CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS SHOP
Registrare un live di Paul Gilbert
Registrare un live di Paul Gilbert
di [user #28271] - pubblicato il

"Live at Brighton" è un album dal vivo di Paul Gilbert uscito gli scorsi mesi e registrato durante il tour del 2016. Il live è nato dal desiderio di Paul di immortale su un “official release” la data di Brighton, che coincideva con il giorno del suo 50esimo compleanno. Quella data, faceva parte del mio terzo tour Europeo (e Medio Orientale) al fianco di Paul come FOH (Front of the House) engineer e mio è stato l’onere e l’onore di realizzare quella registrazione.


Nello scorso articolo abbiamo parlato del delicato processo di registrare una band che suona live.  Bisogna gestire le esigenze della serata – esigenze che fanno i conti con le caratteristiche sonore della venue in cui si suona - e, al tempo stesso, preservare la pulizia e naturalezza delle riprese, senza compromettere la resa della performance live chiedendo ai musicisti degli ascolti e dei volumi che non sono quelli per loro soliti o ottimali.
Nell'articolo di oggi, andiamo sul concreto con il resoconto della registrazione di una serata live di Paul Gilbert, diventata un disco.


La location dove avremmo registrato era il Concorde 2, un grazioso locale con vista sulla gigantesca spiaggia della località britannica. Informandomi, scoprii che palco e dimensioni generali del palco non erano comparabili a quello di venue classica; le condizioni in cui avremmo registrato non sarebbero state tra le più “generose” acusticamente. Motivo che mi diede qualche pensiero, per via delle problematiche intrinseche nel riprendere una serata in condizioni non esattamente ottimali.

Registrare un live di Paul Gilbert
 
Assieme alle criticità della location, avevo però una nota positiva di partenza: sul palco, per questo tour, Paul Gilbert saliva in modalità da super power trio: lo straordinario Thomas Lang alla batteria (per la seconda volta in tour con Paul) affiancato dal bassista Pete Griffin (Zappa Plays Zappa, Generation Axe). Se invece, ci fosse stata la formazione estesa dei precedenti tour (con le tastiere o una seconda chitarra) le dimensioni modeste del palco avrebbero davvero complicato il controllo del suono in funzione di una registrazione.
Nel caso di una registrazione live, infatti, la principale problematica è la gestione delle fonti sonore: bisogna cercare di avere una buona separazione dei singoli elementi in registrazione ma, allo stesso tempo, non snaturare lo “stage plan” della band sul palco… né tantomeno compromettere la resa della performance live chiedendo ai musicisti degli ascolti e dei volumi che non sono quelli per loro soliti o ottimali.
Comunque, la serata partiva decisamente in salita dal momento che, viste le dimensioni contenute del locale, non ci sarebbe stata nemmeno un fonico di palco ad affiancarmi e quindi con la gestione del sistema multicanale di monitoring, in nostra dotazione per il tour, era interamente delegata a me.
 
