HOME | CHITARRA | DIDATTICA | LIFESTYLE | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Stethosphone - Questione di superficie
di [user #25769] - pubblicato il

Come promesso, eccovi un primo approccio pratico al concetto di Straniamento Acustico. Lo Stethosphone è un semplice ed efficace strumento di ripresa “alternativo” costruito utilizzando un comune stetoscopio ed un paio di capsule microfoniche.

Questo strumento si rivela particolarmente utile per sperimentare registrazioni di surperficie su qualsiasi oggetto e risulta anche utile per “riscoprire” strumenti tradizionali come chitarre acustiche, batterie e così via.

Quanti di voi, da bambini, non sono stati incuriositi dall’affabile medico di turno che col suo gelido arnese auscultava il nostro stato di salute? Lo stetoscopio è uno strumento portentoso, capace di amplificare notevolmente delle vibrazioni normalmente impercettibili all’orecchio umano. Lo scopo dello strumento che andremo a realizzare è quindi quello di catturare queste vibrazioni, sfruttando la colorazione prodotta dal suo condotto, al fine di avere tanto bel materiale audio da processare.

Per realizzare questo simpatico giochino avremo bisogno di:

  • Uno stetoscopio medico
  • Una coppia di capsule microfoniche electret
  • Un paio di auricolari sacrificali

Fig. 1 - Materiale necessario

Lo stetoscopio è acquistabile in una qualunque farmacia a pochi euro. Le capsule microfoniche possono essere facilmente trovate su eBay. Per il mio Stethosphone ho scelto una coppia di capsule Panasonic WM-61A (costano circa 20 euro per una dozzina), essendo di facile reperibilità, molto lineari come risposta di frequenza ed alimentate via plug-in. Perfette per essere collegate ad un registratore portatile tipo Sony PCM D-50.

Fig. 2 - Capsule Panasonic

Altra utile particolarità di queste capsule è che sono facilissime da saldare e non necessitano di ulteriore stagno. Basta solo poggiare il saldatore ben riscaldato ed il gioco è fatto.

Costruzione

Mettete a riscaldare il vostro saldatore e, intanto, rimuovete il cavo stereofonico dagli auricolari. Prendete una capsula e saldate il cavo rispettandone la polarità. Di solito, su questi cavi, il negativo è color bianco.

Fig. 3 - Polarità delle capsule

Effettuate questa operazione per entrambe le capsule. Cercate di fare in modo che entrambi i cavi abbiano la stessa lunghezza.

Fig. 4 - Cavi con capsule applicate

Una volta completata questa operazione, provate ad inserire il cavo nel vostro registratore portatile assicurandovi di abilitare l’alimentazione plug-in e verificate che entrambi i canali si sentano correttamente. Prendete ora lo stetoscopio e rimuovete gli auricolari.

Fig. 5 - Stetoscopio "amputato"

Inserite quindi le capsule nel tubo dello stetoscopio, facendo attenzione che siano posizionate come in figura.

Fig. 6 - Capsule montate

Onde evitare che il cavo possa strapparsi dalla saldatura, piegatene una porzione attorno al tubo ed infine assicuratele con un pizzico di nastro isolante.

Fig. 7 - Blocco del cavo

Et voilà. Il vostro Stethosphone è pronto per l’uso.

Fig. 8 - Stethosphone completato

Siete curiosi di sentire come suona? Eccovi alcuni esempi.

Fig. 9 - Recording session

Le prime due registrazioni (link in altro a destra tra le risorse per questo articolo) sono state effettuate riprendendo il rumore delle ventole e del disco rigido del mio portatile. Le registrazioni sono state in seguito processate in Ableton Live sfruttando risonatori, riverberi e delays.

Nel terzo esempio, il materiale sorgente è la mia voce che agonizza a bassa frequenza. Anche qui il processing è affidato ad Ableton Live.

Dulcis in fundo, quarto mp3, registrazione di una sessione di Reaktor ripresa a pochi millimetri dallo speaker del portatile e processato come in precedenza.

