VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
La storia del Tech 21 di Steve Harris
La storia del Tech 21 di Steve Harris
di [user #116] - pubblicato il

Ecco la storia di un pedale nato quasi come un "vorrei ma non posso" e che invece si è guadagnato un posto da titolare nel rig di uno dei più grandi bassisti rock del pianeta: Steve Harris degli Iron Maiden. Ecco la storia e le caratteristiche del SH1 della Tech21.
Non è raro che musicisti di band gigantesche e popolarissime decidano di affiancare alla loro attività principale anche un progetto parallelo come solisti. È il caso di Steve Harris bassista e fondatore degli Iron Maiden, icone assolute dell’Heavy Metal, che nel 2012 ha fondato un suo gruppo solista i British Lion.

La storia del Tech 21 di Steve Harris

La band che ha da poco annunciato l’uscita di un secondo album The Burning prevista per il prossimo 17 gennaio, ha permesso ad Harris di muoversi su terreni musicali meno ancorati al metal, cimentandosi un classic rock di forte matrice anni ’70. Al contempo, calarsi in un progetto nuovo, ha costretto il bassista e songwriter degli Iron Maiden a tornare in pista in una serie di contesti, situazioni e palchi ovviamente lontani dalle possibilità faraoniche dei Maiden, condizionando di conseguenza anche le sue scelte di strumentazione. Non potendosi permettere in una produzione di dimensioni ridotte i suoi giganteschi muri di cabinet Marshall vintage(anche per un semplice problema di gestione dei volumi) Harris, a quattro mani con la Tech 21 ho progettato l’SH1, pre nato per racchiudere in un singolo e pratico pedale il suono del suo rig, rendendolo più facilmente gestibile e utilizzabile anche sui palchi più piccoli. 
Quella che doveva essere una situazione di comodo, nata per ovviare all’impossibilità di utilizzare il suo set up principale, ha funzionato però così bene da spingere il bassista ad adottare il pedale nel suo rig anche durante il “Legacy of the Beast 2019 Tour” con gli Iron Maiden.

La storia del Tech 21 di Steve Harris

SH1 utilizza una circuitazione interamente analogica ed è dotato di due canali con rispettivi controlli di gain e level. Per scolpire il suono desiderato è dotato di un equalizzatore a quattro bande e di un -Bite- switch che attive un boost di 18 db quando necessario. 
Il controllo Blend permette di dosare la proporzione tra il suono diretto dello strumento e l’emulazione dell’amplificazione valvolare SansAmp.
Sul pannello frontale è presente un accordatore mentre sul pannello laterale è presente una uscita bilanciata XLR.
Con questo pedale Tech 21 amplia l'offerta di pedali signature di cui ora esistono già i modelli dedicati a Geddy Lee e Doug Pinnick,
Il prezzo di lancio dello SH1 è di 299$ ed è distribuito in Italia da SoundService

 
bassisti effetti singoli per basso iron maiden sh1 steve harris tech 21 ultime dal mercato
Link utili
il pre SH1 sul sito della Tech21
Il sito del distributore italiano, SoundService
Mostra commenti     1
Altro da leggere
FS9M e FS9R: ammiraglia Yamaha in forma di Concert
Tono TBX e manico custom: Susan Tedeschi racconta la sua Telecaster signature
La AZ del 2024 di Tom Quayle punta su flessibilità e affidabilità
Lizard King: i bassisti hanno un distorsore octaver con EHX
Perseus Dio è il fuzz Catalinbread con doppia ottava tra muri sonori e glitch analogici
ID:CORE V4: gli ampli casalinghi Blackstar ora anche con Bluetooth
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
La mia LadyBird
Gibson Les Paul R0 BOTB
Serve davvero cambiare qualcosa?
70 watt non ti bastano? Arriva a 100 watt!
Manuale di sopravvivenza digitale
Hotone Omni AC: quel plus per la chitarra acustica
Charvel Pro-Mod DK24 HSH 2PT CM Mahogany Natural
Pedaliere digitali con pedali analogici: perché no?!
Sonicake Matribox: non solo un giochino per chi inizia
Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964