CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS SHOP
Power Kabinet: come l’ampli in stanza, col Kemper
Power Kabinet: come l’ampli in stanza, col Kemper
di [user #116] - pubblicato il

Kemper promette di restituire la sensazione di una vera cassa per chitarra alle proprie spalle con il cabinet amplificato per il Profiling Amplifier.
Dopo quasi dieci anni di presenza sulle scene, il Kemper Profiling Amplifier ha cambiato nel profondo la prassi della musica suonata. Insieme agli innumerevoli dispositivi digitali che si sono fatti largo negli studi e sui palchi, il Kemper ha ridimensionato notevolmente la presenza degli amplificatori tradizionali. Ciò ha dato vita a un problema: i chitarristi hanno rischiato di dover rinunciare alla sensazione e al feeling inimitabile di un cabinet lanciato a tutto volume alle proprie spalle. Oltre al semplice godimento dell’esperienza, una cassa per chitarra vecchio stile sul palco influenza senza dubbio il suono e il playing stesso del musicista, interagendo con lo strumento in un rapporto continuo in due sensi.
Dalla stessa Kemper arriva ora la soluzione: una cassa appositamente progettata per il sistema digitale, ma pensata per suonare nell’aria esattamente come farebbe un comune cabinet per chitarra elettrica.

Power Kabinet: come l’ampli in stanza, col Kemper

Il Kemper Power Kabinet nasce dal concetto già espresso con il Kone e con il primo Kabinet passivo, aggiungendo sul piatto una versione attiva con 200 watt di potenza integrati per sonorizzare i processori Kemper privi di finale.

Il sistema differisce profondamente nel concetto rispetto a una cassa FRFR o un impianto PA a cui si è soliti collegare processori come il Kemper Profiling Amplifier.
È basato sui Kemper Kone, altoparlanti da 12 pollici appositamente disegnati da Celestion per i sistemi Kemper ed è pensato per riportare l’esperienza di avere un cabinet per chitarra nella stanza.

Attivando la funzione Monitor Cab-Off, la cassa passa da una modalità full range a quella denominata Speaker Imprint Mode, progettata per emulare la risposta ambientale tipica di uno tra 19 cabinet per chitarra tradizionali, senza replicare la resa di un suono microfonato come avviene normalmente con i profili virtuali.

Grazie all’interazione con il Profiling Amplifier, l’utente può scegliere di legare ogni Imprint a un suono programmato nel Kemper, così da garantirsi sempre il timbro più adatto al caso, da un lato nei profili microfonati inviati al mixer, dall’altro nel suono “naturale” proveniente dal suo cabinet spia personale sul palco.

Power Kabinet: come l’ampli in stanza, col Kemper

Il Kemper Power Kabinet riporta un controllo di volume dedicato in un angolo dello chassis e, sul retro, monta presa d’alimentazione e un jack d’ingresso, tutto in una struttura closed back alla cui base è presente un supporto per inclinare leggermente all’indietro la cassa e rivolgere così il suono verso le orecchie del musicista.

Sul sito Kemper, il Power Kabinet può essere visto più da vicino a questo link, con scheda tecnica completa dell’intera serie e foto dettagliate.
kemper power kabinet profiling amplifier ultime dal mercato
Link utili
Kemper Kone e Kabinet spiegati su Accordo
Power Kabinet sul sito Kemper
Kemper su Musicarte Store
Nascondi commenti     12
Loggati per commentare

