CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS SHOP
Come scegliere gli in-ear
Come scegliere gli in-ear
di [user #116] - pubblicato il

Dal vivo, gli in-ear sono il supporto per l'ascolto più moderno, il riferimento per i professionisti. Inoltre, quando si deve suonare a click o con le basi diventano indispensabili. In collaborazione con SHURE abbiamo creato una piccola guida alla scelta delle cuffie giuste. A questa, abbiamo integrato alcune pillole di saggezza messe a disposizione dall'esperienza di quattro amici: Daniel Fasano, Marco Scipione, Luigi Schiavone e Mattia Tedesco. Quattro musicisti sopraffini e punte di diamante del professionismo musicale italiano.
Per scegliere l’in-ear giusto bisogna prima di tutto conoscere quali sono le possibilità offerte dal mercato, ma ancora più importante è conoscere cosa sono e come si utilizzano gli in-ear.

Gli in-ear, spesso chiamate auricolari, sono le cuffie che vengono inserite direttamente all’interno del padiglione auricolare. Quando però si parla di in-ear in ambito musicali non si sta parlando nello specifico delle cuffiette in dotazione con gli smartphone, ma di prodotti studiate appositamente per riprodurre al meglio l’audio che arriva direttamente dal banco mixer, in una situazione live.

Gli in-ear garantiscono un ottimo isolamento e permettono di avere un ascolto limpido e dettagliato di quello che sta accadendo intorno al musicista sul palco. A questo isolamento, però, bisogna abituarsi, soprattutto se si è soliti suonare su palchi molto rumorosi.

L’utilizzo di cuffie in-ear è indispensabile quando si utilizzano click e basi, poiché dai normali monitor da palco non è possibile lanciare click e backing track a tutto volume, rientrerebbero nei microfoni compromettendo il mix e lo stesso live.


Abbiamo parlato di in-ear con quattro musicisti stellari che ci hanno raccontato il loro rapporto con gli ascolti e quali sono le caratteristiche principali che ricercano nelle cuffie auricolari.

Luigi Schiavone è uno dei chitarristi e compositori più apprezzati in Italia. Braccio destro di Enrico Ruggeri per più di 30 anni, ora si divide tra la sua produzione come solista e la collaborazione con Ale & Franz.

Come scegliere gli in-ear

"Io sono partito con un modello di In-ear con il calco abbastanza aperto: non aveva la chiusura totale dell'orecchio e quindi riuscivo a percepire la sensazione di ciò che avveniva fuori; riuscivo ancora a sentire direttamente l'amplificatore. Da chitarrista, però, il mio problema era che non riuscivo mai a sentire il suono della chitarra così come lo avrei sentito dal monitor con il supporto del buffer.  Con l'avvento del digitale questa cosa si è ribaltata: usando un kemper o qualsiasi sistema digitale hai la stessa risposta negli In-ear di quello che avresti nell'ascolto da un PA o monitor. Ultimamente ho avuto degli In-ear molto chiusi, quasi come dei tappi, che consentivano di sentire benissimo una volta sistemato il mix del concerto ma se dovevi fare le prove era un disastro! Era necessario toglierne uno perché non riuscivi a comunicare con gli altri ma ci sono tante situazioni in cui la comunicazione tra musicisti è fondamentale. Insomma ci sono varie tipologie di ascolto e una volta che il mix è fatto va benissimo anche l'In-ear chiuso. E' in fase di prove che è meglio averne di aperti. Vorrei sottolineare che noi chitarristi abbiamo iniziato ad avere l'esigenza degli In-ear perché hanno cominciato a nasconderci gli amplificatori e non avendo il supporto dell'amplificatore era meglio avere un ascolto più definito nell'orecchio."

Daniel Fasano si è fatto conoscere da giovanissimo con i dARI per poi approdare ai palchi di Shade, Tommaso Paradiso, Irama e Gianna Nannini. Nella sua intensa storia musicale,  cuffie e in-ear sono sempre state una costante.

Come scegliere gli in-ear

"Ho iniziato con le cuffione, ma le ho abbandonate più di dieci anni fa. Uso gli In-ear Monitor da quando ho iniziato a suonare in ambiti professionali dove, siccome ho suonato sempre a clic, sono stati più un'esigenza che una scelta. Ho provato molti modelli: i primi erano Shure Se315, i classici con il tappino,  ma poi mi sono deciso a fare i calchi.
Ho bisogno di sentire bene il clic e il resto viene di conseguenza. Uso gli in-ear monitor con il calco solo in ambiti altamente professionali dove ho il supporto di un bravo tecnico di palco: senza questa figura, che sa gestire  bene i tuoi suoni e le tue esigenze, è difficile utilizzare questo sistema perché rischi di non sentire bene  e sbilanciare tutta la dinamica. Per questo, nelle situazioni meno professionali - o dove c'è meno tempo per settare i suoni - utilizzo gli Zildjan con tappino che non chiudono troppo l'ascolto."