Ovviamente questi sono solo alcuni degli usi possibili dello Stethosphone. Come già accennatovi in apertura, potreste sperimentare le applicazioni dello Straniamento Acustico registrando una sessione di batteria dalla cassa armonica di un pianoforte verticale. Immaginate che belle risonanze potreste catturare! Non bisogna neanche trascurare l’abbattimento delle alte frequenze dovuto al corpo del nostro strumento di ripresa. Questa particolarità è sfruttabile per enfatizzare i bassi in uno strumento che magari ne è povero. Detto questo, ora non vi resta che sbizzarrirvi registrando quanto più possibile, dando libero spazio alla vostra immaginazione.

elettronica tutorial
Link utili
Esempio audio 1
Esempio audio 2
Esempio audio 3
Esempio audio 4
Straniamento Acustico
Stetoscopio
Altro da leggere
Pubblicità
Come scegliere la bobina da splittare in un...
L'impedenza del cono deve essere sempre...
Perché e come costruirsi (o no) i pedali da...
Perché usare due ampli può causare ronzii...
Pubblicità
Commenti
Complimenti!!
di colla [user #21178] - commento del 05/10/2010 ore 13:3
BELLLLLLLISSSSSSSIMMMMMMMMAAAAAAAAAAA!!! (consentitemelo tutto in maiuscolo questo post!) Amo le sperimentazioni
Rispondi
Re: Complimenti!!
di FranxAJ [user #18541] - commento del 05/10/2010 ore 22:4
TI QUOTO IN TODOS!!! Sperimentazioni poi molto radioheadiane...!!!! ;)
Rispondi
bellissimo!!
di yasodanandana [user #699] - commento del 05/10/2010 ore 14:1
bellissimo!!
Rispondi
molto interessante!
di Hendrix_92 [user #21025] - commento del 05/10/2010 ore 14:1
molto interessante!
Rispondi
Geniale!
di ricky_95 utente non più registrato - commento del 05/10/2010 ore 14:3
Geniale!
Rispondi
figata!
di MATTO_IN_LIBERTA [user #22623] - commento del 05/10/2010 ore 17:3
però ero curioso di sentire i suoni pre-fx =) sicuramente me lo costruisco!
Rispondi
Re: figata!
di Enrico_Cosimi [user #18600] - commento del 05/10/2010 ore 17:4
ennò! ti devi fidare :-)))
Rispondi
Re: figata!
di MATTO_IN_LIBERTA [user #22623] - commento del 05/10/2010 ore 17:5
tastero con mano...o meglio con orecchio ^^
Rispondi
sei un mito!
di K_Shields [user #2254] - commento del 05/10/2010 ore 19:3
veramente da paura! mo mi tocca farlo!!!!!!!!!!!!!
Rispondi
Tangerine Dream in a box!
di K_Shields [user #2254] - commento del 05/10/2010 ore 19:3
Tangerine Dream in a box!
Rispondi
peccato che
di nick74 [user #15609] - commento del 05/10/2010 ore 20:2
uno steto come quello utilizzato da te costa 50 euro, ai quali si sommano 20 euro da te indicate per le capsule ed infine 5 euro per gli auricolari... bell'esperimento, ma non trovo l'utilizzo conveniente. :) buon suono
Rispondi
Re: peccato che
di Luca_Capozzi [user #25769] - commento del 05/10/2010 ore 21:2
lo stetoscopio che ho utilizzato l'ho acquistato ad una decina di euro nella prima farmacia che ho trovato. ne basta uno davvero semplicissimo. le capsule diventano convenienti quando ne acquisti qualcuna in più, altrimenti per una coppia puoi spendere attorno ai 6 euro. riguardo l'utilizzo, dipende da cosa si ricerca ;) come ho detto in conclusione, libero spazio all'immaginazione. Ciao, Luca
Rispondi
Re: peccato che
di nick74 [user #15609] - commento del 05/10/2010 ore 21:2
Appoggio il libero spazio all'immaginazione! Per questo ti faccio i miei complimenti, ma il mio era un avvertimento per tutti verso l'acquisto di un oggetto che può esssere anche molto costoso come lo steto... tu infatti lo definisci di pochi euro... non sempre è così. Tu hai fatto un acquisto molto oculato. Bravo
