CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS SHOP
La posizione del pickup al manico tra mito e scienza
La posizione del pickup al manico tra mito e scienza
di [user #17844] - pubblicato il

Sulla stragrande maggioranza delle chitarre in commercio, il single coil al manico è in corrispondenza del 24esimo tasto virtuale, cioè dove cade la quarta armonica. Ma tutto questo conta davvero?
La tradizione vuole che Leo Fender, nel progettare la Telecaster e la Stratocaster, abbia voluto posizionare i pickup in corrispondenza di precise armoniche superiori, secondo rigide regole acustiche.
In questa storia c’è del vero. In un certo senso.
E la Stratocaster deve il suo suono anche a questo aspetto. In un certo senso.

La posizione del pickup al manico tra mito e scienza

Cos’è un’armonica
Prima di cominciare, occorre aprire una parentesi sul concetto di armonica.
In natura, un’onda sonora “pura”, la semplice sinusoide per intenderci, non esiste.
Tutti i suoni prodotti da un corpo vibrante, che sia la pelle di un tamburo, la voce umana o la corda di una chitarra, rappresentano la somma di una serie di onde, le cosiddette armoniche.
Queste nascono sulla frequenza detta “fondamentale”, che definisce quella che noi percepiamo come la nota prodotta. Questa frequenza, si diceva, porta con sé una serie di altre frequenze via via più acute e legate alla prima attraverso un preciso rapporto matematico, in qualità di multipli della prima.
Tutte le frequenze in gioco concorrono a formare l’onda sonora finale e l’intensità stessa delle armoniche superiori definisce il timbro, cioè quello che ci permette di identificare la fonte sonora e quindi distinguere la nota di un pianoforte dalla stessa emessa da una tromba, ma anche - in maniera più sottile - una Stratocaster da una Les Paul.

La posizione del pickup al manico tra mito e scienza

Che c’entra la posizione
Ogni suono proviene da un corpo che vibra fisicamente nello spazio e, come tale, occupa appunto… “spazio”.
Così come un oscilloscopio può mostrare la forma d’onda su uno schermo, una corda che vibra compie una rappresentazione pratica di quell’onda.
Su una chitarra, si può pensare alla corda come al segnale stesso in movimento, dal ponte al capotasto, al cui interno stanno realmente avvenendo tutti i fenomeni precedentemente descritti. Anche questi saranno riscontrabili fisicamente lungo la corda, dal ponte al capotasto.

La posizione del pickup al manico tra mito e scienza

Nella rappresentazione - una sovrapposizione del concetto di armoniche superiori alla scala di una Stratocaster - è possibile notare dei “nodi”, dei punti dove la corda resta immobile mentre a vibrare sono le porzioni immediatamente precedenti e successive.
Quei punti sono reali, fisicamente presenti su una corda che vibra e qualunque chitarrista abbia mai sperimentato la tecnica degli armonici naturali ne conosce almeno una manciata.

Gli armonici sulla chitarra
La tecnica degli armonici naturali consiste nel plettrare una corda a vuoto mentre, con un dito della mano sinistra, si sfiora la corda nel punto corrispondente a uno di quei nodi. Il suono risultante sarà per l’appunto l’armonica generata: la seconda armonica si troverà a metà diapason, cioè al 12esimo tasto, la terza in corrispondenza del 19esimo o del settimo, la quarta a ridosso del single coil al manico (virtualmente, il nostro 24esimo tasto) o del quinto, e così via.
È possibile notare come, man mano che l’ordine delle armoniche cresce, la posizione delle stesse si avvicina e, per pizzicarle, bisogna andare sempre più a ridosso del ponte o del capotasto, fino a incontrare armoniche così flebili e così acute da uscire dal campo dell’utilizzo pratico.

