CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS SHOP
NEWS 2021: Mesa Boogie acquisita da Gibson
NEWS 2021: Mesa Boogie acquisita da Gibson
di [user #116] - pubblicato il

Qualche minuto fa Gibson ha annunciato l'acquisizione di Mesa Boogie. Da ora il marchio di amplificatori boutique più famoso al mondo diventa un Gibson Brand.
We are pleased to announce the addition of Mesa/Boogie to the Gibson Brands family. One of the most respected and prestigious brands in sound and guitar amplification, Mesa/Boogie--the original “Boutique” amplifier company--was founded 51 years ago by Randy Smith, who is responsible for creating the ground-breaking circuits that drive some of the most influential sounds of our time. Please welcome the newest member of the band Mesa Boogie. 

Siamo felici di annunciare l'aggiunta di Mesa/Boogie alla famiglia Gibson. Uno dei più rispettati e prestigiosi brand di amplificazione per chitarra, Mesa/Boogie, la prima azienda produttrice di amplificatori "Boutique" fu fondata da Randy Smith 51 anni fa, responsabile della creazione dei circuiti rivoluzionari che hanno creato alcuni dei suoni più famosi di sempre. Date un benvenuto dal nuovo membro della band: Mesa Boogie. 

Così dalla pagina Facebook Gibson ha annunciato la prima breaking news del 2021. Vi avevamo anticipato in questo articolo che Gibson era uno dei brand da tenere maggiormente d'occhio per il 2021 che sarà, speriamo, di rinascita per tutto il settore. 

Aspettiamo di vedere come si evolverà la cosa, ma sicuramente ne vedremo delle belle. Nel frattempo lo stesso Smith risponde in anticipo a tutte le critiche che, in giro per i social, stanno già piovendo sull'acquisizione da parte di Gibson:

"Ho 75 anni e lavoro ancora tutti i giorni", afferma Randall Smith, fondatore di Mesa / Boogie. "Questa è la mia arte e molti membri della nostra squadra hanno lavorato al mio fianco per 30-40 anni. Quando abbiamo assistito alla trasformazione di Gibson da parte di JC e Cesar, abbiamo visto spiriti affini condividere valori comuni e una fantastica dedizione alla qualità. Oggi, le chitarre Gibson sono le migliori in assoluto e quando ci hanno chiesto se volevamo diventare il Custom Shop di Gibson per gli amplificatori, abbiamo immaginato una collaborazione perfetta che avrebbe ampliato il nostro raggio d'azione preservando la nostra eredità oltre il mio tempo. Gibson comprende il valore unico di ciò che abbiamo tutti costruito insieme e questo prossimo capitolo della storia di Mesa / Boogie è una continuazione di quel sogno. Sono così contento per questa partnership con la nuova Gibson dopo 50 anni di attività che amo. È stata la corsa della mia vita ... e non è ancora finita! "
chitarre elettriche gibson mesa boogie
ABBIAMO BISOGNO DI TE!

Dal 1997 ACCORDO mette gratuitamente a disposizione di chi fa musica contenuti di qualità altissima. Competenze e lavoro per produrli comportano costi che la pubblicità fatica a coprire, soprattutto in questo periodo difficile. Per questo ti chiediamo una donazione, anche piccola, per aiutarci a mantenere la qualità che i musicisti italiani si aspettano da ACCORDO.

DONA ADESSO!
In vendita su Shop
 
PRS SE STANDARD 24 CHITARRA ELETTRICA SOLID BODY SATIN BLACK SE-STD-24-LTD
di Borsari Strumenti Musicali
 € 539,00 
 
Sterling by Music Man Cutlass HSS Stealth Black
di Le Note delle Stelle
 € 409,00 
 
FENDER Vintera Road Worn '50s Stratocaster Surf Green.
di SLIDE
 € 1.090,00 
 
Fender Squier Stratocaster Pack, Laurel Fingerboard, Brown Sunburst, Gig Bag, 10G
di Centro della Musica
 € 219,00 
 
