CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS SHOP
Dentro la Strat Fender Player Plus
Dentro la Strat Fender Player Plus
di [user #17844] - pubblicato il

La modernità secondo Fender passa per suoni puliti da single coil, ma con la silenziosità dei Noiseless, con l’affidabilità di ponti a due viti e meccaniche locking, e con un carattere tutto da scoprire.
La serie top di gamma messicana divide il pubblico per scelte di rottura con la tradizione e un timbro che, seppure dal forte carattere, riassume una voce Fender da manuale. Abbiamo provato la Stratocaster della serie Player Plus in anteprima in questo articolo, in concomitanza con il lancio internazionale dei modelli, e torniamo ora con un’analisi dello strumento più ravvicinata, considerazioni maturate nel tempo e nate dal confronto e dal feedback dei musicisti che hanno incrociato le Player Plus nella loro strada.



I legni
Fender festeggia 75 anni di attività mentre la Player Plus compare in catalogo. Dopo tre quarti di secolo di successi ininterrotti, dilungarsi sulla resa di un assemblato di ontano e acero, con quattro viti e scala da 25,5 pollici sarebbe quasi offensivo. L’alternativa con tastiera in Pau Ferro potrebbe indispettire i nostalgici del palissandro (quasi sparito dal mercato negli ultimi anni ma che sembra lentamente tornare alla ribalta), ma non prendiamoci in giro: abbiamo sbavato tutti sulla Fender Stevie Ray Vaughan quando, in tempi non sospetti, piazzava una tastiera in Pau Ferro su un prodotto di fascia ben più alta della messicana in oggetto.

Dentro la Strat Fender Player Plus

Le misure
La Stratocaster Player Plus è… una Stratocaster. L’approccio è quello classico, con una scala lunga, un manico da avvolgere con la mano senza che risulti troppo grosso né schiacciato, ma con un ben rodato profilo Modern C a cui i fan di casa - patiti del vintage a parte - sono ampiamente abituati. A fare la differenza è l’adozione di un raggio da 12 pollici, più piatto rispetto ai canoni retrò ma uno standard per un’ampia fetta di utenza avvezza a strumenti “contemporanei”.

Dentro la Strat Fender Player Plus

Tuttavia, anche per un irriducibile dei 7,25 e dei 9,5 pollici, l’impatto non è traumatico. Il merito è senza dubbio da imputare a fattori come la lavorazione di smussamento sui bordi della tastiera che, seppure limati appena qualche millimetro, eliminano la sensazione di “scalino” di cui possono soffrire molte chitarre di fascia media che accoppiano un manico tondeggiante a una tastiera più piatta.
Se si volesse ridurre a un solo termine la suonabilità della Player Plus, questo potrebbe essere “maneggevole”.

Dentro la Strat Fender Player Plus

L’elettronica
I Noiseless suonano tanto e bene. La cancellazione del rumore è pressoché assoluta, ma non va a discapito del timbro, che risulta aperto, profondo sui bassi e frizzante sugli alti, tipicamente single coil con una chiara impronta moderna.
Tale modernità però non va interpretata come compattezza a tutti i costi e preferenza per la saturazione. La Player Plus sceglie piuttosto definizione e intelligibilità, dettaglio sonoro sui puliti e articolazione sui distorti, anche a costo di generare fin troppa “roba” sulle gamme acute nei passaggi più spinti. I bassi però non mancano mai, così basta un ritocco all’equalizzazione per godere di distorsioni consistenti e - sempre - prive di rumori indesiderati.

Dentro la Strat Fender Player Plus

Una piacevole sorpresa è l’inserimento di un meccanismo push-pull sul secondo controllo dei toni per richiamare il pickup al manico nelle posizioni del selettore che non lo prevedono, così da avere la combinazione di manico e ponte in stile Telecaster o di tutti e tre i pickup nello stesso momento.
Quando si sommano il pickup al ponte e al manico, si ottiene un timbro fortemente percussivo, fermo ma presente sui bassi, di sicuro impianto Telecaster ma con un inconfondibile piglio Strat.
La selezione di tutti e tre i pickup in contemporanea crea invece un suono ricco, estremamente variegato, che raccoglie le sfumature tipiche di entrambe le posizioni intermedie di centro+ponte e centro+manico, ma con un pizzico di attacco e definizione in più. Il risultato è quello quasi hi-fi di una chitarra acustica filtrata per una filosofia di suono elettrico: difficile da spiegare, molto facile da amare.

Dentro la Strat Fender Player Plus

L’hardware
Umile parere di chi scrive: le meccaniche bloccanti sono tra quegli accorgimenti che qualunque strumento dovrebbe offrire quantomeno come opzione. Rapidità nel cambio corda e stabilità grazie alle spire ridotte a zero sono dei plus oggettivi ai quali è davvero difficile trovare dei lati negativi per cui non si dovrebbe volere una meccanica locking sulla propria chitarra.

Dentro la Strat Fender Player Plus

Tuttavia, non si commetta l’errore di pensare di poter risolvere ogni problema d’accordatura con un set di meccaniche autobloccanti: la tenuta è frutto di un sottile equilibrio di più parti chiamate in causa. Sulla Player Plus, di pari importanza per il risultato sono l’alberello abbassacorde efficace e scorrevole, un capotasto che fa il suo lavoro senza particolari criticità e un ponte di derivazione moderna, affidabile ed espressivo, con la curiosa scelta di una leva a vite anziché a pressione, forse più comune per la tipologia.

