DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Source Audio One Series: semplici e tecnologici
Source Audio One Series: semplici e tecnologici
di [user #16167] - pubblicato il

Source Audio ci ha abituato a stomp box moderne, piene di controlli con cui familiarizzare. La serie One inverte la tendenza tecnologica per un ritorno a un’interfaccia più easy. Il cuore resta quello super-avanzato di sempre e pronto ai sound più estremi, ma l’aspetto è da stompbox tradizionale, pochi controlli e tutti abbastanza chiari.
Tra le mani, in un colpo solo, ci siamo ritrovati le modulazioni della serie One di Source Audio. Li abbiamo collegati tutti in fila per testarli a fondo. L’interfaccia è rinnovata e semplificata, ma il circuito è sempre un concentrato di tecnologia. Ve li presentiamo quindi in una panoramica dettagliata in attesa di sentirli dal vivo al prossimo SHG. 

Cominciamo dal Chorus Gemini. Il blu si sa, è il colore del chorus e il Source Audio sfoggia un case in alluminio anodizzato davvero bello. Con quattro manopole e un micro switch il Gemini permette di avere sotto ai piedi l’intera storia di questo effetto. Si parte dai suoni ‘70s, più psichedelici e corposi, per passare al Quad Chorus che ricrea i fasti degli anni ottanta, con una voce più spaziale e delicata. Immancabili i controlli di death e speed con cui regolare i parametri base dell’effetto. Meno scontati il mix e il tone. Il mix permette di miscelare il segnale dry dello strumento e ampliare così le possibilità di utilizzo soprattutto dei setup più estremi, che sommati alla voce naturale della chitarra in maniera meno invasiva possono diventare una vera e propria risorsa.

Source Audio One Series: semplici e tecnologici

Proseguiamo nella catena e approdiamo al Vertigo. Il Tremolo, come il Chorus, tenta di riassumere in un’unico chassis una quarantina d’anni di evoluzione. Anche qui troviamo quattro controlli e uno switch. In questo caso le modalità a disposizione sono Normal, Harmonic e Bias. La prima è un classico tremolo Fender style. Forse leggermente troppo HI-FI per essere definito vintage, ma comunque soddisfacente. Si passa all’Harmonic con un click ed eccoci trasportati negli anni ’60. Ispirato al Vibrato dei Fender Super che aggiunge un’accenno di phaser al sound dello strumento. Molto utile il controllo della shape, che squadra progressivamente l’onda del tremolo rendendolo via via più aggressivo. 

Source Audio One Series: semplici e tecnologici

Passiamo ora al vero phaser, il Lunar. Nello stesso pedale convivono tre tipologia completamente diverse di effetto. Il classic, in stile Phase 90 è a quattro stage, sufficientemente invasivo, ma non esagerato come il Multi. Questo crea un vero e proprio casino (in senso buono), sballottando con decisione il segnale dry e restituendo qualcosa di veramente ipnotico. Molto evocativa infine la modalità Uni-vibe, molto seventies. Ai potenziometri che permettono di regolare speed depth e shape si aggiunge qui la resonance che rende via via più incisivo l’effetto, modificandone l’equalizzazione.

Source Audio One Series: semplici e tecnologici  


Tocchiamo infine il Flanger Mercury. Anche per lui tre modalità a disposizione, classic, thru-zero e shadow. La prima ricrea il timbro di un flanger vecchia maniera, tipo Electric Mistress per intenderci. Thru-zero e shadow invece rappresentano qualcosa di più moderno. Anche se sulla carta il secondo dovrebbe essere un tape in realtà risulta molto hi-fi e fa il paio con lo shadow, che accentua l’effetto jet in decollo. Depth, speed e resonance ormai li conosciamo bene, resta da dire qualche parola sul controllo del delay. Questo permette di esplorare i territori di confine tra il chorus e il flanger agendo sul ritardo dell’effetto. Un buon modo per ampliare la paletta sonora. 

