Home | Audio | Chitarra | Didattica | Lifestyle | Ritmi | People Store | Annunci | Eventi | Valutazioni
Joseph Jesselli, maestro liutaio
di - user #108 dal 17/02/2002 |

Joseph Jesselli, mastro liutaio nato a New York da una famiglia di origini italiane, si definisce un "artista funzionale". «Fare chitarre - spiega - è un mestiere in cui l'attenzione alla funzionalità dello strumento è di suprema importanza».

Jesselli Joseph cominciò la sua carriera con il desiderio di elevare il suo mestiere a legittima forma d'arte, poiché già era convinto che la chitarra tenesse in sé un grande potere. «Storicamente e tradizionalmente - spiega Jesselli - la chitarra era uno strumento illegittimo. Poi la musica rock esplose cambiando il mondo; quella marcia verso un rivolgimento sociale prese la chitarra come suo strumento ufficiale». Jesselli considera la chitarra sia come la componente principale di quasi tutta la musica moderna, sia come strumento di per sé importante, che deve essere trattato come tale.

In gioventù Jesselli era interessato all'arte in generale. In particolare voleva imparare a intagliare il legno e a scolpire. Mentre frequentava l'università, cominciò a lavorare partime alla Galleria Baiter. Dopo un solo mese, divenne l'apprendista di Marcos Baiter, un dotato intagliatore e grande ebanista. Sotto la sua guida, Jesselli imparò e approfondì le tecniche di intaglio e di intarsio e l'uso di materiali esotici. Baiter lo introdusse al mondo del design artistico, insegnandogli che un oggetto d'arte deve essere funzionale, oltre che bellissimo. Jesselli considera gli insegnamenti di Baiter essenziali per il raggiungimernto del proprio stile.

Tra i tanti stili che studiò, Jesselli fu attirato maggiormente dall'Art Nouveau e dall'Art Deco. «Ogni artista è vicino a un stile - sostiene -, quindi sente design ed esecuzione come un riflesso naturale di sé».

Contemporaneamente al suo apprendistato, Joseph suonava in band locali e più tardi attraversò la East Coast come musicista rock. Sul finire degli anni '70 fu accettato come apprendista dal maestro liutaio Jimmy D'Acquisto, allievo del maestro John D'Angelico, già specializzato nella produzione di arched top. Jesselli fu il solo allievo di D'Acquisto, l'unico anello di un'impressionante catena di rigoroso tirocinio della tradizionale vecchia scuola maestro-apprendista. Jimmy gli insegnò le tecniche di costruzione, i concetti del progetto e dedicò molta attenzione ai dettagli indispensabili per fare uno strumento di tale qualità da poter essere definito opera d'arte. D'Acquisto sosteneva appassionatamente che la bellezza dello strumento dipende dalla sua funzione.

Jesselli

La razionalità e la sensibilità acquistate dalla combinazione di questi due maestri, crearono uno straordinario terreno da cui si sviluppò lo stile di Jesselli, che si basa sulla fusione tra le tecniche costruttive e di manipolazione del suono di D'Acquisto e l'inspirato uso del design per raggiungere un alto livello di funzionalità. Quando l'apprendista lasciò i suoi maestri, era diventato un nuovo maestro, i cui strumenti erano la realizzazione della massima funzionalità attraverso la perfezione stilistica. Grazie alla sua esperienza come musicista, Jesselli ben sa che i requisiti di uno strumento acustico sono molto diversi da quelli di uno amplificato. Le sue chitarre sono progettate per sfruttare le proprietà di un arch top al meglio.

Tutte le sue chitarre sono strumenti a corpo cavo, le sue elettriche sono letteralmente costruite intorno a una camera acustica. Il top è intagliato e può essere forato, una tecnica usata per non comprimere l'aria: i suoi strumenti producono suoni di una vitalità sonora che la maggior parte delle solid body non può avere.

L'attenzione per i dettagli e l'uso di materiali di altissima qualità sono un elemento costante della sua produzione. La sua progettazione è una combinazione tra arte e liuteria, perché Jesselli lavora a livello olistico: «le parti sono integrate nel tutto» spiega. Nulla è acquistato già fatto, né applicato per il solo amore dell'ornamento. Ogni cosa è ricavata dal materiale grezzo, ogni cosa, dall'elemento più importante al dettaglio apparentemente insignificante, è concepita e progettata per svolgere una precisa funzione.