Il pickup sotto l’armonica
È impossibile non notare come il single coil al manico sia posizionato esattamente sotto il nodo della quarta armonica e la "pancia" della seconda armonica, la prima disponibile dopo la fine della tastiera. In effetti, non è un caso.
Nel progetto di Leo Fender, già al primo esperimento con la Telecastrer, la posizione sarebbe stata strategica.
È più difficile dire lo stesso riguardo il pickup al ponte, inclinato e in una zona di per sé talmente ricca di armoniche e in particolare di armoniche estremamente più alte da rendere impossibile definire sotto quale armonica si trovi ognuno dei poli e se questa rientri effettivamente nello spettro udibile (o quantomeno apprezzabile).
Peculiare è la posizione del pickup centrale, introdotto con la Stratocaster. Questo cade esattamente al centro tra i nodi della sesta e della settima armonica, con la terza armonica che vibra più libera miscelandosi con una quarta armonica piuttosto presente mentre la fondamentale e la seconda perdono vigore, cioè le frequenze primarie per definire l'altezza di una nota (rappresentano rispettivamente la nota stessa e la sua ottava superiore).

Un'integrazione sul concetto di timbro (aggiornamento)
Su riflessione dell'utente TidalRace, è interessante notare come il punto di vista possa capovolgersi se si prendono a riferimento le aree di massima ampiezza anziché i nodi.
Tale visione, che appoggiamo e che approfondiamo qui di seguito, porta il pickup al manico in una zona dove è la seconda armonica a compiere l'oscillazione più ampia, mentre la terza e la quinta sono più deboli e la quarta è cancellata, in quanto sul suo nodo. Si tratta insomma di un segnale dove la prima e la seconda armonica sono più evidenti, le successive meno: paradossalmente, un suono tanto amato si rivela impoverito delle decantate armoniche superiori.
Il pickup centrale cade in un punto dove la prima armonica è debole, la seconda meno presente ma la terza è più forte. Quello al ponte si muove in un punto interessato addirittura dalla settima armonica, che per natura ha comunque un'ampiezza di gran lunga minore rispetto alle precedenti armoniche, fondendosi a esse e rendendo difficile definire quanto quella precisa armonica sia in grado di svettare sulla miscela.
Ampliando il discorso a tutti i pickup e alle armoniche che si sovrappongono sopra di essi, creando appunto il segnale completo e il timbro che l'utente avverte, diventa più chiaro il fenomeno acustico per il quale un pickup ha una voce più brillante via via che si sposta dal manico verso il ponte. La corrispondenza delle armoniche sulle geometrie dei pickup sono un interessante campo di studio, finché si ragiona per corde a vuoto.

A vuoto
Quanto illustrato finora vale per le corde pizzicate a vuoto, perché la situazione cambia quando si suona una nota su un tasto.
Pizzicare una nota mentre si preme qualsiasi tasto sulla chitarra modifica la lunghezza del corpo vibrante, cioè della corda stessa che entra in vibrazione. All’accorciare della corda consegue uno spostamento di tutti i punti in cui nascono le diverse armoniche superiori. Lo schema insomma si comprime spostando tutto verso il ponte man mano che procediamo lungo la tastiera.

La posizione del pickup al manico tra mito e scienza

Il giocattolo si rompe
Si può notare come, suonando una corda su un qualsiasi tasto, tutta la corrispondenza tra le armoniche, i tasti e i pickup vada a farsi benedire.
Se premiamo le corde al quinto tasto, la seconda armonica non cadrà più al 12esimo tasto, bensì al 15esimo, la terza sarà invece vicino al pickup al manico e la quarta armonica sarà a metà strada tra pickup al manico e pickup al centro.
Suonando su altri tasti, la posizione delle armoniche si sposterà leggermente in avanti e indietro, facendoci trovare spesso nella condizione in cui nessuna armonica cade esattamente sul pickup al manico, ma alcune un po’ più avanti, alcune un po’ più indietro.

È possibile verificare tale fenomeno con la tecnica del cosiddetto tapped harmonic, quel tipo di armonico che si esegue tenendo un tasto premuto con la mano sinistra e picchiettando con un dito della mano destra in corrispondenza dei nuovi “nodi” risultanti. Il più facile da ottenere è esattamente all’ottava superiore, 12 fret più in là rispetto alla nota suonata.

