Home | Audio | Chitarra | Didattica | Lifestyle | Ritmi | People Store | Annunci | Eventi
L'acustica fa massa!
di [user #15719] - pubblicato il

coltrane scrive: Possiedo da qualche anno una Cort MF730 amplificata con Fishman Frefix Plus. Da ieri sera in sala prove è saltato fuori un difetto: appena attaccata si sente il ronzio della massa, ho provato a cambiare cavi, batteria, ma niente, il ronzio rimane. Questa mattina l' ho attaccata al mixer casalingo per vedere se faceva lo stesso difetto, e in effetti così è stato.

Devo suonarci fra una settimana, siccome dubito di trovare in questi giorni di ferie una pia anima di liutaio che possa buttarci un occhio, decido di metterci mano io.
Appena allentate le corde il rumore di colpo sparice, al che mi viene il dubbio possa trattarsi di qualche contatto interrotto nei fili sotto al ponte o sotto al piezo.
Smonto il ponte, tiro fuori il piezo, ma niente, i fili sembrano tutti ok, nessun segno di usura/rottura. Però noto che a una delle estremità del piezo è andato via un pezzetto della schermatura rossa in cui è tutto avvolto, tanto che se tocco con un dito in quel punto ecco che compare il rumore della massa. Toccando qualsiasi altra parte del piezo non sento alcun rumore. Mi viene da pensare che problema sia proprio lì.
Vi chiedo umilmente e disperatamente lumi su come posso sistemare questa cosa. Che cosa potrebbe essere questa specie di pellicola rossa? Posso ripararla da solo senza compromettere la funzionalità del pickup?

Risponde Marco di M.O.V.Guitars: Ciao, in effetti potrebbe essere quello il problema e nel caso potresti isolare la parte scoperta ma il problema è che, quando il piezo è installato, non vi è contatto tra te e detta parte, assicurati che non sia realmente danneggiato il piezo.
Per l'isolamento, puoi provare con una piccola striscia di alluminio della dimensione del piezo, disponila in modo da avvolgerlo tutto, in maniera da porre lo stesso spessore di alluminio in maniera uniforme. Mi assicurerei però che anche la lamina schermante alluminio presente al di sotto del preamp sia collegata a massa. Ricontrollerei poi tutti i contatti e pulirei con un disossidante secco tutte le parti. Tutti i ponti di massa devono terminare al jack.
Se non fosse stato sufficiente, un altro metodo efficace per eliminare i ronzii è quello di mettere sui fori del sottoponte del rame adesivo collegato con un filo alla massa del jack. Riaperti i fori con un punteruolo o un cacciavite, avremo che i pallini delle corde andranno a toccare la lamina e, come sugli strumenti elettrici, faremo sparire qualsiasi ronzio quando toccheremo le corde.
Ovviamente, se si potesse vedere lo strumento o ascoltare il tipo di ronzio, si potrebbero dare consigli diversi, spero ti siano comunque utili questi.

chitarre acustiche
Link utili
M.O.V.Guitars
Altro da leggere
Pubblicità
Moon Light: per Breedlove il suono è nella...
Ibanez RA200: spider e mogano...
Madagascar e ponti incassati: la dreadnought...
Mojo: la mia acustica...
Pubblicità
Commenti
Finché non tornail liutaio....
di TroppoFunky [user #16807] - commento del 03/09/2011 ore 17:5
Un consiglio più "casereccio" potrebbe essere quello di prendere un normalissimo filo elettrico ed avvolgerne l'estremità intorno al jack in modo che quando infili il jack nell'input della chitarra, il filo possa aderire bene. L'altra estremità la porti invece a contatto con la tua pelle (poniamo sotto la maglietta per esempio). Il ronzio dovrebbe sparire. E' un consiglio "casereccio" come ti dicevo e mai paragonabile al puntuale quanto necessario intervento del liutaio. Spero ti sia utile il consiglio che puoi trovare alla fine di questo video: vai al link
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Cinque ragioni per cui ti serve la Les Paul
Ha senso avere un suono stereo in live?
I migliori momenti a due chitarre di sempre
Delay: quanto (e quando) usarlo
Fender Nashville Deluxe e altre messicane mai viste
I più commentati
Cinque ragioni per cui ti serve la Les Paul
Il suono digitale è la stampa sbiadita dell'originale in analogico
Speedcaster: (non) l'ennesima chitarra fatta in casa
di GTi
... ma non chiamarla Telecaster!
I migliori momenti a due chitarre di sempre
I vostri articoli
MXR Distortion +: distorsore o treble booster?
Continental Soloist: un tuffo nella swing era
Speedcaster: (non) l'ennesima chitarra fatta in casa
di GTi
Un solo software per una chitarra... Forte!
di dedo
Mojo: la mia acustica
Hot licks
Il ritorno dei frigoriferi: Castellano, Di Dio & Varini
Il suono digitale è la stampa sbiadita dell'originale in analogico
Non c'è niente di più difficile che essere semplici
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964