CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
Pickup, split e fasi inverse
Combinare pickup con fasi non compatibili genera suoni sottili e nasali. Esistono più soluzioni per rimettere tutto in ordine, facili o più complesse.. Continua...
di lucacciunell [user #49334]
8
Seymour Duncan JB/'59: perfetti per rock anche spinto
L'accoppiata di pickup JB e '59 è un must per qualunque amante di rock e dintorni. Ecco come suonano i classici Seymour Duncan sui clean, crunch e distorti. Continua...
di mekkemusic@yahoo.com [user #43847]
36
Come nasce una Carvin Jason Becker Numbers
Durante il Namm 2015, Carvin Guitars ha presentato una nuova chitarra tributo ispirata alla "Numbers guitar" di Jason Becker. Un video pubblicato dal canale ufficiale mostra le fasi della lavorazione dello strumento, il cui ricavato sarà interamente devoluto alla famiglia di Becker. Continua...
di redazione [user #116]
16
HSS con split
La modifica più comune su una chitarra con tre single coil è l'aggiunta di un humbucker al ponte. Analizziamo i casi e i possibili errori in cui si può incorrere quando si segue uno schema senza approfondire la conoscenza dei componenti necessari. Continua...
di orione1977 [user #23353]
18
Quale bobina si usa nello split?
Un humbucker è un pickup composto da due bobine, solitamente uguali. Come decidere, allora, quale utilizzare quando si sceglie di splittarlo? Cosa cambia quando, poi, lo si miscela con un altro pickup? Continua...
di luis68 [user #35769]
5
Carvin JB200C Jason Becker Tribute
Oggi come allora, 24 tasti in acero, Floyd Rose, switch e potenziometri in quantità e uno sfavillante top in acero fanno sognare gli shredder. Carvin fa un salto nel passato per offrire un tributo all'indimenticabile Jason Becker e alla sua compagna di viaggio. Continua...
di redazione [user #116]
8
Seymour Duncan JEFF BECK Jr
Dopo anni di inattività musicale, ho deciso di comprarmi finalmente (ora che “posso”!) la tanto amata FENDER STRATOCASTER. Ho fatto appena in tempo perché, a causa del dollaro ascendente, in questo momento comprarne una significa spendere almeno “due cocuzze e mezzo” (parafrasando il mio negoziante di fiducia). Accoppiata ad un Fender ROC-PRO 700, amplificatore di nuova generazione, riesco ad ottenere una discreta gamma di sonorità; tutti comunque sappiamo che alla fender nessuno si strappa i capelli se i suoni distorti non risultano poi tanto “taglienti”. Il fatto è, che non sono nemmeno “rotondi”! Che fare? Ho chiamato Ciccio, il mio “consulente musicale”, e gli ho spiegato che ho ripreso a suonare con dei miei amici e dato che facciamo cover dei led zeppelin e deep purple,e la mia strumentazione non rende( i distorti sono troppo squillanti e poco saturi), volevo un consiglio sul da farsi. Ciccio, che ha provato tutte le chitarre e ciò che le riguardano, dal 1980 ad oggi, mi ha risposto che il problema è nei pick up. Il solo pensiero che la mia strato nuova di zecca potesse essere “profanata” mi faceva venire i brividi! Subito l’ ho implorato affinché trovasse una soluzione che non prevedeva lo smontare della chitarra per i prossimi 2 anni…..mi fa “potrei consigliarti un multieffetto ma ti assicuro che, se montassi un seymour duncan Jeff Beck jr o un ’59 al ponte, spenderesti molto meno, e avresti una dinamica favolosa! Poi, i seymour duncan li fanno della misura dei single coil e anche bianchi, perciò le modifiche sono veramente minime, in un’ora te lo monto.” Mi ha convinto. Ma a condizione che, se non mi piace, mi rimonta subito il pick up originale. Il giorno dopo vado al negozio con la mia strumentazione e dopo varie raccomandazioni e minacce, gli permetto di mettere le mani sulla chitarra. Decido di far montare il Jeff Beck perché, a detta di Ciccio, è leggermente più potente del ‘59. Non voglio vedere e me ne vado in sala prove a strimpellare. Dopo mezz’ora ecco Ciccio con la mia chitarra senza corde e con un cacciavite in mano, che si dirige minaccioso verso un amplificatore. Collega la chitarra e con il cacciavite tocca i poli dei pick up per controllare (penso!) che i contatti siano stati collegati nella giusta maniera. Sembra tutto ok. Mi monta una nuova cordiera (offre la casa!) e mi dice “ a te l’onore della prima prova !” Collego la chitarra al mio amplificatore e……e sono contentissimo della modifica!!! Il suono è diventato molto più corposo e caldo; il distorto è molto meno medioso e senza picchi eccessivi sui bassi e sugli alti. Alzo ancora un po’ il volume. GRANDIOSO!! Non c’è un grosso divario di volume con gli altri pick up (quello che si dice per i diMarzio), ma la potenza si sente eccome! I bicordi sono potenti e “grassi”; il suono crunch è pieno e uniforme. Agendo sul tono della chitarra si ottengono delle sfumature sonore che prima non coglievo e gli armonici sono incontenibili. Con il wah-wah George Dennis il suono ricorda molto Kirk Hammett dei METALLICA….manca giusto un pizzico di bravura e tecnica!! Provo la stessa chitarra su un combo Marshall…che dire…sembra quasi di suonare una Gibson!! Ho provato sul Roc-Pro la seguente configurazione sul canale distorto e col JB attivato:Treble 4 Middle 3 Bass 6 Gain 8 Volume 3 Reverb 4 Continua...
di kelino [user #5]
13
Seguici anche su:
Cerca Utente
People
Framus: Idolmaker più accessibile con la serie D
Raf e Tozzi , il 30 aprile inizia il tour
Eko CS 10: una buona classica per tutte le tasche
Kleisma: piattaforma professionale per musicisti
Trasformare il nervoso in una melodia allo slide
Teoria, musica d'insieme e ascolti guidati per i batteristi
Frontiers Rock Festival VI , il 27 e 28 aprile al Live Music Club
Gli artisti devono essere inguaribili ottimisti
Millencolin due date live in Italia
Bose Professional, innovazione e tradizione a MIR 2019
Rubber Soul: combo british in scatola
Preamplificatori da sogno: Rockett Revolver
Switchblade Pro: somma, commuta, inverti con uno switch
Looperboard: loop station avanzata da HeadRush
Nembrini Audio PSA1000 Analog Saturation Unit e PSA1000Jr

Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964