CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS SHOP
La Stratocaster Player Plus e il sopracciglio di Ancelotti
La Stratocaster Player Plus e il sopracciglio di Ancelotti
di [user #50760] - pubblicato il

L’ho provata, ci ho litigato e poi ci ho fatto pace. Ora io e la Fender Stratocaster Player Plus HSS siamo ottimi amici e potremmo diventare una coppia di fatto.
Che strano il pau ferro. Di primo acchito, visto da lontano, sembra uno di quei palissandri usciti troppo chiari, con una superficie poco compatta. E sì, lo so che se andava bene a Stevie Ray Vaughan avrei ottime ragioni per non rompere troppo le balle, però… alzo il sopracciglio. E lo alzo di nuovo per quel radius così “piatto”, 12”, quando a me già il 9,5” sembra troppo moderno per una Fender.

Insomma, il primo impatto con la Stratocaster Player Plus HSS è tutto un’alzata di sopracciglio, di quelle che nemmeno Carlo Ancelotti. E allora stop, forse il problema sono io.
Ce li avete presente quei video di cucina che giravano sul web qualche tempo fa, quelli dove un cuoco televisivo americano o tedesco spiegava al pubblico come fare la carbonara o il ragù: quei video, furbamente veicolati su profili social italiani, scatenavano le sollevazioni popolari di mandrie di indignados, innescando centinaia di migliaia di condivisioni. Ecco, qui pare che l’indinniato sia io. E non è bello per uno come me, che si dice progressista. Allora la cosa più utile da fare, invece di scagliarsi lancia in resta contro la novità, è provare a capirne il senso. Anche perché se io voglio la carbonara con la ricetta della nonna, non è che qualcuno mi impedirà di continuare a mangiarla. Finché vengono in pace e ti lasciano la possibilità di scelta, le novità vanno bene sempre.

La Stratocaster Player Plus e il sopracciglio di Ancelotti

Quindi, ricominciamo: a chi si rivolge Fender con queste Player Plus? Non a me, pare. Del resto, nella sua gamma sterminata, a noi tradizionalisti il marchio californiano offre mille opzioni: più costose delle Player Plus, più economiche delle Player Plus e anche nella stessa fascia di prezzo (mi riferisco alle Vintera, per intenderci).
È anche chiaro che io non possa avere con la Player Plus un approccio neutrale. Nelle orecchie ho suoni ben precisi, soprattutto rock, soprattutto anni '60 e '70. Con la mia band suono southern rock, i Lynyrd Skynyrd, gli ZZ Top, i Blackberry Smoke. Però sono cresciuto con gli AC/DC, i Metallica e tutta l’ondata thrash (americana e tedesca), in generale nutro una venerazione per chi ha partorito i grandi riff del rock e dell’hard rock. E poi suono molto l’acustica in fingerpicking, Dave Van Ronk, Johnny Cash, Merle Travis, mi diletto con il delta blues. Ecco sintetizzato il mio background.
Ma alla fine, questa Stratocaster Player Plus l’ho suonata? Sì, e mi è pure piaciuta. Ho solo avuto bisogno di un po’ di tempo per adattarmi al suo suono così come al suo Belair Blue, uno sfumato “verticale”, con la cosa di un blu intenso che scolora gradualmente fino a un grigio. Il mio primo pensiero vedendola è stato “ma perché?”, poi invece mi sono ritrovato ad apprezzare molto questa colorazione.

La Stratocaster Player Plus e il sopracciglio di Ancelotti

Ma veniamo al suono: partiamo dal concetto che queste chitarre noi di Accordo le abbiamo già provate e che potete ascoltarle, con le sempre attente considerazioni di Pietro Paolo Falco, qui per la Telecaster e qui per la Stratocaster. Quello che posso aggiungere sono le mie sensazioni: se è vero che è “moderna”, è vero anche che i suoni “da Strato” si tirano fuori tranquillamente da questa Player, soprattutto per il rock. L’impronta timbrica e il feeling ci sono in tutte le posizioni del selettore pickup: particolarmente centrati mi sono sembrati i suoni che si ottengono, sia in clean sia in leggero overdrive, in seconda e quarta posizione, suoni eminentemente “stratocasteriani” per gli arpeggi pop e rock. Niente male la risposta del Noiseless al manico, nel senso che la nasalità del suono è conservata ma se i colori che avete in mente sono quelli di John Mayer, di Hendrix o dello stesso Vaughan vi mancheranno all’appello un po’ di basse frequenze. L’humbucker mi è sembrato aggressivo “il giusto”, ottimo per tutte le declinazioni del rock e molto azzeccato per una chitarra che fa della versatilità il suo cavallo di battaglia. Intendo dire che, effettivamente, con la Stratocaster Player Plus ci puoi suonare tutto, mi viene da pensare che, se io fossi il chitarrista di una di quelle cover band con 200 pezzi in repertorio che vanno dalla Pausini a Bon Jovi, da Vasco ai Pink Floyd, da Cristina D’avena ai Metallica di "Nothing Else Matters", questa potrebbe essere la mia unica chitarra. E sarebbe una Fender, particolare non trascurabile.