Tutto inutile?
Anche se la geometria perfetta di Leo Fender viene a cadere mentre si suona, non vuol dire che non resti valida.
Di certo, la posizione dei pickup su una Stratocaster rappresenta un ottimo riferimento per orientarsi nell’esecuzione degli armonici naturali con le corde a vuoto, ma non è solo questo.
Sia che ci troviamo a suonare con un microfono in corrispondenza dell’esatto nodo di un’armonica o che questa cada “un po’ più in là” a seconda della nota emessa, è innegabile che il suono risultante sia dovuto alla posizione del pickup che stiamo usando.
Un pickup al manico forse non suona così “perché si trova sotto la quarta armonica della nota”, ma è innegabile che suonerebbe in modo molto diverso se solo fosse montato due centimetri distante. Lo stesso si dica per quello al centro e per quello al ponte, e tanto ci basta per goderci la loro magia, un’alchimia che ha disegnato il suono della chitarra elettrica così come lo concepiamo e che ancora oggi ben pochi hanno osato modificare.

Uno spunto di riflessione
Si può notare come, cercando di suonare un armonico naturale in corrispondenza del pickup al manico con le corde a vuoto (quarta armonica), questo venga facilmente amplificato se usiamo il pickup centrale o quello al ponte, mentre risulta davvero arduo da eseguire se abbiamo selezionato il pickup al manico, proprio perché la corda, in quel punto, semplicemente non vibra. Sarebbe quindi da chiedersi se non sia più corretto affermare che il pickup al manico è posizionato dove la quarta armonica, in realtà, NON è.

Meditate gente… oppure, tornate a strapazzare le vostre Strat e non date troppo peso a quanto avete appena letto.
chitarre elettriche curiosità fender il suono liuteria stratocaster
SOSTIENI LA MUSICA

Dal 1992 ACCORDO si impegna a favore di chi fa musica, offrendo gratuitamente contenuti di alta qualità e servizi. Sostieni ACCORDO per sostenere la musica italiana nella sua stagione più difficile.

Dona adesso e usufruisci dei serviizi riservati ai sostenitori!
In vendita su Shop
 
AKAI Force
di Banana Music Store
 € 1.396,00 
 
SCHALLER BML NICKEL SINGOLA
di Boxguitar.com
 € 20,00 
 
ALDEN - BLUES LINE ZE + SOFT CASE
di Music Works
 € 759,00 
 
Wittner 845161 Metronomo Meccanico Black senza Campana
di Music Island
 € 49,00 
 
Pickup Stratocaster Little '59 black
di Chitarre e componenti
 € 45,00 
 
Soundsation WF-U216HP
di Banana Music Store
 € 114,00 
 
Suzuki - Violin School Volume 2
di Banana Music Store
 € 11,00 
 
Valeton SURGE EP-1 Wah/Pedale Volume Attivo per Chitarra
di Music Island
 € 69,00 
Nascondi commenti     18
Loggati per commentare

