CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS

RicoBlues
utente #148 - registrato il 06/03/2002
Musicista, Fotografo e Informatoco. Inizia a suonare a 16 anni il basso e diventa musicista professionista. Poi a negli anni ottanta passa definitivamente alla chitarra, con esperienze rock e new wave. Nel cuore sempre il blues, ma non riesce mai a coronare il suo sogno. Una decina di anni senza suonare, poi nel 2000 ricomincia iscrivendosi alla scuola dell'Associaizione Musicisti di Ferrara e decide che suonerà solo Blues, creando poi la Riverside Blues Band. Poi un poco per amore un poco per la pagnotta, ha iniziato a suonare anche altri generi come Country, Rock'n'Roll e Pop. Oltre a continuare lo studio ed a insegnare presso l'Amf, insegna chitarra in un paio di istituti cittadini, si è dedicato al lavoro in studio di registrazione, sia come chitarrista che come tecnico.
Città: Ferrara
Genere: Blues, Country, Folk, Pop, Rock.
Sono interessato a: Basso, Chitarra acustica, Chitarra elettrica, Home recording, Voce.
Sito Internet: http://www.rico54.com/
Artisti preferiti Album preferiti
+ Vedi altri
+ Vedi altri
Attività Risposte ricevute Commenti effettuati Post su People Articoli

Attività

Workshop di Preston Reed a Ferrara
di RicoBlues | 20 gennaio 2007 ore 02:11 da (Chitarra)

RicoBlues scrive:

Martedì 13 Febbraio 2007, Seminario / workshop di Preston Reed presso la Scuola di Musica dell'Associazione Musicisti di Ferrara (via del Commercio, 50)

DeArmond Starfire III Special
di RicoBlues | 19 aprile 2006 ore 13:33 da (Chitarra)

DeArmond Starfire III SpecialRicoBlues scrive: Premessa:

La GAS in complicità con le mie martoriate articolazioni, mi hanno fatto decidere di cambiare la mia Epiphone Joe Pass (grande strumento, ma il manico era un massacro per le mie articolazioni oltre la mezz'ora di musica e il feedback si innescava con troppa facilità). In effetti ho da sempre desiderato avere una semiacustica e la Epiphone fu uno stimolo dei miei compagni di viaggio musicale più che una libera e ponderata scelta. Da tempo avevo messo gli occhi (avendo già una Guild) su una DeArmond seminascosta in una vetrinetta nel più fornito negozio della mia città. Sono andato e l'ho provata e mi sono innamorato, ma al momento della trattativa mi sono sentito offrire ben 150¤ per la Epiphone con custodia rigida a sconto dei 975¤ della DeArmond senza custodia (e quì potremmo ricadere su tutte le più cruente diatribe sui commercianti. Sorvoliamo).

Play Mr. D'Adamo
di RicoBlues | 03 gennaio 2006 ore 17:06 da (Chitarra)

Play Mr. DRicoBlues scrive:

Da un'anno dalla scomparsa del grande armonicista italiano Antonio D'Adamo, Roberto Formignani, amico fraterno e chitarrista, compagno di viaggio sia musicale che di vita di Antonio è riuscito ad organizzare un evento con scopo benefico a sostegno dell'Ado che tanto ha fatto per in nostro Dadà nei giorni più difficili.

Siamo polli ?
di RicoBlues | 01 dicembre 2005 ore 09:44 da (Chitarra)

RicoBlues scrive: 1° Dicembre, giornata mondiale per l'Aids.

Paolo Bonfanti, il sorriso del Blues
di RicoBlues | 07 agosto 2005 ore 22:56 da (Chitarra)

RicoBlues scrive: Visto che si è parlato poco fa di Tolo Marton, colgo l'occasione di parlare di un'altro grande bluesman italiano Paolo Bonfanti. Venerdi 5 Agosto, nella splendida conrnice rinascimentale del Chiostro di Santa Maria della Consolazione a Ferrara, nell'ambito della rassegna NIGHT & BLUES, un evento musicale a cura di Paolo Bertelli, Lauro Luppi (il mitico L27) e Gabriele Mantovani e patrocinato dal RIONE SANTO SPIRITO si è esibito il nostro Paolo in compagnia di A. Pelle alle percussioni.