Dentro la Strat Fender Player Plus

Lo Stratoburst
Tra le introduzioni più evidenti nella serie Player Plus sono le finiture sfumate che vanno dalla “pancia” della chitarra schiarendosi verso il manico: tutt’altro che un’invenzione del nuovo millennio, si tratta del cosiddetto “Stratoburst”.
L’originale “burst verticale” è stato sperimentato ormai quarant’anni fa sotto la direzione di Dan Smith, ex dirigente Yamaha scelto agli inizi degli anni ’80 dal CEO Bill Schultz nel suo grande progetto di rinascita per Fender, finita in ginocchio con la guida poco fortunata del gruppo CBS.

Dentro la Strat Fender Player Plus

Al 2021, la finitura sembra aggiornata, più graduale nella sfumatura rispetto agli esemplari d’epoca e con colori differenti, più accesi e… sbarazzini.
La chitarra in prova è una Tequila Sunrise, un rosso pieno vicino al Dakota che sfuma in un arancio fino ad arrivare a un giallo “taxi” a ridosso delle spalle. Nella versione HSS, con humbucker Player Plus al ponte, è possibile averla anche nella finitura Belair Blue, con un blu scuro che vira verso un turchese finendo in un bianco freddo in stile Arctic White.

Lo Stratoburst è stato omaggiato in alcune occasioni dal Custom Shop, come la Stratocaster “Orange-to-Silver” prodotta a inizio 2021 o il Jazz Bass “Red-to-Gold” del 2020, entrambi per mano del Masterbuilder Jason Smith. Con la gamma Player Plus, torna ufficialmente in catalogo per la produzione su larga scala e a prezzi umani.

Dentro la Strat Fender Player Plus

Top di gamma messicano
La Player Plus si attesta tra le serie più costose del catalogo made in Mexico, ma vederla come un anello di congiunzione tra la gamma messicana e quella americana potrebbe essere un errore.
La collezione non intende alzare l’asticella qualitativa delle produzioni messicane in senso assoluto, bensì allarga l’offerta in maniera trasversale. Affianca i modelli vintage-oriented della serie Vintera e quelli “contemporanei” della serie Player con un’alternativa a tratti sperimentale, caratterizzata da una voce pensata per i musicisti di oggi, quelli che alternano palco e webcam, amplificatori valvolari e modeler digitali per un home recording che richiede chitarre performanti, trasparenti, efficaci e capaci di far risaltare ogni nuance del suonato quanto ogni imperfezione.
Una chitarra con un musicista ben preciso in testa, insomma, che può aspettarsi senza dubbio grandi soddisfazioni dall’incontro.
chitarre elettriche fender player plus stratocaster
Link utili
Le Fender Player Plus presentate su Accordo
Stratocaster Player Plus sul sito Fender
In vendita su Shop
 
Fender Vintera '70s Stratocaster USATO cod. 3122
di Lenzotti
 € 799,00 
 
Fender American Standard Ash Telecaster MN USATO cod. 6822
di Lenzotti
 € 1.300,00 
 
Fender 250H NPS 012-052
di Banana Music Store
 € 7,00 
 
Fender Blues DeVille F
di Banana Music Store
 € 38,50 
 
Fender Fender 250R NPS 10-46 3 Pack
di Banana Music Store
 € 13,00 
 
Fender 250 XII NPS 010-046 12 Strings
di Banana Music Store
 € 11,90 
 
Fender 255L NPS 009-042
di Banana Music Store
 € 8,50 
 
Fender 255R NPS 010-046
di Banana Music Store
 € 8,50 
Mostra commenti     18
Altro da leggere
Il debutto della Jackson Concept Series
Histoire d’O: ovvero la pace dei sensi
Rider Deluxe: lusso accessibile firmato Soundsation
Ibanez rivoluziona le RG Premium per il 2022: raccontate dai musicisti
PRS Silver Sky SE: scegli tu il colore
Per il CEO Fender Andy Mooney la crisi produttiva potrebbe durare a lungo
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Fender Stratocaster Custom Shop David Gilmour RELIC - THE BLACK STRAT
Visualizza l'annuncio
Fender Telecaster 1960 Relic - Master Built Yuriy Shishkov
Visualizza l'annuncio
Fender Stratocaster 69 Master Built Dennis Galuszka Real Gold 24K
Seguici anche su:
Altro da leggere
Coach: registratore didattico smart dai creatori di Roadie Tuner
La leva del tremolo Chibson lunga 1,20m esiste: ecco come suona
È morto Meat Loaf: icona dal Rocky Horror a Bat Out Of Hell
È morto Alexander Howard Dumble: guru assoluto del suono
Registrazione analogica: lo sviluppo del nastro
Per il CEO Fender Andy Mooney la crisi produttiva potrebbe durare a lu...
30 anni di Accordo
Diane Martin: addio alla donna cardine di Martin Guitars
Registrazione analogica: dal nastro a bobine al vinile
Note Di Stile: l’appuntamento con la chitarra è in radio
Muore Paolo Giordano: pioniere della chitarra acustica moderna
La Les Paul Greeny di Hammett ha una sorella gemella
L’atipica Strat Elite di SRV va all’asta, ma è un flop
DJing per chitarristi nella web serie Fender
Rickenbacker abbandona le tastiere verniciate?




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964