CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS SHOP
Lamina: il futuro è nell'alluminio?
Lamina: il futuro è nell'alluminio?
di [user #116] - pubblicato il

Una struttura a risuonatore basata su lamine di metallo all’interno di un body cavo, il legno convive con l’alluminio nello stimolante progetto Lamina Guitars. Scopriamolo insieme.
A prima occhiata possono apparire come delle comuni, belle, chitarre elettriche. Ma le Lamina Guitars racchiudono in realtà anni di studi e di esperimenti, culminati nel 2017 con l’originale tecnologia Resonator System, una struttura ibrida tra legno e metallo, una suonabilità al top e uno stile inconfondibile.

Per Andrea Partesana e per le sue chitarre Lamina, l’avanzamento tecnologico non si è mai fermato, e oggi troviamo una liuteria d’avanguardia, matura, capace di stupire per padronanza degli stili e per la cura dei dettagli. Tutta esperienza rivolta a creare strumenti sempre nuovi che, intorno alle singolari lamelle poste all’interno di una cassa cava, ci hanno costruito una filosofia tutta loro.

Le chitarre Lamina saranno a SHG Music Show 2021, il 27 e 28 novembre al Palazzo Delle Stelline di Milano. Nell’attesa di potervele mostrare di persona e farvele toccare con mano durante la due-giorni milanese, Andrea racconta il suo percorso e la sua visione alla base di Lamina Guitars.

Lamina: il futuro è nell'alluminio?

Accordo: Oggi Lamina si può dire un progetto consolidato, più che di un semplice esperimento. Credi di aver ormai trovato una formula “ideale” per i tuoi strumenti oppure chi ha provato una Lamina in passato potrebbe scoprire uno strumento diverso, riprovandolo adesso?

Andrea Partesana: Quando presentammo il nostro primo strumento lo scopo era riuscire a proporre qualcosa di nuovo in un mercato complesso e solidamente ancorato ad alcuni miti che rappresentano ancora oggi un importante punto di riferimento. In questi quattro anni non abbiamo mai smesso di ricercare e proporre soluzioni innovative. Proprio da questo approccio sono nati i modelli ReVo e HB DaVinci dotati di un sistema risonante chiamato Lamina Resonator System, che rappresenta il cuore e l’anima dei nostri strumenti. Lamina Guitars è oggi una realtà consolidata che continua a innovare e a testare soluzioni per regalare nuove emozioni ai musicisti. Chi prova una chitarra Lamina di ieri o di oggi trova certamente lo stesso DNA, ma allo stesso modo, anche noi cerchiamo di evolvere. Sempre.

Lamina: il futuro è nell'alluminio?

Accordo: Hai già incontrato il pubblico di SHG quando il progetto Lamina era praticamente ai primi passi. Ne abbiamo seguito l’evoluzione, ti abbiamo visto partecipare al Namm e incontrare tantissimi musicisti. In che misura e in che modo l’interazione col pubblico ha influenzato la tua visione dello strumento?

AP: Il primo SHG del 2017 ci ha convinti della validità del nostro progetto e ha rappresentato lo stimolo fondamentale per proseguire. Il lavoro di ricerca e progettazione è stato veramente grande cercando sempre di coniugare la vera innovazione con alcuni punti fermi legati all’ergonomia e usabilità dello strumento. La dimostrazione che il progetto fosse valido è arrivata dalla richiesta di poterle utilizzare durante i Tour di Jovanotti, Cremonini, Bertè, Ermal Meta dove il livello è certamente professionistico. Siamo contenti di aver accettato la sfida perché ci ha restituito tanto in esperienza. Dobbiamo certamente ringraziare molti chitarristi quali Marco Fanton, Alessandro Barbetti e Antonio Cordaro che inizialmente hanno utilizzato molto le nostre chitarre, Alessandro De Crescenzo che le ha portate in Tour (Bertè, Cremonini) e Riccardo Onori (Jovanotti).
Ascoltiamo molto il pubblico e i feedback che riceviamo. Manteniamo uno stretto contatto con i clienti, tanto da creare in alcuni casi un legame forte, come nel caso di Marco Cereda e Niki Bidin che da clienti sono diventati Endorser e di Marco Mariotti che mi accompagna sin dall'inizio sul fronte Marketing/Comunicazione. Mi piace pensare al Mondo Lamina come a una grande famiglia.

