CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS SHOP
Amare la chitarra anche senza suonarla si può
Amare la chitarra anche senza suonarla si può
di [user #116] - pubblicato il

C'è un’altra maniera di amare e vivere la chitarra, che non è necessariamente quella di chi ci passa la vita portandola al collo su e giù dai palchi o tra sale prove e studi di registrazione. A vivere nella chitarra - e per la chitarra - è anche chi le progetta, costruisce e ripara, chi le vende e anche chi le colleziona. Oppure, chi le racconta parlandone o scrivendone nella propria attività giornalistica.

Queste persone, senza essere necessariamente – o prima di tutto – chitarristi, grazie all’esclusività del loro lavoro e della loro passione, portano nel mondo della sei corde tanta qualità: ne aiutano il sostentamento e lo sviluppo, lo tengono vivo. Di questo tema, di cui ci piacerebbe leggere il parere dei lettori, ne abbiamo parlato con Alberto, direttore e fondatore di Accordo, che da un paio d'anni ha cominciato a scrivere romanzi gialli ambientati proprio nel mondo che gravita attorno alla chitarra.

Amare la chitarra anche senza suonarla si può

Alberto, vogliamo parlare di questi eroi della chitarra che, tante volte, a stento la suonano?

Non possiamo dimenticare che una delle chitarre più celebri della storia del rock - la Fender Stratocaster - è stata inventata da un uomo che non sapeva suonare. Eppure chi come me ha avuto la fortuna di conoscerlo sa che Leo Fender amava la chitarra sopra ogni cosa, non pensava ad altro, non parlava d'altro.  E non è il solo: la gran parte dei grandi liutai suona poco o nulla del tutto. Senza andare troppo lontano basta pensare al nostro indimenticabile Roberto Pistolesi, purtroppo scomparso prematuramente. Roberto aveva abbandonato una vita comoda e una professione di prestigio per fare il liutaio moderno. Aveva studiato metodi di costruzione, materiali, la fisica dei suoni, tutto. Eppure era un chitarrista men che mediocre, suonava il minimo indispensabile a giudicare il suono degli strumenti che costruiva.
Esempi ce ne sono tantissimi. Per esempio Seymour Duncan, che negli anni d'oro si faceva in quattro per imbracciare una chitarra salire sui palchi con le rock star a cui forniva i suoi pickup. Il suo playing era poco più che dilettantesco, ma trasmetteva un tale entusiasmo e amore per lo strumento che nessuno faceva caso a qualche stecca. 

Amare la chitarra anche senza suonarla si può

Poi ci sono i negozianti di strumenti. Persone che hanno deciso di trasformare la passione in un lavoro che probabilmente non li farà ricchi, ma darà loro la gioia di vivere in mezzo di ciò che più amano. E a fronte di un Walter Carter che suona benissimo e compone, di un Eliot Michael che ha militato in band di buona fama, la maggior parte di chi commercia in strumenti raggiunge a stento il livello di "dilettante avanzato". Tra loro George Gruhn, forse il più celebre commerciante di strumenti moderni della storia, che raramente va oltre Do e Sol 7 quando prova qualunque chitarra, comprese Martin pre-War, Gibson Les Paul del 1959 o Fender Broadcaster originali.  
E alla fine anche io (si parva licet componere magnis), che ho contribuito a dare vita ad Accordo e raccontato la chitarra per trent'anni, quando ne prendo una in mano ho un po' di scrupoli ad aggiungere "evoluto" al mio status di "dilettante". Eppure questo strumento mi ha dato innumerevoli gioie e soddisfazioni, restando protagonista in molte fasi della mia vita. Come dice John Prine nel suo testamento artistico "I remember everything", anche io ricordo ogni città, ogni stanza d'albergo, ogni canzone che ho suonato su una chitarra magari un po' scordata.
È proprio così.