Jesselli produce personalmente anche gli attrezzi, le cinghie, i picks e persino le custodie per ogni strumento.

joseph jesselli
Link utili

Altro da leggere
Pubblicità
E se si potesse suonare con chitarre da 5...
Carl Martin ridisegna il Compressor Limiter...
Galli Electric Guitar Strings: tre modelli a...
Dr. Z ed Earthquaker insieme per il Z-Drive...
Pubblicità
Commenti
Al momento non è presente nessun commento
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Dieci elettriche iconiche
di alberto La chitarra elettrica tocca l'immaginario, infiamma gli animi e trasforma il...
Pedali, alimentatori, una soluzione economica e un mistero risolto
di JoeManganese Gli alimentatori professionali sono ottimi, ma costano davvero tanto. Se non si...
Quando ha un nuovo disco, anche Gilmour scomoda i Beatles
di RozzoAristocratico Nominare i mostri sacri è un'ottima tecnica per far parlare di sé in...
Yamaha Pacifica 604: pochi soldi spesi bene
di Burats Ogni tanto capita di restare colpiti da strumenti economici e un po' datati. A...
Cos'è il radius
di redazione In una chitarra o in un basso, il radius determina la curvatura seguita dalla...

Hot licks
Palestra per bending di redazione
Spazio ai principianti con un fraseggio rock blues che li aiuterà a mescolare tra loro pentatonica maggiore e minore....
Nello stile di Jimmie Vaughan di redazione
In un blues il turnaround sono le due misure che precedono un nuovo chorus e rappresentano un momento risolutivo...
Quanto una pentatonica si arrabbia di redazione
Quanto ci piace farla innervosire questa pentatonica! Un fraseggio stizzito e pungente che aiuterà - soprattutto i...
Slide elettrico: suonare più pulito con il damping di redazione
Smorzare la vibrazione delle corde non impegnate a suonare una melodia è fondamentale per un risultato pulito e...
Usare l'accordo di min7/b5 di Dodo80
Lasciamo la cattedra di Didattica al nostro lettore Dodo80. Dodo ci propone un approfondimento dell'accordo...

I vostri articoli
Supro JB Hutto: quanto vale la vetroresina? di biggiorgione
Il vintage è fatto di qualità liuteristica ma anche di storia. Un pezzo di vetroresina dall'aspetto avveniristico...
Lo Speaker di svalvolman
L'altoparlante giusto può esaltare il suono del tuo amplificatore così come quello sbagliato può rovinarlo,...
Tutto quello che avreste voluto sapere sui rumori di dedo
Sapersi muovere tra alimentatori, cablaggi e schermature è fondamentale per assicurarsi un rig performante e...
La mia prima Stratocaster di Baconevio
Un colpo di fortuna può portarti a casa la chitarra dei tuoi sogni per pochi soldi e fornirti un buon passatempo...
La S@ponetta che conquista di Andrea_98
Il nuovo plettro stampato di Steve Tommasi è arrivato. La Essetipicks S@ponetta si caratterizza per uno spessore...

Lezioni di basso
La tecnica è al servizio della versatilità di dadoneri
Essere un musicista versatile non significa esclusivamente sapersi destreggiar senza problemi tra diversi generi...
In cinque come i King Crimson di redazione
Un’altra lezione per basso e batteria. Lorenzo Feliciati e Lucrezio De Seta ci propongono una serie di studi per...
Arpeggi: studiare & ascoltare di dadoneri
Basso. Lavoriamo su un metodo efficace e solido per colorare i nostri accompagnamenti con fill e fraseggi. Sarà...
I due che suonano in cinque di redazione
Lucrezio de Seta e Lorenzo Feliciati iniziano il loro ciclo di lezioni per batteria e basso. Una serie di appuntamenti...
Groove: pensare da batteristi di dadoneri
Basso. In questa lezione parliamo di groove e cercheremo di pensare come batteristi. Prima ancora di preoccuparci delle...

Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964