Fender Player Telecaster HH, Maple Fingerboard, Tidepool (VALUTIAMO PERMUTE)
di Gas Music Store
 € 639,00 
Visualizza il prodotto
Fender Usa Custom Shop Eric Clapton Stratocaster Black + custodia rigida
di Penne Music
 € 3.399,00 
 
fernandes the revival strat 1986
di Scolopendra
 € 600,00 
 
FENDER - American Professional II Telecaster Deluxe MN Miami Blue 0113962719
di Music Works
 € 1.749,00 
Nascondi commenti     62
Loggati per commentare

di MuddyWaters [user #47880]
commento del 06/01/2021 ore 19:07:48
Come dicevo il altri loci: adesso Mesa non costerà più una banca di soldi come Mesa ma come Gibson e Mesa insieme.
Rispondi
di FranxAJ [user #18541]
commento del 07/01/2021 ore 00:01:34
Ho pensato la stesa cosa ti giuro! :D
E già di loro entrambi i brand non ti regalano nulla...anzi.
Rispondi
di Jumpy [user #1050]
commento del 07/01/2021 ore 13:02:46
proprio ieri sera, leggendo la notizia, pensavo esattamente questo: ora MesaBoogie e Gibson non costeranno più un rene... ma due :P
Rispondi
di Amilo81 [user #9063]
commento del 06/01/2021 ore 19:58:33
Rimaniamo in attesa di vedere gli annunci di vendita degli ampli.... “pre Gibson” “niente a che fare con quelli post acquisizione” .. preparo i pop corn..
Rispondi
di Ernestor [user #46937]
commento del 06/01/2021 ore 20:15:07
Ahahah:-)))
Rispondi
di sergej [user #44973]
commento del 07/01/2021 ore 00:48:11
Ahah, accetto offerte adeguate per il mio Mesa LoneStar Pre-Gibson Era ;)
Rispondi
di paoloprs [user #10705]
commento del 06/01/2021 ore 20:58:01
Ci mancava solo questa !!!! Teniamoci stretti i nostri Mesa Boogie...
pre Gibson, fra un paio d'anni varranno milioni....
Leo Fender, Les Paul, Randall Smith .... gente leggendaria....
Vostro Paolo
Rispondi
di elguitarron [user #8109]
commento del 06/01/2021 ore 22:48:06
Come cantava Prince, "sign o' the times"...
Rispondi
di zabu [user #2321]
commento del 07/01/2021 ore 04:12:45
Dal punto di vista di Gibson è una acquisizione sensata. Gibson infatti non è mai riuscita a decollare nel campo dell'amplificazione. D'altro canto queste operazioni di acquisizione non sempre danno i risultati sperati. Fender aveva acquisto tutta una serie di marchi storici che includevano Guild e Ovation e si è ritrovata a doverli poi cedere. Bisognerà vedere che progetto ha in mente il management Gibson per Mesa e se funzionerà.
Rispondi
di ADayDrive [user #12502]
commento del 07/01/2021 ore 08:19:11
Potenzialmente può essere un successo: la condivione di vari settori aziendali può generare risparmio e razionalizzazione ed aumentare la qualità della proposta commerciale. Bisogna poi vedere che cosa Gibson vuole fare del marchio: vuole che Mesa diventi Gibson Amps? Lascerà alla Mesa la possibilità di esprimersi a piacimento? Creerà altri marchi a basso prezzo con appiccicata la targhetta "Mesa engineering"?
Spero, personalmente, che il marchio Mesa non venga trasformato nell'ennesimo consumer brand, con conseguente fiorire di serie (Mesa Professional, Mesa Standard, ChinaMesa...) e ampli signature che differiscono solo per il colore ed il tipo di retina davanti ai coni.
Rispondi
di zabu [user #2321]
commento del 07/01/2021 ore 18:31:19
Anch'io spero che preservino la tradizione e non scendano a compromessi solo per rendere il marchio più popolare e accessibile a scapito della qualità.
Rispondi
di Cico utente non più registrato
commento del 07/01/2021 ore 06:15:1
Basta che Gibson non provi neanche lontanamente a fare una chitarra per petrucci, e mi sta bene tutto. Petrucci è music man, è majesty, una delle migliori chitarre che ci sia in commercio oggi, un connubio perfetto. Gibson giù le mani da petrucci, continua a fare le tue chitarre pesanti come frigoriferi, sbilanciate , con le palette che si spezzano e il sol che si scorda, e lascia stare in pace petrucci.
Rispondi
di paoloprs [user #10705]
commento del 07/01/2021 ore 07:03:0
Scontrandomi con le ire dei fanatici Gibson ad oltranza, ho sempre dichiarato che
suonare con una Gibson 175 è come suonare con l'armadio di mia nonna.
Tutti sappiamo che i dirigenti Gibson NON sono chitarristi e fanno chitarre
come IKEA fa i mobili.... Sono rarissime le Les Paul di alta classe,
Quelle di serie sono come le Epiphone,
Vostro Paolo
Rispondi
di bluesfever [user #461]
commento del 07/01/2021 ore 07:33:14
Steve Howe ci ha arredato casa con l'armadio della nonna.
Rispondi
di TB [user #1658]
commento del 07/01/2021 ore 12:29:05
:-DDD
Rispondi
di spillo91 [user #17528]
commento del 07/01/2021 ore 14:36:40
A costo di passare per fanatico Gibson, mi permetto di dire che sta storia delle epiphone migliori di gibson, squier meglio di fender, harley benton meglio di martin e via discorrendo ha rotto le scatole a tutti. Lasciateci venire truffati in santa pace, e approfittatene per comprare più copie cinesi possibile e lasciare quelle ciofeche sovrapprezzate delle custom shop tutte per noi :)
Rispondi
di TB [user #1658]
commento del 07/01/2021 ore 15:41:21
Sante parole!

