CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS SHOP
Il fenomeno Maneskin
Il fenomeno Maneskin
di [user #42646] - pubblicato il

Ben venga questo piccolo revival rock, secondo il nostro lettore, che condivide un'interessante analisi del recente "fenomeno Maneskin", vincitori di Sanremo e di Eurovision Song Contest che hanno spaccato l'opinione pubblica.
Ora mi attirerò le ire di molti e tra l'altro arrivo a questo argomento con un ritardo imbarazzante, ma negli anni sono diventato bravissimo a evitare tutto ciò che riguarda Sanremo e, sino ai fatti dell'Eurovision, i Måneskin proprio non li avevo mai ascoltati.
Al primissimo impatto, tra l'altro, ho avuto una sensazione poco lusinghiera di "già sentito". Parlando di "Zitti e Buoni" i riferimenti ad altri artisti sono molti, ma non bisogna farsi trarre in inganno. In queste settimane sono andato ad ascoltarmi i loro altri lavori, soprattutto incuriosito da come suonassero live... e cavoli, non posso dire di essere un loro fan ora, ma poco ci manca. Sono veramente degli ottimi musicisti.

Ora lo so che, citando Enzo Ferrari: "Gli italiani ti perdonano tuttotranne il successo" e quindi so che specie tra musicisti nostrani e rocker italioti spesso si leggono commenti sprezzanti su di loro, ma "stranamente" mi sento molto fiero di questi quattro ragazzi ventenni (!) che stanno avendo un successo mondiale - e ripeto mondiale - suonando rock di ottima qualità e cantando anche in italiano. Pare fantascienza nel 2021!

Il fenomeno Maneskin

Il chitarrista ha una mano destra veramente di alto livello e grande creatività. Le citazioni vanno dagli Artic Monkeys, ai RHCP e anche al rock più classico. Stones? Hendrix?
Victoria, la bassista, ha un suono meraviglioso (non so se è merito suo, ma tant'è). Le linee di basso sono sempre interessanti, portanti e ben in evidenza. E poi è una donna, il che rende tutto ancora più esaltante.
Il batterista è forse l'elemento un po' meno originale come stile, ma suona molto molto bene.
E il cantante, oltre ad essere molto bravo, ha una presenza scenica che ciao...

Il fenomeno Maneskin

Alcuni primi lavori erano un po' fiacchi a dire il vero. Quelle cavolo di ballate credo fossero indirizzate alle teenager e vabbè, ma i pezzi più cattivi... andateveli ad ascoltare, c'è roba veramente buona.
Ora immagino passerano sotto l'ala protettiva di qualche grosso produttore inglese o qualcosa del genere. Spero riescano a mantenere la loro identità e a portare avanti questo piccolo revival rock, che di reggaton sinceramente ce n'è un filo troppo.

curiosità gli articoli dei lettori maneskin
Mostra commenti     178
Altro da leggere
La straordinaria storia dei Pistole e Rose
I mini-robot Yamaha duettano con la tua musica
PianoVision: impara il piano nel metaverso
Gibson vince su Dean: la Flying V non è uno shape generico
Stratocaster riveduta, corretta e... semplificata.
La chitarra torna protagonista con “Kill or be killed” dei Muse
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Visualizza l'annuncio
gibson les paul tribute
Seguici anche su:
Altro da leggere
La straordinaria storia dei Pistole e Rose
I mini-robot Yamaha duettano con la tua musica
PianoVision: impara il piano nel metaverso
Gibson vince su Dean: la Flying V non è uno shape generico
La chitarra torna protagonista con “Kill or be killed” dei Muse
Ecco le Fender dei Minions: prezzi a partire da 48mila dollari
Paul Gilbert: “Perché modificare una chitarra perfetta? Per farla s...
Guitar hero: la mia Top10
Il viaggio infinito e la Top5 dei desideri
La scena EPICA della BC Rich in Stranger Things 4
Un chitarrista, cinque contraddizioni
Di chitarre buone, pedaliere e dello stare bene
Il nemico in pedaliera
Stratoverse: Fender è nel metaverso
Ecco… Il Guanto: il synth futuristico di Matt Bellamy




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964