di Axilot [user #52908]
commento del 21/05/2021 ore 08:48:37
Interessante.
Effettivamente mi era sempre venuto il dubbio.
Forse a Leo Fender gli armonici non piacevano e voleva un pickup per escluderli!
Rispondi
di TidalRace [user #16055]
commento del 21/05/2021 ore 09:01:49
Il pickup al manico è posizionato sotto il nodo della quarta armonica (dove l'ampiezza è nulla) delle corde a vuoto e non sul ventre della stessa (dove l'ampiezza sarebbe massima), per cui l'apporto della quarta armonica è nullo, ma è massimo quella della seconda armonica, l'ottava superiore della corda a vuoto. Infatti per me è posizionato sul ventre della seconda armonica. Da notare anche la massima ampiezza della sesta armonica che corrisponde ad una quinta (7 semitoni) spostata di ben due ottave sopra.
Rispondi
di Pietro Paolo Falco [user #17844]
commento del 21/05/2021 ore 09:27:23
Ciao, giustissima riflessione, grazie! Abbiamo integrato l'articolo con un paragrafo apposito.
Rispondi
di MetalPaul [user #31291]
commento del 21/05/2021 ore 16:09:46
Ciao, una cosa non mi è chiara: alla fine di tutto questo discorso, perché praticamente tutti i chitarristi basano il proprio suono principale sul pick-up al ponte (soprattutto se humbucker), se questo - mi pare di aver capito - è quello più lontano da armoniche apprezzabili dal nostro orecchio? Per intenderci, io personalmente ho sempre usato il magnete al ponte per le ritmiche e per le parti soliste fino al 12° tasto, quello al manico per le parti soliste dal 12° in su, e la coppia per i puliti.
Rispondi
di Pietro Paolo Falco [user #17844]
commento del 21/05/2021 ore 19:04:15
Ciao, direi che si tratta principalmente di una questione di gusti ed esigenze. Giustificare la presenza di alcune armoniche anziché altre sul piano tecnico non vuol dire aver trovato un suono per forza migliore o più adatto al caso proprio. Il pickup al ponte, per esempio, si rivela adeguato alle distorsioni, è più presente e incisivo proprio per lo spettro di frequenze spostato verso gli acuti.
Quello che fai tu è una prassi diffusa, ma basta pensare che, su chitarre come la Les Paul, il pickup al manico è indicato con "rhythm" e quello al ponte come "lead", cioè il primo per le ritmiche e l'altro per gli assolo. È il classico esempio di come una cosa nata in un certo modo venga poi stravolta dall'utilizzo pratico e dai gusti dei musicisti che ne faranno uso.
Rispondi
di pelgas [user #50313]
commento del 21/05/2021 ore 21:57:29
Perché sotto il pick-up al ponte si genera il minimo della perfezione d'onda e quindi il massimo della timbrica dello strumento. Il suono ne esce povero ma riconoscibile. Poi saranno le valvole a donargli armoniche.
Rispondi
di Max Scarpanti [user #56093]
commento del 22/05/2021 ore 09:53:36
Ciao, ce ne sono tanti che prediligono il single al manico, SRV, Eric Clapton per citarne un paio famosi.

Secondo me un Blues con una Strato non è Blues senza single al manico.

Sono devoto al Blues, per questo motivo lo scrivo con la maiuscola.

Buona giornata ;)

