dire se questo migliora in qualche modo il suono o il sustain, sicuramente è una lavorazione più complessa, sia per lo scasso sul body sia per l’attacco del manico, e quindi avrà avuto il suo motivo d’essere. Anzi, se qualcuno volesse darmi delucidazioni in merito mi farebbe una cortesia.

Svernicio il body (tutto a mano, operazione lunga vista la quantità di sottofondo) e scopro un bel mogano, in due pezzi e senza nessun difetto.
Modifico i due corni e correggo l’asimmetria del resto del body.

Se la base è valida...

L’elettronica originale era composta da due volumi, un tono e un selettore a tre posizioni. Per la nuova ho optato per due pickup DiMarzio Evolution splittabili, un volume, un tono, due switch per lo split in single coil, uno switch serie/parallelo e un selettore a tre posizioni oltre al kill-switch. Devo dire che il vano cablaggi, schermato come tutte le altre cavità - vano molle compreso - è piuttosto pieno.

Dopo i fori necessari all’installazione dei vari switch ho dipinto il corpo con vari strati di mordente arrivando a un marrone scurissimo, quasi nero, freddo, quindi che vira leggermente verso il verde anziché verso il rosso.

Se la base è valida...

Modifico la forma della paletta e mi chiedo: ma voglio veramente il manico così com’è? Acero naturale? Svernicio anche il manico e lo coloro come il body, modificando le proporzioni dei vari mordenti per ottenere lo stesso colore del body (non posso usare lo stesso colore perché le basi sono diverse - mogano e acero - e il risultato sarebbe diverso).

Se la base è valida...

Tutto in finitura nitro satinata (compressore, no bombolette). Mi spiace solo per il palissandro della tastiera, che ora risulta chiaro rispetto al resto.

Finiture: inox e cromo dove possibile. Pomelli tipo Telecaster cromati, selettore stile Les Paul cromato, anelli pickup cromati e cover dei pickup cromate in stile Filter'Tron.
Ho un massiccio ponte tremolo simil-Kahler cromato, così come il capotasto con blocco corde a cui ho sostituito le viti originali nere con altre cromate. Anche le meccaniche Grover sono cromate.

Il ponte ha un doppio sistema di movimento: una parte flottante è incernierata su un elemento, appoggiato sul body, che si alza in caso di uso accentuato della leva. Non ho l’esigenza di fare dive bomb e preferisco avere più sustain possibile. Ragione per cui ho realizzato un blocco in acciaio inox per questa seconda parte del ponte, in modo tale che resti fortemente aderente al body.

Se la base è valida...

Oltretutto è un risultato estetico che volevo ottenere.

Se la base è valida...

Finito, ecco il risultato finale. Nessuno scopo particolare se non quello di condividere il mio lavoro, di cui sono soddisfatto.

Se la base è valida...
chitarre elettriche fai da te gli articoli dei lettori riverhead
Nascondi commenti     19
Loggati per commentare

di Skywalker8 [user #40706]
commento del 25/06/2022 ore 13:53:09
Che lavorone! complimenti! di sicuro non il classico DIY che ognuno di noi può fare a casa.
Cosa mi piace: forma e colore. Sul legno hai fatto davvero bene, il colore ci sta tanto e la forma pure.
Cosa "ni": gli switch. Avendo avuto una chitarra con tanti switch, e avendoli odiati, sto tornando alla via del suono "semplice".
Cosa non mi piace: il ponte. Avrei fatto una cosa completamente diversa. Vista la strumentazione e la tua gran capacità di lavorare il legno, avrei tappato tutto per inserire un TOM + cordiera in stile semiacustica.
Comunque complimenti! Tanta roba:)
Rispondi
di 9hours [user #43500]
commento del 26/06/2022 ore 10:05:46
Grazie. Avevo pensato a tappare il buco del ponte ma è veramente grande e si sarebbe vista la "toppa"
Rispondi
di TumblinDice [user #38343]
commento del 25/06/2022 ore 13:57:54
Davvero bella. Mi piace il look vagamente cyberpunk - post industriale dato dal colore e le parti in metallo.
Rispondi
di 9hours [user #43500]
commento del 26/06/2022 ore 10:06:46
;-)
Rispondi
di Therocketchef [user #53110]
commento del 25/06/2022 ore 16:01:13
Che bomba!!!! BELLISSIMA!!!
Rispondi
di 9hours [user #43500]
commento del 26/06/2022 ore 10:06:29
Grazie
Rispondi
di fbf [user #36393]
commento del 25/06/2022 ore 19:46:22
Decisamente meglio adesso! Complimenti!
Rispondi
di bluesfever [user #461]
commento del 26/06/2022 ore 10:00:1
Bella e originale, complimenti! Se poi si potesse sentire...
Rispondi
di musicman75 [user #15857]
commento del 26/06/2022 ore 12:58:42
Bravo ! Complimenti.
Rispondi
di Mawo [user #4839]
commento del 26/06/2022 ore 21:23:54
Stupenda! Sembra una chitarra Steampunk.
Veramente bellissima.
Rispondi
di antsonc [user #13494]
commento del 27/06/2022 ore 10:18:47
Con quel blocco al ponte, mi hai fatto pensare alla maschera che indossa Tom Hardy nell'ultimo capitolo di Mad Max :-)