Marco Scipione è un sassofonista eclettico che utilizza pedaliere per chitarra Helix e amplificatori Ampeg. Ha suonato con Giuliano Palma, e ora è il primo solista nella band di Mario Biondi passando per il pop di Tommaso Paradiso e la fusion di Federico Malaman.

Come scegliere gli in-ear

"Ho iniziato ad usare gli In-ear Monitor nel 2013 durante i concerti con Giuliano Palma. All'inizio è stato traumatico, soprattutto per un fiato perché per noi fiati è fondamentale sentire l'aria e avere un po' di rimbalzo dalla stanza in cui si sta suonando. Dopo il trauma iniziale e nonostante l'In-ear monitor non ti faccia sentire come un wedge o una spia a terra, mi ci sono abituato tanto che ora il monitor lo voglio il più tappato possibile. Li ho apprezzati anche grazie alla fortuna di aver sempre incontrato un ottimo fonico di palco che è una figura fondamentale per sfruttare al meglio questo sistema. Io li utilizzo anche a casa, mi fanno sentire il suono dentro e mi danno sicurezza. Secondo me tutti i musicisti dovrebbero imparare ad utilizzarli."

Mattia Tedesco, chitarrista e arrangiatore è il sessionman di punta della scena chitarristica italiana. Incarna lo stato dell'arte della chitarra rock al servizio del pop e in fatto di in-ear è un vero guru.

Come scegliere gli in-ear

"La prima volta che ho usato gli In-ear Monitor è stato nel 2009 durante il tour con Grignani perché era una cosa obbligatoria. Anche se la chitarra non è lo strumento ideale da mandare in cuffia, soprattutto nel sistema In-ear, mi ci sono abituato. La svolta per me è arrivata con l'avvento del digitale e quando sono passato ad Helix. Il digitale aiuta a risolvere molti problemi perchè, ad esempio, puoi fare dei suoni a casa con gli In-ear che poi ritrovi uguali in cuffia. Invece con il microfonaggio standard di un amplificatore, non puoi avere la stessa sicurezza: basta un rientro o un microfono che non veniva messo in maniera adeguata e gli ascolti cambiano. Ritengo l'utilizzo di questo sistema una cosa molto professionale in cui è fondamentale la presenza di un fonico di palco per la gestione del suono. Essendo monitor che isolano tantissimo è necessario un contesto ben organizzato: staff, fonico di palco, trasmettitori con frequenze ben selezionate... altrimenti il rischio è di ritrovarsi all'inferno con problematiche difficili da risolvere. Questo sistema  è diversissimo da quanto ti offre un monitor a terra, dove vivi  il palco e senti tutto con le tue orecchie; nel In-ear deve esserci un mix di ascolti da disco: ci vuole un equilibrio, un balance di tutto."

(Presto pubblicheremo integralmente in quattro articoli dedicati, i contributi di Luigi, Daniel, Marco e Mattia)

Questo piccolissimo speaker inserito nell’orecchio è quindi l’unico punto di appoggio tra quello che il musicista sta suonando e gli altri compagni di band, ecco perché sceglierne uno di buona qualità è indispensabile. Questo non solo per l’ascolto in se, ma anche per la comodità. Bisogna ricordare che gli in-ear saranno indossati per ore, magari su palchi al caldo in estate. La qualità soprattutto dei supporti in spugna e gomma, la parte a contatto con la pelle, non va sottovalutata.

Nonostante la vocazione per il live, gli in-ear risultano ottimi compagni di viaggio anche per l’ascolto di musica da telefono e lettori mp3, sempre che passeggiando per strada si presti attenzione al mondo intorno perché l’isolamento è totale.

Modelli come gli SE215, con singolo driver full range, di Shure sono perfetti per avvicinarsi al mondo degli in-ear. Con un prezzo che sta al di sotto dei 100 euro sono un ottimo primo step per prendere confidenza con gli ascolti “isolati”.

Prodotti come questo offrono le prime possibilità di personalizzazione con inserti in spugna e in gomma morbida di tre taglie differenti per adattarsi a tutte le orecchie.

Nello specifico sono delle cuffie che esaltano le basse, risultando ottime per l’ascolto di musica prodotta, ma possono già dare buoni risultati sul palco, specie se si è chitarristi e cantanti che vogliono provare un nuovo modo di ascoltarsi.

Come scegliere gli in-ear

Per bassisti e batteristi troppe basse potrebbero risultare fastidiose ecco perché potrebbero essere più indicati modelli come gli SE425, auricolari a due vie con doppio driver.

