CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS SHOP
Slayer,
Slayer, "Seasons in the Abyss": thrash lugubre e minaccioso
di [user #60369] - pubblicato il

Continuiamo il nostro viaggio attraverso i dischi decisivi dell'heavy metal: quello più duro, incisivo, cattivo ed influente nell'evoluzione del genere. Oggi ci concentriamo su un capolavoro degli Slayers, "Seasons in The Abyss" del 1990.


Siamo nel 1990, anno di transizione anche per la musica, che vede per quanto riguarda gli album metal un bel movimento da parte di svariate band: i veterani Iron Maiden e Judas Priest, il thrash dei Megadeth, il quarto album dei Testament, Pantera con l’album della svolta: “Cowboys from Hell”, il death-technical dei Death, i Blind Guardian e il loro power teutonico, Exodus con la prova del cantante Steve “Zetro” Souza, Anthrax e “Persistence of Time” album che strizzava l’occhio al progressive, Scorpions e l’inossidabile “Wind of Change”… Insomma per tutti i generi e per tutti i gusti! Negli anni 80 alcuni di questi gruppi hanno “dettato legge” nel modo di fare, nei live e hanno creato la “fratellanza metal” che ancora ci accompagna (ma quanta nostalgia!); poi sono arrivati loro, gli anni 90, in cui i vari “generi” metal sono stati sdoganati più facilmente anche per via dei video musicali più articolati e “cinematografici”.  Da dire che nel decennio 80, il metal era caratterizzato dal thrash e invece, negli anni 90, troviamo il power-progressive dei Dream Theater e Symphony X; ma è anche l’inizio del grunge, con Nirvana, Pearl Jam, Blind Melon, della Generazione X e in coda del nu-metal (entrambi non accettati appieno dalla comunità metallara).



Ma il 9 ottobre 1990 viene pubblicato “Seasons in the Abyss” quinto album degli Slayer, la band thrash formatasi nel 1981 (41 anni quindi di attività!) grazie a Kerry King e Jeff Hanneman.
Prima di questo lavoro i nostri spaccaossa avevano pubblicato “Reign In Blood”, furioso e potente e “South Of Heaven”, meno tagliente ma non per questo meno centrante nel loro percorso. Ma veniamo a “Seasons in the Abyss”, gioiello che si incastona perfettamente tra gli altri due: album maturo, dal thrash tirato ma dalle atmosfere più lugubri e minacciose rispetto ai lavori precedenti. Forse manca la cattiveria/arroganza di “Reign In Blood” ma la violenza thrash di alcuni brani come ad esempio “War Ensamble” è spettacolare. Ma anche brani come “Expendable Yout”, “Blood Red” e la sublime “Seasons in the Abyss” hanno la meglio! Perché?  È presto detto: sono canzoni più lente sicuramente, ma sono veri e propri pugni in pieno volto, dei macigni che ti lasciano senza diritto di replica se non quello di ascoltare e farne tesoro. Da menzionare anche “Dead Skin” brano che parla di un serial killer, forse sulla scia dei tanti casi che dominavano la cronaca nera (uno su tutti Ted Bundy, autore di almeno una trentina di omicidi di ragazze e morto nel 1989) e nel brano si parla di un ragazzo, Ed Gein (realmente esistito e romanzato nel libro e poi film ‘Psyco’ di Alfred Hitchock) che impazzito uccide delle donne e muore in un ospedale psichiatrico. Da segnalare che in “Dead Skin” vi è una voce di donna che recita la parte di una vittima mentre la voce di Tom Araya si staglia su un riff di morte. 