G&L Asat Classic Leo Fender Signature
di RicoBlues | 04 luglio 2005 ore 17:31 da (Chitarra)

G&L Asat Classic Leo Fender SignatureRicoBlues scrive: Eccomi quà per un'altro articolo dopo quello della mia nuova Epiphone Emperor Joe Pass. Il lavoro è scarso ed il tempo non manca in queste torride giornate di prima estate. Volevo raccontarvi di questa chitarra, se vogliamo nulla di incredibile, ma di G&L si parla poco. Particolare è la storia che l'ha portata nelle mie mani. Ben cinque anni or sono un caro amico fraterno, cantante in un gruppo pseudo-punk, mi porta la chitarra appena acquistata da un'altro caro amico comune, appassionato di country. Già quì tra il mio amore per il Blues, più i gusti musicali dei miei amici siamo già in delirio e questa povera chitarra in mezzo.

Epiphone Emperor Joe Pass
di RicoBlues | 09 giugno 2005 ore 18:18 da (Chitarra)

Epiphone Emperor Joe PassRicoBlues scrive: Quando un "bluesman" nato nella bassa padana sulle rive del Po, "fender-dipendente" decide di vendere una Stratocaster per comprare una semiacustica tipicamente da jazz, viene da pensare che qualcosa sia cambiato. In effetti probabilmente sono cresciuto musicalmente e le occasioni per suonare sono cambiate dalle mie parti, solo locali piccoli e si suona quasi "unplugged". Forse conta anche il fatto che con la band siamo rimasti in trio e che non sono mai stato un forzato degli assoli e che mi ha sempre affascinato il modo di suonare di Chet Atkins quel'incantevole mix di cantato ed accompagnamento. Capitava allora che mentre il mio bassista si accaniva su un Gallien&Krueger, vagando per il negozio mettevo gli occhi su una Epiphone Emperor II Joe Pass Signature. Premetto che di Joe Pass ho visto solo un breve video a casa da un'amico e non è certo uno dei miei preferiti, anzi, ma il più grande rispetto per la sua arte e la certezza che se ha messo la sua firma su uno strumento almeno qualche controllo di qualità in più ci sarà. Così ora mi ritrovo tra le mani questo strumento che dopo già un mesetto e un concerto mi regala belle emozioni.

Antonio "Dadà" Dadamo ci ha lasciato
di RicoBlues | 01 febbraio 2005 ore 11:47 da (Chitarra)

Antonio "Dadà" Dadamo ci ha lasciatoRicoBlues scrive "Non mi piace dare brutte notizie, ma la partenza di quello che può essere considerato uno dei maggiori armonicisti Blues italiani, non può e non deve passare inosservata. Dadà l'amico, Dadà la roccia, Dadà il musicista sensibile, creativo e in continua crescita ci ha lasciato domenica 30 Gennaio, dopo aver lottato contro un tumore che non lasciava speranza. Nato musicalmente alla fine degli anni '70, inseparabile compagno di vita artistica che vissuta di Roberto Formignani, dalla formazione della "Mannish Blues Band" sino alla possente formazione dei "The Bluesmen" ha sicuramente dato al Blues italiano e all'armonica dei momenti grandi e indimenticabili. Chi ha avuto la fortuna di conoscerlo, non può che essere triste e sentire un grande vuoto. Sempre pacato, ma con la battuta pronta. Sempre una parola di incoraggiamento per tutti i giovani musicisti e non solo. Non mi ricordo di averlo mai visto senza il suo discreto sorriso. Unico conforto in questo momento triste, il pensarlo insieme ai grandi del Blues, il sentirlo ancora più vicino ad ogni nota che suoniamo. Grazie Dadà."