Source Audio One Series: semplici e tecnologici

Tutti e quattro i pedali sono true bypass e sono dotati del sistema Neuro. Questo permette di scaricare tramite app per IOS (e presto anche per android) molti nuovi algoritmi da inserire negli effetti. Le modulazioni sono tutte stereo, con due in e due out e vengono vendute con il loro alimentatore dedicato (anche se è un classico 9 volt con negativo centrale). 

Source Audio One Series: semplici e tecnologici

Ecco quindi l’anteprima video con una carrellata dei suoni più caratteristici della nuova Serie One di Source Audio. 




Source Audio è un marchio distribuito da Reference Laboratory
effetti e processori gemini chorus lunar phaser mercury flanger source audio vertigo
Link utili
Visita il sito Source Audio
Source Audio è un marchio distribuito da Reference Laboratory
Nascondi commenti     5
Loggati per commentare

di diumafe [user #17831]
commento del 27/10/2015 ore 20:10:19
Quanto pedalini!
Andrebbero contestualizzati in un mix per apprezzarne realmente le caratteristiche.
Personalmente... un mi garbano miha tanto! :-)

E poi mi chiedevo: ma con la paletta sonora ci si mangia il gelato acustico? :-DDD
Rispondi
Loggati per commentare

di And96 [user #41601]
commento del 27/10/2015 ore 21:53:33
Non so, Diumafe: secondo me la si usa per fare i castelli di sabbia (dove entrerà l'uomosabbia? Mah) al misolidio degli Estensi!
Rispondi
di diumafe [user #17831]
commento del 27/10/2015 ore 22:14:11
Col secchiello armonico?
Rispondi
di And96 [user #41601]
commento del 27/10/2015 ore 22:25:48
Ovvio!
Rispondi
di gerlop [user #44005]
commento del 30/10/2015 ore 11:01:07
source audio: ottimi prodotti! gli esempi del video mi piacciono e comunque, con cognizione di causa, possiedo l'equalizzatore digitale programmabile della source audio e lo trovo ottimo, non solo nelle caratteristiche sonore ma anche perché ha la presa midi in dalla quale cambio in remoto le varie configurazioni di equalizzazione da me settate...inoltre ha il firmware aggiornabile...bei "giocattolini" davvero!p.s.: anche l'estetica dei pedalini di questa recensione è bella e bisogna tener presente che sono costruiti anche con materiali metallici molto robusti.
Rispondi
Altro da leggere
Line 6 Helix: disponibile l’aggiornamento sonoro più grosso di sempre
Il trucco c'è ma non si vede
BOSS Loop Station: perché averne una e come sceglierla
NUX Mighty Plug Pro: uno studio in tasca
Two Notes ReVolt: amp sim analogico e valvolare con IR
AIRA Compact: strumenti Roland in tasca
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
GIBSON Les Paul Classic Premium Plus - CherrySunburst TOP AAA
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Seguici anche su:
Altro da leggere
Ecco come sono stato truffato - Pt. 3
PRS? Chitarre da crisi di mezza età…
David Crosby: il supergruppo si è spezzato
Ho intervistato l'Intelligenza Artificiale. Il chitarrista del futuro?...
Tom Morello e la vergogna di suonare coi Måneskin
Che fine ha fatto Reinhold Bogner?
"Dai, suonaci qualcosa": il momento del terrore
Da Fripp a SRV: gli inarrivabili chitarristi di David Bowie
Sette anni senza David Bowie
Altoparlanti volanti per i 50 anni di Roland
Ecco come sono stato truffato - Pt. 2
Chiede a una AI se sa cos'è un Tube Screamer: questa glielo programma...
L’improbabile collaborazione tra Ed Sheeran e i Cradle Of Filth è r...
Letterina di Natale
L’ultima Les Paul Greeny è ora della star Jason Momoa




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964