Rispondi
di Arch [user #51394]
commento del 21/05/2021 ore 09:22:18
Articolo interessante! Bello!
p.s.: bellissima la strato in foto : D
Rispondi
di McTac [user #47030]
commento del 21/05/2021 ore 10:21:06
Bel articolo.
Bravi
Rispondi
di sonicnoize [user #36973]
commento del 21/05/2021 ore 13:03:38
Articolo davvero interessante. Grazie
Rispondi
di WATERLINE [user #51250]
commento del 21/05/2021 ore 18:28:55
Per le chitarre che hanno 24 tasti ? Tutto questo non vale o sbaglio?
Rispondi
di Pietro Paolo Falco [user #17844]
commento del 21/05/2021 ore 19:00:30
Esatto, le chitarre con 24 tasti rinunciano per forza di cose alla posizione classica per il pickup al manico. E sarà tema per un prossimo articolo!
Rispondi
di pelgas [user #50313]
commento del 21/05/2021 ore 21:58:10
Purtroppo no. Ma sono dettagli.
Rispondi
di Cukoo [user #17731]
commento del 21/05/2021 ore 21:25:41
Interessante. Aggiungerei il fatto notevole che colpendo con il plettro in corrispondenza di un nodo di una certa armonica, quell'armonica proprio non ci sarà nel suono complessivo. E questo indipendentemente dalla posizione dei pickup (vale anche per una chitarra acustica). Quindi un modo definitivo di 'ammazzare' la quarta armonica (o si dice 'mangiare la frequenza della quarta armonica'?) anche selezionando il PU al ponte è quello di plettrare in corrispondenza del PU al manico (l'esempio vale con corde a vuoto, ovviamente).
Altro esempio facile: pizzicando la corda a vuoto in corrispondenza del 12° tasto non ci sarà la seconda armonica. E non ci saranno tutte le armoniche pari.
Eccetera.
Rispondi
di pelgas [user #50313]
commento del 21/05/2021 ore 21:54:17
Il nut preme in maniera fissa e innesca una prepotente vibrazione sempre nello stesso punto, al di là del tasto premuto, lungo il manico.
Anche il ponte fa lo stesso. Le onde si propagano e si incontrano sotto il dodicesimo fret, in quanto la velocità di propagazione è la stessa sia nell'acero che nel frassino o ontano. Sicché un nodo pari sarà sempre presente, al di là della nota, sotto il pick-up al manico. Ciò probabilmente è quasi impercettibile, ma ogni chitarrista con esperienza sa che la posizione del pick-up invece dà quella sfumatura al sound.
Rispondi
di Cukoo [user #17731]
commento del 22/05/2021 ore 00:43:32
Pelgas, stai riscrivendo la fisica classica! Il mio consiglio è di rileggere l'articolo di Pietro: è fatto bene ed è molto chiaro.
Probabilmente stai cascando nel solito tranello (molto comune, anche nei chitarristi con esperienza, inesperti di fisica) di considerare una vibrazione come qualcosa che se ne va in giro, avanti e indietro per la chitarra, magari rimbalzando. Non è così nella realtà. Il comportamento della chitarra si descrive con 'onde stazionarie'.
Ma forse stai scherzando ed io ci casco come un vecchio pirla.
Rispondi
di Baconevio [user #41610]
commento del 09/06/2021 ore 07:26:01
pietro, fa caldo...
Rispondi
di Pietro Paolo Falco [user #17844]
commento del 09/06/2021 ore 08:38:40
Sarà quello! 😂
Rispondi
Altro da leggere
Il condensatore della Telecaster messicana
Fender svela le Player Plus: le testiamo in anteprima
Fender: la Stratocaster e il Princeton Reverb in versione Lego
Jazz Bass del 1960 e Stratocaster del 1959: come cambia il Sunburst? Il restauro Tone Team
Le Squier Paranormal in video
Paul Stanley positivo al COVID-19: “mi ha preso a calci”
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Fender Stratocaster Custom Shop David Gilmour RELIC - THE BLACK STRAT
Visualizza l'annuncio
Fender Telecaster 1960 Relic - Master Built Yuriy Shishkov
Visualizza l'annuncio
Fender Stratocaster 69 Master Built Dennis Galuszka Real Gold 24K
Seguici anche su:
Altro da leggere
Paul Stanley positivo al COVID-19: “mi ha preso a calci”
La Les Paul del ’52 salvata da un tornado torna a cantare: ascoltala...
Quando Charlie Watts prese a pugni Mick Jagger
Gibson diventa un'etichetta discografica: il primo album sarà di Slas...
Un chitarrista duetta con il suono del Golden Gate che gli ingegneri n...
Pickaso Guitar Bow: chitarra acustica ad arco
La Telecaster di Hallelujah diventa criptoarte da 26mila euro
Eric Clapton non suonerà per i soli vaccinati, ma non è un No Vax
I Radiohead remixano Creep per una versione “Very 2021”
Chibson USA Placebo Pedal: il pedale che fa… niente!
Cavi sessisti: no, non è uno scherzo
Living Electronics: un album che si ascolta solo su Game Boy?!
Fender Stratocaster #0689 dell'agosto 1954: il restauro ToneTeam
Se sei bravo ti basta una scopa con le corde? Sì, ma anche no
La Les Paul è davvero come la voleva Les Paul?




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964