CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS SHOP
Home studio: pre e cavi in ordine
Home studio: pre e cavi in ordine
di [user #28271] - pubblicato il

Continuiamo a parlare di gestione e ottimizzazione del proprio home studio. Nel precedente articolo avevamo parlato di cuffie e speso qualche riflessione in ambito chitarristico circa i pro e contro della microfonazione comparata alla registrazione in diretta, tramite macchine digitali. Oggi parliamo di preamplificatori e dell’approccio gestionale del proprio studio.

Ecco il link al precedente articolo in cui abbiamo parlato di cuffie, sistemi digitali, amplificatori e microfonazione.
 
Quando si parla di preamplificazione microfonica, si intende la possibilità di inserire un preamplificatore tra il microfono che riprende la nostra sorgente sonora e la scheda audio che la riceve. Un argomento che dunque interessa tutti i musicisti più attenti al proprio set up e non solo i chitarristi elettrici: cantanti e musicisti acustici in generale, potrebbero trovare grandi giovamenti integrando un preamplificatore nei loro studi.

Home studio: pre e cavi in ordine

Credetemi: finché non lo si prova, non si ha idea di quanto un “pre” dedicato per microfono possa migliorarne esponenzialmente il suono. E parlo di qualsiasi microfono
Purtroppo, ancora oggi osservo come molti musicisti investano discreti budget in microfoni a condensatore delle migliori marche per poi semplicemente entrare direttamente nella scheda audio: sappiate che quel meraviglioso microfono non sarà totalmente premiato e anzi, godrete solamente del 50% delle sue potenzialità timbriche.
Ci tengo a dire che il preamplificatore da affiancare al nostro microfono, non deve essere necessariamente un prodotto super blasonato e quindi costoso. Già il fatto di avere un gain dedicato solamente al livello in ingresso del microfono è una garanzia di miglioramento sonoro. Se poi il preamplificatore che stiamo usando ha anche una valvola che scaldi il suono nelle armoniche, avremo la possibilità di entrare nel Line input (mi raccomando!) della scheda audio con  un “suono fatto” che sortirà effetti insperatamente benefici in termini di volume, consistenza e calore.
Provare per credere! Viviamo in un’epoca nella quale esistono interfacce per tutte le tasche; tutte le marche promettono meravigliosi “stadi” di preamplificazione microfonica. Ma maturare una certa consapevolezza di come funziona un vero preamplificatore ci aiuterà a capire/sentire quali tra queste interfacce -chi più e chi meno- mantengono in effetti queste promesse. 

Home studio: pre e cavi in ordine

E poi c’è un altro aspetto legato al proprio studio di registrazione domestico, aspetto che chiamerei, gestionale. È necessario essere estremamente ordinati, pignoli, nel cablaggio del proprio studio. Questo tipo di attenzione eviterà tanto problemi di “ronza” che problemi di perdita di segnale “inspiegabile”. E queste due tipologie di problemi sono fattori che purtroppo, emergono sempre a giochi fatti: quando lo studio è finito, quando abbiamo necessità immediata di poterlo utilizzare al meglio o – peggio ancora – a registrazioni ultimate con rumori o deterioramenti del segnale di cui non ci si era accorti suonando.
La parola chiave è, ancora una volta, professionalità!
Servitevi di cavi giusti: usiamo i bilanciati quando bisogna utilizzarli, perché è importantissimo! Ed evitiamo cavi con inutili lunghezze esasperate. Occhio anche alle ciabatte elettriche che devono restare in ordine e possibilmente collegate a gruppi di continuità salva sessione ma, soprattutto, salva equipaggiamento.
 
Home studio: pre e cavi in ordine

E per finire, un consiglio generale: se avete un fonico competente di fiducia, fatevi guidare nel settare il vostro studio. Ovviamente ci si rivolge a un fonico principalmente per farsi aiutare nell’ apprendimento delle principali funzionalità del vostro DAW o dei concetti base di equalizzazione, compressione e riverberazione. Ma potrebbe essere prezioso anche nel mettere la sua esperienza in termini di scelta, gestione e ottimizzazione dei cablaggi. O nel farci ascoltare e spiegare diversi tipi di preamplificatori, agevolandoci nella scelta di quello per noi più funzionale.

Home studio: pre e cavi in ordine
 
enrico sesselego lezioni
Link utili
Il sito di Enrico Sesselego
Mostra commenti     10
Altro da leggere
Registrare le chitarre con Giacomo Castellano
Paul Gilbert - Prima tappa italiana del Tour 2013
Chitarra acustica & studio di registrazione
Come prepararsi a un concerto o a una registrazione
Vai: chi suona ciò che non ama, finirà per sentirsi un miserabile
Suonare e registrare gli ottavi
Registrare la batteria: ambiente e microfoni
"Behold Electric Guitar", il nuovo disco di Paul Gilbert
Registrare la batteria: due errori da evitare
"Salamanders in The Sun": omaggio a Steve Vai
Paul Gilbert: usare la Scala Blues maggiore
Chitarra solista & studio di registrazione
Jeff Bowders: "Che cosa ho imparato da Paul Gilbert"
Paul Gilbert: Triadi tra Rock e Musica Classica
Ampli o digitale? Intanto mettiamo le cuffie
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Visualizza l'annuncio
gibson les paul tribute
Seguici anche su:
Altro da leggere
Il nemico in pedaliera
Stratoverse: Fender è nel metaverso
Ecco… Il Guanto: il synth futuristico di Matt Bellamy
Su Radiofreccia uno speciale sui Rolling Stones
Ikea pensa ai musicisti: arriva Obegränsad
Usato: abbiamo perso la ragione?
PRS è al lavoro su una Tele-style con Myles Kennedy?
Bob Taylor si ritira: annunciato il nuovo CEO e Presidente
Nick Drake e gli altri: Guild, icona al collo dei giganti
Le chitarre Fender diventeranno NFT da collezione?
This Is Spinal Tap: confermato il sequel nel 2024
Marty Friedman: ecco perché la gente skippa gli assolo
Rara Les Paul burst del 1960 spunta da una soffitta: sì, può ancora ...
È morto Richard Benson: chi era il chitarrista, il personaggio, l’u...
Gear: la Flop Ten di una vita - Parte 1




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964