PS: io sono un fanatico al quadrato, ciò la Gibson e la suono seduto su una sedia IKEA, nunsosimmespiego... ;-)
Rispondi
di WATERLINE [user #51250]
commento del 07/01/2021 ore 16:11:22
D'accordo al 100% mai sentita una epiphone o squier suonare meglio di una gibson o di una fender. Forse Saranno le mie orecchie...
Rispondi
di Francescod [user #48583]
commento del 07/01/2021 ore 20:58:16
Ahahahahahah, quanta verità. :)
Rispondi
di spaccamaroni [user #7280]
commento del 07/01/2021 ore 21:46:00
Siamo OT, ma hai mai tenuto una comune Les Paul Gibson in una mano e una della Epiphone nell'altra?
Rispondi
di Gigibagigi [user #49591]
commento del 07/01/2021 ore 07:57:47
e perché dovrebbe farlo... mica è mai stato endorser gibson...
Rispondi
di Cico utente non più registrato
commento del 07/01/2021 ore 08:09:5
Non vorrei che Gibson prema con mesa di convincere petrucci a passare con loro. Gibson ha acquisito mesa che ha petrucci come unico artista. Pensa fare una linea chitarra Gibson jp e ampli mesa jp, tutto in famiglia. Non sia mai, sarebbe un incubo.
Rispondi
di Gigibagigi [user #49591]
commento del 07/01/2021 ore 08:14:40
Petrucci non potrebbe mai tradire per l'odiato nemico. Ma... se Gibson acquistasse anche Music Man (che, guardacaso, si chiama con un doppio nome, proprio come Mesa Boogie)? Teniamo alta l'attenzione amici, il pericolo è alle porte.
Rispondi
di JEM [user #4665]
commento del 07/01/2021 ore 11:54:02
A quel punto, credo che per Music Man si farebbe avanti Fender.
Rispondi
di ADayDrive [user #12502]
commento del 07/01/2021 ore 08:22:08
Se per quello una volta Petrucci era endorser Ibanez, e non mi pare che passando a Music Man sia andata male... Ed è pure evidente che per come suona la Gibson non farà mai una Les Paul Petrucci Signature con scala corta, ultimi tasti inaccessibili ed ergonomia come una cassetta di frutta.
Rispondi
di Jumpy [user #1050]
commento del 07/01/2021 ore 13:05:0
sempre considerato MusicMan una spanna sopra "la diade" Fender/Gibosn...
Rispondi
di Cico utente non più registrato
commento del 07/01/2021 ore 13:17:28
Per me music man e prs sono le migliori chitarre attualmente in commercio
Rispondi
di zabu [user #2321]
commento del 07/01/2021 ore 18:47:14
Partendo dal presupposto che siamo proprio fuori topic con il post originale, direi che la Gibson sarebbe interessata a fare una signature Petrucci semplicemente se ha un vantaggio economico a prendersi Petrucci come endorser. In altre parole, la cosa sarebbe fattibile se per Gibson apparisse palese un vantaggio ad associare il proprio marchio con lo stile musicale di quel chitarrista. Non mi pare che nel passato Petrucci abbia fatto uso (almeno apertamente) di strumenti Gibson in ogni caso, quindi vedo comunque l'operazione altamente improbabile. Ti direi quindi di dormire sonni tranquilli, che tanto ci sono già una marea di chitarristi più o meno famosi che sarebbero felicissimi di avere una signature Gibson pesante come un frigorifero e con la paletta che si spezza e il sol che si scorda... 😉
Rispondi
di WATERLINE [user #51250]
commento del 07/01/2021 ore 18:59:00
Condivido 👍👍👍👍👍
Rispondi