L’album vede come ultimo brano la title track: brano di puro thrash, senza fronzoli, lugubre, evocativo, allucinante e potente, coadiuvato dall’incedere sinistro della batteria di Dave Lombardo e dall’assolo thrash all’ennesima potenza di King e Hanneman, mentre la voce di Araya è satanica ed estrema e il suo basso è come il maligno che si insidia nelle menti. Oltre sei minuti in cui tutte le espressioni musicali della band convergono all’unisono.  Per quanto riguarda l’apporto delle due chitarre, sono di manifattura ESP, brand americano. I pickup utilizzati sono EMG, le tecniche in questo brano sono varie: tra cui power cord, palm muting e tapping nei soli, con una delle due chitarre droppata. Pochissimi effetti, amplificatori Marshall spinti ulteriormente da overdrive o distorsori extra. Nel 2013 ESP ha prodotto in edizione limitata, una chitarra come tributo a questo album, una Limited Edition di 300 pezzi, di cui solo 6 disponibili per l’Italia.
L’oscurità incalza, l’inquietudine arriva e in questo brano si sprigiona, come se i precedenti avessero intessuto un tappeto prepotente e trasgressivo in cui tutto diventa sulfureo e tetro.
 “Seasons of the Abyss” è l’album da cui attingere ancora potenza e irriverenza, tenacia ed efficacia, da ascoltare perché il thrash di questa portata non sazia mai.

I classici dell'heavy metal slayer
In vendita su Shop
 
ALESIS PRESTIGE Piano elettrico a 88 tasti
di Music Delivery
 € 449,00 
 
D'Andrea DPP-ST-VNP-HSS
di Banana Music Store
 € 27,50 
 
Fender GTX-7 Footswitch per serie Mustang GTX - cavo incluso
di Centro della Musica
 € 89,00 
 
Soundsation SJ06S-B (Box da 25)
di Banana Music Store
 € 28,90 
 
SOUNDSATION BICJJ-6BK CAVO JACK PER STRUMENTI 6.3MM JACK MONO 6MT
di SL MUSIC
 € 7,60 
 
LTD BY ESP - M 300 SEE THRU RED
di Music Works
 € 318,00 
 
DiMarzio DM2000BK Set 3 Mascherine Single Coil Nero
di Music Island
 € 9,00 
 
WILSON STONED GRASSHOPPER
di Boxguitar.com
 € 209,00 
Nascondi commenti     11
Loggati per commentare

