DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Bigsby e finiture da urlo per il restyling di Guild
Bigsby e finiture da urlo per il restyling di Guild
di [user #116] - pubblicato il

Tra archtop e solid body dal sapore vintage, Guild entra nel 2014 con un'intera collezione di nuovi modelli che intende soddisfare le necessità di bassisti e chitarristi votati al jazz quanto al blues, rock n roll e, perché no, anche hard rock.
Tra archtop e solid body dal sapore vintage, Guild entra nel 2014 con un'intera collezione di nuovi modelli che intende soddisfare le necessità di bassisti e chitarristi votati al jazz quanto al blues, rock n roll e, perché no, anche hard rock.

Guild nasce nel 1952 per iniziativa di un commerciante di strumenti musicali - Alfred Dronge - e di  George Mann, ex direttore Epiphone. Il nome Guild ("lega", "corporazione") viene scelto perché la società raggruppa alcuni maestri liutai Epiphone (all'epoca era in forte crisi e stava per essere assorbita da Gibson) che condividono il progetto di Mann: costruire un'azienda  che offrisse strumenti di alto livello, in concorrenza con i marchi più famosi. In poco tempo Guild si ricava una fetta di mercato soddisfacente, comparendo anche al collo di musicisti di grido, ma la crisi di inizio anni '90 la mette in forte difficoltà. In soccorso del glorioso nome arriva però Fender, che rileva le quote e avvia il rilancio, assicurando a Guild un'autonomia che le consente di conservare la forte carica di personalità dei suoi strumenti.

Bigsby e finiture da urlo per il restyling di Guild

Al recente Namm di LA sono stati presentati ben dieci nuovi modelli. Tra questi una strepitosa  Starfire (nome storico di casa Guild) V dotata di ponte Bigsby, una CEO-100D Capri con corpo in acero per un tono brillantissimo, una M-75G Aristocrat in edizione limitata gold, il delizioso basso M-85. Si tratta di strumenti che strizzano l'occhio al musicista polivalente, abituato a destreggiarsi nel jazz e nel blues, ma che non disdegna di avventurarsi sui sentieri del rock (dove le Guild sanno farsi valere grazie alla qualità e alla potenza dei propri pickup). Insomma, un'alternativa validissima alle... solite chitarre, da provare e considerare con attenzione.

Bigsby e finiture da urlo per il restyling di Guild
bassi elettrici chitarre elettriche chitarre semiacustiche guild
Link utili
Guild
Nascondi commenti     2
Loggati per commentare

Fantastiche! ...
di dale [user #2255]
commento del 03/02/2014 ore 18:56:46
Fantastiche!
Rispondi
Sicuramente da provare queste nuove ...
di zabu [user #2321]
commento del 04/02/2014 ore 16:43:03
Sicuramente da provare queste nuove Guild. Pero' ricordiamo anche che fino agli anni '90 erano prodotte in USA, adesso la linea degli strumenti elettrici e' completamente fatta in Korea...
Rispondi
Altro da leggere
PRS Swamp Ash Special: non sei tu, sono io
Gibson contro Heritage: la sentenza… poco chiara
Bare Knuckle e paletta Strat per la Jackson 7-corde di Josh Smith
Fender ammicca al vintage giapponese con la Gold Foil Collection
La sottile inesistenza del vintage
Kramer SM-1 diventa figurata a prezzo budget
Articoli più letti
Seguici anche su:
Altro da leggere
Gibson contro Heritage: la sentenza… poco chiara
Ecco come sono stato truffato - Pt. 3
PRS? Chitarre da crisi di mezza età…
David Crosby: il supergruppo si è spezzato
Ho intervistato l'Intelligenza Artificiale. Il chitarrista del futuro?...
Tom Morello e la vergogna di suonare coi Måneskin
Che fine ha fatto Reinhold Bogner?
"Dai, suonaci qualcosa": il momento del terrore
Da Fripp a SRV: gli inarrivabili chitarristi di David Bowie
Sette anni senza David Bowie
Altoparlanti volanti per i 50 anni di Roland
Ecco come sono stato truffato - Pt. 2
Chiede a una AI se sa cos'è un Tube Screamer: questa glielo programma...
L’improbabile collaborazione tra Ed Sheeran e i Cradle Of Filth è r...
Letterina di Natale




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964