VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE

Jimmi
utente #27100 - registrato il 19/12/2010
Ho iniziato a suonare la chitarra per caso a dodici anni, quando mia sorella maggiore comprò una chitarra classica asahi per 90 mila lire. A diciassette anni ho inciso il mio primo ed unico disco con un gruppo locale che ha avuto un discreto eco grazie a passaggi in radio quali k rock e altre(il gruppo si chiamava Barricate e faceva rock). Abbiamo partecipato con questo gruppo al rock contest di Reggio Emilia dove siamo stati classificati come seconda migliore band emergente della provincia nel 1997. Ho suonato con questo gruppo dividendo il palco con Estasia, Ustmamò, Umberto Palazzo e il santo niente, AFA e altri gruppi della scomparsa casa discografica "I DISCHI DEL MULO" di Giovanni Lindo Ferretti e Massimo Zamboni. Il disco ce lo registrò Gianfranco Fornaciari allora tastierista di Ligabue nel disco Buon compleanno Elvis. All' epoca non mi interessava la musica come lavoro, volevo solo suonare ciò che mi piaceva. Led Zeppelin, Pink floyd, Jimi Hendrix, Eric Clapton, cosi durante la registrazione lasciai il gruppo. Suonavo con altri piccoli gruppi, sempre roba nostra, qui ero più libero e gli altri non erano più grandi di me, avevamo la stessa età. Un giorno con altri amici decidemmo di fare un tributo a Santana e per me fu una sfida e una scoperta. Conoscevo poco il repertorio e imparai a capire e ad amare quella musica a poco a poco, calandomi nel latin rock. Dischi come Abraxas vale la pena di ascoltarli e suonarli. Non avevamo l' intenzione di riprodurre fedelmente nota per nota qualsiasi cosa, volevamo solo tributare un grande artista e suonare la sua musica nel migliore dei modi. A detta di "Shaddy" al secolo Gabriele Sgarbi, (che ha suonato le congas con Cifarelli, Max Furian, Christian Meyer e tanti altri, che qui non ci starebbero, eravamo il miglior tributo a Santana con cui lui avesse mai suonato(suonava anche coi Viva Santana). Abbiamo fatto concerti in giro per l' Emilia arrivando anche a Cesena poi ci siamo sciolti. Con noi (Chicano Combo) suonava un batterista diciannovenne bravissimo che ora fa le tourneè con Mietta Il suo nome è Alessandro Paderni. Successivamente mi sono appassionato al jazz,ora suono con un sestetto e questa musica mi affascina perchè ogni giorno scopro qualcosa di nuovo. Sto scrivendo un disco al computer,senza pretese, è la prima cosa interamente mia che faccio e solo di questo sono contento. Penso che non smetterò mai più di scrivere musica,è una delle cose che amo più al mondo. I chitarristi che amo di più sono Wes Montgomery, Jimi Hendrix, Pat Metheny, Scott Henderson, Gigi Cifarelli e molti altri. Le mie chitarre sono attualmente una SG Special, una Epiphone Broadway e una Takamine classica, l'ampli è un Fender Blues Deluxe Reissue modificato. Sono state sostituite le finali e le valvole preamplificatrici per avere un suono più pulito quando suono con la semiacustica. Nel corso degli anni ho suonato con diverse chitarre e diversi amplificatori.A sedici anni aquistai una Gibson Les Paul Standard con i proventi del mio lavoro,a venti passai ad una Fender Stratocaster american standard,a 25 passai alla SG.Per quanto riguarda gli ampli,comprai un Marshall JCM 900 combo cento watt poco dopo la Les Paul,poi passai al JTM 45 testata e cassa 4x12,successivamente al JCM 800 sempre testa e cassa,tornai al 900 testa e cassa e passai al JCM 2000 testa e cassa. Ultimamente uso il fender Blues Deluxe modificato per la semiacustica,con valvole finali KT88 e preamplificatrici 12ax7 e 12ay7. Quando suono l'elettrica torno alla 12ax7. Per la classica uso il P.A. La comprai per eseguire le parti del disco Supernatural quando avevamo il tributo a Santana e ora la uso per le bossanova ma vorrei sostituirla così l'ho messa in vendita sul sito. Anche la SG fu aquistata per il tributo a Santana in quanto costava qualche migliaio di Euro in meno della P.R.S. Avrei altri gruppi e altre chitarre di cui raccontare ma sono già stato fin troppo prolisso e riprenderò le mie vicissitudini nei miei post. Un saluto a tutti gli accordiani. Ciao!
Città: Castelnovo ne' Monti
Genere: Blues, Folk, Jazz, Rock.
Sono interessato a: Chitarra acustica, Chitarra elettrica, Voce.
Artisti preferiti Album preferiti
+ Vedi altri
+ Vedi altri
     