Registrare un live di Paul Gilbert

Quindi, il mio lavoro per quella sera si triplicava: dovevo seguire il mix del live, gestire gli ascolti dei musicisti mix live stando e registrare non perdendo mai di vista il mio  portatile, incrociando le dita che la registrazione non si “piantasse” per qualsivoglia motivo.
E il tutto, dopo aver passato un delicato soundcheck dedicato a verificare -empiricamente- i vari rientri dei microfoni, che il sistema fosse stabile e che effettivamente il segnale arrivasse pulito a Pro Tools direttamente dai microfoni e dai pre amplificatori… cosa che non è mai cosi scontata! Sulle spalle, poi, avvertivo chiara la leggerissima pressione psicologica di giocarmi la serata della data dei primi 50 anni di Paul Gilbert!
Provo allora a riassumere le principali criticità che interessavano il palco e le soluzioni adottate. Partiamo dalla batteria e dagli overheads che erano costituiti da 2 microfoni in pseudo stereo posizionati sopra il set. Questi avevo deciso di posizionarli un po’ più bassi del solito ma soprattutto più orientati: questo posizionamento mi avrebbe aiutato ad abbattere i rientri dal palco e a non avere il suono troppo diretto del rullo.
Thomas Lang utilizza la doppia cassa e questa necessitava di qualche accorgimento in più che, a franto di un maggiore lavoro in loco, mi avrebbe poi agevolato in fase di mix: i microfoni sarebbero stati 4, due per cassa. Un microfono cardiode a diaframma largo direttamente fuori dalla pelle esterna e, soprattutto, uno appoggiato all’interno. Questa microfonazione avrebbe beneficiato il mix finale grazie ad una buona separazione dei segnali e l’abbattimento di suoni esterni indesiderati.
Sicuramente, in una situazione dalle dinamiche forti come questa non mi preoccupavano particolarmente il rullo o il charlie, né tantomeno i tom: in aggiunta ai loro specifici microfoni di prossimità sarebbero stati comunque aiutati in larga misura dagli stessi overhead.
 


Per il basso, invece, sarebbe stato cruciale acquisire e registrare gelosamente soprattutto l’uscita DI della testata.
E veniamo al set up di Paul Gilbert, costituito da doppi amplificatori, nuovamente affidati a due cardioidi di prossimità (1 per ampli) posizionati sui coni.
Aggiungo una piacevole nota: Paul è un grande professionista, musicista di lunga data e come tale conscio delle problematiche di un live show nel suo intero; per questo, Paul è sempre particolarmente sensibile alle caratteristiche della venue ed alle problematiche che al fonico queste caratteristiche possono creare. Così chiede sempre al fonico se il suo amplificatore è troppo alto. E non è una cosa da poco, visto che di solito, il chitarrista medio, o non lo chiede affatto o pacificamente ti chiede se può alzarne il volume ancor di più!
Queste attenzioni da parte di Gilbert, sono estremamente pregevoli, considerando che so che se fosse per lui, il volume del suo ampli farebbe frantumare i vetri…
Questa di Brighton è stata proprio una di queste occasioni di mediazione, dove abbiamo cercato una buona combinazione di volume che fosse forte ma “giusto” sul palco e che non contrastasse troppo con il suono esterno del P.A. Tale attenzione e sensibilità di Paul mi consentì di avere il controllo effettivo sui fader di tutti gli strumenti durante la serata!
 
Registrare un live di Paul Gilbert

“Last but not least” il tema voce: qui è dove realmente i margini di manovra sono ridotti all’osso: dove le dimensioni del palco non lasciano scampo circa il fatto di essere proprio di fronte e vicino alla batteria e proprio di fronte e vicino agli ampli di chitarra! Come se non bastasse, bisogna aggiungere che Paul non è un cantante “urlatore”, parametro che fa la differenza nei livelli in ingresso ma soprattutto nella separazione della voce dal resto del delirio che avviene sul palco.
 
Registrare un live di Paul Gilbert

Vi dico subito che c’è poco da fare in loco: se comprimi, in acquisizione per la registrazione, quasi sicuramente peggiori la situazione aumentando sì globalmente la voce ma diminuendo ulteriormente e pericolosamente il gap tra la voce diretta e ciò che dall’ esterno rientra.
La soluzione è acquisire al meglio e filtri in basso di “ufficio”! 
Poi, per quel che riguarda il mix della serata, servirà aiutarsi con compressione ma – soprattutto - lavorare molto di fader, caratteristica propria del mio modo di mixare in live. Lavorare di fader significa seguire la serata con aggiustamenti istantanei e dinamici sui volumi, cosa che negli spettacoli di Gilbert accade senza soluzione di continuità su voce, chitarra, casse e rullo, più ovviamente vari ed eventuali!

