CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS SHOP
Gene Simmons, ok boomer!
Gene Simmons, ok boomer!
di [user #51340] - pubblicato il

Secondo Gene Simmons, bassista dei Kiss dal 1988 a oggi nel mondo della musica non si possono annoverare delle vere leggende. Mi permetto di dissentire.
In una recente intervista il bassista dei Kiss si è lanciato in dichiarazioni che gli hanno fatto meritare un “vaffa” grande come una casa twittato da Liam Gallagher che, come sappiamo bene, non è proprio un tranquillone.
Ma prima di addentrarci nello specifico vediamo cosa ha dichiarato il caro vecchio Simmons:
“Prima del mondo digitale, quando non esistevano smartphone, MTV, social media, quando le band si esibivano dal vivo con i propri strumenti, quando non c’erano le basi musicali e nulla di queste cose, penso fosse un periodo più onesto per come la vedo io”.

“A quell’epoca c’erano così tanti talenti, c’erano persone che componevano un proprio genere di canzoni. Non esistevano gli stili, c’erano gli Yes nello stesso periodo dei Doors e dei Led Zeppelin e nessuna band assomigliava alle altre. Ma qualcuno ha segnato una cosa che penso sia molto importante. 

Dal 1958 al 1988, parliamo di trent’anni ragazzi, ci sono state almeno un centinaio di leggende e di icone. Abbiamo avuto Elvis, i Beatles, gli Stones, Jimi Hendrix e potremmo continuare a lungo con questa lista. Possiamo arrivare a nominare anche band più moderne che sono uscite fuori, sì, ok, i KISS, ma anche gli AC/DC, i Metallica, gli U2, persino nella musica dance e pop, abbiamo avuto Madonna, l’etichetta discografica Motown e tutta questa musica incredibile. Ma dal 1988 a oggi, e stiamo parlando di più di trent’anni, chi sono stati i nuovi Beatles?”

“Bisogna essere chiari adoriamo gli Oasis, non a caso Liam ha chiamato uno dei suoi figli come me, se dobbiamo dirla tutta. C’è Lennon e c’è Gene: Gene è stato chiamato così per me, mentre Lennon è stato chiamato così per John Lennon. Tuttavia, la vera risposta a tutto questo è data dal fatto che se cammini per strada e pronunci il nome degli Oasis, non so se un 35enne o un 40enne sappia di cosa stiamo parlando.

Che vi piaccia o no, la fama universale è solo quella di artisti come Elvis e i Beatles, perché tutti li conoscono, anche chi non ha mai ascoltato una loro canzone”.

“Io amo i Foo Fighters, amo Dave Grohl ma anche oggi, se vai per strada e chiedi alla gente chi suona la batteria e chi la chitarra in questo gruppo, nessuno lo sa. C’erano John Lennon, Paul McCartney, George Harrison e Ringo Star e tutti li conoscevano. Oggi, se pensi a chi suona la batteria negli Stones, non so se il pubblico in generale sappia di chi si tratta, senza offesa nei confronti di Charlie Watts ovviamente”.

Gene Simmons, ok boomer!

Posso essere d’accordo, anzi d’accordissimo sul fatto che prima dell’avvento delle basi e del digitale ci fosse un po’ più di onestà musicale. Steve Vai e Billy Sheehan mi dissero proprio la stessa cosa nel 2012 parlando di Eat ‘em and Smile. Come sottolinea però l’alieno non si può nemmeno demonizzare completamente il digitale, sia esso in studio di registrazione o che digitale sia il mezzo di fruizione della musica. 

Nella seconda parte, però, va sottolineato che il ragionamento ha un vizio di fondo. Probabilmente se si vuole cercare informazioni sugli Oasis per strada bisognerebbe proprio chiedere ai 35-40enni, quelli che erano teens nel periodo di massimo splendore della band dei fratelli Gallagher.

Trovo però da vero vecchio boomer il paragone ormai stucchevole tra decenni differenti. Il caro vecchio “non ci son più i musicisti di una volta” ce lo portiamo avanti dalla preistoria. Probabilmente dei Sapiens si presero a mazzate perché la musica ai tempi dei Neanderthal era più interessante e, arrivati a oggi la solfa è rimasta sempre la stessa. Meglio gli Zeppelin dei Radiohead, meglio Hendrix dei Pearl Jam, ma perché? Sulla base di cosa?