di sonicnoize [user #36973]
commento del 05/01/2022 ore 08:59:09
un album bellissimo, da ascoltare per intero.In una decade di grunge si staglia ostinato questo disco.
La cosa bella degli Slayer è che pur essendo un gruppo di riferimento non è mai stato possibile imitarli
Rispondi
di reca6strings [user #50018]
commento del 05/01/2022 ore 14:59:3
Ottimo l'album, ma visto che King Ed Hanneman hanno utilizzato per tutti gli altri ep e sempre, solo chitarre bc rich, sarebbe stato giusto far notare che solo in questo album usarono esp. E solo perché bc rich era nel suo periodo di fallimento.
Buona musica
Rispondi
di BlackCat [user #59512]
commento del 05/01/2022 ore 15:32:4
Ricordo un'intervista a K.King su "Chitarre", non ricordo l'anno esatto... seconda metà degli anni '90... in cui dichiarava di usare sia BC Rich che ESP, aggiungendo che sulla prima ci caricava un mucchio di effetti mentre sulla seconda molti meno in quanto già parecchio aggressiva di suo.
Rispondi
di reca6strings [user #50018]
commento del 05/01/2022 ore 18:30:30
Ciao, infatti, come ho scritto, per questo album che é del 1990 King usó le esp, ma solo perché essendo bc rich in dissesto aveva chiuso il custom shop é forniva solo produzioni a basso costo e di infimo valore. Prima e dopo, ripresasi bc rich, sia lui che Hanneman hanno usato quelle chitarre, ma con gli emg 81 ed 85.
Quanto agli effetti, gli Slayer non sono mai stati dei Morello: marshall jcm 800 boostato da un rat nei primi tempi e dopo da un boss eq a 10 bande. Altra effettistica viene aggiunta in post produzione, tanto che un assolo di season in the abyss (Ora non ricordo esattamente il brano) non è mai venuto uguale dal vivo neppure a Kerry King stesso.
Buona musica
Rispondi
di BlackCat [user #59512]
commento del 06/01/2022 ore 12:31:22
Grazie per la delucidazione reca 👍🏻
Rispondi
di coprofilo [user #593]
commento del 06/01/2022 ore 18:05:21
Massimo rispetto per gli Slayer ma il buon KK ha sempre fatto assoli un po' ad cazzum, non mi stupisce che abbia faticato a farli uguali live! JH suonava molto meglio a livello solistico, tra i due era lui era quello bravo!
Rispondi
di reca6strings [user #50018]
commento del 07/01/2022 ore 09:59:51
E' vero che Hanneman eseguiva assoli più musicali, ma non concordo che quelli di king fossero "ad cazzum"; in realtà sono proprio i solos di king che hanno dato un'impronta al solismo degli Slayer: si tratta di parti molto tirate e che suonano un po' allucinate, ma hanno un senso. Certamente la cosa può non piacere, ma è certamente personale e giammai buttata là.
Buona musica
Rispondi
di Lucifer [user #46960]
commento del 05/01/2022 ore 15:00:17
War Ensemble... aaaaahhhhhhh!!!!
Rispondi
di alexus77 [user #3871]
commento del 05/01/2022 ore 23:26:47
Ottimo disco. Mai stato un superfan degli Slayer, ma tutto quello che Dave Lombardo tocca diventa oro... e' persino riuscito a far suonare a tempo i Metallica live 🤣
Rispondi
di musicman75 [user #15857]
commento del 06/01/2022 ore 15:58:23
Capolavoro da portare sull' isola deserta.
Rispondi
di Cthulhu [user #60602]
commento del 06/01/2022 ore 22:21:57
Disco stupendo, la sintesi perfetta tra l'aggressività di Reign In Blood e le atmosfere lugubri di South Of Heaven.
Non vi sono granché effetti vero, ma io ricordo benissimo il riverbero naturale (room quindi) della title track... Pazzesco l'assolo con quel riverbero. Sembra provenire da una caverna come a preannunciare un pericolo imminente.
Rispondi
Altro da leggere
E' morto Vinnie Paul, batterista dei Pantera
Djent: nello stile degli Animals As Leaders
La maestra di Heavy Metal
Chitarra Metal: come si fa un'armonizzazione per terze
Thrash metal: un basso in stile Megadeth
Un basso Metalcore
Chitarra ritmica Metal: nello stile dei Meshuggah
Basso: suonare una Ballad Rock
1987: un assolo su una ballad hard rock
Seventh son of a seventh son: il disco della profezia
Cliff Burton, i Metallica e il debutto di KILL'EM ALL
Ralph Salati: nuove lezioni tra metal, djent e progressive
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Visualizza l'annuncio
gibson les paul tribute
Visualizza l'annuncio
Gibson ES 125 TDC
Seguici anche su:
Altro da leggere
La leva del tremolo Chibson lunga 1,20m esiste: ecco come suona
È morto Meat Loaf: icona dal Rocky Horror a Bat Out Of Hell
È morto Alexander Howard Dumble: guru assoluto del suono
Registrazione analogica: lo sviluppo del nastro
Per il CEO Fender Andy Mooney la crisi produttiva potrebbe durare a lu...
30 anni di Accordo
Diane Martin: addio alla donna cardine di Martin Guitars
Registrazione analogica: dal nastro a bobine al vinile
Note Di Stile: l’appuntamento con la chitarra è in radio
Muore Paolo Giordano: pioniere della chitarra acustica moderna
La Les Paul Greeny di Hammett ha una sorella gemella
L’atipica Strat Elite di SRV va all’asta, ma è un flop
DJing per chitarristi nella web serie Fender
Rickenbacker abbandona le tastiere verniciate?
Fender Custom Shop: Carlos Lopez si mette in proprio




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964