Registrare un live di Paul Gilbert

Per ciò che sarebbe successo successivamente nel mix del disco invece, già prevedevo sarebbe stato fatto un forte lavoro di restauro del singolo canale, con filtraggi passivi anche specifici, tipo notching. Questo fino a ricostruire una voce sicuramente più debole dal punto di vista del volume ma il più possibile ripulita dai rientri; da lì in poi, avrei lavorato in maniera classica, applicando uno o due compressori in serie seguiti da EQ sia sottrattivi che additivi.
Sicuramente in questi casi le tracce ausiliari con gli effetti sono utili non solo per la creazione degli ambienti e dei delay ad hoc, ma anche per ricreare artificialmente delle “basse” sulla voce, basse scomparse a monte dopo la pulizia iniziale sullo stesso canale del microfono della voce.
Comunque e fortunatamente questa è diventata la cronaca di una serata felice: lo spettacolo (con torta a sorpresa a metà show per Paul) è andato più che bene; la registrazione pure ed il disco ancora meglio. 
So far so good!
 
Registrare un live di Paul Gilbert
enrico sesselego lezioni paul gilbert thomas lang
ABBIAMO BISOGNO DI TE!

Dal 1997 ACCORDO mette gratuitamente a disposizione di chi fa musica contenuti di qualità altissima. Competenze e lavoro per produrli comportano costi che la pubblicità fatica a coprire, soprattutto in questo periodo difficile. Per questo ti chiediamo una donazione, anche piccola, per aiutarci a mantenere la qualità che i musicisti italiani si aspettano da ACCORDO.

DONA ADESSO!
Link utili
Il sito di Enrico Sessselego
Il sito di Paul Gilbert
Il sito di Thomas Lang
Acquista l'ultimo Cd di Thomas Lang, "ProgPop"
In vendita su Shop
 
Jhs PG-14 Paul Gilbert Distortion
di Esse Music Store
 € 239,00 
 
IBANEZ - PGMM11JB Paul Gilbert mini mikro blue
di Music Works
 € 189,00 
 
Ibanez PGMM31WH Paul Gilbert Signature WH White
di Music Island
 € 185,00 
 
PLETTRO IBANEZ 1000PG-WH Paul Gilbert - bianco
di Centro della Musica
 € 0,90 
 
PLETTRO IBANEZ 1000PG-PW Paul Gilbert bianco perla
di Centro della Musica
 € 0,90 
 
PLETTRO IBANEZ 1000PG-JB Paul Gilbert - blu
di Centro della Musica
 € 0,90 
 
PLETTRO IBANEZ 1000PG-CA Paul Gilbert - rosso
di Centro della Musica
 € 0,90 
 
Ibanez PGMM11JB Paul Gilbert Signature Jewel Blue
di Music Island
 € 185,00 
Nascondi commenti     7
Loggati per commentare

di axis74 [user #1364]
commento del 17/02/2021 ore 08:15:53
Bellissimo e interessante articolo, Paul un mito!!
Rispondi
di enricosesselego [user #28271]
commento del 17/02/2021 ore 08:22:00
concordo sul tuo ultimo commento!
Rispondi
di latin28274 [user #45548]
commento del 17/02/2021 ore 13:41:58
Solo una domanda al gentilissimo (e bravissimo) autore dell'articolo: l'ampli era un Marshall TSL 100 noleggiato in loco?
Grazie
Rispondi
di enricosesselego [user #28271]
commento del 17/02/2021 ore 18:20:58
Ciao, quando il tour e' europeo e quindi con tour bus (e trailer) l' attrezzatura è quella dei musicisti, dagli ampli alla batteria.
E diciamo che in tour del genere si parla di 25-30 date cosi (immagina la copertura europea delle capitali ma non solo, per esempio in UK in quel tour furono 5 o 6 città) ; dopodichè si inizia a volare - tra Russia, Israele etc) ed in quel caso si utilizzano batterie ed ampli forniti dal promoter/organizzatore locale.

