VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Beetronics La Uva: limited edition in esclusiva europea
Beetronics La Uva: limited edition in esclusiva europea
di [user #116] - pubblicato il

I pedali Beetronics più amati arrivano in serie limitata La Uva, al prezzo di sempre e con il fascino di una tiratura da collezione destinata al solo territorio europeo.
Estrosi, pieni di grinta e con la cura per il dettaglio che ci si aspetta dal top della produzione boutique: Beetronics ha catturato in fretta il cuore dei fanatici di effetti a pedale, puntando su circuiti dal sound profondamente distintivo, chassis riconoscibili alla prima occhiata e tocchi di classe per i più esigenti come l’impressionante scelta di dare a tutti i PCB la forma di un piccolo alveare, in linea con l’immagine “apesca” del brand.

Il laboratorio californiano non è nuovo alle produzioni custom in serie limitata, che ogni volta vanno letteralmente a ruba, e stavolta a far vibrare le antenne dei fan è una collezione esclusiva costruita intorno ai best seller del catalogo, riservata al solo mercato europeo.

Beetronics La Uva: limited edition in esclusiva europea

Spruzzata di verde acido e viola, con particolari in metallo in tinta che comprendono persino i dadi dei footswitch, la serie prende il nome di La Uva e vede protagonisti i modelli Vezzpa, Royal Jelly, Swarm, Fatbee, Octahive e Overhive.

Solo dieci esemplari per modello saranno prodotti, per un totale di 60 pezzi in giro unicamente per l'Europa.
Sebbene in serie limitata, i pedali non comportano rincari per il pubblico e arrivano con il medesimo circuito e lo stesso prezzo che caratterizza le versioni regolari. Una ragione in più, insomma, per decidere di portarsi a casa uno stompbox unico nel suono, ma anche nell’estetica. L’unico a cambiare anche sul versante funzionale per l’edizione speciale è l’Octahive, che riceve un secondo footswitch con cui richiamare l’ottava a piacimento.

Beetronics La Uva: limited edition in esclusiva europea

Il Vezzpa è l’octaver analogico di casa. Unito a un fuzz dal carattere violento e sgraziato, produce suoni penetranti e particolarmente aggressivi.



Nel suo grosso chassis a tre pulsanti, il Royal Jelly unisce un overdrive e un fuzz con una vastità di controlli, per modellare saturazioni dalle più morbide alle più incisive, da usare singolarmente o da sommare, con in più l’opportunità di reintrodurre nel mix anche parte del segnale pulito con cui recuperare basse frequenze e intelligibilità.



Lo Swarm è forse tra i circuiti più originali di Beetronics. Si tratta di un fuzz harmonizer e vive di distorsioni miste a modulazioni dal carattere imprevedibile, una vera arma espressiva che non copre semplicemente il suono, ma interagisce con esso.



Beetronics si dimostra in grado di pensare fuori dagli schemi quando è a briglie sciolte, ma è anche padrone dei toni più classici del panorama chitarristico. Basti pensare al Fatbee, overdrive a base JFET capace di ricostruire la risposta morbida e reattiva di un amplificatore valvolare che va oltre la soglia di breakup, con un rombo piacevolmente vintage.



Rock anni ’60 e psichedelia sono senza dubbio tra le fonti d’ispirazione maggiori per il laboratorio che, miscelando il tutto a un gusto particolare per le più recenti correnti lo-fi e indie rock, tira fuori effetti dal carattere distintivo come l’Octahive
Si tratta di un high octave fuzz, un distorsore dalla pasta sgranata e “in faccia”, in cui l’ottava superiore schizza fuori dal mix man mano che ci si muove verso i registri più acuti.



Anche quando si affaccia al mondo degli “overdrive di medio gain”, dove si può pensare di aver davvero già visto tutto, Beetronics sfoggia un approccio tutto suo.
Sull’Overhive, ai piccoli potenziometri di volume e tono si affianca una singolare gestione della pasta sonora fatta di due switch e di un curioso potenziometro Honey. Questo, secondo il manuale, dosa il “dolce” della distorsione, e permette di passare da un crunch morbido e caldo a una saturazione più dinamica e “croccante”.
I selettori invece sono Body e Hive.
Il primo fornisce una spinta sulle basse frequenze, particolarmente utile per compensare le differenze timbriche tra due chitarre diverse usate nello stesso set.
L’altro alterna tra un timbro più corposo e ricco di medi e uno più sottile e brillante.



L’intero catalogo Beetronics, con schede tecniche ed esempi sonori, è sul sito del costruttore a questo link.
La serie limitata La Uva, distribuita in Italia da Face, è invece raccontata nel dettaglio a questa pagina.
beetronics effetti e processori effetti singoli per chitarra fatbee octahive overhive royal jelly swarm ultime dal mercato vezzpa
Link utili
Il sito Beetronics
La serie limitata sul sito del distributore Face
Mostra commenti     1
Altro da leggere
FS9M e FS9R: ammiraglia Yamaha in forma di Concert
Tono TBX e manico custom: Susan Tedeschi racconta la sua Telecaster signature
La AZ del 2024 di Tom Quayle punta su flessibilità e affidabilità
Cornerstone Nero: il fuzz vintage diventa hi-fi
Lizard King: i bassisti hanno un distorsore octaver con EHX
Perseus Dio è il fuzz Catalinbread con doppia ottava tra muri sonori e glitch analogici
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
La mia LadyBird
Gibson Les Paul R0 BOTB
Serve davvero cambiare qualcosa?
70 watt non ti bastano? Arriva a 100 watt!
Manuale di sopravvivenza digitale
Hotone Omni AC: quel plus per la chitarra acustica
Charvel Pro-Mod DK24 HSH 2PT CM Mahogany Natural
Pedaliere digitali con pedali analogici: perché no?!
Sonicake Matribox: non solo un giochino per chi inizia
Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964