Qui ci si sposta di livello e il prezzo sale, anche se non vertiginosamente superando i 150€. In questa fascia di prezzo si trovano prodotti che, come le SE425, possono soddisfare le esigenze più professionali. Presentano un buon volume di uscita e una risposta equilibrata su tutto lo spettro, ecco perché possono essere la scelta ideale per batteristi e bassisti che hanno sicuramente bisogno di più volume e, soprattutto, di un ascolto limpido.
Prodotti come gli SE425 iniziano a poter essere considerati professionali e infatti offrono in dotazione non più solo spugnette e gommini semisferici ma anche inserti in spugna cilindrici, molto isolanti e comodi da indossare e addirittura i plug a tripla flangia perfetti per adattarsi al meglio alla forma interna del padiglione auricolare e isolare al meglio dai rumori del palco e, nel caso dei batteristi, dal fracasso del proprio strumento.



Per chi ormai ha preso confidenza con il mondo degli in-ear e vuole iniziare a fare sul serio la cifra da investire è un po’ più alta, ma ne può sicuramente valere la pena come nel caso degli Shure SE535, prodotti molto utilizzati anche sui palchi più importanti al mondo. Dispongono di un triplo driver e sono cuffie che offrono tutte le caratteristiche indispensabili per un ascolto perfetto. Sono chiare, definite, offrono un buon volume di uscita e garantiscono un’ergonomia totale. Nello specifico, poi, le 535 vengono vendute insieme all’adattatore bluetooth, un accessorio inutile sul palco, ma che può trasformare gli in-ear utilizzati nel live in ottime cuffie da passeggio.



Questi sono tre prodotti selezionati all’interno del catalogo Shure che offre, ovviamente, tantissime possibilità anche con prezzi e prestazioni ancora più alte. Sono prodotti che possono essere considerati un avvio verso il mondo dell’in-ear monitoring, ma che possono dire la loro anche come semplici accessori per gli smartphone e offrire un ascolto ottimale anche quando non si è sul palco con la band.


 
SOSTIENI LA MUSICA

Dal 1992 ACCORDO si impegna a favore di chi fa musica, offrendo gratuitamente contenuti di alta qualità e servizi. Sostieni ACCORDO per sostenere la musica italiana nella sua stagione più difficile.

Dona adesso e usufruisci dei serviizi riservati ai sostenitori!
In vendita su Shop
 
ACUS - BAG-S5 CUSTODIA MORBIDA PER ONEFOR-S5 ONEFORSTRINGS
di Music Works
 € 42,80 
 
AKG C519-ML Microfono a pinza per strumenti a fiato Polare Cardioide C519ML
di Borsari Strumenti Musicali
 € 149,00 
 
Nino Percussion NINOSET101
di Banana Music Store
 € 29,00 
 
CARL MARTIN POWER JACK ALIMENTATORE UNIVERSALE 9V PER EFFETTI CHITARRA/BASSO
di Borsari Strumenti Musicali
 € 49,00 
 
VOODOO LAB MONDO
di Boxguitar.com
 € 269,00 
 
Karma BX 7412A
di Banana Music Store
 € 273,00 
 
Bespeco DUCK7N Base da tavolo con asta microfonica telescopica
di Centro della Musica
 € 25,00 
 
PAISTE - PST3 HI HAT 13
di Music Works
 € 74,30 
Mostra commenti     13
Altro da leggere
Joyo Moist: triplo riverbero a pedale
Chris Broderick spiega le sue Jackson Pro Series
SY-200: il guitar-synth BOSS potente e compatto
Carl Martin Ottawa: envelope filter dall’animo vintage
Cliff Burton, i Metallica e il debutto di KILL'EM ALL
Yamaha DTX8K e DTX10K
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Ovation Adamas 1681-9 anno 1983
Visualizza l'annuncio
Multieffetto Zoom Ac-3
Visualizza l'annuncio
vox ac15c1
Seguici anche su:
Altro da leggere
Paul Stanley positivo al COVID-19: “mi ha preso a calci”
La Les Paul del ’52 salvata da un tornado torna a cantare: ascoltala...
Quando Charlie Watts prese a pugni Mick Jagger
Gibson diventa un'etichetta discografica: il primo album sarà di Slas...
Un chitarrista duetta con il suono del Golden Gate che gli ingegneri n...
Pickaso Guitar Bow: chitarra acustica ad arco
La Telecaster di Hallelujah diventa criptoarte da 26mila euro
Eric Clapton non suonerà per i soli vaccinati, ma non è un No Vax
I Radiohead remixano Creep per una versione “Very 2021”
Chibson USA Placebo Pedal: il pedale che fa… niente!
Cavi sessisti: no, non è uno scherzo
Living Electronics: un album che si ascolta solo su Game Boy?!
Fender Stratocaster #0689 dell'agosto 1954: il restauro ToneTeam
Se sei bravo ti basta una scopa con le corde? Sì, ma anche no
La Les Paul è davvero come la voleva Les Paul?




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964