DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Tommy Emmanuel: canto quindi suono
Tommy Emmanuel: canto quindi suono
di [user #116] - pubblicato il

Parliamo di improvvisazione nel fraseggio blues con Tommy Emmanuel. Diteggiature, scale, esercizi e note restano fuori dalla discussione. Sotto le lente del microscopio la nostra capacita di tradurre sulla chitarra ciò che cantiamo.
Parliamo di improvvisazione nel fraseggio blues con Tommy Emmanuel.
Diteggiature, scale, esercizi e note restano fuori dalla discussione. Sotto le lente del microscopio la nostra capacita di tradurre sulla chitarra ciò che cantiamo.

Emmanuel è un musicista versatile, aperto a molte contaminazioni e profondamente legato alla tradizione blues.
Brani del suo repertorio come “Sanitarium Shuffle” lo confermano e lo dimostrano un chitarrista assolutamente credibile e sopra la norma anche in questo genere. 


Gli abbiamo chiesto quale sia il suo approccio all’improvvisazione blues:
"Quando suono blues non penso mai alle scale o alle note. So di usarle, ma non so come chiamarle. Quando improvviso cerco sempre di suonare quello che mi canto in testa, ed è la cosa che funziona meglio secondo me. Invece che usare pattern prestabiliti e soffermarmici, preferisco cantare quello che mi viene in mente e suonarlo.” 


Per Emmanuel cantare pare essere il ponte diretto e più immediato tra la nostra creatività e la sua concretizzazione in suono. 

Cogliere a fondo questo concetto è importante per iniziare a pensare diversamente alle nostre improvvisazioni. Serve capire quanto maggiore potrebbe esserne lo spessore artistico di un’improvvisazione se questa partisse dal tentativo di riprodurre con la chitarra delle melodie che noi immaginiamo e ci figuriamo come piacevoli. Spesso invece, nell’improvvisazione non si fa altro che spostarsi in maniera più o meno meccanica e più o meno ordinata, tra scale, pattern, frasi che sappiamo funzionare armonicamente e correttamente sopra una base.
Non ci sono dubbi sul fatto che Tommy Emmanuel conosca a menadito ogni scala con le relative note blue, settime, none, e chi più ne ha più ne metta. Il chitarrista sostiene, però, che nel momento in cui si trova a comporre o a dover dire qualcosa di suo che non sia un esercizio o un esempio, si affida solamente alla sua musicalità.
Questo approccio è senz’altro difficile da applicare per chi non ha mai provato. Ma è prezioso perché aiuta a slegarsi dal pensare esclusivamente come chitarristi per avvicinarsi a un approccio legato alla musica in maniera più ampia e globale. 
Facciamo un esperimento: se dovessimo canticchiare liberamente una melodia inventata sopra un giro di accordi affidandoci solamente alla nostra voce, stonati o intonati, le nostre corde vocali non intonerebbero subito una pentatonica o una scala cromatica, se non per una precisa volontà. 


Canteremmo piuttosto un passaggio tra note anche distanti, con le relative pause dovute alla respirazione mescolando nella più totale libertà e inconsapevolezza arpeggi, triadi, scale, modi. Elementi che in un’improvvisazione più razionale e chitarristica si rischia quasi sempre di esporre in maniera accademica. 
Viceversa, cercare di riprodurre sulla chitarra quanto si è cantato ci porterà a scoprire approcci e commistioni di note totalmente nuove rispetto a quello che suoniamo di solito. Con un ulteriore enorme vantaggio. Suoneremo cose che abbiamo creato noi lavorando concretamente alla crescita e personalizzazione del nostro playing.
Cantare ci aiuterà anche a slegarci con più facilità dai punti di attracco sicuri, come tonalità o accordi, lasciando che sia solo il nostro senso musicale a parlare per noi e a guidarci.
Approccio magnifico per scoprire sonorità nuove e assimilarle subito alla chitarra. 
Ovviamente questo non va inteso come un allontanarsi dalla pratica tradizionale delle pentatoniche, delle scale, degli arpeggi o della teoria, anzi. 
Si tratterà piuttosto di sfruttare al meglio quello si è studiato, integrandolo con un approccio più musicale.
Esercitarsi con quest’approccio ha come obbiettivo quello di ridimensionare la tecnica e la teoria, facendocele percepire come semplici strumenti per agevolarci nel ricreare sulla chitarra quello che abbiamo cantato.
Del resto, oltre a Tommy Emmanuel, supportano questa tesi tanti altri chitarristi giganteschi Matt Schofield, Paul Gilbert e Guthrie Govan: 
“Faccio solo una cosa quando improvviso: cerco di suonare quello che canterei.” 


Traduzione e analisi stilistica di Paolo Antoniazzi
tommy emmanuel
Mostra commenti     21
Altro da leggere
Guarda Tommy Emmanuel suonare la Ibanez Jem di Steve Vai
La collezione di Tommy Emmanuel in vendita per beneficenza
Tommy Emmanuel: come scrivo una canzone
Tommy Emmanuel: evitare i vuoti di memoria
AER Compact 60 ora alla quarta generazione
Tommy Emmanuel:nessuna scorciatoia, serve suonare tanto
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
GIBSON Les Paul Classic Premium Plus - CherrySunburst TOP AAA
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Seguici anche su:
Altro da leggere
Ecco come sono stato truffato - Pt. 3
PRS? Chitarre da crisi di mezza età…
David Crosby: il supergruppo si è spezzato
Ho intervistato l'Intelligenza Artificiale. Il chitarrista del futuro?...
Tom Morello e la vergogna di suonare coi Måneskin
Che fine ha fatto Reinhold Bogner?
"Dai, suonaci qualcosa": il momento del terrore
Da Fripp a SRV: gli inarrivabili chitarristi di David Bowie
Sette anni senza David Bowie
Altoparlanti volanti per i 50 anni di Roland
Ecco come sono stato truffato - Pt. 2
Chiede a una AI se sa cos'è un Tube Screamer: questa glielo programma...
L’improbabile collaborazione tra Ed Sheeran e i Cradle Of Filth è r...
Letterina di Natale
L’ultima Les Paul Greeny è ora della star Jason Momoa




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964