p.s. ad ogni modo ampli e batteria vengono recapitati "brand new" dai distributori europei dei vari marchi ad inizio tour ed ovviamente non vengono dagli USA in aereo...

p.p.s. se guardi mio canale youtube c'è un video con Thomas Lang e la batteria "del giorno" e ti fa capire che capita in questa situazione: a parte il classico soundcheck bisogna però prima accordare/verificare/settare l' equipaggiamento fornito in quella data particolare (li mi pare Goteborg 2013, quindi non il tour in questione, dove non ricordo perchè ci siamo arrivati in aereo anzichè in tour bus!
Rispondi
di latin28274 [user #45548]
commento del 18/02/2021 ore 10:13:04
Ok, quindi per il tour l'ampli era un Marshall JCM 2000 TSL 100 nuovo di fabbrica, senza modifiche alcune?
Grazie
Rispondi
di enricosesselego [user #28271]
commento del 18/02/2021 ore 17:36:3
si, i Marshall dei vari tour erano nuovi e (che io sappia ma ne sono praticamente certo) non modificati.
Difficile che Paul abbia ampli modificati, per la mia esperienza vissuta -anche in studio- con lui.
Rispondi
di latin28274 [user #45548]
commento del 19/02/2021 ore 13:07:23
Grazie per la risposta?
Sai che è? Che tante volte, e magari giustamente, ci impegniamo a trovare info per modifiche e segreti degli ampli dei grandi professionisti, e poi succede che usino roba assolutamente stock, solo gestita a dovere.
Lo stesso ampli (da tanti i Marshall JCM 2000 sono considerati tra i peggiori mai fatti) l'ho visto usare da Reb Beach in un concerto in un piccolo teatro di Volla, supportato solo da un overdrive e un delay. Risultato? Un suono mostruoso! :)
Rispondi
Altro da leggere
I Sex Pistols di Fasano, Rojatti, Scipione
Ampli o digitale? Intanto mettiamo le cuffie
Eddie Van Halen, la chitarra che amava la musica
Delay: il suono di Van Halen, Steve Vai e le voci nel Rap
Vandenberg: "Van Halen, il solo Guitar Hero degli '80"
Thomas Lang: "La mia batteria? Un lupo travestito da pecora"
Paul Gilbert: usare la Scala Blues maggiore
Paul Gilbert: "Ecco perché dovresti suonare la chitarra"
Jeff Bowders: "Che cosa ho imparato da Paul Gilbert"
Paul Gilbert: Triadi tra Rock e Musica Classica
Racer Café: intervista a Enrico Sesselego
Enrico Sesselego in Tour per Antelope
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
EPIPHON LES PAUL CUSTOM NERA
Visualizza l'annuncio
Amplificatore Fender Super Reverb primi anni 60
Visualizza l'annuncio
Ovation Custom Legend 1719 30CM Commemorative - 2004
Seguici anche su:
Altro da leggere
La collezione di Tommy Emmanuel in vendita per beneficenza
Spotify: il brevetto “ascolta” il tuo stato d'animo
Bruce Springsteen: Jeep ritira lo spot pubblicitario dopo la notizia d...
Chick Corea è morto
USA: fermate chitarre false per quasi 160mila dollari
Gli sviluppi delle accuse di molestie sessuali a Marilyn Manson
Dodi Battaglia: dal 12 febbraio il nuovo singolo "Il coraggio di vince...
Foo Fighters: il nuovo album "Medicine At Midnight"
Claudio Baglioni: stasera ospite d'eccezione a Stories Live
Morto Phil Spector, inventore del Wall Of Sound
JHS vende il primo Centaur mai prodotto
Il NAMM non si fa, ma i costruttori ci sono tutti
Canzoni sbagliate!
Morto Alexi Laiho: fondatore dei Children of Bodom
Brand da tenere d’occhio nel 2021




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964