Proposta di Legge sull'Enpals
di RicoBlues | 11 settembre 2003 ore 13:23 da (Chitarra)

RicoBlues scrive "Ciao, è un pò che non scrivo più su Accordo, problemi di lavoro e salute. Ma ora eccomi qui. Alcune sere or sono, in una serata tenuta dal mio amico e maestro di chitarra, oltre a tanta buona musica, si è tenuto un dibattito sulla libertà di fare musica, ponendo il dito sulla piaga Enpals. È stata presentata una proposta di legge su iniziativa del deputato Mauro Bulgarelli per regolamentare i doveri, gli oneri e fortunetamente anche i diritti di chi fa spettacolo e musica in particolare. (rif. ARCI di Rimini). Siamo condizionati da una legge se non erro del 1935, che al fine inquadra il musicista come un professionista all dipendenze di un gestore di locale. Un professionista che ha spese di gestione, dagli strumenti, al carburante, al veicolo, e spesso al vitto e alloggio, ma con scarse o nulle possibità di detrazione dalle tasse..."

Enpals non obbligatoria se non sei professionista?
di RicoBlues | 09 giugno 2003 ore 00:08 da (Chitarra)

RicoBlues scrive "Ciao a tutti. L'atra sera ho ricevuto un'e-mail da un caro amico che mi segnalava questo articolo. Non avendo trovato recenti rifeimenti tra i gli articoli di Accordo, mi è sembrato carino rendervi partecipi di questa che potrebbe essere una possibilità di apertura."

Acquistare all'estero
di RicoBlues | 03 maggio 2003 ore 11:38 da (Chitarra)

RicoBlues chiede "Eccomi con un'altro quesito per gli amici di Accordo. Sono intenzionato ad iniziare a comprare all'estero. Per iniziare avevo messo gli occhi su una Danelectro 56U-1 con gig-bag. Alla serietà che normalmente contraddistingue le aziende estere (Usa, Gb) per la vendita via internet/posta ho dei grossi dubbi su cosa succede quando l'oggetto del desiderio arriva in Italia."

Assottigliare un manico Fender?
di RicoBlues | 21 aprile 2003 ore 23:09 da (Chitarra)

RicoBlues scrive " Ho l'abitudine di curare personalmente il setup delle mie chitarre e spesso sistemo quelle di amici, ma ho un dubbio/quesito da sottoporre che è oltre le mie conoscenze. Quando ho ripreso a suonare giusto tre anni or sono dopo un lungo periodo di oblio, mi sono comprato una Fender Stratocaster nuova serie, quelle uscite dalla fabbrica di Corona, di cui sono contentissimo però..."

Fender Stratocaster '75, una nuova compagna
di RicoBlues | 11 febbraio 2003 ore 16:12 da (Chitarra)

strat75.jpgRicoBlues scrive "Circa un'anno fa il mio carissimo amico Giorgio, gran chitarrista, mi parla di una chitarra usata vista nel negozio di un amico comune. Gli occhi sognanti ed i termini che usa mi portano a pensare chissà cosa. E' una Stratocaster Natural del '75, suono grosso, perfetta. La vado a vedere, non la tocco e non la provo, la osservo, compro delle corde e vado via così per un anno, lei sempre la, e alla fine l'altro giorno entro in negozio e dico: "ciao, mi fai provare la bionda del 75" perchè orma così la si chiamava ..."

Una nuova amica ...
di RicoBlues | 11 febbraio 2003 ore 15:24 da (People)

Ciao

ho comprato finalmente quella chitarra che da circa un anno guardavo nel negozio di Paolo. Tante volte Giorgio (che l'aveva provata) me nè aveva decantato i pregi mah... vuoi i soldi, vuoi che di chitarre ne ho già cinque.

Poi sabato scorso, entro e la provo. Ed è stato amore... Faccio finta di niente, ci passo sopra la domenica e lunedì sera sono in negozio, l'ultima prova (più per scrupolo) e poi l'assegno.

Ora a casa c'è una stupenda Stratocaster del 1975, tutta natural, tastiera e corpo. Una "bionda" di tutto rispetto che fa bella mostra delle sue curve vicina alla più giovane Strato del 2000. Il suono decisamente più grosso e rockettaro, mi riporta a quando ero più giovane negli impegnati anni 70.

Sono più povero di portafoglio, ma più ricco di emozioni e questo non ha prezzo. Ciao.