di LeoPol [user #52641]
commento del 07/01/2021 ore 19:19:57
Che poi la mia neanche si scorda, avrò avuto culo ;)
Rispondi
di Cico utente non più registrato
commento del 07/01/2021 ore 19:40:51
Secondo te, prendendo petrucci, la gibson non avrebbe un ritorno economico? La music man è pazza a dare tutti quei soldi a petrucci se non avesse un ritorno economico?
Rispondi
di zabu [user #2321]
commento del 07/01/2021 ore 20:23:06
Il punto è che nel campo delle chitarre non è che semplicemente associ un nome a un marchio. Ci deve essere una storia (o se vogliamo la musica) dietro. Ovvero, allo stato attuale nessuno associa immediatamente Petrucci a Gibson perché non ne ha utilizzate finora apertamente nella sua carriera musicale. Una eventuale signature dovrebbe essere modellata specificatamente su di lui, al minimo per essere equipaggiata con un tremolo. Tutto è ovviamente possibile, ci sono artisti che hanno fatto salti di brand, ma richiede tempo, pianificazione. E tutto questo per cosa? Per vendere qualche migliaio di chitarre di una eventuale signature? Forse sbaglio, ma a Gibson conviene probabilmente tenersi stretti i vari Bonamassa e Slash, che sono associati a doppio filo con il brand e garantisco un richiamo importante per la vendite. Questo ovviamente (se serve specificarlo) senza togliere nulla a Petrucci come musicista.
Rispondi
di Cico utente non più registrato
commento del 07/01/2021 ore 20:37:22
Me lo auguro con tutto il cuore, per me petrucci è music man, majesty, punto. Sicuramente non sarebbe un passaggio che avverrebbe in una settimana, penso che music man abbia fatto un contratto blindato , con petrucci, non sarebbe neanche tanto facile liberarsi, presumo. spero con tutto il cuore che rimanga in music man, ma, al giorno d'oggi, il denaro comanda, quindi, penso che di fronte ad una offerta molto allettante, mai dire mai
Rispondi
di TB [user #1658]
commento del 08/01/2021 ore 02:24:11
Ma in che ruolo gioca 'sto Petrucci esattamente? No, perché a noi uno bravo a centrocampo ce servirebbe...
Rispondi
di MM [user #34535]
commento del 08/01/2021 ore 07:33:38
Questa è fantastica :-))
Rispondi
di TB [user #1658]
commento del 08/01/2021 ore 11:03:0
;-)
Rispondi
di MM [user #34535]
commento del 08/01/2021 ore 07:39:54
Cico il tuo fanatismo mi ricorda vagamente quello delle mie amiche in età adolescenziale coi Duran Duran (forse l'età è la stessa).
Associare la vendita di Mesa a Gibson, con il timore che: Petrucci possa cambiare endorsement... è da psicologo.
Ma poi... a te chettefrega di quello che farà Petrucci? saran cazzi suoi no? Tanto tu la chitarra migliore del mondo ce l'hai già.
Pensi che se un malaugurato giorno passi a Gibson, si metta suonare peggio?
Rispondi
di Sciamano [user #50087]
commento del 07/01/2021 ore 08:32:13
E vai con lo starter pack da 1000€
Rispondi
di Francescod [user #48583]
commento del 07/01/2021 ore 08:40:17
Sarò forse l'unico s non vedere nulla di strano né di particolarmente rilevante nella notizia. È un'acquisizione commerciale mica un'invasione dello stabilimento Mesa. Non è che la Jackson è stata costretta a fare le Telecaster dopo essere stata comprata da Fender.