Attività Risposte ricevute Commenti effettuati Post Articoli Preferiti

Articoli pubblicati

La chitarra in America
di Jimmi | 18 maggio 2011 ore 08:00
La chitarra è senza dubbio lo strumento principe della musica popolare del '900, dal folk al country fino ad arrivare al rock & roll e al pop dei nostri giorni. Le radici e l'utilizzo della chitarra nella musica popolare possono essere rintracciate seguendo lo sviluppo dello strumento negli Stati Uniti.
La nascita della chitarra classica
di Jimmi | 12 maggio 2011 ore 16:00
La metà del XIX secolo vide la nascita di quella che tutti conosciamo come chitarra classica. In Spagna il lavoro rivoluzionario di Antonio De Torres Jurado (1817-1892) fu cruciale per far divenire la chitarra uno strumento serio e credibile. Fu Torres a sperimentare la costruzione e le dimensioni attuali e a creare un modello per lo strumento che viene ancor oggi utilizzato.
Le origini della chitarra
di Jimmi | 07 maggio 2011 ore 07:30
Le vere origini della chitarra rimangono uno dei più grandi misteri della musica e sono ancor oggi oggetto di disputa tra i musicologi. Sebbene le chitarre che conosciamo risalgano al rinascimento, possiamo raginevolmente pensare, grazie ad artefatti ritrovati in medio oriente, che strumenti a corda simili esistessero già circa 4mila anni fa, molto prima dell'era precristiana.
Corde
di Jimmi | 01 maggio 2011 ore 15:00
Nel passato le corde per chitarra erano di filo metallico o di budello, detto anche "minugia" e fatto con intestino di pecora. Le attuali corde di chitarra, invece, si trovano in due tipi di base, in acciaio o in nylon. Le corde in acciaio vengono utilizzate sulle chitarre elettriche, sulle acustiche folk e sulle archtop, le corde in nylon sulle chitarre classiche e da flamenco.
Epiphone Sheraton
di Jimmi | 23 aprile 2011 ore 15:30
Lo strumento in questione è la riedizione aggiornata di uno storico modello del 1958, ultimo anno di indipendenza dell'azienda di New York, prima di essere acquistata da Gibson. La prima versione della Sheraton fu molto innovativa per il tempo, adottando un corpo thinline a doppia spalla mancante, una cordiera Frequensator, brevettata dalla stessa Epiphone, e un pickup P90.
Epiphone Broadway
di Jimmi | 08 marzo 2011 ore 08:00
La Epiphone Broadway è un restyling del 2006 di un glorioso modello prodotto, prima da Epiphone e poi da Gibson, negli Stati uniti dal 1931 al 1970, quando la produzione fu trasferita in Giappone. Lo strumento in questione riporta dietro alla paletta il numero di serie: U 06066239, che indica che il modello è stato prodotto nello stabilimento di Unsung in Korea (U), nel mese di giugno dell' anno 2006 (06-06) e il numero di serie è il 6239.
Cerca Utente
Seguici anche su:
People
Finiture vintage, pickup inediti e il ritorno del palissandro con le F...
DigiTech JamMan diventa HD e multitraccia per ore di loop stereo
QX52: headless ibanez con tasti “storti” in video
Nuove frontiere della chitarra moderna: il workshop di Gianni Rojatti ...
SC-Custom III è la single-cut versatile di Harley Benton
A ciascuno il suo… slide!
Halo Core: il delay ambientale di Andy Timmons in edizione speciale ri...
The Aston Martin Project: verniciatura fai-da-te
Perché ti serve un pedale preamp e come puoi utilizzarlo
Rikkers Hybridline: dai Paesi Bassi, il meglio dei due mondi
Vedere la chitarra oggi: io la penso così
Fender torna al NAMM: “Ci è mancato”
Corrado Rustici racconta il ruolo del produttore all'epoca dei social
Il basso che suona Sting è mio!
Liam, Noel, Barbie Girl e la chitarra magica di Johnny Marr








Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964