Home | Audio | Chitarra | Didattica | Lifestyle | Ritmi | People Store | Annunci | Eventi
Touch-5: il selettore touch Ambrosonics
Touch-5: il selettore touch Ambrosonics
di [user #116] - pubblicato il

Basta sfiorare con un dito uno dei sensori luminosi innestati nel battipenna di qualunque chitarra Strat style per cambiare pickup, effetto, suono. Tutto in combinata con l'elettronica custom di cui Eric Ambrosino è maestro.
Ambrosonics LLC è una piccola azienda statunitense fondata da Eric Ambrosino che si occupa di customizzazioni elettroniche per chitarre elettriche. Tra i brevetti e i progetti di Ambrosonics si annoverano la chitarra con registratore MP3 incorporato, il preamplificatore on board completo delle connessioni utili a suonare collegati direttamente a un paio di cuffie con una base proveniente da un lettore multimediale esterno e, infine, il prodotto più riuscito e che ha portato a una vasta gamma di personalizzazioni e variazioni sul tema: il Pickup Director.
Tale sistema consiste in un'elettronica attiva applicabile all'interno di qualunque chitarra stile Stratocaster e funge da macchina per il tone shaping. L'alimentazione, tuttavia, serve al controllo dei circuiti e alla miscelazione dei pickup, ma non cura direttamente la creazione del suono, restituendo quindi un suono tipicamente passivo, totalmente frutto dei pickup che la chitarra monta.
La minuta scheda stampata va a posizionarsi sotto il pattipenna, tra potenziometri e selettore a cinque posizioni della Stratocaster, e necessita di una batteria a nove volt per funzionare.
Il Pickup Director tratta miscela ogni aspetto dei pickup di una chitarra per tirarne fuori qualunque suono possibile, in proporzione al tipo di pickup presenti: una tradizionale configurazione a tre single coil è in grado di generare venti combinazioni sonore, che superano le 75 se uno dei pickup è sostituito da un humbucker e sfondano la barriera delle 2cento combinazioni per le chitarre con due humbucker e single coil centrale.

Nella versione tradizionale è necessario rinunciare al potenziometro centrale dei toni sulla Stratocaster per avere il controllo sul miscelatore. Con il Touch-5, invece, è possibile agire sul circuito semplicemente sfiorando i sensori luminosi montati sulla spalla inferiore della Strat.


Il sistema Touch-5 può essere integrato con gli altri apparecchi disegnati da Ambrosonics, tutti digitali ma comunque escludibili attraverso switch true bypass. Oltre ai registratori MP3, Ambrosonic inserisce nelle chitarre modificate anche dei pratici multieffetto controllabili direttamente dalle manopole della chitarra. I potenziometri si trasformano quindi in volume master, gain per il distorsore integrato, selettore rotativo per gli effetti e un'ultima manopola per l'intensità degli effetti applicati.
Ancora una volta, il Touch-5 riscrive il concetto di controller restituendo al chitarrista l'uso delle manopole tradizionali per aggiungere i suoi contatti touch in posizioni inedite, suonabilità dello strumento permettendo.


Insieme al sistema del Pickup Director e all'attività intuitiva del Touch-5, Ambrosonics offre possibilità timbriche impressionanti ai chitarristi, forse così tante che in pochi riuscirebbero a trovare una collocazione a tutti i suoni disponibili, destinando l'azienda a una posizione di nicchia rispetto al mercato.
In un ambiente conservatore come quello chitarristico, certe introduzioni sono guardate con curiosità, ma anche con diffidenza. Viene da chiedersi se Ambrosonics rappresenti l'innovazione in direzione della modernità e della versatilità, oppure sia solo la soluzione a un problema che nessuno si è mai posto.
controller effetti e processori
Link utili
Ambrosonics LLC
Altro da leggere
Pubblicità
Mad Professor Simble Overdrive: il crunch...
I migliori phaser MXR tornano nel minuscolo...
J Rockett Lenny: il suono solista di SRV in...
Transmisser: riverbero secondo EarthQuaker...
Pubblicità
Commenti
Avevo pubblicato un articolo nel ...
di TidalRace [user #16055] - commento del 15/07/2012 ore 19:31:53
Avevo pubblicato un articolo nel dicembre 2010, riguardo un progetto molto simile a questo, purtroppo a causa della crisi e alla mancanza di finanziatori per un'eventuale produzione, rimasto a livello di prototipo. Noto che sono stati usati 13 photomos (sono quei componenti bianchi alla sinistra della prima foto) come previsto anche dal mio progetto che però presenta anche altre particolarità in aggiunta. Un'ulteriore differenze è che il mio progetto permette ben 39 combinazioni con i tre pickups di una Strato invece dei 20 di questo progetto. Probabilmente qui non si è prevista la combinazione in serie degli avvolgimenti. Una nota curiosa: il mio cognome è Ambrosi mentre il titolare di questa azienda si chiama Ambrosino, di chiare origini italiane. Chi volesse rileggere il mio articolo "La mia innovazione per chitarre e bassi" lo può fare cercando tra i miei articoli o digitando "chitarra.accordo.it/article.do?id=45422".
Rispondi
scusami ma xkè nn l' ...
di DHyde [user #28600] - commento del 20/07/2012 ore 10:10:16
scusami ma xkè nn l' hai almeno brevettato?
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Federico Poggipollini: ecco la mia strumentazione per il Liga Rock Park
Non è basso, non è chitarra: è Tic-Tac Bass
Gibson Les Paul Jimmy Page Signature
Fano Alt De Facto SP6, l’ibrido perfetto
La Volkswagen delle chitarre, anzi, il contrario!
I più commentati
Perché dovresti comprare una chitarra da quattro soldi adesso
Bonamassa: "B.B. King mi diceva, occhio alla grana!"
Fano Alt De Facto SP6, l’ibrido perfetto
Nirvana: 25 anni di Nevermind
Gibson Les Paul Jimmy Page Signature
I vostri articoli
Gibson Les Paul Jimmy Page Signature
La Volkswagen delle chitarre, anzi, il contrario!
L'attacco dei cloni
Hagstrom Metropolis S: Les Paul per fenderisti squattrinati
Folgorato sulla via di Damasco: Ibanez RG 550
Hot licks
Un'idea per studiare il modo dorico
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964