Home | Audio | Chitarra | Didattica | Lifestyle | Ritmi | People Store | Annunci | Eventi
Duesenberg Eagles 40th anniversary
Duesenberg Eagles 40th anniversary
di [user #116] - pubblicato il

Gli Eagles compiono quarant'anni nel 2012. Duesenberg festeggia con loro una lunga carriera iniziata con gli anni '70 e dedica alla band una una chitarra e un basso unici nel loro genere. Entrambi semihollow, gli strumenti sfoggiano una sgargiante finitura studiata per l'occasione.
La lunga avventura dei The Eagles ha inizio con gli anni '70. Il 1972 vede una band emergente di country rock farsi strada nel panorama musicale californiano. Quarant'anni dopo e sette album più tardi, quella band è proiettata nella storia del rock con brani indimenticabili e un sound distintivo.
Una su tutte, la hit Hotel California -proveniente dall'album omonimo- resta ancora oggi una delle canzoni più ascoltate e conosciute di sempre.

In questi quarant'anni, Duesenberg è sempre stata una presenza fissa nel sound dei The Eagles. Glenn Frey, chitarrista e cantante nonché membro fondatore del gruppo, non ha mai nascosto la sua predilezione per i lavori dell'azienda tedesca, che oggi ricambia il favore con una chitarra e un basso dedicati ai The Eagles.

In una finitura dorata e una costruzione semihollow a cassa sottile, la chitarra e il basso sfoggiano un bassorilievo di ali stilizzate sotto il ponte.
I due thinline sono basati sul progetto della Fullerton, semiacustica con singola buca a effe di Duesenberg, ma il loro look e diverse features non mancano di distinguere la chitarra e il basso The Eagles dalla produzione di serie.

Doppia spalla mancante, l'immancabile D cromata sulla spalla superiore come sulla paletta e una forniture di intarsi signature usati come segnatasti lungo la tastiera in palissandro, 22 tasti per entrambi gli strumenti.
Sia il basso sia la chitarra sono realizzati in acero laminato, come in acero è il manico incollato al corpo. In abete è invece il top bombato. Per ridurre il feedback acustico e per incrementare il sustain naturale delle note, i corpi posseggono un blocco massello centrale all'interno della cassa.

Il basso, a completare il caratteristico look vintage Duesenberg sottolineato dal battipenna nero sagomato e un ponte con attaccacorde trapezoidale, monta una coppia di humbucker Bass-Bucker con copertura cromata.
La chitarra preferisce invece un più invasivo sistema vibrato Duesenberg Deluxe Tremolo e punta sulla combinazione di bobina singola e doppia: nei due pickup ring cromati prendono posizione un Grand Vintage Humbucker al ponte e un Domino P90 al manico.


La ricerca di sonorità vintage è alla sua massima espressione. I corpi semi-cavi restituiscono l'inconfondibile timbro della costruzione thinline, i pickup vecchio stile garantiscono calore ed espressività sia al basso sia alla chitarra, che promettono escursioni nel blues come nel beat e nel rock n roll, senza per questo precludere l'utilizzo in ambiti jazzistici più tradizionali.
A un suono per tutti, non si accompagna invece un prezzo per tutte le tasche: chitarra e basso entrano in listino al costo di 3795 euro cadauno.
bassi elettrici chitarre semiacustiche duesenberg eagles eagles 40th anniversary
Link utili

Altro da leggere
Pubblicità
Continental Soloist: un tuffo nella swing era...
Una scultura a quattro corde per Lemmy...
Fender Nashville Deluxe e altre messicane...
Q-Tuner: il futuro dei pickup è al neodimio?...
Pubblicità
Commenti
Al momento non è presente nessun commento
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Cinque ragioni per cui ti serve la Les Paul
Ha senso avere un suono stereo in live?
I migliori momenti a due chitarre di sempre
Delay: quanto (e quando) usarlo
TRIC case, la custodia perfetta?
I più commentati
Cinque ragioni per cui ti serve la Les Paul
Speedcaster: (non) l'ennesima chitarra fatta in casa
di GTi
... ma non chiamarla Telecaster!
I migliori momenti a due chitarre di sempre
TRIC case, la custodia perfetta?
I vostri articoli
MXR Distortion +: distorsore o treble booster?
Continental Soloist: un tuffo nella swing era
Speedcaster: (non) l'ennesima chitarra fatta in casa
di GTi
Un solo software per una chitarra... Forte!
di dedo
Mojo: la mia acustica
Hot licks
Il ritorno dei frigoriferi: Castellano, Di Dio & Varini
Il suono digitale è la stampa sbiadita dell'originale in analogico
Non c'è niente di più difficile che essere semplici
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964