CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS SHOP
Come trasformare una chitarrina acustica
Come trasformare una chitarrina acustica
di [user #11826] - pubblicato il

Una semplice pialla e tanta iniziativa possono far scoprire una nuova voce in una vecchia chitarra acustica. Ci ha provato un nostro lettore, ma attenzione: il rischio di fare seri danni è dietro l’angolo.
Con il lockdown sono ritornato, come tanti, al primo amore: la chitarra acustica. Davanti alla TV a un certo punto mi sono detto "mobbasta!", mi sono ricordato di avere da qualche parte nascosta una dreadnought entry level tutta laminata e subito mi sono messo alla sua ricerca. Trovata: ho recuperato la mia Yamaha F310.

La spolvero e provvedo a ordinare una muta di corde nuove, essendo quelle montate talmente ossidate da rischiare un'infezione. Già che ci sono, compro sella e piroli in ottone e cambio il capotasto (in avorio sintetico, non trovandone in ottone di misura corrispondente al mio).
Con le .012 la Yamahina faceva quel che poteva. Sono quindi passato a una muta .013 senza grande soddisfazione e sono, infine, approdato alle .014 Daddario che permettono alla poverina di tirare fuori un vocino bello grasso, sebbene ancora plasticoso.

Come trasformare una chitarrina acustica

L'amore per l'acustica in quest'anno tribolato è cresciuto e con esso la GAS. Oggi mi ritrovo con due belle chitarre in massello, la prima con fondo e fasce in palissandro e la seconda in mogano, di cui sono pienamente soddisfatto.
Per farla breve, tale era la mia gratitudine nei confronti della mia Yamahina per aver riacceso in me il "fuoco sacro" che proprio mi sembrava improponibile dimenticarla di nuovo, anche se non più in soffitta ma su un treppiede.
La differenza rispetto alle nuove arrivate era troppo evidente, un po' come tra una utilitaria e un'auto di lusso.
A volte però capita che, mentre sei in corsia di sorpasso con la tua auto fiammante, arrivi da dietro uno che ti lampeggia insistente chiedendo strada. Tu accosti perché il blasone ammette solo contegni educati e vieni superato a tutta birra da un'utilitaria rivestita in chiave "sport hatch" guidata da un tizio con l'aria molto soddisfatta.
Mi sono detto: qualcosa devo fare per "truccare" la F310, anche a costo di rischiare di fare un danno.
Ho tolto il battipenna, qualcosa è successo. Eureka! Ecco l'idea.

Come trasformare una chitarrina acustica

Nella mia ignoranza, so che la differenza sostanziale tra una Martin D28 e una HD28 sta tutta sotto la tavola. La catenatura di entrambe è del tipo a X ma, a differenza della D28, la HD28 ha catene del tipo "scallopped". In sostanza il liutaio pialla i listelli di legno che compongono la catenatura creando degli incavi. Questa operazione permette alla tavola di vibrare più liberamente incrementando il volume e la risposta, soprattutto, dei bassi.
Detto fatto: ho comprato un piallino mignon e tanta carta vetrata. Ho chiesto scusa alla Yamahina per il disastro che stavo per compiere e ci ho dato dentro.

Ho "scalloppato" tutto: la X, le due tone bar in fondo alla tavola, le piccole laterali... tutto. Dentro la yamahina etti di trucioli e la mia mano piena di graffi, quasi a condividere il dolore.
Finito. Ho aspirato tutto il materiale, passato unguenti, linimenti e olio paglierino. Ho scalato la muta di corde da .014 a .013 (non si sa mai che ora si apra come una scatola di tonno), accordato, lucidato e lasciato riposare la poverina.

Il pomeriggio ho provveduto a riaccordare e ho suonato la nuova "Yamahina F310 Supersport". Che dire: è un'altra chitarra. Ovviamente non è una Martin HD28 ma ha voce e bassi che non sfigurano con le mie chitarre di livello superiore. Nessun evidente cedimento patito.
Al momento la suono con grandissimo gusto e sono particolarmente stupito e orgoglioso dell'incremento sonoro ottenuto, tanto che ho acquistato a un prezzo ragionevole una Ibanez AW3000NT di dieci anni fa che era in negozio reietta a far nulla. È tutta in massello, tavola di abete Engelmann e fondo e fasce in mogano. Già così suona molto bene. La cosa interessante e che da quel che vedo e, soprattutto, sento sotto la tavola le catene non sono scalloppate...
Vi farò sapere!
chitarre acustiche f310 fai da te gli articoli dei lettori yamaha
Mostra commenti     50
Altro da leggere
L'attacco dei cloni: EP o BP Booster?
La Dave Mustaine è la prima Gibson acustica con 24 fret
Il controllo del tono del Dumble Overdrive Special anni '70
Il controllo del tono del Dumble Overdrive Special anni ‘60
Guild Guitars: storia di un sogno americano
Gretsch G5021E: torna il pinguino parlor ed è elettrificato
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Yamaha THR100H Dual
Seguici anche su:
Altro da leggere
Le chitarre Fender diventeranno NFT da collezione?
This Is Spinal Tap: confermato il sequel nel 2024
Marty Friedman: ecco perché la gente skippa gli assolo
Rara Les Paul burst del 1960 spunta da una soffitta: sì, può ancora ...
È morto Richard Benson: chi era il chitarrista, il personaggio, l’u...
Gear: la Flop Ten di una vita - Parte 1
Flea dei RHCP nell’universo di Star Wars
Guitars of my life: una top 10 romantica
Il paradosso di Enesidemo (ovvero, noi delle chitarre non sappiamo un ...
Crisi delle valvole: Western Electric le produrrà in USA
Dal metal alle big band: Mark Tremonti canta Sinatra per la Sindrome d...
Visita alla fabbrica Gibson nel 1967: guarda il video
Niente più valvole dalla Russia: cosa succede, cosa provocherà
Quel dubbio che ci frega. Sempre
La GAS come l’amore? Una storia semiseria




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964