Rispondi
Suuuuupeeer!
di gabriele bianco [user #16140] - commento del 06/10/2010 ore 01:2
Fantastico! Il fai da te dei musicisti.
Rispondi
Mr. Shameless
di smilzo [user #428] - commento del 06/10/2010 ore 13:4
"Dov'è Mr. Shameless quando serve?" si chiese l'umanità attonita, assistendo alla rovina del proprio mondo.
Rispondi
Re: Mr. Shameless
di Luca_Capozzi [user #25769] - commento del 06/10/2010 ore 14:1
non t'è piaciuto? :)
Rispondi
Re: Mr. Shameless
di smilzo [user #428] - commento del 06/10/2010 ore 14:3
Mi è piaciuto molto. Al punto che mi piacerebbe vedere quale possa essere la replica di Shameless. :) Lo strumento mi ricorda il vocoder, che riletto in quest'ottica, diventa la musica ascoltata dal punto di vista del cavo orale...
Rispondi
Re: Mr. Shameless
di Enrico_Cosimi [user #18600] - commento del 06/10/2010 ore 14:2
non svegliare il can che dorme... :-))
Rispondi
Re: Mr. Shameless
di smilzo [user #428] - commento del 06/10/2010 ore 14:3
Me ne guardo bene. Ma Mr. Shameless non è un cane. E' una brutta bestia, questo sì... ;)
Rispondi
Uno degli articoli più interessanti!!! Acune ...
di biabbio [user #5298] - commento del 07/10/2010 ore 17:2
Uno degli articoli più interessanti!!! Acune atmosfere mi hanno ricordato il David Torn di "What means solid, traveller". Ok, ora devo mettere all'opera un amico. C'è una cosa che non capito, cosa significa alimentazione via plug-in? Non è possibile entrare direttamente nell'ingresso di una scheda audio? Complimenti!!!!!
Rispondi
Re: Uno degli articoli più interessanti!!! Acune ...
di Luca_Capozzi [user #25769] - commento del 07/10/2010 ore 19:3
purtroppo le capsule che ho utilizzato qui sono a condensatore e richiedono l'alimentazione esterna, ma con meno voltaggio del phantom.. parliamo di 2.5V se non erro. i registratori digitali spesso offrono questo tipo di alimentazione. in alternativa puoi far riferimento a questa schematica: vai al link spiega come costruire un microfono stereo alimentato a batterie usando le panasonic wm-61a. Luca
Rispondi
Secondo me quelle capsulinepossono essere ...
di diumafe [user #17831] - commento del 13/10/2010 ore 01:5
Secondo me quelle capsulinepossono essere infilate in ogni pertugio...chissà quali sonorità si possono ottenere...dalle più chiare alle più...scure ((gx2)e) !! :-DDD Bell'idea.
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Stanzetta insonorizzata fai da te
Venti attrezzi online per chitarristi
Keith Richards: "Sgt. Pepper's è un mucchio di spazzatura"
D.I. Box: cos'è e a cosa serve
Scelta delle cuffie - La parola al fonico
Ultime dal Namm
MV50: mini testate Vox con valvole in miniatura
Somnium: la chitarra riconfigurabile
Cort e Manson dal vintage al drop tuning
J MOD: l'ampli PRS di John Mayer
Revolution Guitar: da Pons le elettriche con body intercambiabili
Tecniche di registrazione
Nashville, lo Studio B e un Elvis sbadato
Idea Effe: studio report coi Dolcetti
I Microfoni: risposta in frequenza e diagrammi polari
Il tuo primo trattamento acustico fai da te
RECnMIX: la casa del musicista 2.0 è online
I microfoni: tipi e tecniche costruttive
Recording, mixing, mastering: ACCORDO.IT lancia RECNMIX
Rocket 88: il primo rock 'n' roll della storia
La vita in studio prima dei mixer
Viaggio nel primo studio di registrazione d'Italia
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964