Rispondi
di MM [user #34535]
commento del 07/01/2021 ore 08:42:50
No comment... sulle cose che ho letto su Petrucci e sui mobili Ikea.
Secondo me Mr. Randall Smith ha capito di avvicinarsi al termine della sua meritata e sudata esperienza lavorativa.
Probabilmente non ha intravisto nessuno tra i suoi fidati collaboratori disposto ad acquisire la sua attività, anche perché non deve costare (parliamo di tutto, avviamento compreso) due dollari.
Invece che vendere ad un competitor, che potrebbe per qualche motivo far sparire il brand, ha ben pensato di vendere ad un colosso in ambito chitarristico. Nulla di strano o di nuovo.
Mesa Boogie è in fondo un'azienda semi artigianale, di altissima qualità. Vediamo se la nuova proprietà saprà mantenere l'aurea che il brand si è edificato in cinquant'anni di certosino lavoro.
Non mi sembrano dei fenomeni da questo punto di vista, ma vedremo.
Io sono contento di possedere un Mesa, di qualche anno fa.
Rispondi
di Midas77 [user #49614]
commento del 07/01/2021 ore 10:26:17
Continua la corsa, iniziata ormai diversi anni fa, alla divisione del mercato fra pochi e grandi gruppi che inglobano a loro volta marchi piccoli con mezzi economici più limitati. L'artigianato vero sarà, a breve, destinato a sparire. L' Amazon style è la nuova religione...e la globalizzazione finanziaria è servita.
Rispondi
di TB [user #1658]
commento del 07/01/2021 ore 13:27:07
Un marchio di chitarre elettriche che ne compra uno di amplificatori non mi sembra un fatto né strano né scandaloso.
Amazon style? Divisione del mercato fra pochi grandi gruppi? Globalizzazione finanziaria? Mi sembra un millenarismo fuori luogo.
A parte che hanno acquistato un marchio americano (mica olandese come la Philips comprata da Juskiewicz), alla fine stanno solo cercando di mettersi alla pari con l'eterno concorrente Fender, che è presente con successo in tutti i settori della filiera (chitarre, ampli, effetti, ecc.). E' stata una mossa direi obbligata da parte loro. E poi si è trattato di una vendita, non di un takeover ostile, basta rileggersi le parole di Randall Smith.
La stessa Gibson ne ha vissute di peggio: negli anni '70 apparteneva a una conglomerata ecuadoregna che produceva birra! E' il capitalismo, ed è così da sempre, c'è poco da stupirsi.
Sull'artigianato, boh... non ho mai visto tanti marchi artigianali di amplificatori come negli ultimi anni, poi non tutti sopravvivono, ma ci sta.
Rispondi
di francesco72 [user #31226]
commento del 11/01/2021 ore 11:11:5
Condivido TB e trovo proprio sbagliato il commento di Midas77: si tratta di normalissime dinamiche di mercato che non comportano ex se la scomparsa dell'artigianato. Anzi: Gibosn sta cercando di connotarsi come marchio di alta fascia e la scelta di prendere sotto la propia ala un marchio di amplificatori di nicchia e costosi è decisamente in linea. Una cosa è TC Electronic acquistata da Behringer, ma qui siamo su altre strategie.
Ciao
Rispondi
di dale [user #2255]
commento del 07/01/2021 ore 11:05:32
Marchio storico, spero che continui a produrre ampli di grande qualità e suono.