Penso che il “perché tutti li conoscono” poi sia il colpo di grazia alla discussione. Simmons cita come esempio di leggenda Ringo Star che tutti riconoscono mentre nessuno riconoscerebbe il povero Chris Shiflett chitarrista dei Foo Fighters, che quindi sono una band che nessuno ricorderà, visto che dall’88 a oggi non sono nati i nuovi Beatles. Mi verrebbe da dire che dal 10 aprile del 1970 non sono mai nati nuovi Beatles, ma credo di poter elencare band post 1988 che, se proprio non vogliamo chiamare leggendarie, non possiamo certo negare che hanno lasciato e lasceranno un segno nella storia del rock, checché ne dica l’uomo con quasi la lingua più lunga del mondo.


Ecco l’elenco delle band e degli artisti che hanno decisamente fatto storia anche dopo il 1988, (anno che ha sfornato pure me, quindi qualcosa di buono sicuramente l’ha prodotto!) continuatelo voi con le vostre proposte!

Red Hot Chili Peppers
Nirvana
Pearl Jam
Foo Fighters
Sound Garden
Tool
Radiohead
Oasis
Rage Against the Machine
Green Day
Offspring
Jamiroquai

Solo per restare in ambito streattamente rockettaro o quasi…








 
gene simmons kiss
ABBIAMO BISOGNO DI TE!

Dal 1997 ACCORDO mette gratuitamente a disposizione di chi fa musica contenuti di qualità altissima. Competenze e lavoro per produrli comportano costi che la pubblicità fatica a coprire, soprattutto in questo periodo difficile. Per questo ti chiediamo una donazione, anche piccola, per aiutarci a mantenere la qualità che i musicisti italiani si aspettano da ACCORDO.

DONA ADESSO!
In vendita su Shop
 
Laney L5T-112
di Banana Music Store
 € 789,00 
 
Meinl ES-SET
di Banana Music Store
 € 20,90 
 
Fernandes Stratocaster MIJ USATO cod. 104219
di Lenzotti
 € 799,00 
 
Samson C01 Microfono a Condensatore Cardioide Diaframma Largo
di Music Island
 € 65,00 
 
Digitech Mosaic
di Banana Music Store
 € 98,00 
 
TUNG-SOL 6550 - SESTETTO VALVOLE
di Voodoo Factory
 € 294,00 
 
Thomastik Dominant 135 Medium 4/4 Violin String Set
di Centro della Musica
 € 49,00 
 
Vic Firth LB Legacy Brush
di Banana Music Store
 € 43,00 
Mostra commenti     49
Altro da leggere
G2: l’inatteso progetto firmato Gibson e Gene Simmons
Kiss: la data italiana sarà recuperata il 12 luglio 2021
KISS “concerto per i grandi squali bianchi”
I Kiss annunciano il tour di addio
Gene Simmons e Ace Frehley insieme per le vittime dell'uragano
The Kiss, Verona, 11 giugno 2015
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
EPIPHON LES PAUL CUSTOM NERA
Visualizza l'annuncio
Amplificatore Fender Super Reverb primi anni 60
Visualizza l'annuncio
Ovation Custom Legend 1719 30CM Commemorative - 2004
Seguici anche su:
Altro da leggere
A Sanremo ha vinto il rock: e giù tutti a indignarsi
Una foto svela per errore la prima Silver Sky SE?
Steve Vai infortunato per “un accordo bizzarro"
Shure stravince al Music & Sound
La collezione di Tommy Emmanuel in vendita per beneficenza
Spotify: il brevetto “ascolta” il tuo stato d'animo
Bruce Springsteen: Jeep ritira lo spot pubblicitario dopo la notizia d...
Chick Corea è morto
USA: fermate chitarre false per quasi 160mila dollari
Gli sviluppi delle accuse di molestie sessuali a Marilyn Manson
Dodi Battaglia: dal 12 febbraio il nuovo singolo "Il coraggio di vince...
Foo Fighters: il nuovo album "Medicine At Midnight"
Claudio Baglioni: stasera ospite d'eccezione a Stories Live
Morto Phil Spector, inventore del Wall Of Sound
JHS vende il primo Centaur mai prodotto




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964