Un bel lavoro ma consentimi una curiosità: accorciando la spalla in alto, la chitarra non si sbilancia verso il manico?
Rispondi
di Cliath [user #196]
commento del 27/06/2022 ore 11:01:36
Veramente un bel lavoro, adesso è tutta un'altra cosa. Bravo! Il lavoro sul body è magistrale.
Avrei optato per lo split sui potenziometri, ma sono gusti.
Complimenti!
Rispondi
di 9hours [user #43500]
commento del 27/06/2022 ore 16:00:44
Avevo il dubbio se usare gli switch o meno. Diciamo che, visto che di solito prediligo le chitarre con 1 volume e 1 tono (e basta) qua ho voluto provare a metterci di tutto.
Rispondi
di teppaz [user #39756]
commento del 27/06/2022 ore 14:19:05
Complimenti! ora la forma del body è molto più equilibrata, ricorda vecchie chitarre "tulip" ed è molto bella.
Non mi piace il pezzo d'acciaio che tiene fermo il ponte ma è un mio gusto personale, è comunque realizzato molto bene.
Ultima cosa anch'io avrei messo meno interruttori ma di nuovo: la chitarra è tua...
Bravo veramente.
Rispondi
di rockit [user #11557]
commento del 27/06/2022 ore 15:24:01
Risultato degno di nota, personalmente sono un fan delle placche metalliche decorative dietro il ponte quindi approvo in pieno :-) Hai fatto bene anche a "contenerti" con le modifiche al ponte, mettere un tune-o-matic avrebbe forse richiesto di rivedere anche l'angolazione del manico...meglio qualche azzardo in meno ma un risultato sicuro. E ripeto, molto bello.

Per quanto riguarda l'attacco del manico, in sé non è né più difficile da fare né come costruzione meglio di quello classico...ma è una scelta obbligata visto che l'attacco manico-corpo è intorno al ventesimo tasto, invece che al sedicesimo come su una classica Fender (e questo lo possiamo considerare un miglioramento). A quel punto, per avere legno dove avvitare le viti devi per forza spostare avanti in qualche modo l'intera struttura del tacco, e farne sparire una parte sotto il pickup è un modo classico di guadagnare lunghezza, anche se si usa di più col manico incollato.
Se vuoi vederne un paio di esempi più spinti cerca le vecchie Ibanez Maxxas (molto simile, ma con le viti sotto il pickup avvitate dall'alto e non da dietro il corpo), o ancora il capolavoro della Yamaha Frank Gambale, col manico avvitato spinto fino a metà del body, i pickup montati da dietro e la piastrina per le molle del tremolo attaccata direttamente al fondo del manico.
Rispondi
di 9hours [user #43500]
commento del 27/06/2022 ore 15:58:41
Grazie per il commento e per le dritte. Ho guardato la Gambale (modello che non conoscevo): praticamente non ha il tacco, impressionante.
Rispondi
di redfive [user #41826]
commento del 27/06/2022 ore 22:07:
Anche la prima serie Pacifica era praticamente senza tacco
Rispondi
di Piazza [user #31749]
commento del 27/06/2022 ore 23:12:50
Bella! Complimenti per l'impegno e per il risultato.

La forma mi piace molto, ricorda le Albert Lee di Music Man.
Complimenti anche per la finitura, molto elegante!

L'unica cosa che mi viene da precisare è che così ad occhio il body non è sicuramente di mogano, sembrerebbe più ontano o un legno simile. Però non cambia nulla alla fine della fiera, è sempre un buon legno duro :)
Rispondi
di Micio [user #15060]
commento del 07/07/2022 ore 09:14:17
Alla faccia... COMPLIMENTISSIMI!
Rispondi
Altro da leggere
Scopri in video le Fender Aerodyne Special
Let it (Treble) Bleed
Il lato oscuro della Squier Telecaster Classic Vibe
Nile Rodgers e il mito della Hitmaker
La Giapponese di Jimi Hendrix di nuovo all’asta
Jackson fa ascoltare la American Series Soloist
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Schecter Sun Valley Super Shredder FR S
Seguici anche su:
Altro da leggere
Tipi da sala prove: i miei preferiti
Nile Rodgers e il mito della Hitmaker
Guarda Marcus King live in streaming dal Ryman Auditorium
La Giapponese di Jimi Hendrix di nuovo all’asta
Perché i commessi non ci odiano più
Progettisti di giocattoli: mi sorge un dubbio
L’asta per la White Falcon dei Foo Fighters surclassa le previsioni
Il primo BOSS CE-1 mai prodotto è in vendita
Gibson sostiene l'Ucraina
Guarda Tommy Emmanuel suonare la Ibanez Jem di Steve Vai
La chitarra elettrica fatta con mobili Ikea
Pantera reunion: gli strumenti di Dimebag Darrell sul palco con Zakk W...
In video dal vivo il prototipo della PRS Robben Ford Signature
Dean non ci sta: in appello contro Gibson
“Fulltone chiude”: il comunicato




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964