Per i commenti da troll dico solo:

vai al link
Rispondi
di Merkava [user #12559]
commento del 07/01/2021 ore 12:14:24
Genio allo stato puro, chapeau!
Rispondi
di Pearly Gates [user #12346]
commento del 07/01/2021 ore 11:44:39
Yamaha ha comprato line6 ed è saltata fuori tutta la piattaforma Helix.
Non sempre le aquisizioni sono un male almeno nel caso Line6.... però spesso lo sono.
Dipende da chi le compra cosa vuole farci, se compri per investire e rilanciare l'azienza è ok se invece, la compri per affossarla e togliere dal campo un concorrente è male, oppure vuoi solo sfruttare il marchio cercando di vivere di rendita dellla fama accumulata negli anni passati.
Rispondi
di Merkava [user #12559]
commento del 07/01/2021 ore 12:12:57
Al di là della scelta dei colori da annuncio funebre direi che la cosa piu' preoccupante e' che Mesa non si adegui agli standard Gibson per il controllo qualita'. In caso vedremo Bugera Mark III o Petrucci signature...
Rispondi
di MM [user #34535]
commento del 07/01/2021 ore 12:18:5
Comunque gli hanno chiesto "di diventare il Custom Shop di Gibson per gli amplificatori"... chissà che evoluzione prenderà questa premessa.
Rispondi
di TB [user #1658]
commento del 07/01/2021 ore 12:36:17
Finalmente un'acquisizione sensata in casa Gibson!
Mi pare definitivamente seppellita l'era delle Firebird X e dei tentativi di trasformarsi in una compagnia di consumer electronics, vivaddio...
Rispondi
di black poodle [user #1259]
commento del 07/01/2021 ore 13:42:39
Yamaha ha acquisito Ampeg... tutto sommato Gibson che acquisisce Mesa è molto meno "oltraggioso". E poi nel management di Gibson stanno entrando molti musicisti e/o producer. L'impegno a rifocalizzarsi sul core business degli strumenti musicali ce lo stanno mettendo. Guardo al marchio con fiducia.
Rispondi
di WATERLINE [user #51250]
commento del 07/01/2021 ore 14:36:46
Vendo testata e cassa lone star + testata e cassa california tweed pre era gibson ad euro 1.000.000 cadauno ovviamente!!!
Tornando seri, l'acquisizione potrebbe anche essere conseguente al passaggio generazionale di Randall Smith che ormai ha una certa eta'
Rispondi
di paoloprs [user #10705]
commento del 07/01/2021 ore 18:00:48
Certo che Randall ha una certa età e chiude in gloria la sua carriera,
speriamo che le teste d'uovo della Gibson non sputtanino tutto facendo costruire
i nuovi Mesa in Nuova Guinea...
Vostro Paolo
Rispondi
di paoloprs [user #10705]
commento del 07/01/2021 ore 18:03:3
Doveva essere Paul Reed Smith a comprare la Mesa Boogie...
allora sì....
Vostro Paolo
Rispondi
di Merkava [user #12559]
commento del 07/01/2021 ore 18:21:04
Magari ci sarebbe stato il Mark III SE
Rispondi
di francesco72 [user #31226]
commento del 11/01/2021 ore 11:14:00
Perchè? Paul reed Smith fa già i suoi ampli e non mi pare abia nulla da imparare.
Ciao
Rispondi
di Francescod [user #48583]
commento del 07/01/2021 ore 20:54:45
"Il denaro al giorno d'oggi comanda".
Dopo che ho sentito la banalità del 2021 spesa già il 7 gennaio senza aspettare manco la primavera, mi ritiro in preghiera perché nun se può, nun se può.
Rispondi
di Cico utente non più registrato
commento del 08/01/2021 ore 05:26:17
Vuoi negare che i soldi oggi sono tutto, e per soldi chiunque farebbe qualsiasi cosa? Basta vedere nel mondo del calcio quello che succede, per fare un esempio.
Rispondi
di Francescod [user #48583]
commento del 08/01/2021 ore 08:21:10