Una domenica tra amici
di RicoBlues | 30 dicembre 2002 ore 12:46 da (People)

Domenica 29 Dicembre

appuntamento in una sala prove e tre amici che decidono di fare musica. Che bello! Ci si trova sempre alla domenica sera per una pizza o un piatto di pasta, ma era tanto tempo che non ci si trovava al pomeriggio per una suonata. Fuori la nebbia circonda ogni cosa, dentro l'aria inizia a surriscaldarsi ... Mary Had a Little Lamb, poi te la ricordi quella che fà ta, ta, ta, ta ta ... cosa Whola Lotta Rosie ? e via. Poi uno struggente blues in sol minore e poi via con un funky. Il batterista non vuole raffreddarsi e allora il classico riff di Smoke on the Water e poi il basso accenna a Brow Sugar.

Sono ormai le 20 e 30 e il resto della compagnia ci aspetta per una pizza. Ancora un tuffo nella nebbia, le luci del centro come candele in un presepe imossibile. Birre e risate per chiudere una domenica che si ricorderà sempre con un tenero sorriso.

Riflessioni sul suonare nei locali
di RicoBlues | 14 agosto 2002 ore 13:08 da (ONSTAGE)

RicoBlues ha scritto "In una solitaria vigilia di Ferragosto in ufficio, con poca voglia di fare, navigando su Accordo per scambiare 2 chiacchere, ho riletto la discussione sul suonare nei locali. Mi è venuta la voglia di scrivere due righe sull'argomento. Tante cose giuste sono state dette, sicuramente la cosa più giusta è che siamo noi musicisti a dover fare qualcosa.svendersi: la voglia di suonare è tanta e la tentazione di accettare un paio di birre per salire sul palco è grande pubblico: raramente preparato ed educato, è presente nei locali per "cuccare e bere" per loro la musica è come un quadro sulla parete, non tutti lo vedono, ma se manca se ne accorgono gestori: devono fare i loro interessi, quando ho iniziato a suonare non esistevano i DJ, il gruppo era tutto. Poi si sono accorti che i DJ costavano meno e la gente ballava comunque. E i gruppi facevano attrazione pochi pezzi e tante luci... ma poi i DJ si sono messi a fare attrazione e sono arrivate le cubiste. Poi con l'avvento del karaoke e del freddo mondo delle tastiere midi e delle basi musicali (tutto a basso costo) il crollo gelosia: la gelosia tra i musicisti in Italia è un fenomeno inspiegabile per il resto del mondo ... con Accordo sembra che ci sia una leggera inversione di tendenza chiusura: grossa chiusura mentale e snobbismo tra i cultori (musicisti e non) dei vari generi musicali

Fortunatamente qualcosa (poco) sta cambiando"

...

California Stratocaster un piccolo "vintage"
di RicoBlues | 07 maggio 2002 ore 18:45 da (Chitarra)

RicoBlues scrive "Ciao a tutti. Ci ho preso gusto a navigare, leggere e lasciare commenti su Accordo, e allora ho deciso di mandare un secondo articolo.Giustamente o no l'argomento che mi sembra andare per la maggiore nella sezione chitarre è il vintage e le Stratocaster. Come ho già avuto modo di scrivere, il vintage lo considero solo una moda (che vorrei seguire anch'io se ne avessi le possibilità) e nulla più. però le mode possono essere anche piacevoli. "

Cerca Utente
Seguici anche su:
News
Impara a suonare e a tenere il palco con Carlos Santana
Billy Gibbons suona Rudolph La Renna con il capitano Kirk
SHG Music Show Milano 2018 apre i battenti
Paganini Rockstar
Roy Clark: il chitarrista intrattenitore
Come suona la chitarra in una camera anecoica
Chi ha inventato davvero il tapping
Come suona la mia stanza?
Certificato CITES: quando serve e come ottenerlo
Country Music Hall of Fame: il cerchio non sarà interrotto
Ryman Auditorium: la chiesa americana della musica live
La chitarra sparafulmini degli ArcAttack
Chris Shiflett vende tutto: "ho troppe chitarre!"
La storia del delay
La truffa delle chitarre online a prezzi bassissimi








Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964