La Stratocaster Player Plus e il sopracciglio di Ancelotti

Aggiungo un paio di riflessioni sulla sorella Telecaster Player Plus, che ho avuto tra le mani nello stesso periodo. Per lei valgono le medesime considerazioni, visto che pau ferro, radius 12”, autobloccanti e Noiseless sono presenti anche qui. Ecco, di sicuro non le manca la “botta” ma complessivamente mi è piaciuta più da spenta che da accesa, forse perché - per i problemi di tradizionalismo e per il background di cui sopra - mi è parsa un po’ troppo aggressiva e poco “twangosa”. Se siete indecisi tra le due, consiglio certamente la Strat. 

La Stratocaster Player Plus e il sopracciglio di Ancelotti

A proposito di Fender, se non lo avete ancora fatto io vi consiglio di approfondire la conoscenza con la storia e la tecnica di queste chitarre straordinarie comprandovi il libro “Fender, Cent’anni di uomini, chitarre, bassi, amplificatori”: si tratta di un vero best-seller, scritto da Maurizio Piccoli nel 1985 e poi aggiornato e ampliato. E vi segnalo che chi lo compra riceve vari gadget di Nashville e Accordo. Qui trovate tutto.
chitarre elettriche fender player plus stratocaster telecaster
Link utili
Ascolta la Fender Telecaster Player Plus
Ascolta la Fender Stratocaster Player Plus
Scopri il libro Fender
Nascondi commenti     4
Loggati per commentare

di MM [user #34535]
commento del 11/04/2022 ore 10:19:28
A me, l'unica cosa che mi fa sollevare il sopracciglio, è il colore, che non è brutto, anzi, ma sono piuttosto convinto che stanchi in fretta.
Per il resto mi sembra un'ottima chitarra, ad un prezzo più che abbordabile.
Rispondi
di DAME54 [user #53104]
commento del 15/04/2022 ore 14:54:16
Leggo sempre con piacere i post di Fabio Cormio, che trovo interessanti, misurati, mai banali, scritti anche (il che non guasta) con proprietà di linguaggio oltre che con i congiuntivi corretti ed al posto giusto.
E non posso non condividere, nonostante sia anch'io come lui tradizionalista, ma che dico, rigido custode dell'ortodossia liuteristica, una certa diffidenza nei confronti di tutte le innovazioni che periodicamente arricchiscono il panorama. Ma come Fabio, poi supero certe prevenzioni, riconsiderando la validità di ciò che viene proposto, ovviamente qualora questo si dimosti tale.
Del resto, come sosteneva Oscar Wilde, la tradizione altro non è che un'innovazione che ha avuto successo.
P.s.
Ma sei Fabio Cormio, il giornalista?

Rispondi
di Fabio Cormio [user #50760]
commento del 15/04/2022 ore 18:48:02
Grazie per l’apprezzamento!
Sì, direi che sono io :D
Rispondi
Loggati per commentare

di DAME54 [user #53104]
commento del 15/04/2022 ore 19:05:38
...non avevo dubbi, l'avevo intuito da come scrivi!
Rispondi
Altro da leggere
Power Players: le chitarre Epiphone per iniziare
Gibson vince su Dean: la Flying V non è uno shape generico
Ascolta le Gretsch Double Jet al 2022
La Gibson che non sapevo di volere
Stratocaster riveduta, corretta e... semplificata.
La chitarra torna protagonista con “Kill or be killed” dei Muse
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Fender Stratocaster Custom Shop David Gilmour RELIC - THE BLACK STRAT
Visualizza l'annuncio
Fender Telecaster 1960 Relic - Master Built Yuriy Shishkov
Visualizza l'annuncio
Fender Stratocaster 69 Master Built Dennis Galuszka Real Gold 24K
Seguici anche su:
Altro da leggere
La straordinaria storia dei Pistole e Rose
I mini-robot Yamaha duettano con la tua musica
PianoVision: impara il piano nel metaverso
Gibson vince su Dean: la Flying V non è uno shape generico
La chitarra torna protagonista con “Kill or be killed” dei Muse
Ecco le Fender dei Minions: prezzi a partire da 48mila dollari
Paul Gilbert: “Perché modificare una chitarra perfetta? Per farla s...
Guitar hero: la mia Top10
Il viaggio infinito e la Top5 dei desideri
La scena EPICA della BC Rich in Stranger Things 4
Un chitarrista, cinque contraddizioni
Di chitarre buone, pedaliere e dello stare bene
Il nemico in pedaliera
Stratoverse: Fender è nel metaverso
Ecco… Il Guanto: il synth futuristico di Matt Bellamy




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964