di NICKY [user #46392]
commento del 16/04/2021 ore 08:46:4
Bastardiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii
ho comprato una Red Sound LG12 attiva 2 mesi fa, e l'ho pagata pure più di questa!!!!!!!!
Rispondi
di Zoso1974 [user #42646]
commento del 16/04/2021 ore 10:13:07
...ancora qualche step di sviluppo ed il kemper si trasformerà finalemente in quello che ha sempre voluto essere, un combo valvolare... :o)))
Rispondi
di MuddyWaters [user #47880]
commento del 16/04/2021 ore 10:57:42
Almeno varrebbe tutti i soldi che costa.
Rispondi
di francescolomunno [user #38311]
commento del 16/04/2021 ore 13:17:4
stavo per scriverlo io....a quando il kit groove tubes specificamente progettato per kemper?
Rispondi
di rabbitjoke [user #49842]
commento del 16/04/2021 ore 13:43:58
Buahahaha !! 😂😂👍👍
Rispondi
di TumblinDice [user #38343]
commento del 16/04/2021 ore 19:22:25
Mi sono ribaltato dalla sedia dalle risate 😂
Rispondi
di 34ale46 [user #40177]
commento del 18/04/2021 ore 20:49:37
Non si poteva dire niente di più giusto e divertente allo stesso tempo........mi hai fatto veramente ridere di gusto
Rispondi
di francesco72 [user #31226]
commento del 19/04/2021 ore 08:43:59
La battuta ci sta, peccato che in questo caso l'ingombro ed il peso di un ampli equivale al suono di (potenzialmente) migliaia di combinazioni.
Ciao
Rispondi
di Zoso1974 [user #42646]
commento del 19/04/2021 ore 09:14:51
Vero vero... era una battuta ovviamente... comunque personalmente faccio già fatica a gestire per bene un solo suono... l'idea di averne migliaia mi mette solo ansia.
Rispondi
di Repsol [user #30201]
commento del 16/04/2021 ore 18:31:29
Io non ho nessuna esperienza di Kemper ma mi stavo chiedendo quanto davvero possa servire questo cabinet. Da quel che ho capito, ti da la possibilita' di avere il tuo suono senza la microfonazione: ok, ma quanto e' importante per un musicista avere questo suono? Davvero, io non sento questa esigenza. Mi capita di suonare sia ascoltandomi dalla spia che dall'ampli direttamente e ovviamente ci sono delle differenze, ma non ho mai avvertito l'esigenza di sentirmi dall'ampli....magari il piacere si, ma non l'esigenza.
Forse appunto perche' non conosco il Kemper.
Rispondi
di elguitarron [user #8109]
commento del 18/04/2021 ore 18:02:38
Quanto dici è giusto, in teoria il digitale ti svincola dal FOH o palco e questo è il suo punto di forza, mandi al mixer uno/due cavi e sei a posto sempre. Però ci sono ancora chitarristi che non hanno fatto il salto completo, ma vogliono sentire ancora la botta delle casse e infatti suonavano con finale e cassa, oppure con casse definite "GRFR", senza tweeter. Qui hanno fatto una cosa più versatile, perché può essere usata anche senza imprint e dovrebbe fare anche da cassa lineare, ma resta il fatto che siamo una categoria molto vincolata al passato e i produttori ne devono tenere conto, i tastieristi hanno superato questa fase già da molto tempo.
Rispondi
di Repsol [user #30201]
commento del 18/04/2021 ore 18:40:58
Ora mi e' un po' piu' chiaro...ti ringrazio.
Rispondi
Altro da leggere
Neucab/Viper sono i cavi Bespeco con jack Neutrik, anche Silent
Yamaha THR si rifà il look per i 10 anni
Orchestra d’archi in un pedale: EHX S9
Baroni AFK150: ampli ibrido a due canali in pedaliera
GTRS P800: la chitarra smart Mooer diventa Professional
Custom Origins: le Les Paul a 6 e 7 corde di Matt Heafy
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Visualizza l'annuncio
gibson les paul tribute
Seguici anche su:
Altro da leggere
Il nemico in pedaliera
Stratoverse: Fender è nel metaverso
Ecco… Il Guanto: il synth futuristico di Matt Bellamy
Su Radiofreccia uno speciale sui Rolling Stones
Ikea pensa ai musicisti: arriva Obegränsad
Usato: abbiamo perso la ragione?
PRS è al lavoro su una Tele-style con Myles Kennedy?
Bob Taylor si ritira: annunciato il nuovo CEO e Presidente
Nick Drake e gli altri: Guild, icona al collo dei giganti
Le chitarre Fender diventeranno NFT da collezione?
This Is Spinal Tap: confermato il sequel nel 2024
Marty Friedman: ecco perché la gente skippa gli assolo
Rara Les Paul burst del 1960 spunta da una soffitta: sì, può ancora ...
È morto Richard Benson: chi era il chitarrista, il personaggio, l’u...
Gear: la Flop Ten di una vita - Parte 1




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964