Guarda che non è proprio così neanche nel mondo del calcio. Ma senza andare fuori tema, s tornando alla musica, approfondisci di più la storia di tanti artisti e vedrai che legami hanno col proprio strumento. È pieno di libri da leggere, soprattutto se mastichi l'inglese (parti dell'autobiografia di Malmsteen, che almeno è stata tradotta in italiano, e prosegui con quella di Slash, anch'essa tradotta. Poi, se ti sei appassionato al genere, prosegui in inglese con Clapton e Lukather).
Poi, scusami, ma sfugge davvero a tutti che diamine di volo pindarico sei andato a costruire per arrivare a Petrucci partendo da una notizia che con il suddetto non c'entra una mazza.
Rispondi
di BizBaz [user #48536]
commento del 08/01/2021 ore 08:34:0
Petrucci ha detto che da quando è stato emesso il comunicato stampa la sua MM è diventata pesante come una lavatrice e gli si scorda sempre il SOL, anche se suona tanti auguri a te
Rispondi
di paoloprs [user #10705]
commento del 10/01/2021 ore 16:16:13
SIAMO SERI ...
Ehi, raga... siamo seri ! Qua la nostra Mesa Boogie ora è anch'essa in balia
della globalizzazione che mira all'appiattimento delle nostre emozioni
e dei nostri sentimenti.
Purtroppo siamo tutti in mano a dei dinosauri, ma io resisto ad oltranza :-
QUALSIASI articolo che mi venga pubblicizzato lo evito a priori.
Vostro Paolo
Rispondi
di francesco72 [user #31226]
commento del 11/01/2021 ore 11:20:57
Non ho capito se sei ironico, ma ove non sia così sono in totale disaccordo: a me sembra che i dinosauri siano coloro che si arroccano su frasi fatte e sentito dire. La globalizzazione è quello che, ad esempio, ci permette di arredare casa con 5.000 euro anzichè 30.000 e per chi è alla prima volta a vivere da solo non è cosa da poco; è la stessa globalizzaizone che oggi ci mette in mano Harley Benton più che dignitose a 150 euro, quando "ai bei tempi della cortina di ferro" con l'equivalente ti facevano vedere (mica acquistare) un manico di scopa che si scordava ogni tre brani (suonando metal ogni uno).
L'appiattimento delle emozioni non c'entra nulla col mercato (globale o locale che sia): se compri una mela a km zero diventi un caleidocopio di emozioni? Mah.
Ciao
Rispondi
di alexus77 [user #3871]
commento del 11/01/2021 ore 04:58:06
Quindi ora ho un paio di Mesa vintage? ;)
Rispondi
Altro da leggere
Dean diventa multi-scala fino a 8 corde
La Mariposa diventa Sterling
Fiore è la prima PRS di Mark Lettieri
Fender a base di P90 per il 2021
Una pentatonica per suonare Lidio
In studio con Quaini: i preamplificatori
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Schecter Sun Valley Super Shredder FR S
Visualizza l'annuncio
Gibson USA Les Paul Joe Perry Signature 19961997
Seguici anche su:
Altro da leggere
JHS vende il primo Centaur mai prodotto
Il NAMM non si fa, ma i costruttori ci sono tutti
Canzoni sbagliate!
Morto Alexi Laiho: fondatore dei Children of Bodom
Brand da tenere d’occhio nel 2021
No: questo non è lo schema del chip Covid-19
Sotto l'albero del chitarrista: una guida disinteressata
Il Natale del Baby Boomer
Un plettro da 4,5 miliardi di anni
Ti annoi? Satchel ti insegna i versi degli animali sulla chitarra
L’Octavia di Band Of Gypsys battuto per 70mila dollari
Guitar Man: Joe Bonamassa in un documentario
I 5 acquirenti che non vorresti mai trovare
Lo sapevi che...? La nuova rubrica Instagram di Accordo.it
L’evoluzione inaspettata della mia pedalboard




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964