DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Scelta del pianoforte digitale per inesperti
Scelta del pianoforte digitale per inesperti
di [user #16140] - pubblicato il

Questa non vuole assolutamente essere una guida all'acquisto, tantomeno un trattato colmo di dettagli - talvolta inutili, bensì una piccola (ma piccola eh) guida con la quale dare una mano a chi non ha la minima idea di cosa stiamo parlando, ma si trova - suo malgrado - a dover gestire questa scelta. Benvenuti quindi genitori e parenti più in generale.
Questa non vuole assolutamente essere una guida all'acquisto, tantomeno un trattato colmo di dettagli - talvolta inutili, bensì una piccola (ma piccola eh) guida con la quale dare una mano a chi non ha la minima idea di cosa stiamo parlando, ma si trova - suo malgrado - a dover gestire questa scelta. Benvenuti quindi genitori e parenti più in generale.

Lasciamo l'aspetto economico come ultima considerazione, anche se è naturalmente importantissimo. Ci sono una serie di elementi di base da tenere in considerazione: numero di tasti, tipologia di tasto, funzionalità, qualità e accessori correlati.

Numero di tasti
Sotto questo aspetto la scelta è piuttosto ampia (32, 44, 49, 61, 76 e 88 tasti), ma si restringe in modo significativo se vogliamo considerare l'aspetto didattico del nostro acquisto. Da 61 a 88 tasti, rientriamo in un range utile, dove la tastiera a 88 tasti rappresenta la condizione ideale per chi andrà a utilizzare lo strumento. Questo per quantità di ottave disponibili a vantaggio delle possibilità espressive.

Tipologia di tasto
Probabilmente qualcuno vi avrà detto qualche brutta parola come "tastiera pesata" o "tastiera semi-pesata". Semplifichiamo all'estremo i due concetti. Nei due casi si è cercato di riprodurre l'azione e quindi il peso avvertito dal dito che preme il tasto di un pianoforte acustico. In quest'ultimo il peso è determinato dal peso del tasto stesso e dal martelletto lui connesso con lo scopo di percuotere la corda corrispondente. Il tutto viene quindi mantenuto in un equilibrio perfetto grazie a una serie di piccoli pesi che compensano la differenza di peso tra i due elementi. Naturalmente nell'ambito del digitale tutto si semplifica (a volte...).

I produttori hanno quindi trovato varie soluzioni (più o meno efficaci) per simulare la sensazione provata nel premere i tasti di un pianoforte acustico. Per fare questo, ciascuno di loro ha adottato differenti tecnologie. Dalle molle poste sotto a dei tasti in plastica, sino a dei veri e propri martelletti connessi a un complesso sistema al quale fa capo un tasto in legno.
 
Scelta del pianoforte digitale per inesperti

In buona sostanza, un tasto pesato cerca di riprodurre la resistenza alla pressione tipica del tasto di un pianoforte acustico, mentre un tasto semipesato risulta essere un compromesso tra la resistenza offerta tra il tasto di un pianoforte acustico e quello di una qualsiasi tastiera.

Funzionalità
Parliamoci chiaro, per imparare a suonare il pianoforte, serve il pianoforte. Niente di più. Per cui non sono necessarie valanghe di suoni e funzionalità particolari se non: metronomo, doppia uscita per le cuffie (una per chi suona e una per l'insegnante) e diffusori acustici (in caso il luogo nel quale si vive consenta di poter suonare senza utilizzare le cuffie).
 
Scelta del pianoforte digitale per inesperti

Qualità
Sfatiamo il mito del "prezzo basso = qualità bassa". Non è assolutamente vero, questo soprattutto se consideriamo il fatto che non stiamo acquistando una workstation da affidare alle sapienti mani di Jordan Rudess. Serve uno strumento che sia intonato, con una tastiera di medio/alta qualità, con un numero di tasti sufficienti e dotato di un suono di pianoforte attendibile. Questo perché - oltre al gusto - è importantissimo allenare non solo le dita del giovane pianista, ma anche le orecchie e quindi la mente. Un buon suono aiuta.