Amare la chitarra anche senza suonarla si può
 
Visto che hai nominato Pistolesi. Il protagonista dei tuoi romanzi (disponibili sullo storie di Accordo), Riccardo Bemporad, è un liutaio con un passato da poliziotto che aggiusta chitarre da sogno. Nella sua passione per la manutenzione delle chitarre, impossibile non pensare proprio a un tuo affettuoso omaggio a Pistolesi e a quanto ti ha trasmesso…

Riccardo Bemporad è un miscuglio di persone e momenti che fanno parte della mia vita. Scrivere è l'unica 'attività appagante quanto suonare, perché - proprio come suonare - permette di dare una vita alle proprie emozioni e alla propria fantasia. E di plasmare la realtà - almeno sulla carta - per soddisfare i propri sogni e desideri.
Riccardo Bemporad è di una città che amo molto, Urbino, ma del toscano Pistolesi ha il carattere schivo, l'approccio diretto ai problemi, la meticolosità nel lavoro, l'amore per la precisione. Effettivamente quando lo voglio raccontare mentre lavora parto sempre domandandomi come avrebbe fatto quella cosa lì Roberto.
Invece quando l'ho pensato fisicamente mi sono ispirato all'ispettore Loiacono 'de I bastardi di Pizzofalcone di Maurizio De Giovanni, magnificamente impersonato da Alessandro Gassman. La sua casa è il mio ex studio di MIlano nel quartiere Isola e la sua auto è la mia stessa Subaru di vent'anni fa. Frequenta (raramente, come me) i bar e i ristoranti di Milano che preferisco e come me ha un rapporto complicato con la figlia (anche se per adesso lui lo sa gestire meglio di me). Ha anche molti aspetti caratteriali in comune con mio padre, che riusciva a essere un uomo solido, coerente e irreprensibile grazie alla capacità di gestire in modo ammirevole i tormenti interiori generati da esperienze di vita drammatiche. Bemporad è un po' di tutto questo e anche altro. Conto di smascherarlo un po' di più nei prossimi episodi.
 
Amare la chitarra anche senza suonarla si può 
alberto biraghi riccardo bemporad roberto pistolesi
SOSTIENI LA MUSICA

Dal 1992 ACCORDO si impegna a favore di chi fa musica, offrendo gratuitamente contenuti di alta qualità e servizi. Sostieni ACCORDO per sostenere la musica italiana nella sua stagione più difficile.

Dona adesso e usufruisci dei serviizi riservati ai sostenitori!
Link utili
Comfortably Dumb: La prima storia di Riccardo Bemporad
Fuoco e Fiamme: La seconda storia di Riccardo Bemporad
I due libri in offerta
John Prine - I remember everything
I bastardi di Pizzofalcone
In vendita su Shop
 
Meinl FD22T
di Banana Music Store
 € 159,00 
Visualizza il prodotto
Warm Audio Wa76 Fet Compressor Stile Urei 1176
di Music Delivery
 € 548,00 
 
Soundsation Go-Sound 10AMW
di Banana Music Store
 € 152,00 
 
CASIO PX-S1000 WHITE PIANO DIGITALE
di Sound
 € 519,00 
 
Soundsation S-PP1P
di Banana Music Store
 € 3,90 
 
Soundsation FF20ML-GRAPEFRUIT
di Banana Music Store
 € 5,50 
 
Proel CHLP180LU5XL
di Banana Music Store
 € 15,50 
 
RIGOTTI SCATOLA ANCE 10 PEZZI GOLD PER SAX SASSOFONO TENORE 3 STRONG
di Borsari Strumenti Musicali
 € 42,00 
Mostra commenti     6
Altro da leggere
Roberto Pistolesi sul cammino di Leo Fender
Comfortably dumb: un giallo tra le chitarre
Roberto Pistolesi: il liutaio non liutaio
Sellette Stratocaster: tutta questione di tempra
Cinque anni senza Roberto
Quattro anni senza Roberto
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Ovation Adamas 1681-9 anno 1983
Visualizza l'annuncio
Multieffetto Zoom Ac-3
Visualizza l'annuncio
vox ac15c1
Seguici anche su:
Altro da leggere
La Telecaster di Hallelujah diventa criptoarte da 26mila euro
Eric Clapton non suonerà per i soli vaccinati, ma non è un No Vax
I Radiohead remixano Creep per una versione “Very 2021”
Chibson USA Placebo Pedal: il pedale che fa… niente!
Cavi sessisti: no, non è uno scherzo
Living Electronics: un album che si ascolta solo su Game Boy?!
Fender Stratocaster #0689 dell'agosto 1954: il restauro ToneTeam
Se sei bravo ti basta una scopa con le corde? Sì, ma anche no
La Les Paul è davvero come la voleva Les Paul?
I sosia dei Måneskin su un cartellone in Lettonia? Significa più di ...
Fender Stratocaster #0018 del 1954: il restauro ToneTeam
E se il ritorno al rock passasse dalla realtà virtuale?
Che cos’è il blues? Il video
Un plotone di star per il vaccino con la chitarra dei Tenacious D
Il fenomeno Maneskin




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964