CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS SHOP
Gibson vince su Dean: la Flying V non è uno shape generico
Gibson vince su Dean: la Flying V non è uno shape generico
di [user #116] - pubblicato il

La corte del Texas ritiene Dean Guitars responsabile di violazione di copyright e contraffazione, e riconosce un risarcimento in favore di Gibson. La faccenda potrebbe rappresentare un pericoloso precedente.
La disputa legale tra Dean e Gibson ha inizio nel maggio 2019, quando Gibson muove l’accusa di contraffazione e violazione di copyright nei confronti di Dean Guitars e Armadillo Distribution Enterprises, proprietaria del marchio.
Oggetto dello scontro è la Flying V, shape di cui Dean ha fatto largo uso fin dagli anni ’70.
Seguono scambi dai toni accesi, con Gibson che pretende di vedersi riconosciuta la paternità del modello e Dean che promette di difendere il proprio retaggio con le unghie e con i denti.

L’epilogo avviene nel maggio 2022, quando la corte del Texas conviene che Gibson ha ragione su tutta la linea, o quasi.

Gibson vince su Dean: la Flying V non è uno shape generico

La sentenza riconosce che Gibson non ha interferito in alcun modo con gli affari di Dean e Amarillo, pertanto nessun tipo di risarcimento è dovuto. Viceversa, viene affermato che Dean ha violato diversi copyright Gibson, tra cui le forme delle chitarre Flying V, Explorer, SG e l’acustica Hummingbird.
Non viene riconosciuta invece alcuna violazione nell’impiego da parte di Dean della caratteristica paletta a due punte, simile alla Futura del 1958.

Gibson vince su Dean: la Flying V non è uno shape generico

Negli stessi giorni in cui la notizia si diffonde sul web, una chitarra assai curiosa compare sull’account Instagram di Cesar Gueikian. Il Brand President Gibson ha sfruttato spesso i social per condividere anticipazioni e dietro le quinte, come le prima creazioni del Murphy Lab e il recente progetto nato in collaborazione con Kirk Hammett.
Ripresa in foto e fatta ascoltare anche in un video, stavolta la chitarra inedita è un curioso prototipo di Flying V con paletta Futura a due punte. Entrambi i modelli da cui la chitarra è tratta sono stati disegnati nel 1957 e registrati con successo nel 1958. La data è ben sottolineata nel post che presenta lo strumento in foto per la prima volta, dove si legge: “Oggi si testano un po’ di cose al Gibson Lab con la paletta Futura creata da Gibson nel 1958”.

Forse una coincidenza, forse un modo ironico per rimarcare le somiglianze tra i copyright Gibson e le interpretazioni Dean, la sensazione di dejavu con la Dean V è fortissima.

Gibson vince su Dean: la Flying V non è uno shape generico

La corte ha riconosciuto un risarcimento di 4mila dollari in favore di Gibson, una cifra irrisoria se paragonata ai 7 milioni richiesti in origine dall’azienda. Tuttavia la sentenza è destinata a fare giurisprudenza, in quanto definisce che i modelli Gibson citati non costituiscono “forma generica” e potrebbero rimettere in discussione i - tantissimi - modelli simili proposti da marchi concorrenti, che ora rischiano di vedersi accusare - presumibilmente a ragion veduta, stando alla legge americana - di violazione e contraffazione.

Gibson vince su Dean: la Flying V non è uno shape generico
A sinistra, la paletta a due punte della Gibson Futura. A destra, la Flying V. Entrambe registrate nel 1958.

Il 2019 è stato un anno turbolento per Gibson e i suoi legali. La stessa Flying V si era trovata al centro di una notizia dall’impatto considerevole, eppure in evidente contraddizione con la sentenza texana.
La Corte Europea, nel negare il rinnovo del copyright per la Flying V a Gibson sempre nel 2019, motivava: “La Flying V era senza dubbio originale al suo arrivo sul mercato nel 1958, ma non possiamo ignorare l’evoluzione del mercato nei 50 anni successivi, che è stata caratterizzata da un’ampia varietà di forme”.
In quel caso, circoscritto al territorio europeo, va considerato che la sentenza è dovuta quasi a un cavillo. Pare infatti che l’impossibilità nel riconoscere l’originalità del modello dipendesse unicamente dall’enorme ritardo con cui Gibson ha presentato domanda, un lasso di tempo sufficiente a veder sviluppare il mercato concorrente tale da far finire la “V” nel cesto delle “forme generiche di chitarra elettrica”.
La stessa cosa, a quanto pare, non si può dire per quanto accade entro i confini degli USA.
chitarre elettriche curiosità dean flying v gibson
Link utili
Gibson cita Dean
Il post del prototipo su Instagram
Le Murphy Lab sbirciate in anteprima
Il prototipo Gibson Moderne di Kirk Hammett
Gibson perde il copyright della Flying V
Mostra commenti     33
Altro da leggere
La straordinaria storia dei Pistole e Rose
I mini-robot Yamaha duettano con la tua musica
Power Players: le chitarre Epiphone per iniziare
PianoVision: impara il piano nel metaverso
Ascolta le Gretsch Double Jet al 2022
La Gibson che non sapevo di volere
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
gibson les paul tribute
Visualizza l'annuncio
Gibson Les Paul Slash Signature November Burst NAMM 2020
Visualizza l'annuncio
Schecter Sun Valley Super Shredder FR S
Seguici anche su:
Altro da leggere
La straordinaria storia dei Pistole e Rose
I mini-robot Yamaha duettano con la tua musica
PianoVision: impara il piano nel metaverso
Gibson vince su Dean: la Flying V non è uno shape generico
La chitarra torna protagonista con “Kill or be killed” dei Muse
Ecco le Fender dei Minions: prezzi a partire da 48mila dollari
Paul Gilbert: “Perché modificare una chitarra perfetta? Per farla s...
Guitar hero: la mia Top10
Il viaggio infinito e la Top5 dei desideri
La scena EPICA della BC Rich in Stranger Things 4
Un chitarrista, cinque contraddizioni
Di chitarre buone, pedaliere e dello stare bene
Il nemico in pedaliera
Stratoverse: Fender è nel metaverso
Ecco… Il Guanto: il synth futuristico di Matt Bellamy




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964