CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS SHOP
Quando Charlie Watts prese a pugni Mick Jagger
Quando Charlie Watts prese a pugni Mick Jagger
di [user #116] - pubblicato il

Un aneddoto raccontato da Massimo Cotto nel suo libro Rock Bazar riassume alla perfezione l’essenza di Charlie Watts, l’indimenticabile batterista dei Rolling Stones.
"Ma che ore sono? Le cinque del mattino? Ma chi cazzo è che telefona a quest'ora della notte?"
Ottobre del 1984, siamo ad Amsterdam, Charlie Watts, il batterista dei Rolling Stones è nella sua stanza d'albergo quando riceve una telefonata. Accende la luce, guarda l'ora e si stupisce. 
Lui non è come gli altri Stones. Sempre fedele alla moglie Shirley, è l'unico a rifiutare le groupies, anche se Mick Jagger e Keith Richards continuano a ripetergli che è pazzo, che la vita è una sola e quella degli Stones è la migliore delle vite possibili. Persino quando sono stati invitati nella villa di Hugh Hefner, il boss di "Playboy", durante il tour americano del 1972, Watts è stato l'unico a trascorrere tutto il tempo nella sala giochi invece che con le conigliette. 
Insomma, non è normale che qualcuno lo chiami alle cinque del mattino, a meno che sia successo qualcosa di grave. 
Così va a rispondere 
E' Mick Jagger. 
Lui e Keith Richards, ma questo Charlie Watts lo saprà soltanto in seguito, sono appena tornati a da una notte di alcol ed eccessi vari ed eventuali. 
"Perché non chiamiamo Charlie?", dice Keith. 
"Be', lo conosci, A quest'ora dorme." 
"Chiamiamolo lo stesso", dice Mick. 
Jagger fa il numero della stanza di Watts. 
"Ehi, dov'è il mio batterista?", chiede. "Perché non trascini il tuo culo fino a qui?" 
Charlie Watts non dice una parola, appende la cornetta, va in bagno, si fa la barba, si mette lo smoking, lucida le scarpe, le indossa. Esce dalla stanza, raggiunge Jagger nella camera di Keith, si avvicina e gli sferra un sensazionale pugno in faccia. 
Jagger finisce sopra un piatto di salmone affumicato, Keith Richards lo afferra per una gamba impedendogli così di precipitare dalla finestra aperta al ventesimo piano. 
Jagger non accenna ad alzarsi, guarda Charlie Watts con aria interrogativa. 
E Charlie Watts gli dice: "Non mi chiamare mai più "il mio batterista". Sei tu il mio fottuto cantante del cazzo!".

Il racconto è tratto dal libro “Rock Bazar” di Massimo Cotto, uno spaccato di vita dietro le quinte che da solo riesce a descrivere ciò che Watts è stato nell’equilibrio dei Rolling Stones.
Questo era Charlie Watts, “il miglior batterista con cui abbia mai suonato” a detta di Keith Richards, il rocker gentiluomo che non potrà essere dimenticato.
charlie watts curiosità rolling stones
Link utili
Charlie Watts è morto
Rock Bazar di Massimo Cotto
Mostra commenti     5
Altro da leggere
La straordinaria storia dei Pistole e Rose
I mini-robot Yamaha duettano con la tua musica
PianoVision: impara il piano nel metaverso
Gibson vince su Dean: la Flying V non è uno shape generico
La chitarra torna protagonista con “Kill or be killed” dei Muse
Ecco le Fender dei Minions: prezzi a partire da 48mila dollari
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Visualizza l'annuncio
gibson les paul tribute
Seguici anche su:
Altro da leggere
La straordinaria storia dei Pistole e Rose
I mini-robot Yamaha duettano con la tua musica
PianoVision: impara il piano nel metaverso
Gibson vince su Dean: la Flying V non è uno shape generico
La chitarra torna protagonista con “Kill or be killed” dei Muse
Ecco le Fender dei Minions: prezzi a partire da 48mila dollari
Paul Gilbert: “Perché modificare una chitarra perfetta? Per farla s...
Guitar hero: la mia Top10
Il viaggio infinito e la Top5 dei desideri
La scena EPICA della BC Rich in Stranger Things 4
Un chitarrista, cinque contraddizioni
Di chitarre buone, pedaliere e dello stare bene
Il nemico in pedaliera
Stratoverse: Fender è nel metaverso
Ecco… Il Guanto: il synth futuristico di Matt Bellamy




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964