Accordo: Proprio come la tua visione dello strumento musicale, anche la tua formazione è atipica per un liutaio. Parti da architetto e passi al design di orologi, auto ed elettrodomestici. Quali elementi di tutte queste esperienze hai portato con te nell’avventura con la chitarra elettrica?

AP: Devo dire che è merito proprio di questo percorso lavorativo se il Progetto Lamina Guitars ha preso vita. Aver avuto la possibilità di conoscere e fare esperienza in realtà differenti all'interno del sistema della progettazione mi ha permesso di avere una visione e un approccio rispetto al mondo della Liuteria tradizionale.
Considero il Progetto Lamina Guitars come un insieme all'interno del quale convive un concentrato di tutte queste esperienze.

Lamina: il futuro è nell'alluminio?

Accordo: Parlami del conto alla rovescia che si vede sul sito di Lamina Guitars...

AP: Come dicevo non ci fermiamo mai. Il conto alla rovescia va esattamente in questa direzione. Siamo una liuteria che comincia ad avere una connotazione precisa in termini di design e tecnologie contenute nei nostri strumenti. Ci siamo sempre posizionati sul mercato in termini abbastanza competitivi, ma allo stesso tempo rispettosi del grande lavoro necessario per produrre ogni strumento.
Allo stesso tempo pensiamo che la grande sfida per noi, non avendo una produzione industriale, sia quella di poter proporre un nuovo modello a un prezzo particolarmente competitivo. Il tutto mantenendo alcuni criteri imprescindibili di design, ergonomia, qualità dei materiali e degli accessori utilizzati, nonché chiaramente della nostra tecnologia Lamina Resonator System. La sfida è grande e chi verrà ad SHG avrà la possibilità di verificare se l’abbiamo vinta!

Accordo: In definitiva, a che genere di musicista sono rivolti i tuoi strumenti?

AP: La differenze di design e configurazione di pickup dei nostri strumenti consentono veramente di toccare molti generi differenti. Se con HB DaVinci abbiamo uno strumento che strizza l’occhio al pop/rock e può essere interessante anche per il jazz, d’altra parte con ReVo ci spingiamo in territori decisamente più rock fino anche al metal.
In realtà trovo sia piuttosto complesso definire un “genere” di musicista al quale ci rivolgiamo. Il nostro genere è colui che vuole uno strumento innanzitutto comodo da suonare, con un design innovativo, ma allo stesso tempo classico, con un attenzione all’ergonomia e certamente con delle caratteristiche di attacco e sustain uniche. Garantite dalla nostra tecnologia Lamina Resonator.
chitarre elettriche interviste lamina guitars shg music show 2021
Link utili
Sito Lamina Guitars
SHG Music Show 2021
Mostra commenti     11
Altro da leggere
Let it (Treble) Bleed
Il lato oscuro della Squier Telecaster Classic Vibe
Nile Rodgers e il mito della Hitmaker
La Giapponese di Jimi Hendrix di nuovo all’asta
Jackson fa ascoltare la American Series Soloist
Perché i commessi non ci odiano più
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Schecter Sun Valley Super Shredder FR S
Seguici anche su:
Altro da leggere
Tipi da sala prove: i miei preferiti
Nile Rodgers e il mito della Hitmaker
Guarda Marcus King live in streaming dal Ryman Auditorium
La Giapponese di Jimi Hendrix di nuovo all’asta
Perché i commessi non ci odiano più
Progettisti di giocattoli: mi sorge un dubbio
L’asta per la White Falcon dei Foo Fighters surclassa le previsioni
Il primo BOSS CE-1 mai prodotto è in vendita
Gibson sostiene l'Ucraina
Guarda Tommy Emmanuel suonare la Ibanez Jem di Steve Vai
La chitarra elettrica fatta con mobili Ikea
Pantera reunion: gli strumenti di Dimebag Darrell sul palco con Zakk W...
In video dal vivo il prototipo della PRS Robben Ford Signature
Dean non ci sta: in appello contro Gibson
“Fulltone chiude”: il comunicato




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964