CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS SHOP
Brian May e il delay: evoluzione e genio
di [user #22026] - pubblicato il

Il fenomeno dei Queen ha usato (e usa) una varietà di effetti piuttosto contenuta sia in studio sia sui grandi palchi. Oltre all’ormai celeberrimo Treble Booster (un vero e proprio marchio di fabbrica del sound di Brian), al vecchio fOOX Phaser (usato nelle registrazioni di Bohemian Rhapsody, We Will Rock You e White Man) e all’abbondante chorus, il suo effetto più famoso è senza ombra di dubbio il delay.


Questo contenuto è riservato agli utenti registrati, per continuare a leggere clicca qui per loggarti o creare un account.
Seguici anche su:
Altro da leggere
Marty Friedman: ecco perché la gente skippa gli assolo
Rara Les Paul burst del 1960 spunta da una soffitta: sì, può ancora ...
È morto Richard Benson: chi era il chitarrista, il personaggio, l’u...
Gear: la Flop Ten di una vita - Parte 1
Flea dei RHCP nell’universo di Star Wars
Guitars of my life: una top 10 romantica
Il paradosso di Enesidemo (ovvero, noi delle chitarre non sappiamo un ...
Crisi delle valvole: Western Electric le produrrà in USA
Dal metal alle big band: Mark Tremonti canta Sinatra per la Sindrome d...
Visita alla fabbrica Gibson nel 1967: guarda il video
Niente più valvole dalla Russia: cosa succede, cosa provocherà
Quel dubbio che ci frega. Sempre
La GAS come l’amore? Una storia semiseria
Dentro il suono di Yvette Young: dove l'estro incontra il virtuosismo
Su RadioFreccia torna True Lies con i Led Zeppelin




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964