Accessori correlati
Molti acquistano un pianoforte digitale convinti di trovare tutto il necessario nella confezione dello stesso. Ricevono poi il pacco dal corriere e si trovano a suonare su di uno sgabello con il pianoforte messo tra due sedie, sul letto o sul tavolo. Tutte posizioni che implicano posture letteralmente drammatiche per chi suona. Uno sgabello e un supporto per il pianoforte digitale, sono la cosa giusta.
Molti negozi e siti offrono soluzioni all-in-one (vi danno tutto il necessario insomma) a prezzi molto pratici per risolvere questo tipo di problema aggiungendo inoltre il pedale per il sustain.
Anche quest'ultimo è un elemento - a mio avviso - molto importante da includere per incrementare il feeling con lo strumento. La sua pressione con il piede, consente di mantenere la nota (o le note) suonata.
Scelta del pianoforte digitale per inesperti

In conclusione
Se un genitore sceglie un pianoforte digitale piuttosto che uno acustico, sta con buona probabilità cercando di destreggiarsi tra due problemi: budget e rumore. Per risolvere entrambi è bene non penalizzare l'esperienza del futuro pianista che ci troviamo in casa. Per fare questo è necessario cercare - se non altro - di riprodurre le condizioni ottimali sia per l'apprendimento che per il feeling con lo strumento.

In realtà non c'è una guida precisa da seguire. Tanto dipende da quanti soldi si è disposti a spendere. C'è comunque da dire che a partire da circa 340€ è possibile accedere a uno strumento comunque interessante e credibile.
entry level pianoforti acustici
Nascondi commenti     4
Loggati per commentare

Media qualità..
di swing [user #1906]
commento del 02/01/2014 ore 17:53:41
Ciao, non sono un tastierista ma in un futuro prossimo vorrei prendere a mia figlia qualcosa che abbia la tastiera più simile possibile ad un pianoforte, senza spendere troppo: diciamo cosa si trova tra i 500 e i 700 euro?
Grazie.
Rispondi
Re: Media qualità..
di gabriele bianco [user #16140]
commento del 04/01/2014 ore 20:26:33
Ciao swing!
In questo range di prezzo si possono trovare pianoforti digitali (entry level) piuttosto interessanti.
Te ne cito alcuni a caso.
Roland F20, Yamaha DGX650, Yamaha P105, Korg SP280... Con pochi spiccioli in più, puoi anche trovare qualche Kurzweil.
Rispondi
Re: Media qualità..
di Claes [user #29011]
commento del 11/07/2014 ore 11:25:30
Tua figlia: musica classica o piuttosto roba moderna, synth e con quello che consegue? Qualche mesetto fà un vicino di casa mi ha detto "ho comprato un pianoforte elettrico per mio figlio"! Secondo lui, un trionfo a 88 tasti, ma... vi erano solo sounds da piano acustico, Rhodes, Wurlitzer, Hammond, Clavinet... Mi chiede se posso insegnare a suo figlio qualche rudimento tanto per partire. OK. Mostro la differenza tra maggiore e minore e dove mettere le dita per accordi semplici sui tasti bianchi. Ha poco dopo perso l'interesse e non mi ha stupito... Fossi stato io a regalare avrei scelto un synth con sounds GM, arpeggio, con sliders per variare sounds e rhythm box incorporato. Per cose da musica classica bisogna imparare a leggere spartiti. Per altra musica si va a orecchio.
Rispondi
Non so ancora cosa le ...
di swing [user #1906]
commento del 11/07/2014 ore 12:34:45
Non so ancora cosa le piacerà e se le piacerà suonare. Io ho visto che quando arriva ad un pianoforte ci si vuole sempre sedere davanti e buttarci le mani. Per cui una tastiera pesata che assomigli ad un pianoforte sarebbe la prima cosa da prendere, poi in futuro ci si può guardare.
Rispondi
Altro da leggere
Chitarra classica: nutrire la tastiera
Riposizionare la selletta sulla chitarra classica
Cos’è un loop: quello che c'è da sapere su, looper, loop station e switching system
HP700: i pianoforti Roland per tutti
Namm 2019: Yamaha CP Stage Piano
Come usare il noise gate per conservare la dinamica
Articoli più letti
Seguici anche su:
Altro da leggere
Gibson contro Heritage: la sentenza… poco chiara
Ecco come sono stato truffato - Pt. 3
PRS? Chitarre da crisi di mezza età…
David Crosby: il supergruppo si è spezzato
Ho intervistato l'Intelligenza Artificiale. Il chitarrista del futuro?...
Tom Morello e la vergogna di suonare coi Måneskin
Che fine ha fatto Reinhold Bogner?
"Dai, suonaci qualcosa": il momento del terrore
Da Fripp a SRV: gli inarrivabili chitarristi di David Bowie
Sette anni senza David Bowie
Altoparlanti volanti per i 50 anni di Roland
Ecco come sono stato truffato - Pt. 2
Chiede a una AI se sa cos'è un Tube Screamer: questa glielo programma...
L’improbabile collaborazione tra Ed Sheeran e i Cradle Of Filth è r...
Letterina di Natale




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964